Skip to main content

Recensione Disney+

Come se la cava la piattaforma streaming Disney+?

Disney Plus
Disney Plus
(Image: © Lucasfilm)

Il nostro verdetto

Se Disney mantiene aggiornato il suo servizio con nuovi contenuti, Disney Plus potrebbe competere con Netflix prima del previsto. C'è una discreta quantità di contenuti sin da ora, abbastanza da riuscire a farvi passare alcune settimane di serate di cinema, ma ci sarà qualcos’altro di interessante da guardare anche quando avrete finito. Il modo in cui Disney Plus avrà successo a lungo termine sarà in gran parte determinato dalla rapidità con cui i contenuti verranno via via aggiunti al servizio, ma la cosa positiva è che il servizio sembra costruito su una piattaforma molto solida e per il suo prezzo di abbonamento, al momento piuttosto basso, vale certamente la pena provarlo.

Pro

  • Supporto 4K HDR con Dolby Vision
  • Contenuti visibili offline e su tantissimi dispositivi
  • Diversi contenuti originali

Contro

  • Frequenza e date degli aggiornamenti sconosciuta

AGGIORNAMENTO: Disney Plus arriverà in Italia il 24 marzo 2020, ma potete prenotare subito il primo anno e ottenere uno sconto di dieci euro. Pagherete quindi €59,99 invece di €69,99. L'offerta resterà valida fino al prossimo 23 marzo, quando il prezzo tornerà quello normale. 

Disney+, 10 euro di sconto sul primo abbonamento annuale

Fino al giorno prima del lancio, potete risparmiare 10 euro scegliendo l’abbonamento annuale di Disney Plus. Questa offerta scade il 23 marzo e offre 12 mesi di streaming di contenuti Disney sia vecchi che nuovi. Gli sconti Disney Plus non saranno così frequenti, quindi agite velocemente e approfittatene.Vedi offerta

Da quello che abbiamo potuto osservare finora, Disney Plus ha un programma che la concorrenza non dovrebbe sottovalutare. Il servizio di streaming Disney offre a tutti gli utenti streaming in 4K HDR con dozzine di spettacoli e film per una cifra che a quanto pare sarà modesta, rispetto alla concorrenza, con la possibilità di impostare più profili e scaricare spettacoli e film per la visualizzazione offline.

Nel giorno del lancio non ci sono ancora tutti i contenuti che pensiamo Disney dovrebbe mettere online, ma quanto basta per riempire qualche settimana di serate di cinema, specialmente se siete fan dei film Marvel e delle animazioni Pixar. 

È difficile dire se la Disney sarà in grado di rilasciare spettacoli a un ritmo sufficientemente rapido per soddisfare i desideri della propria utenza, considerando la sua posizione attuale riguardo alla possibilità di integrare contenuti di altri produttori (al momento non ce ne sono). Nonostante ciò le basi della piattaforma risultano piuttosto solide. 

Quindi, cosa è lecito aspettarsi esattamente in termini di contenuti? In questo momento ci sono diversi programmi originali tra cui l'attesissimo spin-off di Star Wars, “The Mandalorian”, oltre a “Lilli e il vagabondo”  (versione live action) e dozzine di classici del forziere Disney. Ci sono tutti i film di Star Wars in 4K HDR, la stragrande maggioranza dei film Marvel e quasi tutti i film della Pixar, che vi farà piacere vedere o rivedere. Ma per ogni Up, Monsters Inc e The Lion King c'è un Lion King 3, “Davy Crockett e i pirati” e le streghette di “Twitches 2”. Quando la Disney ha detto che avrebbe messo online il proprio catalogo, si è davvero impegnata a crearlo degno di questo nome, riempiendolo con ogni genere di titoli, compresi quelli meno interessanti (i cosiddetti filler). .

Quello che ci piace di più, però, è che con una singola tariffa mensile, è possibile guardare su quattro schermi simultanei, e gestire fino a sette profili per ogni account, rendendolo un ottimo piano per le famiglie che desiderino diminuire i loro budget di intrattenimento.

Film per bambini come Frozen e Oceania assicurano che i piccoli abbiano sempre qualcosa da guardare, mentre spettacoli come The Mandalorian e “The world according to Jeff Goldblum” faranno la gioia degli adulti, il tutto con un singolo abbonamento di tipo economico.

Se siete in grado di ignorare i programmi inseriti per far numero ed apprezzare l'ottimo contenuto mainstream, troverete Disney Plus abbastanza interessante per essere una solida alternativa ad Amazon Prime, Netflix e Apple TV Plus, quest’ultimo sceso in pista da poco per dare battaglia alla concorrenza già presente sul mercato da diverso tempo.

Disney+: quando esce e quanto costa

(Image credit: Disney Plus)

Disney Plus arriverà in Italia il 24 marzo 2020, insieme ad altri Paesi europei.

Disney plus costerà 6,99€ al mese (69,99€ annuali). Se siete intenzionati a sottoscrivere un abbonamento senza usufruire del periodo di prova, potete prenotare subito il primo anno e ottenere uno sconto di dieci euro. Pagherete quindi €59,99 invece di €69,99. L'offerta resterà valida fino al prossimo 23 marzo, quando il prezzo tornerà quello normale. 

Disney+: quali dispositivi supportano l'app?

(Image credit: Disney Plus)

Fin dall'inizio Disney Plus sarà disponibile su più dispositivi, browser e sistemi operativi.

Chrome, Firefox e persino Microsoft Edge non hanno problemi ad eseguire il servizio direttamente nella loro finestra, mentre è possibile scaricare l'app per smartphone dal Google Play Store e dall'Apple App Store.

Neanche gli utenti console sono stati ignorati, con PS4 e Xbox One che supportano a loro volta la specifica app. Tuttavia, non sembra che Nintendo Switch avrà la sua app al momento del lancio, nonostante ci siano voci dell’eventuale supporto della console portatile Nintendo.

E i televisori? La piattaforma webOS per LG TV ha già l'app Disney, mentre Android TV (Nvidia Shield TV, Sony TV, Hisense TV) potranno eseguire Disney Plus. Google Chromecast, i dispositivi di streaming Roku e Apple TV supportano anch’essi l'app.

Come accennato in precedenza, un abbonamento fornisce l’accesso a quattro flussi simultanei con sette profili su un massimo di dieci dispositivi. Durante i nostri test siamo riusciti a utilizzare un account su più piattaforme per guardare contemporaneamente un film diverso con ciascun profilo, ed ha funzionato esattamente come ci saremmo aspettati facesse. 

Disney+: design e interfaccia utente

Se avete già utilizzato Netflix o Amazon Prime Video, saprete già cosa aspettarvi da Disney Plus in termini di design e interfaccia utente. Fondamentalmente consiste in una riga dopo l’altra di contenuti, ordinati per origine, qualità di streaming e altri tipi di categorie.

I loghi dei cinque grandi marchi Disney si trovano in un banner dinamico che si collega direttamente a film e spettacoli di quei marchi, mentre i contenuti in primo piano - come The Mandalorian, I Simpsons e Avatar - occupano tutti la prima fila.

Sotto i banner del marchio troverete la sezione Originals che evidenzia i contenuti esclusivi del servizio e, al di sotto, una riga “Consigliata” dall'aspetto familiare che probabilmente avrete già visto su altri servizi di streaming, come Netflix.

Immagine 1 di 3

(Image credit: Disney Plus)
Immagine 2 di 3

(Image credit: Disney Plus)
Immagine 3 di 3

(Image credit: Disney Plus)

Mentre scorrete la homepage troverete più categorie e raggruppamenti che sembrano essere stati curati editorialmente (cioè a mano) da Disney - un bel tocco rispetto al catalogo ampiamente automatizzato  di Netflix. È qui che troverete spettacoli e film che normalmente non scegliereste, ed è stato paragonato da uno dei nostri redattori con l'apertura di un regalo a Natale, ossia a quando si scarta un pacchetto senza sapere cosa si troverà dentro.

Se volete un po' più di prevedibilità, ci sono intere sezioni solo per film e spettacoli, oltre a una funzione di ricerca per aiutarvi a trovare esattamente quello vi interessa.

È piuttosto nascosto, ma nella sezione film o programmi TV c'è un menu a discesa per selezionare i contenuti per genere con opzioni per Azione / Avventura, Animazione, Commedia, Documentario, Drammatico, Bambini, Cortometraggi e 4K Ultra HD.

Tutto sommato, sebbene nulla qui sia rivoluzionario, il design permette di navigare facilmente e  consente di scovare quello che altrimenti non avreste trovato nelle righe intelligenti, curate dal punto di vista editoriale.

Quindi cosa verrà messo a disposizione in termini di contenuto? Sicuramente i capisaldi sono i classici film Disney, i classici film d'animazione, gli spettacoli che arrivano dal Disney Channel, i contenuti originali (di cui parleremo in seguito) oltre a spettacoli e film di Marvel, Star Wars, Pixar e National Geographic .

Il pezzo più interessante, ovviamente, saranno i contenuti originali, in quanto fanno parte della strategia Disney per superare Netflix. In questo momento non ci sono moltissimi contenuti originali se escludiamo il titolo straordinario della prima (e speriamo non ultima) serie dei Mandaloriani, diretta dall'ex pioniere della Marvel, il regista Jon Favreau. Tra gli altri originali ricordiamo la versione Live Action di  di Lilli e il vagabondo , High School Musical - The Musical - The Series, Encore, The World Secondo Jeff Goldblum, Noelle ed un mucchio di documentari. C'è anche la Pixar Spark Shorts, fondamentalmente una raccolta di mini film che in genere vanno in onda prima della fine di ogni film della Pixar, ma solo quattro dei quali inediti.

Stranamente, Disney Plus ha anche 30 stagioni di The Simpsons, il che potrebbe significare che Disney utilizzerà il catalogo di film e spettacoli Fox per colmare eventuali lacune nel suo palinsesto.  Una cosa molto buona in quanto, come detto prima, i contenuti originali sono un po' carenti in questa fase iniziale di lancio.

(Image credit: Disney Plus)

Tuttavia, Disney Plus non è solo limitato ai programmi TV e uno dei progetti più grandi sarà sicuramente la messa online del mostruoso catalogo di film che risale agli anni '30, con classici come Robin Hood o Cenerentola e alcuni dei rifacimenti moderni prodotti da Disney negli ultimi due decenni. Sfortunatamente, non sono sempre film di produzione recentissima, poiché è chiaro che la Disney non vuole rinunciare alle vendite delle novità  in formato Blu-ray.

Allora, qual è il punto chiave in termini di nuovi spettacoli e film? Probabilmente troveremo la maggior parte dei contenuti che hanno più di sei mesi. Abbiamo esaminato rapidamente la libreria e individuato Avengers Infinity War, Rogue One, Black Panther e gli Avengers originali, ma i contenuti recentissimi come Aladdin e The Lion King non risultano ancora disponibili.

Non è chiaro se Disney inserirà immediatamente i suoi nuovi titoli su Disney Plus. Un fatto però è abbastanza chiaro: non saremo in grado di vedere un film su Disney Plus mentre è ancora in programmazione nei cinema.

(Image credit: Disney)

La chiave di volta del servizio comunque, sarà proprio la frequenza con cui questo catalogo verrà aggiornato. Disney ci ha già detto che alcuni dei suoi spettacoli più rilevanti verranno rilasciati su base settimanale per mantenere gli spettatori iscritti per periodi di tempo più lunghi, ma considerando le tempistiche che studi come Marvel, Pixar e Star Wars hanno per realizzare i loro prodotti, non siamo sicuri che ci saranno abbastanza contenuti per trattenere le persone molto a lungo.

Ciò è dovuto al fatto che siamo stati viziati da servizi di streaming come Netflix che hanno nuovi spettacoli e film aggiunti al catalogo praticamente ogni settimana: quelli che hanno realizzato internamente ed altri ancora concessi in licenza da ulteriori fornitori di contenuti.

Senza l'aggiunta di contenuti da altri partner, quelli di Disney Plus potrebbero esaurirsi piuttosto rapidamente. 

Star Wars su Disney Plus: quali film e programmi TV stanno arrivando?

Disney Plus: esperienza visiva e qualità del servizio

Per la maggior parte delle persone, Disney Plus riprodurrà in streaming in HD / SDR, che è perfetto sia per la fruizione su TV a grande schermo che su smartphone. Anche se questo accade anche per gli altri servizi di streaming, troviamo che sia piuttosto rilevante che Disney Plus sia stato in grado di farlo, considerando l'età di alcuni dei suoi film e spettacoli, e dimostra che Disney ha pensato molto alla qualità generale dell'immagine del contenuto.

Ancora meglio, una piccola parte dei contenuti è disponibile in 4K / HDR e Dolby Vision ed è disponibile senza costi aggiuntivi. Ciò include attualmente l'intera Saga di Skywalker (episodi 1, 2 e 3 inclusi), film animati moderni come Frozen e Oceania, oltre a classici rimasterizzati come Aladdin e La sirenetta. Non aspettatevi oltre 100 titoli come quelli che troverete su Netflix, ma è un buon inizio e dimostra che Disney sta riflettendo seriamente sull'espansione della sua collezione 4K HDR.

L'ovvio corollario alle affermazioni di cui sopra è che sarà necessario disporre di una connessione Internet stabile con un minimo di 10 Mbps o superiore e, nel caso desideriate fruire di contenuti 4K e HDR, una TV 4K con supporto HDR.

(Image credit: Disney)

Sfortunatamente non c'è modo di limitare intenzionalmente l'utilizzo della banda internet durante la visione, ma Disney Plus offre la visualizzazione offline già da ora. Pertanto se siete su una rete Wi-Fi pubblica o da un amico con dati illimitati, potrete facilmente fare scorta di spettacoli e film da guardare sul vostro dispositivo e visionarli quando sarete a casa o in volo.

L'app Disney Plus non consente di limitare l’utilizzo dei dati se volete risparmiare i vostri gigabyte inclusi nel contratto con l’operatore mobile. Però è possibile scaricare i contenuti e vederli offline. Quindi in caso di necessità potrete scaricare in anticipo ciò che volete guardare. 

L’applicazione Disney Plus permette però di decidere se fare streaming oppure no quando si usa la connessione mobile. Nel primo caso potrete se non altro scegliere di riprodurre i contenuti in bassa qualità, risparmiando così un po’ di dati. Se decidete invece di scaricarli, potrete scegliere tra qualità Standard, Average o High. In nessun caso viene specificata la risoluzione. 

Un piccolo bug che abbiamo riscontrato è che la funzione di ripresa non è affidabile su Disney Plus come su Netflix, che salva perfettamente il punto di interruzione in una sere  o film con precisione al secondo. In più di un'occasione abbiamo brevemente smesso di guardare “Lilli e il vagabondo” per fare una pausa, ed essere costretti a ripartire dall’inizio del film appena abbiamo ricominciato a guardarlo.

Terremo d'occhio questo bug mentre continueremo ad utilizzare il servizio, ma vale la pena notare che Disney Plus potrebbe, per il momento, non essere all'altezza di servizi leader come Netflix come livello tecnologico.

Il nostro verdetto

Definire Disney Plus un servizio di streaming essenziale potrebbe sembrare un po' prevenuto, a questo punto. Senza una strategia chiara per l’aggiunta di nuovi contenuti, il servizio potrebbe far scendere l’interesse già nel giro di pochi mesi. Ciò che è disponibile ora è una buona salva d'apertura contro titani di streaming di lunga data come Netflix e Amazon Prime, e il prezzo da discount lo rende uno dei servizi più convenienti disponibili.

Poiché sarà disponibile ad un prezzo così conveniente ed esiste la possibilità di fare una prova gratuita di sette giorni, consigliamo assolutamente di provarlo per almeno alcune settimane. I film Marvel, Skywalker Saga in 4K e decine di classici Disney copriranno qualsiasi fascia d'età abbastanza per tenere occupati i membri di ogni famiglia, per diverso tempo. 

Gradiremmo che ci fossero alcuni film più recenti, più contenuti originali ed un programma di contenuti fissi che includesse contenuti in licenza da altri operatori, ma per i fan della “House of Mouse” e quelli che desiderano provare qualcosa di nuovo, Disney Plus offre una buona base per un servizio che un giorno potrebbe riuscire a competere con Netflix.

(Image credit: Lucasfilm)

Per chi è?

Fanatici Disney: Se avete amato le produzioni Disney per tutta vostra  la vita, probabilmente vorrete abbonarvi a Disney Plus. È il contenitore definitivo per il lavoro dell'azienda negli ultimi 80 (!) anni. Più avanti sarà probabilmente l'unico posto in cui si potranno guardare i contenuti originali Disney, che non troverete da nessun'altra parte.

Appassionati di fantascienza: un inizio sorprendente, con la Skywalker Saga in 4K il giorno del lancio, mostra che Disney sta prendendo sul serio i suoi marchi di fantascienza. Se vi considerate un fan dell’Universo di Star Wars o di quello a “fasi” di Marvel, questo servizio sarà fondamentalmente la fonte di tutti quei franchising che vanno avanti anno dopo anno e vi permettono di dare una giustificazione ai soldi spesi per l’abbonamento.  

(Image credit: Disney)

Per chi invece no?

Quelli che si abbuffano: se siete GRANDI fruitori di contenuti, in grado di terminare una serie Netflix in pochi giorni, Disney Plus probabilmente non vi farà divertire per molto tempo. Il catalogo, sebbene sia certamente vasto, contiene solo poche dozzine di serie e film davvero fantastici per ogni fascia d'età. Senza sapere quanto presto verranno aggiunti altri contenuti, potreste ritrovarvi facilmente senza qualcosa da guardare nelle prossime due settimane.

Talk Show, Sitcom e amanti dello sport: Disney Vault è ampio e profondo, ma non contiene molti talk show, sitcom o documentari sportivi. Ci sono degli accordi negli Stati Uniti, ma per tutti gli altri paesi, il discorso rimane ancora completamente da affrontare.

  • Jarno Stinissen, Bram Lodewijks e Henry St. Leger hanno tutti contribuito a questa recensione.