Skip to main content

Dolby Vision: il nuovo formato HDR per il vostro televisore

Aggiornamento: il formato Dolby Vision è comparso in alcuni luoghi imprevedibili, fuori dal mondo dei televisori. Lo abbiamo visto su Xbox One S e Xbox One X, così come su iPhone XS e iPhone XS Max.

Dolby Vision è l’avanzamento che aspettavamo da dieci anni nella tecnologia dei televisori, e che ha cambiato le regole del gioco. La risoluzione 4K ci ha dato più pixel, ma è l’HDR che ha reso possibile per rendere questi pixel brillanti come non erano mai stati. .

In poche parole, Dolby Vision è il carburante che rende possibile la visione dei migliori contenuti della Terra. È un formato sempre più richiesto dalle aziende, che vogliono sfruttarne il potenziale e restituire immagini colorate, dinamiche e calcolate scena per scena. Tutto questo ora potrete averlo sul televisore a casa.

Se non avete mai sentito parlare del Dolby Vision, non importa. Si tratta di una tecnologia ancora in fase di diffusione tra i produttori, ed è solo da poco che coinvolge i televisori, le console, gli smartphone e i lettori Blu-ray che avete a casa.

È una nuova tecnologia, ma noi l’abbiamo testata ed è esattamente quello che ci vuole perchè l’home cinema possa eguagliare il grande schermo. La cosa migliore di tutte è che è già disponibile per arrivare nelle vostre case da ora.

Cos’è il Dolby Vision? 

Il Dolby Vision è un tipo di HDR, probabilmente secondo in quanto a popolarità solo all’HDR10 standard, che si trova ovunque incluso su tutti i televisori e lettori HDR.

Nonostante la tecnologia alla base sia la stessa dell’HDR Standard (Dolby dopotutto ha avuto un ruolo fondamentale nel suo sviluppo), è comunque una soluzione migliore.

Il miglioramento principale dal punto di vista dell’utente è l’aggiunta di un ulteriore livello di informazioni al segnale video HDR di base. Questo contiene informazioni scena per scena, che i televisori compatibili con Dolby Vision possono impiegare per migliorare la presentazione delle immagini. Questo significa che i chiari sono più luminosi e i neri sono più profondi, e questo permette al televisore di visualizzare tutta la gamma di colori dello standard di colore Rec. 2020.

Se l’HDR vi lascia senza parole, aspettate di vedere il Dolby Vision.

Per gli appassionati di home cinema, il pezzo forte è stato l’Ultra HD Blu-ray. Il Dolby Vision è un’opzione inclusa nella scheda tecnica dell’UHD BR, e i fan scalpitavano per vedere quanta differenza avrebbe fatto un sistema Dolby per la qualità dell’immagine.

Gli ultimi arrivati su Ultra HD Blu-ray su Dolby Vision includono Cattivissimo me, West World di HBO e Star Wars: Gli ultimi Jedi. Sono semplicemente fantastici, a patto che abbiate l’hardware per poterli guardare. 

Di cosa avrete bisogno per guardare contenuti in Dolby Vision 

A scanso di equivoci, Dolby Vision è una piattaforma sotto licenza che ha bisogno di dispositivi compatibili lungo tutta la catena. Quindi acquistare il Blu-ray 4K di Cattivissimo Me non sarà sufficiente, avrete bisogno di un televisore e un lettore Blu-ray 4K che supportino Dolby Vision.

Tutti i televisori LG OLED supportano Dolby Vision, così come i Super UHD LCD di fascia alta. Anche i televisori Sony con chip X1 Extreme (i modelli ZD9, A1 OLED, XE93 e XE94, oltre al 2018 X900F) supportano DV dopo un aggiornamento firmware. Anche la maggior parte delle serie 2019 di Panasonic  (GX800, GX920, GZ1000, GZ1500 e GZ2000) supportano Dolby Vision.

Gli ultimi arrivati nella famiglia Dolby Vision sono le console (Xbox One S e Xbox One X) e gli smartphone, ma solo quelli di fascia alta. Il formato è supportato dai nuovi iPhone XS, iPhone XS Max, iPhone X e LG G6, e regala esperienze visive davvero vivide sugli schermi che usate di più.

Per il momento ci sono pochi lettori Blu-ray 4K che supportano Dolby Vision, come ad esempio l’Oppo UDP-203 (ora ritirato dal mercato) e l’Oppo 205, ma altri modelli di LG e Sony dovrebbero arrivare presto.

Se siete abbastanza fortunati da avere già un’attrezzatura adeguata, fidatevi di noi e comprate più Dolby Vision Blu-ray che potete. L’impatto di Dolby Vision sull’esperienza visiva è incredibile, provate e vedrete.

Dolby Vision: un nuovo mondo di colori 

Prendiamo i colori, per esempio. Con la nostra combinazione di Oppo 203 e LG OLED55C7, il Dolby Vision di Cattivissimo Me ha mostrato una varietà di colori e sottotoni mai vista prima. Tutto, dalla tonalità della pelle delle animazioni al colore dei muri, ha colori precisi e con leggere variazioni che semplicemente non si possono vedere con l’HDR10.

Le immagini hanno istantaneamente un aspetto più dettagliato e rifinito, nonostante Dolby Vision non aggiunga effettivamente pixel ai fotogrammi in 4K.

Il Dolby Vision non riproduce solamente colori più dettagliati rispetto all’HDR10. Alcuni colori sono proprio leggermente diversi per intensità e tonalità, e la nostra impressione è che la versione Dolby Vision sia in definitiva la riproduzione del colore più fedele.

Gli ultimi lettori Blu-Ray 4K di Panasonic non supportano Dolby Vision

Gli ultimi lettori Blu-Ray 4K di Panasonic non supportano Dolby Vision

Dolby Vision è il re indiscusso della riproduzione delle aree più chiare. In qualche modo, la tecnologia sembra riprodurre chiari puri, i più luminosi che abbiamo visto su un LG OLED, e allo stesso tempo riproduce scene scure molto piene, con dettagli illuminati da una luce soffusa.

In realtà sembra esserci più definizione tra le leggere differenze nelle parti chiare con Dolby Vision, che hanno un aspetto talmente stabile, ricco e profondo da sembrare quasi in 3D rispetto alle immagini dell’HDR10, più piatte e meno precise.

Come se non fosse già abbastanza, le impostazioni che Dolby ha progettato per l’OLED55C7 sembrano gestire il movimento in modo più pulito e fluido rispetto all’HDR10.

Mettendo insieme tutti questi fattori, si nota che i fotogrammi di Cattivissimo Me restituiscono un’immagine mai vista prima su un televisore domestico, nonostante non si tratti di un film d’animazione tra i più recenti. Abbiamo guardato anche la versione Dolby Vision di Guardiani della Galassia Vol. 2 di recente, e possiamo solo immaginare quanto spettacolare possa essere il Dolby Vision in azione con titoli più sofisticati. 

Le tecnologie rivali del Dolby Vision 

A questo punto, vale la pena ricordare che alcune aziende (come ad esempio Samsung) non hanno una convenzione con Dolby Vision e affermano di poter dare gli stessi risultati usando l’HDR10.

Dopo aver guardato Cattivissimo Me in HDR10 sul Samsung UE65KS9500 possiamo dire che non è stato all’altezza dell’accuratezza dei colori del Dolby Vision sull’LG OLED, nonostante i chiari fossero più luminosi.

Nel 2017 Samsung ha annunciato una partnership con Amazon Prime Video per sviluppare un nuovo formato HDR chiamato 'HDR10+', che in aggiunta applica un livello dei cosiddetti ‘metadata dinamici’ (ossia l’ottimizzazione di ogni singola scena) alla tecnologia HDR. Sostanzialmente è un’alternativa royalty-free al Dolby Vision, integrata nei televisori QLED di fascia alta Samsung. 

Tutti i televisori OLED recenti di LG, comreso l'LG E8 OLED, supportano Dolby Vision

Tutti i televisori OLED recenti di LG, comreso l'LG E8 OLED, supportano Dolby Vision

Sia Panasonic che 20th Century Fox si sono schierati con l’HDR10+, vendendolo come un formato HDR open-source più democratico. Recentemente Panasonic ha cambiato idea, infatti potrete avere il Dolby Vision acquistando alcuni lettori Blu- Ray 4K e televisori Panasonic.

Non stiamo dicendo che i vostri prossimi televisori e lettori Blu-ray dovranno necessariamente supportare Dolby Vision. Dopotutto questo formato deve comunque adattarsi alle limitazioni di luminosità e colore dei televisori su cui viene integrato.

Ci sono televisori che non supportano Dolby Vision (in questo caso, Samsung) in grado di darvi livelli di colore e luminosità che attualmente sono superiori. Per il momento non ci sono molti lettori Blu-ray Dolby Vision Ultra HD, nonostante il formato sia ufficialmente sul mercato.

Certo è che, dopo aver visto il Dolby Vision in azione su un Blu-ray 4K, fa un lavoro incredibile nell’ottenere il meglio da tutti gli schermi. E francamente questo potrebbe essere un problema per la tecnologia HDR attuale, complicata e piena di errori