Il 5G in Italia. Aree di copertura, disponibilità, operatori, prezzi

null
Immagine: Three UK
(Image credit: Three UK)

Cos’è il 5G? 

Le reti 5G, eredi dell’attuale standard 4G LTE, rappresentano la prossima generazione di reti per la connessione internet mobile e promettono maggiore velocità e una connessione più affidabile su smartphone e altri dispositivi. 

Grazie all’utilizzo congiunto di tecnologie per la reti all’avanguardia e degli ultimi studi effettuati in merito, il 5G dovrebbe offrire connessioni con una velocità assai più elevata di quella delle connessioni attuali: si pensa che velocità di download nell’ordine di 1GBps saranno la norma

Il 5G rappresenterà l’infrastruttura alla base dell’internet delle cose, visto che sarà necessaria una rete in grado di trasferire una grande quantità di dati, permettendoci quindi di vivere in un mondo più connesso e più smart. 

Lo sviluppo di questa tecnologia è in corso, diversi test sono stati condotti in tutto il mondo e l’attivazione della rete si pensa incomincerà nel 2020 e conviverà con le reti 3G e 4G per fornire velocità di connessione più elevate che permettano di avere internet a portata di mano sempre e comunque. 

 Il 5G in Italia  

Il 5G è finalmente arrivato in Italia. Il 5 giugno 2019, Vodafone Italia ha indetto una conferenza stampa a Milano per annunciare l’arrivo delle prime reti 5G nel nostro Paese. L’operatore britannico è stato il primo a muoversi, ma sicuramente i concorrenti si stanno preparando a rispondere adeguatamente.

Per permettervi di seguire con più facilità l’evoluzione del 5G in Italia abbiamo deciso di creare una suddivisione per operatori, rigorosamente in ordine alfabetico.

Fastweb

L’operatore, noto per lo sviluppo di reti in fibra ottica (sia FTTH che FTTS), si è aggiudicato una parte delle frequenze a 26 GHz e al momento le sta utilizzando soprattutto per sviluppare una soluzione interessante, forse più matura e pronta per fare il proprio debutto su vasta scala nel nostro Paese rispetto al 5G “tradizionale”. Si tratta del  5G FWA (Fixed Wireless Access), ovvero l’utilizzo della rete 5G per portare connettività alle case e agli edifici in modalità wireless. I primi test, condotti da Fastweb in collaborazione con Samsung hanno permesso di raggiungere velocità pari a 1 gbps. Attenzione però, in questo caso non si tratta di 5G in mobilità da usare su smartphone e tablet, ma di un’alternativa “senza fili” alle connessioni in fibra. La prima città che riceverà questa tecnologia sarà Bolzano e questa mossa si inserisce nel piano complessivo di Fastweb per portare la banda ultralarga fino a 1 Gigabit a 16 milioni tra famiglie e imprese entro il 2024. Vista la particolare situazione delle connessioni nel nostro Paese, specie in alcune zone della penisola, si tratta senz’altro di una novità che non può che farci piacere. 

Iliad

L’operatore low cost francese si è aggiudicato 10 MHz nella banda 700 MHz, 20 MHz nella banda 3,6-3,8 GHz e 200 MHz nella banda 26,5-27,5 GHz, spendendo in totale 1.193 milioni di euro. Al momento sta sviluppando la propria rete cinque 5G con cantieri aperti in varie città tra cui Roma e Milano. Non si hanno ancora notizie sull’attivazione del servizio.

TIM

TIM, con un investimento complessivo di 2,4 miliardi di euro, si è aggiudicata un blocco a 3700 MHz per 80 MHz totali e un blocco a 26 GHz per 200 MHz totali, che vanno ad aggiungersi ai due blocchi a 700 MHz già vinti.

Secondo quanto riportato da Tom’s Hardware Italia, l’AD di Tim Luigi Giubitosi, ha dichiarato che l’azienda intende attivare le prime reti di 5G per l’estate di quest’anno, tra cui quella della città di Firenze. Da segnalare che Tim e Vodafone hanno siglato un accordo di collaborazione per la rete 5G a cui potrebbero partecipare altri operatori, tra cui Iliad. 

TIM ha inoltre avviato sperimentazioni legate al 5G in varie città comprese Sanremo, Bari e Torino e Matera. 

Vodafone

Come abbiamo detto, adesso il 5G di Vodafone è attivo. È presente nelle città di Milano, Torino, Bologna, Roma e Napoli. Vodafone, che chiama la sua rete Giga Network 5G, precisa che per quest’anno non sono previste altre attivazioni, ma entro il 2021 il servizio arriverà in cento città italiane e nelle principali località turistiche. 

Contestualmente, sono state rese note le offerte con il 5G. A partire dal 16 giugno, per gli utenti consumer il servizio sarà disponibile gratuitamente con i  piani RED Unlimited Smart, RED Unlimited Black, Shake it Easy e One Pro. Chi invece non dispone di un piano tariffario comprensivo di 5G potrà attivare l’opzione 5G start ad un costo mensile di 5 euro al mese (primo mese gratuito). Gli utenti business invece dal 16 avranno a disposizione i piani Black già abilitati al 5G, mentre per i piani Red il servizio sarà attivabile ad un costo di 5 euro mensili. 

Vodafone ha anche affermato che attiverà il Roaming delle reti 5G a partire da luglio 2019 in Spagna, Germania, Gran Bretagna e Italia.

In ultimo durante la conferenza stampa si è appreso anche che Vodafone renderà disponibili nel nostro Paese i primi smartphone 5G. Li trovate più avanti in questo articolo.

Wind 3

Wind Tre ha acquistato per circa 517 milioni di euro frequenze nelle bande 3,6-3,8 GHz e 26,5-27,5 GHz. La società si è aggiudicata 20 MHz nella banda 3,6-3,8 GHz e 200 MHz in quella 26,5-27,5 GHz.

Come gli altri operatori, Wind 3 ha avviato test in diverse città italiane e sta portando avanti diverse iniziative volte ad approfondire l’impatto di questa tecnologia sotto diversi punti di vista, dalla sostenibilità all’occupazione. Purtroppo però le informazioni sullo sviluppo della rete e sull’attivazione del servizio sono ancora scarse. Noi di TechRadar vi informeremo non appena ci saranno novità in merito. 

Per chiudere nel Bel Paese si continuano ad  effettuare diversi test in tutta la penisola, per esempio nelle città di Milano, Bari, Perugia, Genova e Torino. 

Il 5G nel resto del mondo

Anche nel resto del mondo siamo ancora agli inizi. Negli Stati Uniti, ad esempio, Verizon ha sorpreso tutti, attivando la rete ad aprile 2019, rendendo il Paese a stelle e strisce il primo al mondo con una rete 5G attiva. Al momento, però, il servizio è disponibile solo in alcune zone della città di Chicago oltre a qualche altro posto, ma come vedete la diffusione è assai limitata. Anche il Regno Unito ha da poco acceso le prime reti 5G, ma si tratta anche in questo caso di reti assai circoscritte. Tra l’altro, i colleghi di TechRadar UK, hanno potuto constatare che, a Londra, le prestazioni al momento sono deludenti e variano di molto. La velocità infatti, varia da 200 mbps a 500 mbps, superiore al 4G, ma ben lontana dai picchi teorici promessi dalla rete di prossima generazione.  

 Un altro Paese europeo che si prepara a ricevere il 5G è la Spagna. Secondo quanto riportato da El País, infatti, Vodafone attiverà il 5G in 15 città tra cui Madrid, Barcellona e Valencia. Un aspetto interessante è che Vodafone Spagna ha deciso di mettere in pausa la diffusione della parte della propria rete che si affida ad attrezzature Huawei, in attesa che la situazione tra il colosso cinese e gli Stati Uniti divenga più chiara.   

Quali sono gli smartphone 5G attualmente in commercio? 

Immagine: TechRadar

Immagine: TechRadar

Aggiornamento: come preannunciato da Vodafone, tramite un post sulla propria pagina Facebook, Xiaomi ha reso noto che dal 6 giugno 2019 è possibile acquistare Xiaomi Mix 3 5G presso i negozi Vodafone. È possibile che anche LGV50 ThinQ 5G sia disponibile prezzo i negozi dell’operatore. Infatti, sulla pagina dedicata alle offerte sul sito ufficiale Vodafone è presente il pulsante “trova negozio” anche per lo smartphone LG. 

Il 2019 ha visto l’arrivo sul mercato dei primi smartphone 5G. In Italia, grazie a Vodafone, primo operatore ad attivare il 5G sul territorio nazionale, saranno disponibili i seguenti dispositivi: 

  • XiaoMi Mix 3 5G (dal 6 giugno nei negozi Vodafone e acquistabile sul sito dell’operatore) 
  • LG V50 ThinQ 5G (dal 10 giugno nei negozi Vodafone e acquistabile sul sito dell’operatore)
  • Samsung Galaxy S10 5G (entro fine mese in negozio, con preordino a partire da lunedì 10 giugno)  

Oltre a questi dispositivi, in Italia arriverà sicuramente OnePlus 7 Pro 5G, anche se ancora non sappiamo quando. Altri smartphone da menzionare sono Oppo Reno 5G e Motorola che con la sua MotoMod 5G consente a un numero limitato di smartphone Moto Z di connettersi al 5G.

Per chiudere, recentemente abbiamo visto l’arrivo di SoC per smartphone e portatili con connettività 5G integrata tra cui quello di MediaTek e quello di Qualcomm assieme a Lenovo per i portatili

Qual è la velocità attuale del 5G?

La velocità del 5G varia di zona in zona al momento e i risultati ottenuti sono stati caratterizzati da differenze anche significative.  

I nostri colleghi di TechRadar UK e TechRadar USA hanno potuto testare le prime reti 5G presenti nel Regno Unito e negli Stati Uniti e hanno potuto toccare con mano la situazione attuale.

Per esempio, a Chicago si sono raggiunte velocità di 1,4 Gbps, ma in alcuni casi è stato necessario muoversi nelle immediate vicinanze dell’antenna per rimanere vicini a questo valore. In ogni caso, i colleghi di TechRadar US segnalano che sono riusciti a ottenere risultati vicini a 1 Gbps con una certa costanza. Come abbiamo accennato precedentemente, invece, a Londra la situazione è meno rosea con velocità sono arrivate a un massimo di 550 Mbps, di molto inferiori rispetto a quelle viste negli USA e si ha anche avuta una forte variabilità nei risultati: l’intervallo era compreso tra un minimo di 200 a un massimo di 550 Mbps. 

Chiudiamo dicendo che per quanto riguarda l'Italia, nel corso della conferenza stampa di oggi di Vodafone sono state raggiunte velocità di circa 580 Mbps.

Quale sarà l'impatto concreto del 5G sulla vita di tutti i giorni? 

  • Maggiore velocità di download e upload
  • Streaming più fluido di contenuti online
  • Videochiamate e chiamate via internet di migliore qualità
  • Connessioni dati più affidabili
  • Un maggior numero di dispositivi IoT connessi 
  • Diffusione di tecnologie avanzate e innovazioni tra cui le auto a guida autonoma e le smart city

Quanto sarà veloce il 5G in futuro?

Ancora non abbiamo certezze granitiche in merito, visto che siamo proprio in una fase iniziale. 

Detto questo, le reti 5G dovrebbero fornire prestazioni di molto superiori a quelle 4G in termini di velocità di download e upload e il GSMA ha proposto una velocità minima di download di circa 1 GBps. 

Secondo diverse stime, si suppone che la velocità media raggiunga i 10 Gb/s e alcuni ritengono che addirittura si possa arrivare a ben 800 Gb/s. 

Concretamente questo significherebbe che sarà possibile scaricare un intero film in HD in pochi secondi e che scaricare e installare gli aggiornamenti software sarebbe un'operazione ben più agevole rispetto ad oggi. 

Insomma, il 5G sta scaldando i motori ed è finalmente giunto anche in Italia. Le risposte degli altri operatori non si faranno attendere per cui tornate periodicamente su questa pagina per rimanere sempre aggiornati sulla rete mobile del futuro, vi aspettiamo.