Il 5G in Italia. Aree di copertura, disponibilità, operatori, prezzi

Immagine: Three UK
(Image credit: Three UK)

Cos’è il 5G? 

Le reti 5G, eredi dell’attuale standard 4G LTE, rappresentano la prossima generazione di reti per la connessione internet mobile e promettono maggiore velocità e una connessione più affidabile su smartphone e altri dispositivi. 

Grazie all’utilizzo congiunto di tecnologie per la reti all’avanguardia e degli ultimi studi effettuati in merito, il 5G dovrebbe offrire connessioni con una velocità assai più elevata di quella delle connessioni attuali: si pensa che velocità di download nell’ordine di 1GBps saranno la norma

Il 5G rappresenterà l’infrastruttura alla base dell’internet delle cose, visto che sarà necessaria una rete in grado di trasferire una grande quantità di dati, permettendoci quindi di vivere in un mondo più connesso e più smart. 

Lo sviluppo di questa tecnologia è in corso, diversi test sono stati condotti in tutto il mondo e l’attivazione della rete si pensa incomincerà nel 2020 e conviverà con le reti 3G e 4G per fornire velocità di connessione più elevate che permettano di avere internet a portata di mano sempre e comunque. 

Si tratta davvero della tecnologia del momento, tanto che stanno arrivando anche i primi portatili provvisti di connettività 5G, grazie alla collaborazione tra Qualcomm e Lenovo, segno che il 5G è vista come una tecnologia in grado di sostituire potenzialmente le tradizionali connessioni a banda larga e ultra larga via Wi-Fi.

 Il 5G in Italia  

Il 5G è finalmente arrivato in Italia. Il 5 giugno 2019, Vodafone Italia ha indetto una conferenza stampa a Milano per annunciare l’arrivo delle prime reti 5G nel nostro Paese. L’operatore britannico è stato il primo a muoversi, ma sicuramente i concorrenti si stanno preparando a rispondere adeguatamente.

Per permettervi di seguire con più facilità l’evoluzione del 5G in Italia abbiamo deciso di creare una suddivisione per operatori, rigorosamente in ordine alfabetico.

Fastweb

L’operatore, noto per lo sviluppo di reti in fibra ottica (sia FTTH che FTTS), si è aggiudicato una parte delle frequenze a 26 GHz e al momento le sta utilizzando soprattutto per sviluppare una soluzione interessante, forse più matura e pronta per fare il proprio debutto su vasta scala nel nostro Paese rispetto al 5G “tradizionale”. Si tratta del  5G FWA (Fixed Wireless Access), ovvero l’utilizzo della rete 5G per portare connettività alle case e agli edifici in modalità wireless. 

I primi test, condotti da Fastweb in collaborazione con Samsung, hanno permesso di raggiungere velocità pari a 1 gbps. Attenzione però, in questo caso non si tratta di 5G in mobilità da usare su smartphone e tablet, ma di un’alternativa “senza fili” alle connessioni in fibra. La prima città che riceverà questa tecnologia sarà Bolzano e questa mossa si inserisce nel piano complessivo di Fastweb per portare la banda ultralarga fino a 1 Gigabit a 16 milioni tra famiglie e imprese entro il 2024. 

In data 26 giugno 2019 il Ministero per lo Sviluppo Economico ha concesso l'autorizzazione per l'avvio delle sperimentazioni per la rete FWA 5G, ma ha anche imposto dei paletti per quanto riguarda la cybersicurezza. Comunque, le prime installazioni di apparati 5G FWA sono previste per la fine di luglio 2019 nelle città di Bolzano e Biella.

Questo tipo di tecnologia vuole risolvere il problema dell'ultimo miglio, tramite l'utilizzo di particolari antenne 5G FWA da installare sul tetto degli edifici o sul balcone. Queste antenne ricevono il segnale e lo trasmettono poi al modem. 

Il funzionamento di questo sistema è ben spiegato nell'immagine che potete vedere sotto. 

Vista la particolare situazione delle connessioni nel nostro Paese, specie in alcune zone della penisola, si tratta senz’altro di una novità che non può che farci piacere. 

Ecco lo schema del funzionamento della rete 5G FWA (Immagine: Fastweb)

Ecco lo schema del funzionamento della rete 5G FWA (Immagine: Fastweb)

(Image credit: Fastweb)

Iliad

L’operatore low cost francese si è aggiudicato 10 MHz nella banda 700 MHz, 20 MHz nella banda 3,6-3,8 GHz e 200 MHz nella banda 26,5-27,5 GHz, spendendo in totale 1.193 milioni di euro. Al momento sta sviluppando la propria rete cinque 5G con cantieri aperti in varie città tra cui Roma e Milano. Non si hanno ancora notizie sull’attivazione del servizio.

TIM

Aggiornamento:  Nella pagina di TIM dedicata al 5G si afferma che il servizio è attivo su Torino, Roma e Napoli. TIM fa sapere che entro la fine dell'anno la tecnologia arriverà in sei altre città (Milano, Bologna, Verona, Firenze, Matera e Bari) oltre che in 30 località turistiche. 

Il 26 luglio TIM e Vodafone hanno finalizzato l'accordo di condivisione della rete mobile, dando vita alla più grande azienda di gestione delle reti a livello nazionale. Questa mossa avrà un impatto positivo sia sulla copertura del territorio, che diverrà più capillare, sia sullo sviluppo della rete 5G dei due operatori che, verosimilmente, subirà un'accelerazione. 

Dopo Vodafone, il 24 giugno 2019 TIM ha attivato la propria rete 5G nelle città di Roma e Torino.TIM dice inoltre che il servizio arriverà anche nelle altre città italiane in futuro, senza fornire però ulteriori dettagli. TIM è  quindi il secondo operatore in Italia ad attivare il 5G. 

Contestualmente all’annuncio dell’attivazione della rete, sul sito ufficiale sono comparsi i piani tariffari che comprendono il 5G.

Partiamo con TIM Advance 5G che ad un costo di 29,99 euro al mese (attivazione di 9 euro) offre 50 GB di traffico mensile, minuti ed SMS illimitati, velocità fino a 2 Gb/s, priorità di rete e smartphone a 3 euro al mese. 

L’altra offerta è TIM Advance 5G TOP che con 49,99 euro al mese (attivazione gratuita) offre 100 GB al mese, minuti ed SMS illimitati, assistenza dedicata, velocità fino a 2 Gb/s e TIMGAMES gratis, 3 GB, 250 minuti e 250 SMS in roaming e smartphone 5G con sconti esclusivi a zero euro al mese.

In ultimo segnaliamo che chi ha già un piano tariffario TIM e vuole navigare in 5G ha davanti a sé due possibilità: o attivare una delle due offerte TIM Advance oppure attivare l’opzione 5G per navigare in 5G con la propria offerta ad un costo di 10 euro al mese.  

Ci sono anche degli smartphone 5G in offerta con l’operatore, ma ne parliamo più avanti nella sezione dedicata agli smartphone compatibili. 

Adesso invece parliamo del servizio TIMGAMES che ci fa capire un po’ le potenzialità del 5G in ambito gaming.  In sostanza, questo servizio, gratis fino al 31 dicembre del 2019, consente di giocare in streaming a più di 50 titoli tra cui MotoGP 19, Ride 3, GRID Autosport Complete e Rise of the Tomb Raider. Per giocare è necessario scaricare la app TIMGAMES e collegare il TIM Gamepad. Per mille clienti che acquistano uno smartphone 5G nei negozi TIM che aderiscono all’iniziativa, il TIM Gamepad è in omaggio. Per chi volesse saperne di più qui c’è il regolamento di questo concorso.

TIM, con un investimento complessivo di 2,4 miliardi di euro, si è aggiudicata un blocco a 3700 MHz per 80 MHz totali e un blocco a 26 GHz per 200 MHz totali, che vanno ad aggiungersi ai due blocchi a 700 MHz già vinti.

A maggio 2019 su Tom’s Hardware Italia era comparsa la notizia secondo cui TIM avrebbe attivato le prime reti di 5G per l’estate di quest’anno, tra cui quella della città di Firenze. L'operatore è stato di parola, anche se a Firenze il servizio non è ancora attivo. Comunque, come scritto nell'aggiornamento, adesso sappiamo che il capoluogo toscano sarà raggiunto dalla rete di nuova generazione di TIM entro la fine dell'anno ( assieme a Milano, Bologna, Verona, Matera e Bari). Inoltre la rete di nuova generazione per TIM è un'opportunità interessante per il mondo delle imprese; infatti il 5G raggiungerà 50 distretti industriali con 30 progetti specifici per le grandi aziende. 

TIM ha inoltre avviato sperimentazioni legate al 5G in varie città comprese Sanremo, Bari e Torino e Matera. 

Vodafone

Aggiornamento: A partire dal 26 Luglio 2019 Vodafone ha reso disponibile il roaming in 5G in 55 città europee di Regno Unito, Germania, Spagna e Italia. L'elenco completo delle città non è disponibile, ma sappiamo che sono comprese, tra le altre, Roma, Londra, Monaco di Baviera e Madrid. 

Come già detto, il 26 luglio 2019 Vodafone e TIM hanno stipulato un accordo per la condivisione delle rispettive reti mobili e la collaborazione nell'ambito dello sviluppo della rete 5G che sarà più rapido e più efficiente, garantendo una copertura più capillare del territorio nazionale. 

Come avete avuto modo di leggere, Vodafone è stata la prima a portare il 5G in Italia. È presente nelle città di Milano, Torino, Bologna, Roma e Napoli. Vodafone, che chiama la sua rete Giga Network 5G, precisa che per quest’anno non sono previste altre attivazioni, ma entro il 2021 il servizio arriverà in cento città italiane e nelle principali località turistiche. 

Comunque, sul sito ufficiale apprendiamo che la rete 5G ha già raggiunto parti dei seguenti comuni: Assago, Bollate, Bresso, Carugate, Cassina de' Pecchi, Cinisello Balsamo, Cologno Monzese, Cusano Milanino, Garbagnate Milanese, Lainate, Legnano, Melegnano, Novate Milanese, Opera, Parabiago, Pessano con Bornago, Pioltello, Rho, Rozzano, San Donato Milanese, San Giorgio su Legnano, San Giuliano Milanese, Sedriano, Segrate, Senago, Sesto San Giovanni, Solaro, Trezzano sul Naviglio.

Contestualmente, sono state rese note le offerte con il 5G. A partire dal 16 giugno, per gli utenti consumer il servizio sarà disponibile gratuitamente con i  piani RED Unlimited Smart, RED Unlimited Black, Shake it Easy e One Pro. Chi invece non dispone di un piano tariffario comprensivo di 5G potrà attivare l’opzione 5G start ad un costo mensile di 5 euro al mese (primo mese gratuito). Gli utenti business invece dal 16 avranno a disposizione i piani Black già abilitati al 5G, mentre per i piani Red il servizio sarà attivabile ad un costo di 5 euro mensili. 

Vodafone ha anche affermato che attiverà il Roaming delle reti 5G a partire da luglio 2019 in Spagna, Germania, Gran Bretagna e Italia.

In ultimo durante la conferenza stampa si è appreso anche che Vodafone renderà disponibili nel nostro Paese i primi smartphone 5G. Li trovate più avanti in questo articolo.

Wind 3

Wind Tre ha acquistato per circa 517 milioni di euro frequenze nelle bande 3,6-3,8 GHz e 26,5-27,5 GHz. La società si è aggiudicata 20 MHz nella banda 3,6-3,8 GHz e 200 MHz in quella 26,5-27,5 GHz.

Come gli altri operatori, Wind 3 ha avviato test in diverse città italiane e sta portando avanti diverse iniziative volte ad approfondire l’impatto di questa tecnologia sotto diversi punti di vista, dalla sostenibilità all’occupazione. Purtroppo però le informazioni sullo sviluppo della rete e sull’attivazione del servizio sono ancora scarse. Noi di TechRadar vi informeremo non appena ci saranno novità in merito. 

Per chiudere nel Bel Paese si continuano ad  effettuare diversi test in tutta la penisola, per esempio nelle città di Milano, Bari, Perugia, Genova e Torino. 

Il 5G nel resto del mondo

Anche nel resto del mondo siamo ancora agli inizi. Negli Stati Uniti, ad esempio, Verizon ha sorpreso tutti, attivando la rete ad aprile 2019, rendendo il Paese a stelle e strisce il primo al mondo con una rete 5G attiva. Al momento, però, il servizio è disponibile solo in alcune zone della città di Chicago oltre a qualche altro posto.

Anche il Regno Unito ha da poco acceso le prime reti 5G, ma si tratta anche in questo caso di reti assai circoscritte. Tra l’altro, i colleghi di TechRadar UK, hanno potuto constatare che, a Londra, le prestazioni al momento sono deludenti e variano di molto. La velocità infatti, varia da 200 mbps a 500 mbps, superiore al 4G, ma ben lontana dai picchi teorici promessi dalla rete di prossima generazione.  

Un altro Paese europeo che si prepara a ricevere il 5G è la Spagna. Secondo quanto riportato da El País, infatti, Vodafone attiverà il 5G in 15 città tra cui Madrid, Barcellona e Valencia. Un aspetto interessante è che Vodafone Spagna ha deciso di mettere in pausa la diffusione della parte della propria rete che si affida ad attrezzature Huawei, in attesa che la situazione tra il colosso cinese e gli Stati Uniti divenga più chiara.   

Qualche mese fa era uscita la notizia che in Corea del Sud, uno dei Paesi più avanzati al mondo in termini di connettività, si è raggiunta l’impressionante cifra di un milione di dispositivi 5G connessi.

Pochi giorni fa è stato reso noto che Qualcomm collaborerà con la Russia, più in particolare con il Dipartimento per l'Information Technology di Mosca, per lo sviluppo della prima rete 5G mmWave presso la capitale russa, che sarà attiva a partire dall'autunno di quest'anno. 

Quali sono gli smartphone 5G attualmente in commercio? 

Immagine: TechRadar

Immagine: TechRadar

Aggiornamento: Adesso con TIM è possibile acquistare OPPO Reno 5G. Troverete i dettagli di seguito.

Il 2019 ha visto l’arrivo sul mercato dei primi smartphone 5G. Vodafone e TIM sono i primi operatori ad attivare il 5G in Italia. Prima di elencare i dispositivi offerti da ciascun operatore e le relative offerte, però, apriremo una breve parentesi su cosa offre il mercato globale in generale. 

Infatti, sebbene non ancora disponibili in Italia, tra i dispositivi con 5G è doveroso citare OnePlus 7 Pro 5G e il recentissimo Samsung Galaxy Note 10, che avrà una versione 5G, sebbene per il momento sia limitata ai soli Stati Uniti. 

Per lo smartphone di OnePlus, abbiamo chiesto all'azienda maggiori informazioni, ma ci è stato soltanto confermato che OnePlus 7 Pro arriverà in Italia, senza darci una data precisa. 

TIM

Dal 24 giugno 2019 anche TIM ha attivato la propria rete 5G e ha presentato i primi smartphone in offerta sul proprio sito

  • Samsung Galaxy S10 5G: Anticipo di 199 euro e poi 10 euro al mese per 30 mesi con TIM Advance 5G TOP oppure 1279,90 euro in un'unica soluzione
  • Xiaomi Mi MIX 3 5G 128 GB: Anticipo di 199 euro e poi zero euro al mese con TIM Advance 5G TOP oppure 799,90 euro in un'unica soluzione
  • OPPO Reno: Anticipo di 199 euro e poi zero euro al mese con TIM Advance 5G TOP oppure 899,90 euro in un'unica soluzione

Vodafone

Per quanto riguarda Vodafone sono disponibili questi smartphone. Abbiamo elencato tutte le offerte associate e i relativi costi. 

  • LG V50 ThinQ 5G 
  • XiaoMi Mix 3 5G
  • Samsung Galaxy S10 5G 

LG V50 ThinQ 5G: le offerte associate (Vodafone)

Per questo smartphone, è previsto un anticipo di 199,99 euro per tutte le offerte associate e poi i costi cambiano a seconda dell'offerta scelta. Trovate tutti i dettagli di seguito. 

  • RED Unlimited Smart: 25,99 euro al mese per 30 rate. Caratteristiche dell'offerta: 20 GB/mese, minuti e sms illimitati, minuti verso UE illimitati e giga illimitati per chat, social e musica. Costo del piano tariffario: 18,99 euro al mese.
  • RED Unlimited Ultra: 24,99 euro al mese per 30 rate. Caratteristiche dell'offerta: 30 GB/mese, minuti e sms illimitati, minuti verso UE illimitati, 1000 minuti extra UE, 1 GB in roaming, RED CARE incluso, giga illimitati per chat, social e musica. Costo del piano tariffario: 24,99 euro al mese.
  • RED Unlimited Black: 19,99 euro al mese per 30 rate. Caratteristiche dell'offerta: Traffico dati 5G illimitato, minuti e sms illimitati, minuti verso UE illimitati, 1000 minuti extra UE, 5 GB in roaming, RED CARE incluso. Costo del piano tariffario: 39,99 euro al mese. 
  • Shake it Eeasy: 26,99 al mese per 30 rate. Caratteristiche dell'offerta: 30 GB/mese (60 GB se si paga tramite carta di credito o IBAN), minuti e sms illimitati, giga illimitati per social e musica. Costo del piano tariffario: 14,99 euro al mese. 

XiaoMi Mix 3 5G: le offerte associate (Vodafone)

Per questo smartphone non è previsto alcun anticipo, si pagano solo dei canoni mensili e il costo mensile delle offerte associate. Vediamo più nel dettaglio. 

  • RED Unlimited Smart: 19,99 euro al mese per 30 rate. Caratteristiche dell'offerta: 20 GB/mese, minuti e sms illimitati, minuti verso UE illimitati e giga illimitati per chat, social e musica. Costo del piano tariffario: 18,99 euro al mese.
  • RED Unlimited Ultra: 18,99 euro al mese per 30 rate. Caratteristiche dell'offerta: 30 GB/mese, minuti e sms illimitati, minuti verso UE illimitati, 1000 minuti extra UE, 1 GB in roaming, RED CARE incluso, giga illimitati per chat, social e musica. Costo del piano tariffario: 24,99 euro al mese.
  • RED Unlimited Black: 17,99 euro al mese per 30 rate. Caratteristiche dell'offerta: Traffico dati 5G illimitato, minuti e sms illimitati, minuti verso UE illimitati, 1000 minuti extra UE, 5 GB in roaming, RED CARE incluso. Costo del piano tariffario: 39,99 euro al mese.
  • Shake it Eeasy: 20,99 al mese per 30 rate. Caratteristiche dell'offerta: 30 GB/mese (60 GB se si paga tramite carta di credito o IBAN), minuti e sms illimitati, giga illimitati per social e musica. Costo del piano tariffario: 14,99 euro al mese.

Samsung Galaxy S10 5G: le offerte associate (Vodafone)

Anche per questo smartphone, come nel caso del dispositivo di LG è previsto un esborso iniziale di 199,99 euro. Il costo mensile legato allo smartphone è però diverso. Rimangono invariati invece i costi mensili delle offerte associate. Vediamo meglio insieme.

  • RED Unlimited Smart: 27,99 euro al mese per 30 rate. Caratteristiche dell'offerta: 20 GB/mese, minuti e sms illimitati, minuti verso UE illimitati e giga illimitati per chat, social e musica. Costo del piano tariffario: 18,99 euro al mese.
  • RED Unlimited Ultra: 26,99 euro al mese per 30 rate. Caratteristiche dell'offerta: 30 GB/mese, minuti e sms illimitati, minuti verso UE illimitati, 1000 minuti extra UE, 1 GB in roaming, RED CARE incluso, giga illimitati per chat, social e musica. Costo del piano tariffario: 24,99 euro al mese.
  • RED Unlimited Black: 21,99 euro al mese per 30 rate. Caratteristiche dell'offerta: Traffico dati 5G illimitato, minuti e sms illimitati, minuti verso UE illimitati, 1000 minuti extra UE, 5 GB in roaming, RED CARE incluso. Costo del piano tariffario: 39,99 euro al mese.
  • Shake it Eeasy: 28,99 al mese per 30 rate. Caratteristiche dell'offerta: 30 GB/mese (60 GB se si paga tramite carta di credito o IBAN), minuti e sms illimitati, giga illimitati per social e musica. Costo del piano tariffario: 14,99 euro al mese.

Qual è la velocità attuale del 5G?

La velocità del 5G varia di zona in zona al momento e i risultati ottenuti sono stati caratterizzati da differenze anche significative. 

Per quanto riguarda l'Italia, i primi test effettuati a Milano con Vodafone in piazza Duomo, con LG V50, hanno restituito valori pari a 350 Mb/s ben lontani da quelli promessi dal 5G a regime, ma va detto che siamo ancora in una fase davvero iniziale di sviluppo e diffusione delle reti 5G. Invece, in sede di presentazione della rete TIM (quindi in un contesto "controllato"), si sono raggiunte velocità (in download) di circa 1000 Mb/s, con Samsung Galaxy S10 5G. A questi risultati vanno aggiunti quelli ottenuti nel corso della conferenza stampa di Vodafone quando ha annunciato l'arrivo del 5G nel Bel Paese. In quell'occasione, furono raggiunti circa 580 Mb/s. 

Qualche settimana fa, la società Opensignal, specializzata in speedtest e valutazione delle prestazioni delle reti mobili, ha effettuato dei test sulla velocità del 5G in vari Paesi del mondo.

Ne risulta che, al momento, il Paese con la rete 5G più veloce sono gli Stati Uniti, dove gli utenti sono  riusciti a raggiungere una velocità pari a 1,8 Gb/s sui propri dispositivi. 

Si tratta di una velocità 2,7 volte superiore a quella massima raggiungibile dalle reti 4G statunitensi, pari a 678 Mbps. Insomma, questi risultati ci fanno capire le potenzialità della rete mobile di prossima generazione. 

La società inglese attribuisce le ottime performance del Paese a stelle e scrisce al fatto che gli operatori USA si affidano allo spettro delle onde millimetriche (mmWave) che offre prestazioni elevate, ma con una portata inferiore. Tutte le altre nazioni stanno usando lo spettro delle frequenze al di sotto dei 6GHz (sub-6). 

Il secondo posto in classifica spetta alla Svizzera, dove gli utenti hanno potuto beneficiare di velocità pari a 1,1 gbps (un incremento pari a 2,6 volte), mentre il Regno Unito ha ottenuto il posto più basso visto che ha fatto registrare un massimo pari a 569 Mbps, ovvero 1,3 volte più elevato del 4G. 

Opensignal, in ogni caso, ritiene che l'esperienza d'uso del 5G migliorerà rapidamente, grazie alla progressiva attivazione di nuove parti dello spettro da parte degli operatori e agli sviluppi tecnologici che consentiranno di usare contemporaneamente diverse bande. 

Inoltre qualche mese fa, I nostri colleghi di TechRadar UK e TechRadar USA hanno potuto testare le prime reti 5G presenti nel Regno Unito e negli Stati Uniti e hanno potuto toccare con mano come stanno le cose. 

Per esempio, a Chicago si sono raggiunte velocità di 1,4 Gbps, ma in alcuni casi è stato necessario muoversi nelle immediate vicinanze dell’antenna per rimanere vicini a questo valore. In ogni caso, i colleghi di TechRadar US segnalano che sono riusciti a ottenere risultati vicini a 1 Gbps con una certa costanza. Come abbiamo accennato precedentemente, invece, a Londra la situazione è meno rosea con velocità sono arrivate a un massimo di 550 Mbps, di molto inferiori rispetto a quelle viste negli USA e si ha anche avuta una forte variabilità nei risultati: l’intervallo era compreso tra un minimo di 200 a un massimo di 550 Mbps. 

Chiudiamo dicendo che in un test effettuato a londra OnePlus 7 Pro si è dimostrato più veloce di Samsung Galaxy S10 5G e dei dispositivi di Oppo e LG. 

OnePlus 7 Pro 5G è riuscito a raggiungere velocità vicine ai 700 Mb/s, agganciato alla rete EE, il primo operatore ad attivare il 5G sul suolo britannico. Se confrontiamo questo risultato con la velocità media del 4G nella stessa area (30 Mb/s e 6 Mb/s), ci rendiamo conto dell'enorme potenziale delle reti mobili di nuova generazione.

Samsung Galaxy S10 5G è stato il meno veloce tra gli smartphone oggetto del test, con un picco di 548 Mbps, LG V50 invece è arrivato a 598 Mbps, mentre Oppo Reno 5G ha fatto registrare una velocità di 592 Mbps.

Comunque questi test non dicono molto, vanno presi solo come un'indicazione generale, anche perché al momento, la rete 5G non è affatto diffusa, quindi è presto per dire quali saranno le velocità raggiungibili una volta che la rete di nuova generazione sarà divenuta davvero di massa. 

Quale sarà l'impatto concreto del 5G sulla vita di tutti i giorni? 

  • Maggiore velocità di download e upload
  • Streaming più fluido di contenuti online
  • Videochiamate e chiamate via internet di migliore qualità
  • Connessioni dati più affidabili
  • Un maggior numero di dispositivi IoT connessi 
  • Diffusione di tecnologie avanzate e innovazioni tra cui le auto a guida autonoma e le smart city

Chiamate vocali di qualità maggiore

L'alta definizione della voce non era una priorità per la progettazione delle reti 3G e 4G, ma con il 5G potete aspettarvi chiamate vocali e videochiamate dove la qualità della voce sarà migliore, più nitida e molto più realistica.

Inoltre la tecnologia chiamata Voce tramite 5G (Vo5G) sembra sarà parte dei vari servizi 5G insieme alle videochiamate, alla telepresenza, alla realtà aumentata (AR) e alla realtà virtuale (VR).

Streaming in 8K

Al giorno d’oggi ci sono pochi fornitori che propongono contenuti in streaming in 4K, e i clienti si affidano a linee in fibra o VDSL. Con le reti 5G, però, sarebbe potenzialmente possibile arrivare fino alla risoluzione 8K. E senza dover aspettare a lungo per il buffering. 

È un esempio piuttosto ovvio di come la velocità del 5G possa fare la differenza: la possibilità di trasferire più dati in meno tempo, significa poter trasmettere con maggiore risoluzione senza notare differenze nel tempo di caricamento o nella fluidità. 

Naturalmente, non abbiamo ancora smartphone o televisori che possano sfruttare questa possibilità, ma presto arriveranno. Huawei, per esempio, sta lavorando a un televisore 8K con connessione 5G.

Platooning

Con il termine platooning ci si riferisce alla possibilità che un veicolo connesso faccia da “capofila” e decida la velocità di marcia anche degli altri veicoli connessi. Comprensibilmente, questa idea rende più semplice la diffusione di veicoli a guida autonoma e, secondo gli esperti, potrebbe anche portare a una riduzione dell’emissione di carbonio legata al trasporto di merci su gomma. 

5G e videogiochi

Il 5G apporterà molti benefici anche al mondo dei videogiochi. Infatti questo tipo di connessione garantirà bassa latenza per la gioia di chi gioca in multiplayer. Questo aspetto contribuirà anche alla diffusione di servizi in streaming come Google Stadia. Il fatto che il 5G consenta di giocare senza problemi vuol dire anche che, in futuro, potrete divertirvi con i vostri titoli preferiti anche in quei posti dove una buona connessione wi-fi è assente. 

5G e mondo militare

Come tutte le maggiori innovazioni, il 5G avrà un ruolo anche nel mondo militare. Per esempio potrà essere usato nei sistemi di difesa legati alle armi ipersoniche, nella creazione di basi militari intelligenti, nel caso di dispositivi indossabili che forniscano informazioni sui militari in tempo reale e nell’implementazione di soluzioni di intelligenza artificiale per i velivoli senza pilota oltre all’uso di trasmissioni in 4K.

5G e smart city

Secondo gli esperti, il 5G andrà a favorire lo sviluppo delle smart cities. Ad esempio, grazie a questa nuova tecnologia i veicoli potranno essere connessi tra di loro e ricevere informazioni in tempo reale su ingorghi e incidenti. Anche i semafori saranno connessi e potranno venire regolati in tempo reale per consentire un traffico scorrevole. Inoltre i mezzi di soccorso potranno individuare in tempo reale il percorso migliore per giungere sul luogo dell’incidente con un evidente vantaggio per la collettività. 

In ultimo il 5G potrebbe favorire il risparmio energetico grazie alla maggiore efficienza derivante dall’utilizzo di sensori che spengano l’illuminazione quando una strada o un edificio siano deserti, ad esempio. Il 5G, in questo ambito, è l’infrastruttura che consente a tutti questi sensori di essere connessi e comunicare l’uno con l’altro in tempo reale.

5G e rischi per la salute

Se da un lato il 5G promette di migliorare la nostra esistenza in tanti aspetti, dall'altro c'è chi esprime timori legati alla pericolosità della rete di prossima generazione per la salute dell'uomo. 

Infatti la rete 5G prevede l'istallazione di molti più ripetitori rispetto alle reti attuali e questo per alcuni è visto come un potenziale danno per la salute. 

Tanto che a novembre 2018, più di 180 scienziati si sono schierati per interrompere la diffusione delle reti 5G, preoccupati riguardo un ''potenziale rischio per la salute umana''.

Quello della pericolosità delle reti cellulari e dei campi elettromagnetici a cui siamo costantemente esposti è un dibattito che dura da tempo ormai. 

Come riportato dal New York Times, in uno studio condotto sui ratti si è osservato un possibile legame tra l'esposizione alla radiazione a radiofrequenza e l'insorgenza di tumore. Allo stesso tempo va detto che John Bucher, eminente scienziato presso il National Toxicology Program degli Stati Uniti ha subito precisato che i ratti sono stati esposti a un livello di radiazioni ben superiore a quello a cui noi siamo esposti e anche il tempo di esposizione è stato di gran lunga più elevato, quindi sarebbe inopportuno trarre conclusioni affrettate. Inoltre, il tipo di radiazioni cui sono stati sottoposti i roditori è quello in uso nei telefoni cellulari di primissima generazione e questo tipo di emissioni sono state abbandonate molto tempo fa. 

Insomma, come vedete il dibattito è aperto e sicuramente il 5G contribuirà ad alimentarlo. 

Quanto sarà veloce il 5G in futuro?

Ancora non abbiamo certezze granitiche in merito, visto che siamo proprio in una fase iniziale. 

Detto questo, le reti 5G dovrebbero fornire prestazioni di molto superiori a quelle 4G in termini di velocità di download e upload e il GSMA ha proposto una velocità minima di download di circa 1 GBps. 

Secondo diverse stime, si suppone che la velocità media raggiunga i 10 Gb/s e alcuni ritengono che addirittura si possa arrivare a ben 800 Gb/s. 

Concretamente questo significherebbe che sarà possibile scaricare un intero film in HD in pochi secondi e che scaricare e installare gli aggiornamenti software sarebbe un'operazione ben più agevole rispetto ad oggi. 

Insomma, il 5G sta scaldando i motori ed è finalmente giunto anche in Italia. Le risposte degli altri operatori non si faranno attendere per cui tornate periodicamente su questa pagina per rimanere sempre aggiornati sulla rete mobile del futuro, vi aspettiamo.