Recensione Sony X95L

Sony X95L è un capolavoro mini-LED

The Sony X95L on a table
Editor's Choice
(Image: © Future)

TechRadar Verdetto

La seconda generazione di TV mini-LED di Sony, X95L, risolve praticamente tutto ciò che non andava bene con la prima, dando vita a un TV davvero spettacolare che dimostra senza ombra di dubbio che Sony continua a tenere all'LCD almeno quanto all'OLED.

Pro

  • +

    Eccellente controllo della retroilluminazione

  • +

    Eccezionale elaborazione delle immagini

  • +

    Impressionante sistema audio integrato

Contro

  • -

    Piuttosto costoso

  • -

    Non così luminoso come alcuni rivali

  • -

    Alcune limitazioni di gioco

Perché puoi fidarti di TechRadar I nostri esperti revisori trascorrono ore a testare e confrontare prodotti e servizi in modo che tu possa scegliere il meglio per te. Scopri di più su come testiamo.

Sony X95L: recensione breve

Il Sony X95L ha l'obiettivo di risolvere i problemi del suo predecessore mini-LED con un design migliorato del pannello, un'elaborazione più spinta e un numero di zone di local dimming superiore del 10%.

Il design, che combina il classico minimalismo di Sony con un'insolita flessibilità, grazie alle diverse opzioni di montaggio dei piedini, è di alto livello. 

Le funzioni intelligenti sono fornite dall'ultima versione di Google TV, mentre il cervello del televisore è affidato all'ultimo e più potente processore Cognitive XR di Sony. 

Il nuovo sistema di retroilluminazione è una rivelazione. Praticamente tutti gli effetti blooming che si verificavano intorno agli oggetti luminosi con i precedenti modelli mini-LED di Sony, gli X95K, sono scomparsi, lasciando un'immagine molto più coerente e coinvolgente che gode ancora di toni neri straordinariamente profondi e ricchi.

Sony ha dovuto modificare un po' la sua precedente filosofia LCD "luminosità a tutti i costi" per ottenere questo nuovo risultato, attenuando leggermente i punti salienti dell'immagine molto luminosi se appaiono su uno sfondo nero. Ma i vantaggi di questo nuovo approccio superano di gran lunga gli svantaggi, soprattutto perché alla maggiore coerenza della retroilluminazione si aggiungono alcuni dei colori più raffinati, la gestione del movimento più curata e la nitidezza 4K più naturale che abbiamo mai visto.

Come se non bastasse l'eroicità delle immagini, il 65X95L vanta anche un sistema audio straordinariamente chiaro, dettagliato e coinvolgente. 

Sony X95L: prezzo e uscita

The Sony X95L on a table

(Image credit: Future)
  • Disponibile da settembre 2023
  • I prezzi partono da 2.899€ per il modello da 65"

Il TV LCD premium X95L di Sony è ora disponibile al prezzo di partenza di 2.899€ per il modello da 65". La versione da 75" costa 3.799€, mentre quella da 85" costa 4.999€.

Sony X95L: funzioni

A close up of the side of the Sony X95L

(Image credit: Future)
  • TV mini-LED 4K con local dimming
  • Processore Cognitive XR 
  • HDR10, HLG e Dolby Vision HDR

Come ormai ci aspettiamo dai televisori LCD di punta di marchi AV "seri" come Sony, il 65X95L si avvale di un mini sistema di illuminazione a LED supportato dal local dimming. Sony dichiara che questo motore di dimmerazione è stato notevolmente migliorato rispetto al suo predecessore, a cominciare dall'aumento del numero di zone di dimmerazione a 480 rispetto alle 432 del precedente modello 65X95K. 

Insieme ad altri miglioramenti apportati all'elaborazione e alla configurazione del pannello del 65X95L, questo miglioramento del local dimming dichiara di generare una luminosità di picco superiore del 30% rispetto al modello precedente. Se volete dare un'occhiata ai dati reali, il 65X95L produce ben 1560 nits su una finestra HDR bianca al 10%, 1225 nits su una finestra al 2% e 611 nits su una finestra HDR a tutto schermo. Si noti che, contrariamente a quanto ci si aspetterebbe di vedere con gli schermi OLED, la luminosità del 65X95L con la finestra più piccola del 2% è inferiore a quella del 10% a causa del funzionamento del local dimming.

Attualmente gli schermi OLED non sono in grado di ottenere una luminosità pari a quella del 65X95L con una finestra del 10% o quasi con una finestra di test del 100%. Ma dall'altro lato della medaglia, ovviamente, anche 480 zone di regolazione non possono garantire lo stesso tipo di controllo della luce a livello di pixel che si ottiene con gli schermi OLED autoemissivi. Detto questo, Sony ha già dimostrato un talento straordinario nell'ottenere un controllo della luce quasi sorprendentemente buono da un numero di zone di regolazione molto inferiore a quello del 65X95L.

L'elaborazione migliorata, di cui ho parlato prima, è l'ultima versione del motore Cognitive Processor XR di Sony. Un sistema di elaborazione motivato prevalentemente (a seconda delle preimpostazioni scelte) da due obiettivi: Rendere le immagini più simili alla vita reale e far sì che le sorgenti assomiglino il più possibile al modo in cui sono state create in una suite di mastering professionale. 

In termini di nuovi miglioramenti specifici per l'elaborazione del 65X95L, gli algoritmi di local dimming sono stati apparentemente migliorati, mentre un nuovo sistema XR Clear Image afferma di offrire un upscaling delle sorgenti HD e SD alla risoluzione 4K nativa del televisore ancora migliore rispetto ai già brillanti sistemi di upscaling precedenti di Sony.

A prima vista, la gamma di connessioni del 65X95L, composta da quattro HDMI, due USB, un ingresso per diffusori ibridi compositi/S-Centre, un ingresso audio digitale ottico, una porta Ethernet e l'immancabile supporto Wi-Fi e Bluetooth, sembra abbastanza all'altezza di un televisore di fascia alta. Un'ispezione più approfondita, tuttavia, rivela che solo due delle HDMI supportano il tipo di larghezze di banda elevate richieste dai videogiocatori all'avanguardia, e anche queste richiedono di accettare uno o due compromessi. Ne parleremo meglio nella sezione Gaming della recensione. 

Come per i televisori di fascia alta di Sony da un paio di generazioni a questa parte, il 65X95L punta molto sulle collaborazioni e le sponsorizzazioni di terze parti. Per cominciare, è presente un'intera gamma di prodotti Dolby, con la decodifica Dolby Vision HDR e Dolby Atmos. Il televisore è stato inoltre certificato da IMAX come in grado di ottenere il meglio dal formato home video IMAX Enhanced. Nel frattempo, Netflix gli ha concesso una modalità Netflix Calibrated che imposta il televisore in modo che corrisponda alle condizioni di masterizzazione interne a Netflix.

L'unico assente degno di nota nell'elenco dei formati supportati dal 65X95L è l'HDR10+. Anche LG si rifiuta di adottare questo rivale del Dolby Vision (mentre Samsung si rifiuta di adottare il Dolby Vision). Ma ci sono televisori di Philips, Panasonic e TCL che supportano entrambi i formati, ed entrambi i formati sono ormai ampiamente disponibili nel mondo dei contenuti. 

Le caratteristiche premium del 65X95L non si limitano alla qualità dell'immagine. Il cosiddetto sistema audio Acoustic Multi-Audio+ utilizza altoparlanti posizionati intorno al corpo del televisore, compresi tweeter a vibrazione sui lati, per offrire un palcoscenico più ampio e dettagliato, come sostiene Sony.

Se avete o state pensando di aggiungere una soundbar Sony al televisore, la porta S-Centre di cui ho parlato di sfuggita può consentire al televisore di svolgere il ruolo di canale centrale mentre la soundbar si occupa del resto.

Punteggio funzioni: 4.5 / 5

Sony X95L: qualità dell'immagine

The Sony X95L on a table

(Image credit: Future)
  • Eccellente controllo della retroilluminazione
  • Immagini HDR luminose
  • Eccellente elaborazione delle immagini

Il debutto dei mini LED di Sony, la gamma X95K del 2022, è stato buono, ma non è stato all'altezza di alcuni dei suoi rivali premium. Sembrava quasi che la doppia sfida di gestire una grande quantità di LED aggiuntivi e un numero di zone di dimmerazione molto più elevato rispetto a quello con cui Sony era abituata a lavorare fosse un passo troppo lungo per i suoi sistemi di controllo della retroilluminazione, che di solito sono stellari. Fortunatamente, l'anno in più che gli ingegneri di Sony hanno avuto a disposizione per lavorare sul 65X95L ha dato ottimi frutti.

In particolare, mentre le scene scure sugli X95K potevano apparire piuttosto incoerenti, soprattutto per quanto riguarda la comparsa di effetti blooming intorno agli oggetti luminosi, sul 65X95L appaiono brillantemente coerenti e, di conseguenza, molto più coinvolgenti. La fioritura intorno agli oggetti luminosi è enormemente ridotta in termini di regolarità con cui è possibile vederla, di estensione della sua "diffusione" e, soprattutto, di intensità del suo grigiore in quelle rarissime occasioni in cui diventa debolmente visibile. 

Uno degli strumenti introdotti da Sony per ridurre il blooming è quello di attenuare leggermente gli oggetti molto luminosi se appaiono su uno sfondo molto scuro. Si tratta di un'operazione che la rivale Samsung fa da anni, ma che Sony ha sempre evitato. Tuttavia, l'oscuramento è molto lieve, rispetto a quello che può verificarsi con i TV Samsung, e quindi è molto meno probabile che si noti in modo fastidioso. Ciò significa che si tratta di un compromesso ragionevole in cambio dell'uniformità del livello del nero notevolmente migliorata del 65X95L.

Le scene scure non convincono solo per la migliore uniformità dei colori neri. Anche la profondità del nero del 65X95L è notevole. Tanto che spesso è difficile credere che si stia guardando un TV LCD piuttosto che un TV OLED. A parte il fatto che il 65X95L è in grado di raggiungere livelli di luminosità che non possono competere con i televisori OLED. Soprattutto quando si tratta di riprese HDR che inondano di luminosità l'intera area dello schermo. 

Anche in questo caso devo fare una piccola precisazione: il 65X95L non raggiunge la stessa luminosità dei TV mini LED di punta di Samsung. Ma oltre al fatto che l'ammiraglia mini-LED 4K di Sony è significativamente più economica di quella di Samsung, il modo in cui gestisce la luce è così efficace che la luminosità offerta sembra sufficiente per offrire un'esperienza HDR spettacolare ma anche costantemente credibile e naturale.

La luminosità e il contrasto migliorati del 65X95L rispetto al 65X95K si traducono anche in un miglioramento delle prestazioni cromatiche. I toni saturi appaiono più ampi e vividi e, come al solito, il sistema cromatico Triluminos di Sony, un po' misterioso, fa un lavoro straordinario utilizzando la luce disponibile per rendere i toni con una sottigliezza eccezionale. Riuscire a ottenere una combinazione così ricca di vivacità ma anche di finezza è una di quelle cose che davvero separano i migliori televisori dagli altri.

La delicatezza della gestione del colore e del controllo della luce contribuisce a creare un eccezionale senso di nitidezza, dettaglio e, soprattutto, profondità nelle immagini del 65X95L. Gli oggetti appaiono realmente tridimensionali senza bisogno di occhiali 3D e l'immagine appare sempre estremamente "4K". Anche con sorgenti HD, grazie al nuovo motore di upscaling 4K dell'X95L, straordinariamente astuto ed efficace.

Vale la pena aggiungere che, nonostante i colori neri straordinariamente profondi che il 65X95L è in grado di offrire, il suo controllo della luce, anche a livelli di "quasi nero", è abbastanza buono da garantire che non si abbia mai la sensazione di perdere qualche sottile dettaglio d'ombra, anche negli angoli più bui dell'immagine. 

Non c'è perdita di nitidezza nemmeno durante le scene d'azione piene di movimento. Anche senza elaborazione del movimento, il 65X95L gestisce il judder con le sorgenti cinematografiche a 24p con una neutralità impressionante, ma se vi capita di essere distratti dal judder con una particolare sorgente a 24p (probabilmente molto luminosa), alcune delle opzioni di elaborazione del movimento che Sony mette a disposizione fanno un lavoro eccellente, probabilmente di prim'ordine, per ridurre l'impatto del judder senza lasciare l'immagine piena di sgradevoli effetti collaterali dell'elaborazione. A patto, comunque, di utilizzare le opzioni di elaborazione del movimento solo con le impostazioni di potenza più basse. 

È interessante notare anche come l'eccezionale Cognitive Processor XR lavori, a seconda della preselezione selezionata, per enfatizzare sottilmente gli oggetti chiave nelle immagini, come farebbero gli occhi quando percepiscono il mondo reale, o per ricreare le preferenze di enfasi dei master originali. Entrambi gli approcci offrono risultati deliziosi, pur rispondendo a preferenze d'immagine leggermente diverse.

Sebbene le immagini del 65X95L rappresentino un grande balzo in avanti rispetto a quelle del suo predecessore e non siano mai meno di una gioia per gli occhi, c'è un trio di piccoli problemi da segnalare. Uno l'ho già toccato: Sebbene sia più luminoso dell'OLED, ci sono uno o due televisori mini LED ancora più luminosi in circolazione. Tuttavia, la luminosità del 65X95L è ottimizzata in modo spettacolare.

La preimpostazione Vivid del 65X95L abbandona stranamente la sensibilità e la delicatezza che il televisore sfoggia con orgoglio in tutte le altre modalità di immagine, con i colori in particolare che diventano gonfiati e poco realistici. Alcune preimpostazioni possono causare un evidente clipping (perdita di ombreggiature e dettagli) anche nelle parti più luminose delle immagini HDR e, sebbene i controlli della retroilluminazione siano generalmente eccellenti, occasionalmente una scena HDR gestita in modo molto aggressivo e contenente una miscela particolarmente dinamica di contenuti chiari e scuri, come la festa che domina la sezione iniziale di Babylon su Blu-ray 4K, può risultare un po' piatta perché il televisore fatica a conciliare variazioni di luminosità e contrasto così complesse ed estreme.

La maggior parte degli inconvenienti, tuttavia, è evitabile semplicemente facendo attenzione alle preimpostazioni utilizzate, e quelli che non sono così facilmente risolvibili si presentano solo molto raramente. Ciò significa che nel complesso le immagini del 65X95L possono essere considerate di una bellezza sorprendentemente costante.

Punteggio qualità dell'immagine: 5 / 5

Sony XR-65X95L: qualità del suono

The back of the Sony X95L

(Image credit: Future)
  • Il sistema di diffusori Acoustic Multi-Audio funziona bene
  • Bassi potenti e non distorti
  • Palcoscenico ampio e ben sviluppato

Nonostante a prima vista non sembri avere lo spazio fisico per ospitare diffusori degni di questo nome, il 65X95L ha un suono eccellente per gli standard audio dei televisori integrati.

L'uso di un'ampia gamma di diffusori contribuisce a disperdere il suono molto più ampiamente di quanto farebbe un semplice sistema di diffusori stereo o down-firing. I tweeter a cornice fanno anche un lavoro a volte sorprendente per far sembrare che gli effetti sonori provengano proprio dal punto giusto dello schermo o da quello più lontano, riuscendo persino a tracciare il suono degli oggetti in movimento con una precisione sorprendente.

Anche i dialoghi sono eccellenti, con un sapiente equilibrio tra chiarezza e contesto, e anche in questo caso sembrano provenire dalla parte dello schermo in cui si trova la testa di chi parla, piuttosto che da un array di diffusori separato sotto o a lato dell'azione sullo schermo.

C'è un buon equilibrio tra le varie gamme di frequenza e gli elementi della colonna sonora di un film impegnato, senza che nulla tenda a suonare troppo brillante o eccessivamente dominante.

I bassi sono un po' limitati per quanto riguarda la profondità della risposta in frequenza e il peso che possono aggiungere a un mix di film d'azione. I bassi, tuttavia, evitano ronzii, cadute di tono e altre comuni distorsioni dell'audio televisivo, mentre la gamma media è sufficientemente ampia da impedire che il suono appaia sottile o fragile. C'è anche abbastanza potenza per consentire al palcoscenico di aprirsi piacevolmente quando una scena d'azione o horror prende slancio.

Punteggio qualità del suono: 4.5 / 5 

Sony X95L: design

A close up of the Sony logo on the X95L

(Image credit: Future)
  • Tre diverse opzioni di posizione per i piedini
  • Può essere sollevato per ospitare una soundbar 
  • Qualità costruttiva impressionante

Il design del 65X95L offre un'interessante combinazione di eleganza minimalista e praticità. 

La sua cornice nera e argentata è abbastanza sottile da non distrarre dalle immagini che si stanno guardando, ma allo stesso tempo è molto robusta, mentre i piedini forniti con il televisore sono così stretti da risultare quasi invisibili.

I piedini possono essere posizionati in ben tre diverse configurazioni. L'opzione più elegante li vede infilati proprio sotto gli angoli inferiori dello schermo, in modo da sembrare quasi un'estensione orizzontale della cornice dello schermo. Ma è anche possibile posizionarli in modo da sollevare lo schermo abbastanza da poter posizionare una soundbar sotto di esso, oppure posizionarli più vicini tra loro in modo da poter appoggiare il televisore su un mobile stretto. Tutto ciò è molto utile.

La parte posteriore del 65X95L sporge un po' di più rispetto a quella della maggior parte dei televisori ultrasottili di oggi, ma a meno che non lo si appenda al muro probabilmente non lo si noterà. Questo perché l'ingombro è stato abilmente distribuito in due livelli distinti, con la parte più grassa posizionata verso il centro del pannello posteriore, in modo da non essere visibile a meno che non si guardi il televisore da un'angolazione estrema.

Punteggio design: 4.5 / 5

SonyX95L: Smart TV e menu

The Sony X95L remote

(Image credit: Future)
  • Supporto per Google TV
  • Supporto per il controllo vocale

Sony è salita da tempo sul treno di Android prima e di Google TV poi per i suoi sistemi TV intelligenti, quindi non è una sorpresa trovare Google TV anche sul 65X95L. 

Google TV è un miglioramento sostanziale rispetto al suo predecessore Android, con menu più attraenti e intuitivi. A mio avviso, però, l'interfaccia è ancora un po' troppo complessa per un televisore piuttosto che per un dispositivo smart e non offre tante opzioni di personalizzazione come altri sistemi concorrenti. O, almeno, non rende le opzioni di personalizzazione così evidenti. 

C'è anche un'esclusiva del servizio di streaming di Sony che merita di essere menzionata: Bravia Core. La caratteristica principale di questo servizio è che la sua vasta collezione di film (tra cui alcune uscite recenti e un'orda di materiale di catalogo) può essere riprodotta in streaming con una larghezza di banda molto più elevata rispetto a quella offerta dalla maggior parte dei servizi di streaming video, ottenendo una migliore qualità delle immagini 4K HDR. Per ottenere i massimi benefici da Bravia Core è necessaria una velocità di banda larga di almeno 80 Mbps, ma vi farà piacere sapere che acquistando un 65X95L avrete accesso a 10 film gratuiti da aggiungere alla vostra libreria prima di dover iniziare a pagare per gli altri.

Punteggio Smart TV e menu: 4 / 5

Sony X95L: gaming

The back of the Sony X95L

(Image credit: Future)
  • Supporto VRR 4K / 120Hz su due HDMI 
  • Nessun supporto Dolby Vision per i giochi 
  • Perfetto per PS5

Sorprendentemente, per un marchio che vanta una presenza così importante nel settore dei videogiochi, Sony è stata un po' più apatica rispetto ad alcuni dei suoi rivali quando si è trattato di adottare con convinzione le più recenti funzioni di grafica di gioco nei suoi televisori. Questa situazione continua in parte con il 65X95L.

Per cominciare, solo due delle quattro HDMI supportano ingressi di gioco 4K/120Hz e frequenze di aggiornamento variabili. Inoltre, una delle due HDMI compatibili con i giochi è anche quella che si dovrebbe utilizzare se si vuole sfruttare la capacità del canale di ritorno audio dell'HDMI.

Inoltre, è frustrante che il televisore richieda di scegliere tra la frequenza di aggiornamento variabile o il gioco Dolby Vision HDR; non è possibile avere entrambe le cose allo stesso tempo. Dato che non c'è nemmeno una modalità di gioco Dolby Vision a risposta rapida, probabilmente non vorrete comunque giocare in Dolby Vision con il 65X95L.

Tuttavia, è disponibile il supporto per la commutazione automatica della modalità a bassa latenza, che consente al televisore di passare alla modalità di immagine di gioco a risposta più rapida quando viene rilevata una sorgente di gioco piuttosto che una sorgente video. Inoltre, naturalmente, ci sono le altre funzioni limitate di Perfect For PlayStation che Sony ha introdotto un paio di anni fa nel tentativo di far sembrare che le divisioni TV e console parlino davvero tra loro. Tra queste, la possibilità di far sì che la PS5 ottimizzi automaticamente la sua uscita HDR per adattarsi al modello di TV Sony a cui è collegata.

Sony offre anche un menu dedicato ai giochi sullo schermo, che fornisce informazioni chiave sui feed di gioco in arrivo e l'accesso ad alcuni aiuti al gioco. Non è così avanzato come alcuni sistemi di menu di gioco concorrenti, compreso quello del modello OLED di punta A95L di Sony. Ma è molto meglio che non avere alcun menu di questo tipo. 

Il 65X95L riesce a ridurre l'input lag a 18,8 ms, se non ai massimi livelli mondiali, quando funziona con l'impostazione dell'immagine di gioco, e produce immagini di gioco sempre splendide, in particolare grazie alla luminosità, alla gestione dei colori decisa ma delicata e all'elevato grado di nitidezza e dettaglio.

Punteggio gaming: 4 / 5

Sony X95L, ne vale la pena?

Compratelo se…

Volete una luminosità da LCD con livelli di nero da OLED

Sebbene il 65X95L non possa offrire il controllo della luce a livello di pixel di un TV OLED, produce un contrasto tra i migliori e una retroilluminazione più pulita che abbiamo visto in un TV LCD, insieme al vantaggio della luminosità di quest'ultimo.

Desiderate un TV a grande schermo per la PlayStation 5

Grazie allo speciale status di Perfect for PlaySation, che include l'ottimizzazione automatica dell'HDR, e alle ottime prestazioni di gioco, il 65X95L è un eccellente display per PS5.

Avete una soundbar Sony

Il 65X95L è in grado di occuparsi del canale centrale se collegato a una soundbar Sony recente, liberando la soundbar per concentrarsi su altri aspetti del mix audio.

Non compratelo se…

Volete un controllo assoluto della luce a livello di pixel

Se più che la luminosità vi interessa il controllo della luce e del colore fino al livello di pixel per pixel, allora un TV OLED sarà probabilmente più adatto a voi.

Avete un'ampia gamma di dispositivi di gioco all'avanguardia

Avere solo due HDMI con capacità 4K/120Hz e VRR potrebbe essere un problema per alcune famiglie ossessionate dal gioco, ed è un peccato che non ci sia una modalità di gioco Dolby Vision o un supporto simultaneo per Dolby Vision e VRR.

Si desidera uno schermo sottile da appendere a parete

Sebbene il 65X95L riesca a sembrare elegante da tutte le angolazioni, tranne quelle più estreme, la sua parte posteriore relativamente profonda è più difficile da nascondere se il televisore viene montato a parete.

John Archer

AV Technology Contributor

John has been writing about home entertainment technology for more than two decades - an especially impressive feat considering he still claims to only be 35 years old (yeah, right). In that time he’s reviewed hundreds if not thousands of TVs, projectors and speakers, and spent frankly far too long sitting by himself in a dark room.