Skip to main content

Xiaomi Poco X4 Pro 5G: recensione

Non il Poco che conoscevate

Xiaomi Poco X4 Pro 5G: recensione
Xiaomi Poco X4 Pro 5G: recensione
(Image: © TechRadar)

Verdetto

Xiaomi Poco X4 Pro non sembra uno smartphone Poco, ma se siete in cerca di schermo, batteria e altoparlanti decenti è una buona scelta. Soprattutto se vi accontentate della potenza di gioco limitata e della fotocamere non eccellente.

Pros

  • +

    Display OLED di buona qualità

  • +

    Meno ingombrante dei modelli precedenti

  • +

    Ottima durata della batteria

Cons

  • -

    Fotocamera scadente

  • -

    Prestazioni di gioco limitate

  • -

    Fastidiosi bug di ricarica e chiusura delle app

Recensione in due minuti 

Lo Xiaomi Poco X4 Pro 5G non è un tipico smartphone Poco. In passato, gli smartphone top di gamma Poco avevano caratteristiche davvero eccezionali. Pensate alle prestazioni del Pocophone F1, Poco F3 e Poco X3 Pro, per non parlare del quasi imbattibile Poco X3 NFC

La direzione di Xiaomi con il Poco X4 Pro è meno chiara. Nel complesso, questo smartphone sembra una replica dello Xiaomi Redmi Note 11 Pro, ma con qualche piccola modifica. Le prestazioni sono relativamente più basse e la fotocamera da 108MP, seppure non sia niente male, non raggiunge gli standard di un Google Pixel 5A o One Plus Nord CE 2 5G. 

Con il Poco X4 Pro, Xiaomi punta a un equilibrio che è stato raramente al centro della serie Poco. 

Funziona? Insomma. Lo schermo OLED è eccellente, gli altoparlanti stereo ben al di sopra della media e la durata della batteria è ottima. Il retro è in vetro anziché in plastica, un bel tocco. 

Tuttavia, ci sono alcuni problemi. Xiaomi Poco X4 Pro chiude tutte le app in esecuzione in background, il che non è utile se dovete trasmettere l’audio in streaming tramite smartphone. 

A causa di un bug che causa l’accensione continua dello schermo, anche la modalità di ricarica lascia alquanto a desiderare. Il processore Snapdragon 695 infine, sembra persino eccessivo in uno smartphone simile. . 

Rispetto ad alcuni parametri di gioco, il Poco X4 Pro 5G è persino inferiore al ben più economico Poco X3 Pro. La fotocamera da 108 MP dovrebbe compensare tutti questi difetti, ma presenta una modalità HDR debole che vi darà immagini opache. 

Con dei mirati aggiornamenti del software, il Poco X4 Pro 5G potrebbe migliorare in molti aspetti, ma se i problemi citati dipendono da questione hardware, la situazione potrebbe essere peggiore. Anche se alcune caratteristiche sono apprezzabili, crediamo che i fan della serie Poco rimarranno delusi dal Poco X4 Pro 5G. 

A Xiaomi Poco X4 Pro 5G from the front

(Image credit: TechRadar)

Xiaomi Poco X4 Pro 5G: prezzo e disponibilità

  • Prezzo: €299,99 (6+128 GB) / €349,90 (8+256 GB) 
  • Disponibilità: disponibile dal 2 marzo
  • Sconti disponibili 

Il Poco X4 Pro 5G è disponibile in due configurazioni: quella da 6+128 GB costa €299,99, mentre il prezzo di quella da 8+256 GB è di €349,90. Chi vuole spendere meno può orientarsi su Poco M4 Pro 5G, con schermo LCD, processore men potente e prezzo più basso. C’è persino un Poco M4 Pro 4G.

Il prezzo che pagherete per Poco X4 Pro 5G, comunque, è un po’ più basso. Ad esempio, ad aprile 2020 il modello 6+128 costa €269, cioè 30 euro in meno rispetto al prezzo ufficiale. Il Poco X4 Pro 5G è stato a febbraio 2022, ed è disponibile dal 2 marzo. 

A Xiaomi Poco X4 Pro 5G from the front

(Image credit: TechRadar)

Design

  • Design snello e squadrato 
  • Pannello posteriore in vetro piatto 
  • Buoni altoparlanti stereo 

Il design della serie Poco è radicalmente cambiato. Con il Poco X4 Pro, lo spessore e la robustezza del Poco X3 Pro e del Poco X3 NFC sono stati sostituiti da un telaio più sottile. 

Il Poco X4 Pro è più facile da maneggiare dei modelli precedenti. E mentre il Poco X3 aveva un guscio esterno interamente in plastica, l’X4 Pro ha un pannello posteriore piatto in vetro. I lati dello smartphone rimangono in plastica, ma tutto il resto ci sembra migliorato.   

Nel complesso, il Poco X4 Pro 5G è meno appariscente degli smartphone Poco precedenti. A parte la la piattaforma in vetro che ricopre buona parte dello smartphone tuttavia, che è piuttosto inutile e fa sembrare l’array della fotocamera più sporgente di quello che è. Vedrete design ostentati come questo anche nella gamma Honor 50. 

Il retro in vetro del Poco X4 Pro 5G ha uno strato che riflette la luce, ma nulla di problematico: l’effetto sarà spesso attenuato dalle macchie delle impronte digitali che si accumulano sul vetro posteriore. Il cugino del Poco X4 Pro 5G, il Redmi Note 11 Pro 5G, evita del tutto questo inconveniente grazie a una finitura in vetro opaco. 

A Xiaomi Poco X4 Pro 5G from the side, in someone's hand

(Image credit: TechRadar)

Per neutralizzare il riflesso della luce potete utilizzare la custodia in dotazione. Il vetro della fotocamera posteriore è abbastanza sporgente da garantire al Poco X4 Pro un aspetto distintivo sia dentro che fuori dalla custodia. 

Sul fronte audio, il Poco X4 Pro è soddisfacente. Ha un jack per le cuffie da 3,5 mm e un paio di altoparlanti stereo molto convincenti. Lo smartphone è inoltre dotato di un emettitore IR, che gli permette di funzionare da telecomando universale. 

La certificazione  di resistenza ad acqua e polvere è un IP53, semplice ma utile. Lo scanner per le impronte digitali è veloce  e si trova sul lato, sul pulsante di accensione. È anche provvisto di due slot per le SIM. Potrete utilizzare il secondo slot per sia per una SIM che una scheda microSD. 

Il Poco X4 Pro che abbiamo provato ha 128GB di spazio di archiviazione, ma esiste anche una versione da 256GB. 

Display

  • Ottima qualità dell’immagine 
  • Buono con luminosità ambientale elevata 
  • Default sovrasaturato, ma il colore è personalizzabile 

Il Poco X4 Pro ha un display AMOLED da 6,67 pollici eccellente. Xiaomi ha già stabilito standard molto elevati tra gli smartphone economici, utilizzando display Full HD anche nei modelli di fascia più bassa. In questo caso, lo schermo è migliore del display dei Poco X3. 

L’OLED offre un contrasto più profondo, con una luminosità massima maggiore. Inoltre, in condizioni di luminosità ambientale elevata, il Poco X4 Pro 5G sfodera una marcia in più. Quando sono esposti alla luce solare, il colore e il contrasto del pannello OLED variano in modo da massimizzare la visibilità. 

Anche la profondità del colore è ottima, ma per non far sembrare le icone delle app saturate dovrete passare dalla modalità Vivido a quella Standard, nelle opzioni relative allo schermo. La MIUI ha anche un’opzione che regola automaticamente il colore in base alla luce ambientale, che potrebbe piacervi. Chi vuole, può calibrare gli smartphone Xiaomi e Poco affinché mostrino colori perfetti o quasi, il che è davvero una gran cosa (per qualcuno). 

A Xiaomi Poco X4 Pro 5G from the front, in someone's hand

(Image credit: TechRadar)

La risoluzione di 2400 x 1080 pixel non offre la nitidezza e la fluidità di uno schermo ad altissima risoluzione, ma è il meglio che potete chiedere a uno smartphone di questo prezzo. 

Il refresh rate del Poco X4 Pro 5G è impostato a 60Hz ma, se preferite menu a scorrimento più fluidi e non vi curate della durata della batteria, potete portarlo fino a 120Hz. La durata della batteria ci e’ sembrata buona in entrambe le modalità, quindi vi suggeriamo di utilizzare la frequenza di aggiornamento a 120Hz. 

Purtroppo, manca il refresh rate dinamico. Per massimizzare la durata della batteria, alcuni smartphone di fascia alta possono cambiare la frequenza di aggiornamento in automatico. Il Poco X4 Pro invece rimarrà a 120Hz finché non eseguite un’app o un gioco che non supporta questa frequenza di aggiornamento (a quel punto tornerà a 60Hz). 

Manca anche l’HDR, almeno secondo i nostri test. I video HDR di YouTube vengono riprodotti solo nella gamma dinamica standard. L’eccellente contrasto dell’OLED è una risorsa notevole del Poco X4 Pro 5G, anche se i vecchi smartphone Xiaomi come il Redmi Note 10 Pro supportavano l’HDR. 

Software e prestazioni

  • Processore non abbastanza potente per  un Poco 
  • La gestione energetica può essere fastidiosa 
  • Prestazioni generali abbastanza buone 

Il Poco X4 Pro esegue Android 11 e MIUI 13 di Xiaomi. È una versione recente di Android, nonché l’ultima dell’interfaccia Xiaomi. L’elemento più visibile è invece il Poco Launcher, che riguarda la forma delle icone, alcune animazioni, e l’aspetto generale del software. 

È simile al Poco X3 Pro. Potete visualizzare le miniature delle app su un semplice sfondo bianco o, se preferite un look più dark, attivare la modalità scura. Come in altri recenti smartphone Xiaomi, i menu a tendina hanno uno stile non standard. Scorrendo il dito verso il basso, sul lato destro di aprono le impostazioni veloci, mentre su quello sinistro le notifiche. Ci vorrà un po' per abituarsi, ma poi diventa molto comodo.

Ci sono anche alcune app di giochi e servizi social integrate come State of Survival X e Poco Community, ma se preferite potete eliminarle. Lo stesso vale per alcune app molto comuni, come Facebook o TikTok.

A Xiaomi Poco X4 Pro 5G from the front

(Image credit: TechRadar)

Le prestazioni generali sono buone. Alcuni inconvenienti erano prevedibili, altri inaspettati. Il caricamento delle app del Poco X4 Pro non è istantaneo, ma è comunque paragonabile alle tempistiche del più potente Poco X3 Pro. Lo schermo multitasking è a scatti, anche in modalità 120 Hz. Questo menu non mostra inoltre le app in esecuzione, ma solo le loro miniature. 

Il principale difetto riscontrato è simile a quello che avevamo rilevato nello Xiaomi Redmi Note 11 Pro 5G: il Poco X4 Pro 5G arresterà occasionalmente le app in streaming /riproduzione in background. È un inconveniente tipico degli smartphone dalla gestione dell’alimentazione eccessivamente aggressiva. Bisogna prendersi il tempo per regolare le impostazioni delle app preferite, affinché restin “in salvo” dal sistema di risparmio energetico. 

Risparmiare la durata della batteria è positivo, ma non quando inficia l’utilizzo dello smartphone. Il problema potrebbe essere risolto con un aggiornamento del software. Purtroppo, però, un tale aggiornamento non migliorerà notevolmente le prestazioni di gioco del Poco X4 Pro, che sono lontane da quelle del Pocofone F1, del Poco X3 Pro e del Poco F3. Con il suo processore Snapdragon 695, l’X4 Pro non va oltre la media. 

Questo processore appartiene a una serie  di SoC validi, molto comuni sui modelli di fascia media: sono fantastici per tenere il prezzo sotto controllo, come capita con gli smartphone dotati di Snapdragon 765G, ma a volte sono causa di frustrazioni. 

A Xiaomi Poco X4 Pro 5G from the front

(Image credit: TechRadar)

Tuttavia, chipset come lo Snapdragon 695 suggeriscono che, forse, un chipset MediaTek Dimensity risulterebbe oggi più adatto. I punteggi dei test 3DMark Wild Life del Poco X4 Pro raggiungono 1207 punti, rimanendo a una distanza a dir poco siderale dai 3450 del Poco X3 Pro di ultima generazione. 

Noterete questa differenza di prestazioni anche durante l’esecuzione dei giochi. 

Sembra strano dover ammettere che un Poco della serie Pro non sia un telefono da gaming, ideale ed è un peccato, soprattutto perché il display e gli altoparlanti (diversi gradini sopra quelli del Poco X3 Pro) sono ottime risorse per i giochi.

Questa carenza nel gaming non sarà un problema per tutti, ovviamente; e di sicuro non si può affermare che i giochi funzionino “male” su questo smartphone. Ma si nota, e si tratta di un aspetto bizzarro per una serie di smartphone notoriamente attenta alle prestazioni.

Fotocamere 

  • Fotocamere  secondarie deboli 
  • Hardware della fotocamera principale solido, ma dall’elaborazione mediocre  
  • Qualità video debole, limitata a 1080p/30 

Xiaomi ha barattato il potente processore della serie Poco con una fotocamera top di gamma? Non proprio, ma alcune cose non ci sono dispiaciute. Il Poco X4 Pro 5G ha una fotocamera principale da 108 megapixel, una ultragrandangolare da 8 megapixel e uno zoom da 2 megapixel.
Le ultime due caratteristiche sono tipiche degli smartphone entry-level premium. 

L’ampiezza ci è piaciuta, ma viene ridimensionata dalla limitata risoluzione del sensore, che oltre tutto e’ piccolo. Questo significa che nelle riprese più complicate potrete contare su una gamma dinamica piuttosto limitata. 

La macro è una fotocamera di riempimento. La sua risoluzione di 2 megapixel non è adatta praticamente a niente, e forse sarebbe stato meglio non metterla proprio. 

Xiaomi produce una delle migliori fotocamere macro economiche: il teleobiettivo da 5 megapixel del Redmi Note 10 Pro. Nel caso dello Xiaomi X4 Pro, purtroppo, non avrete a che fare con nulla del genere. 

A Xiaomi Poco X4 Pro 5G from the back

(Image credit: TechRadar)

Il set di fotocamere del Poco X4 Pro si affida principalmente alla fotocamera principale da 108 megapixel, che utilizza un sensore Samsung HM2. È  la stessa fotocamera che, a un prezzo simile, troverete nel Redmi Note 10 Pro 5G.

La qualità dell’immagine di questa fotocamera è variabile. L’elaborazione delle immagini, inclusa la riduzione del rumore, è significativamente peggiore di alcuni dei precedenti modelli di Xiaomi della medesima fascia di prezzo (incluso lo Xiaomi 11T Pro). È un aspetto evidente negli scatti ravvicinati, dove i dettagli fini sembrano più sfocati rispetto a quelli delle immagini scattate con il Redmi Note 10 Pro dello scorso anno. 

Ancor più rilevanti sono i deboli effetti della modalità Auto HDR. In alcuni smartphone, l’Auto HDR di Xiaomi non ha rivali. Si attiva quando la scena presenta un elevato contrasto di luce, come ad esempio in quegli scatti a esposizione singola che renderanno scuro l’aspetto dei vostri primi piani. 

Potete comunque migliorare le prestazioni della fotocamera passando da Auto HDR a HDR. L’intero primo piano diventerà molto più luminoso e le immagini appariranno pulite e dettagliate da vicino. Tuttavia, è probabile che si formerà un leggero effetto “alone” attorno agli oggetti ad alto contrasto.

A Xiaomi Poco X4 Pro 5G from the front

(Image credit: TechRadar)

Nel complesso, l’effetto della modalità HDR sembra rendere le vostre foto meno naturali. È una modalità nel complesso eccessiva, quindi vi suggeriamo di non tenerla attivata per tutto il tempo che usate la fotocamera. 

Tutto questo dipenderà forse (e ancora una volta) dal processore Snapdragon 695? Non lo sappiamo, ma sembra che il processore del segnale di immagine limitato del SoC sia così debole che Xiaomi non è in grado di migliorarlo senza ridimensionare l’esperienza fotografica. In alternativa, l’elaborazione di Xiaomi potrebbe non essere ancora in armonia con le capacità del processore del segnale di immagine. 

In quest’ultimo caso ci sono buone speranze di miglioramento: il Poco X4 Pro potrebbe correggere questi piccoli difetti con futuri aggiornamenti del software. 

Se scoprite come ottenere il massimo dalla fotocamera del Poco X4 Pro, otterrete risultati migliori rispetto al Poco X3 Pro. Ma le prestazioni generali della fotocamera rimangono comunque un passo indietro rispetto allo Xiaomi Redmi Note 10 Pro dell’anno scorso, il che è abbastanza deludente. 

Le brutte notizie sullo Snapdragon 695 non sono finite. Quest’ultimo limita il Poco X4 Pro all’acquisizione di video a 1080p a 30 fotogrammi al secondo. Non c’è acquisizione 4K, nessuno scatto standard a 60 fps (neanche riducendo la risoluzione a 720p). È un dettaglio piuttosto strano, soprattutto perché c’è una modalità slo-mo con 120fps a 720p. 

Durante le riprese video, il Poco X4 Pro ritaglia la visuale, suggerendo il ricorso alla stabilizzazione del software. Ma il (traballante) filmato di prova che abbiamo registrato a 1080p/30fps mostra che, nella migliore delle ipotesi, si tratta di una funzione limitata.

Infine, la fotocamera selfie ha un sensore da 16 megapixel che, per impostazione predefinita, leviga eccessivamente la pelle. Per ottenere immagini dall’aspetto più naturale, è possibile disattivare questa elaborazione. In condizioni di buona illuminazione, otterrete buoni risultati, ma non si può dire lo stesso per gli ambienti interni. 

Scatti campione

Durata batteria 

  • Durata batteria lunga, soprattutto alla frequenza di aggiornamento di 60 Hz 
  • Ricarica rapida da 67W 
  • Strano bug di ricarica 

Tornando ai pregi, il Poco X4 Pro è uno smartphone di lunga durata. Per i primi giorni di test abbiamo mantenuto lo smartphone nella modalità schermo predefinita a 60Hz e, prima di andare a dormire, la batteria era ancora al 45%. Non siamo utenti particolarmente “leggeri”, quindi ci sembra un ottimo risultato. 

Nemmeno il passaggio a 120Hz ha cambiato molto le cose. La durata della batteria rimane elevata in entrambe le impostazioni e, sebbene ciò non abbia molto senso, il Poco X4 Pro sembra sopravvivere persino al Redmi Note 11 Pro 5G. Hanno la stessa CPU, la stessa capacità della batteria di 5000 mAh e (apparentemente) lo stesso pannello del display. 

Lo Xiaomi Poco X4 Pro 5G usa la  ricarica rapida di livello medio da 67W di Xiaomi. Anche se oggi Xiaomi offre velocità fino a 120 W, i 67W dell’X4 Pro rimangono comunque più potenti di qualsiasi cosa fornita da Samsung o Apple. 

A Xiaomi Poco X4 Pro 5G from the front

(Image credit: TechRadar)

La ricarica è veloce? Teoricamente sì, ma abbiamo notato uno strano comportamento. Il messaggio sullo schermo del Poco X4 Pro passa da “ricarica” a “ricarica rapida” per tutto il tempo, facendo illuminare continuamente lo schermo dello smartphone. Ci sembra un bug e, francamente, è piuttosto fastidioso. 

Sembra anche incidere sulla velocità di ricarica, che non è scattante come nei precedenti smartphone Xiaomi da 67W. Collegandolo pochi secondi prima che il Poco X4 Pro si spenga, raggiunge il 30% in 10 minuti, il 50% dopo 20 minuti e il 70% in 30 minuti: fantastico. 

Tuttavia, dal 70% in poi la velocità di ricarica rallenta notevolmente. Può essere normale, ma dopo 60 minuti il Poco X4 Pro non era del tutto carico. Come la maggior parte degli altri telefoni di questa fascia di prezzo, non supporta la ricarica wireless. 

Dovreste acquistare lo Xiaomi Poco X4 Pro 5G?

A Xiaomi Poco X4 Pro 5G from the front

(Image credit: TechRadar)

Compratelo se… 

Volete uno schermo grande

Il Poco X4 Pro ha uno schermo OLED ampio, colorato e luminoso, nonché una frequenza di aggiornamento massima di 120Hz. Non troverete di meglio su uno smartphone economico. 

Vi accontentate di un suono decente

I buoni altoparlanti stereo rendono il Poco X4 Pro una scelta azzeccata per gli appassionati di musica e podcast. Questi altoparlanti eliminano il rumore ambientale e sono ben posizionati per giochi e film.

Volete una buona durata della batteria

La durata della batteria del Poco X4 Pro è eccellente a 60Hz e decente a 120Hz. Anche se non siamo riusciti a farlo durare due giorni interi, alcuni di voi potrebbero farcela. Anche la ricarica è piuttosto scattante. 

Non compratelo se… 

Siete dei gamer

Il processore del Poco X4 Pro offre solo prestazioni di gioco entry-level, che non eguagliano quelle dei precedenti smartphone Poco. Il Poco X3 Pro di Xiaomi è molto più potente. 

Ci tenete alla qualità fotografica 

Il sensore della fotocamera dell’X4 Pro ha prodotto buoni risultati in altri smartphone, ma qui è leggermente deludente. Inoltre, la modalità HDR automatica non ci ha convinto. 

Girate molti video

Il processore Snapdragon 695 del Poco X4 Pro limita lo smartphone a 1080p e 30 fotogrammi al secondo. È un risultato deludente anche per uno smartphone economico.