Skip to main content

Recensione Asus Zephyrus G14

Asus guida AMD al dominio mobile

Asus Zephyrus G14
Best in Class
(Image: © Future)

Il nostro verdetto

Asus Zephyrus G14 è un portatile da gaming veramente straordinario ed in grado di offrire ottime performance, una lunga durata della batteria e uno schermo con refresh rate elevato. Tutto questo in un portatile leggero, che si può facilmente trasportare in giro.

Pro

  • Ottima durata della batteria per un portatile da gaming
  • Prestazioni eccellenti
  • Sottile e leggero
  • Buon rapporto qualità/prezzo

Contro

  • Assenza della webcam
  • Ventole rumorose a pieno carico

Recensione breve 

Asus Zephyrus G14 è il portatile che è stato utilizzato da AMD per mostrare al mondo i suoi nuovi processori Ryzen 4000 per portatili da gaming e ora abbiamo capito il perché. Si tratta di un dispositivo relativamente sottile e leggero che offre prestazioni e durata della batteria mai viste prima in questa categoria. 

Con un prezzo di 1.449 dollari per il mercato americano (non conosciamo ancora il prezzo per l’Italia), lo Zephyrus G14 risulta essere un po' caro, ma rispetto ad altri portatili simili come il Lenovo Legion Y740, è possibile ottenere allo stesso prezzo un modello equipaggiato con una RTX 2060, ma con più RAM e un processore decisamente più potente. 

Possiamo quindi vederla in un altro modo: Asus ha posizionato un portatile equipaggiato con un Ryzen 9 di AMD nella stessa fascia di prezzo dei sistemi con a bordo gli Intel Core i7 che semplicemente non reggono il confronto. Certo, lo Zephyrus G14 non ha un design gaming accattivante come MSI GS65 appartenente alla serie Stealth, ma se siete alla ricerca di un sistema da gioco che sia potente e con una lunga durata della batteria, non dovreste guardare un portatile con Intel in questo momento.

Purtroppo, l'Asus Zephyrus G14 offre come scheda video dedicata "solo" una RTX 2060 MaxQ. Il livello di prestazioni che il processore riesce a raggiungere porta a chiederci di cosa sarebbe capace un sistema con una GPU più potente ma, tutto sommato, con un display a 1080p la RTX 2060 è più che sufficiente per fornire ottime prestazioni in ogni singolo gioco presente oggi sul mercato.

Essendo il primo portatile da gioco uscito con i nuovi processori Ryzen 4000 di AMD, l'Asus Zephyrus G14 ha molto da dimostrare. Tuttavia, dopo aver trascorso un po’ di tempo a provarlo, possiamo affermare sicuramente che esso è veramente straordinario e rappresenta solo l’inizio della nuova generazione di portatili attesi nel corso del 2020.

Asus Zephyrus G14

(Image credit: Future)
Specifiche tecniche

Ecco la configurazione dell'Asus Zephyrus G14 inviato a TechRadar per la recensione:

CPU: 3.0GHz AMD Ryzen 9 4900HS (8 core, cache da 12MB cache, fino a 4.3GHz)
Scheda video: Nvidia GeForce RTX 2060 (6GB GDDR6)
RAM: 16GB DDR4 (3200MHz)
Schermo: 14 pollici Full HD (1920 x 1080) IPS, 120Hz
Archiviazione: 1TB SSD (PCIe)
Porte: 2 x USB 3.1 Gen2, uscita HDMI, Gigabit Ethernet, 2 x USB 3.2 Gen1, 1 x entrata microfono, 1 x uscita cuffie
Connettività: Intel Wi-Fi6 (802.11ax); Bluetooth 5.0
Peso: 1.60kg
Dimensioni: 32.4 x 22.4 x 1.79 cm (L x P x A)

Prezzo e disponibilità 

Attualmente, lo Zephyrus G14 di Asus non risulta disponibile in Italia. Per quanto riguarda il resto del mondo, abbiamo trovato una sola configurazione disponibile nella pagina del negozio Asus degli Stati Uniti. Per 1.449 dollari si può acquistare  lo Zephyrus completo di Ryzen 9 4900HS, 16GB di RAM e una Nvidia GeForce RTX 2060 con 6GB di GDDR6. 

Nel Regno Unito il portatile appare disponibile in ben due varianti, al prezzo di 999 e 1599 sterline, ma con hardware totalmente diverso. Il modello da 1599£ è equipaggiato con un AMD Ryzen 7 4800H, 16GB di RAM ed RTX 2060, inoltre ha un display QHD (2560 x 1440 pixel), al posto di quello FHD con un refresh rate di 120Hz che è il pannello di cui è dotato il portatile che abbiamo recensito. Il modello base è invece limitato ad un AMD Ryzen 5 4600H e ad una Nvidia GeForce GTX 1650. Non abbiamo ancora avuto l’occasione di provare dei portatili dotati di un processore Ryzen 5, perciò non possiamo dirvi se il prezzo di 999 sterline sia adeguato al prodotto. Potrebbe essere veloce anche con una dotazione di soli 8GB di memoria RAM. .

Verso il mese di giugno è comunque previsto l’arrivo di ulteriori configurazioni. 

Quando si guardano le specifiche dell'Asus Zephyrus G14 nelle varie configurazioni e di come esse cambino così drasticamente da un Paese all'altro, fare una raccomandazione risulta difficile. AMD Ryzen 4000 è una piattaforma nuova di zecca, quindi possiamo parlare solo per il modello che abbiamo davanti a noi in questo momento. Abbiamo l'impressione netta che AMD sia riuscita a creare una CPU degna di nota, e per molti potrebbe rappresentare una ragione valida per sostituire il proprio notebook dotato di vecchie CPU Intel. Cerchiamo di scoprire se varrà davvero la pena investire i nostri soldi su questo modello.

Asus Zephyrus G14

(Image credit: Future)

Design

Considerando l'hardware offerto, l'Asus Zephyrus G14 è più sottile e leggero di quanto ci si possa aspettare. Con uno spessore di soli 1,8 cm e un peso di soli 1,6 Kg, risulta essere estremamente maneggevole nonostante sia un portatile da gioco. Non è così sottile e leggero come, ad esempio,  l’XPS 13 di Dell, ma non è necessario che lo sia, visto che lo spessore può essere utile per una migliore dissipazione del calore dello chassis. 

Anche se confrontato ad altri portatili da gioco sottili e leggeri come il Razer Blade 15 e l'MSI GS65 Stealth, lo Zephyrus G14 risulta altrettanto sottile e persino più leggero di entrambi, grazie al telaio in lega di magnesio. Se stavate cercando un portatile da gioco sottile e leggero che si adattasse alla vostra borsa senza crearvi problemi durante gli spostamenti, Asus Zephyrus G14 è proprio quello che fa per voi.

Non è importante però essere solo leggero e sottile, un buon portatile deve sapersi distinguere anche in altri campi.

L'Asus Zephyrus G14 ha un'estetica generale che per alcuni potrebbe essere un po’ troppo improntata al gusto di chi non ama passare inosservato, ma non è male. La parte superiore del portatile è divisa in diagonale tra una parte liscia e una parte traforata. Esiste poi una versione alternativa in cui, nella parte traforata, sono presenti numerosi LED bianchi. Anche se abbiamo visto questo modello alternativo durante alcune fiere, il sistema che abbiamo recensito non era dotato di questa caratteristica, quindi non possiamo dirvi che tipo di impatto possa avere sull'usabilità o sulla durata della batteria.

Sul portatile sono presenti diverse di prese d’aria e il design risulta abbastanza “spigoloso”. Per come la vediamo noi, anche se rendono l'estetica forse un po' troppo aggressiva, la loro presenza è doverosa poiché il dispositivo ospita al suo interno un hardware piuttosto performante. Quando si cerca un portatile per giocare ai migliori giochi per PC o per lavorare nel campo della creatività, non si desidera certo incorrere in limiti termici.

La tastiera a isola ha i tasti ben spaziati ed è comoda da usare. Ciò sorprende proprio per l'ingombro ridotto che il dispositivo ha in realtà. Tuttavia, ci saranno probabilmente alcune persone che lamenteranno il feedback troppo morbido offerto dalla tastiera rispetto a quello fornito dai modelli con switch meccanici di cui sono dotati diversi portatili da gaming.

Della tastiera abbiamo molto apprezzato i pulsanti dedicati in alto. Non sappiamo cosa ne pensiate, ma la possibilità di cambiare il volume al volo senza dover combinare il tasto Fn con uno dei tasti funzione in alto è una bella trovata. C'è anche un tasto dedicato per l'apertura della Armory Crate, che vi permetterà di controllare le prestazioni del sistema e l'illuminazione RGB con i componenti Aura Sync-ready supportati. Purtroppo, data la mancanza di led RGB sul sistema che abbiamo recensito, non abbiamo potuto usare la nostra creatività per metterlo davvero alla prova. Per la cronaca: gli RGB non ci dispiacciono.

Il touchpad è generalmente utilizzabile. Esiste la possibilità di effettuare gesti multi touch anche in maniera abbastanza accurata. Poiché si tratta di un portatile da gioco, e molte persone lo useranno con un buon mouse da gioco, non c’è bisogno che il touchpad sia fenomenale. Tuttavia, se vi servisse per lavorare, sappiate che non avrete alcun problema. In ogni caso è consigliabile usare un mouse a parte. 

Asus Zephyrus G14

(Image credit: Future)

Per quanto riguarda il display, non possiamo che essere soddisfatti dalla qualità del pannello per il prezzo offerto. Certo, non è uno schermo OLED 4K che troviamo su alcuni portatili ultra-premium, ma questo non ha importanza dato l'hardware offerto dallo Zephyrus G14. Avrete un display 1080p assolutamente valido con una frequenza di aggiornamento di 120Hz. Il display copre il 100% dello spazio colore sRGB, quindi va più che bene per giocare. Inoltre, essendo di soli 14 pollici, non c’è bisogno che abbia una risoluzione maggiore. 

La tendenza nel settore dei computer portatili, verso cui i produttori stanno spingendo, è quella di aumentare sempre di più la risoluzione degli schermi. Tuttavia, pensiamo che non ne valga la pena. Infatti, a scapito di una durata della batteria inferiore, si ottiene un miglioramento appena percettibile nella visualizzazione dei contenuti, soprattutto considerando le dimensioni del display. Oltretutto, in combinazione con una RTX 2060, come il modello in questione, con uno schermo a 1080p si è in grado di raggiungere un refresh rate di 120Hz mentre si gioca, cosa che abbiamo potuto sperimentare con alcuni titoli.

Siamo riusciti a giocare a Doom Eternal a 1080p con impostazioni su Ultra Incubo (con l’eccezione delle sole texture su Ultra, data la memoria limitata a 6GB della 2060). Su questo schermo il movimento è risultato così fluido che ci è sembrato di giocare sui nostri monitor da gaming premium. 

Per quanto riguarda gli altoparlanti, dobbiamo solo fare un plauso ad Asus: non sono sul fondo del portatile. Vorremmo che gli altoparlanti avessero comunque un po' più di grinta, perché Doom Eternal non sembra così roboante come ci piacerebbe che fosse. Tuttavia, collegando una cuffia da gioco in una delle tante porte disponibili il problema non sarà più tale. 

Asus Zephyrus G14 è dotato di una buona selezione di porte: abbiamo due USB 3.2 Gen 1 Type A e due USB 3.2 Gen 2 Type C, una delle quali può essere utilizzata per caricare il laptop; la porta di ricarica, una HDMI e un jack combinato da 3.5mm per cuffie/microfono. Siamo rimasti molto soddisfatti dalla vasta gamma di porte di I/O presenti in un portatile che è così facile da trasportare in giro.

Allo Zephyrus manca solo un dettaglio, che potrebbe però essere importante per alcuni utenti: niente webcam. Ora, non pensiamo che sia un grosso problema, dato che non c'è bisogno di una webcam per giocare, a meno che non si voglia fare  streaming. E anche se si è in streaming, è comunque consigliabile avere a disposizione una webcam di qualità, piuttosto che una economica, come quelle che vengono inserite nelle cornici di alcuni portatili. Possibilmente ci saranno alcuni utenti che vorrebbero usare questo portatile per lavorare, e potrebbero trovare questa mancanza fastidiosa. In sostanza, è solo qualcosa da tenere a mente. Se necessitate di avere una webcam incorporata, allora probabilmente questo portatile non fa per voi.

Asus Zephyrus G14

(Image credit: Future)
Benchmark

Ecco come Asus Zephyrus G14 si è comportato nei nostri test:

3DMark Sky Diver: 34347; Fire Strike: 13950; Time Spy: 5872
Cinebench R20: 3961
Geekbench 4 Single-Core: 5265; Multi Core: 29907
Geekbench 5 Single-Core: 1202; Multi Core: 7815
PCMark 8 Home: 4692
PCMark 8 Battery Life: 5 ore e 37 minuti
Durata della batteria (test video di TechRadar): 8 ore e 10 minuti
Total War: Three Kingdoms: 128fps (1080p, Basso) 44fps (1080p Ultra)
Metro Exodus: 115fps (1080p, Basso), 38fps (1080p, Ultra)

Prestazioni 

Il processore AMD Ryzen 9 4900HS, dotato di ben 8 core e 16 thread con un clock di base di 3.0GHz che in boost può spingersi fino a 4.3GHz, è un mostro di velocità e potenza. In tutti i nostri test con pesanti carichi di lavoro per mettere sotto stress la CPU, questo processore ha totalmente distrutto la concorrenza. 

È riuscito a trionfare persino contro il potente Intel Core i9-9980HK alla massima potenza e overclockato presente  nell'Alienware m17. Ad esempio, in Cinebench R15, lo Zephyrus dotato di processore AMD è riuscito ad ottenere ben 1.782 punti, molto superiori rispetto ai “soli” 1.182 ottenuti dall'Alienware. Si tratta di un enorme salto prestazionale, addirittura del 34%, su un sistema  che costa letteralmente la metà rispetto a quello Alienware che abbiamo recensito a dicembre. 

E non finisce qui. In Geekbench 4 non solo lo Zephyrus esce vincitore ovviamente nel test multi core con 29.907 punti, battendo il Core i9 del 24%, ma riesce addirittura a battere marginalmente il processore Intel nel punteggio in single core dove ottiene 5.265 punti.

Molto di questo è stato possibile grazie al passaggio di AMD all'architettura Zen 2 a 7 nm su mobile. Oltre a ciò, un sapiente lavoro di ingegnerizzazione compiuto dai tecnici di AMD, ha permesso a questo processore di offrire prestazioni di classe desktop su un portatile che pesa poco più di un chilo.

Asus Zephyrus G14 è, naturalmente, un portatile da gioco, quindi le prestazioni nei giochi sono forse più importanti della pura potenza della CPU. Grazie all'RTX 2060 Max-Q montata al suo interno, lo Zephyrus riesce a trionfare anche nei giochi. Anche se fino a un certo punto. 

Nel test Time Spy di 3DMark riesce ad ottenere 5.872 punti, inoltre siamo riusciti a giocare a Metro Exodus con impostazioni ad Ultra al discreto frame rate di 38 fps.
Le prestazioni nei giochi quindi non deludono e, lo ribadiamo ancora una volta: siamo stati in grado di ottenere 120 fps costanti sul nuovo gioco di id Software, Doom Eternal. 

È difficile paragonare lo Zephyrus G14 ad un sistema con un processore Intel con caratteristiche simili, semplicemente perché non esistono molti portatili che accoppiano un processore Intel Core i9 con una GPU RTX 2060, in particolar modo nella versione Max Q, che presenta frequenze e consumi inferiori alla versione mobile della RTX 2060. È strano vedere questa accoppiata nel nostro portatile Asus, ma AMD sembra impegnata ad evitare la fascia alta del mercato per ora, quindi speriamo di poter vedere abbinato in sistemi futuri il Ryzen 9 4900HS ad una scheda video di fascia alta. Ci piacerebbe vedere un portatile da gioco con un Ryzen 9 e un Nvidia GeForce RTX 2080, e non pensiamo di essere gli unici a volerlo. 

Asus Zephyrus G14

(Image credit: Future)

Durata della batteria 

Le prestazioni offerte dalla CPU AMD Ryzen 4000 sono sicuramente un'ottima ragione per scegliere questo portatile, ma la durata della batteria lo è ancora di più. Ma prima, un po' di background. 

Fino a poco tempo fa, eravamo arrivati ad un punto tale che, in generale, quando parlavamo di portatili da gioco, non ci aspettavamo nemmeno che durassero tre o quattro ore senza ricarica. Se fossimo stati fortunati, saremmo riusciti a vedere un portatile da gioco raggiungere le 5 ore, ma sarebbe stato incredibilmente raro vederne uno in grado di essere usato per lavorare tutto il giorno lontano da un caricabatterie. 

Questa nuova serie di CPU Ryzen potrebbe rappresentare il momento di svolta, non solo perché vede AMD passare davanti a Intel per prestazioni nel settore mobile, dopo averla già raggiunta da tempo in ambito desktop, ma perché pone termine a un periodo di monopolio dove non era possibile acquistare la maggior parte dei modelli in commercio senza dover scegliere categoricamente una CPU dell’azienda di Santa Clara.

Nel nostro test video, in cui abbiamo riprodotto in loop un filmato in 1080p, il nostro Asus Zephyrus G14 è durato addirittura 8 ore e 10 minuti, prima di dare forfait.
L'HP Elite Dragonfly, un portatile che ha tra i suoi cavalli di battaglia la lunga durata della sua batteria, ha ottenuto 8 ore e 11 minuti nello stesso test. Tuttavia, è dotato di una CPU che ha meno della metà del TDP dell'AMD Ryzen 9 4900HS e non presenta  alcuna GPU dedicata. 

Nel test della batteria di PCMark8, Asus Zephyrus G14 riesce a rimanere acceso ben 4 ore e 47 minuti. Per confronto con i recenti portatili da gioco, Alienware m15 R2 riesce a resistere nello stesso test solo 2 ore e 45 minuti.

Non abbiamo mai visto un portatile da gaming in grado di raggiungere questo livello di durata della batteria o anche solo avvicinarsi a tale performance. AMD ha fatto alcune affermazioni audaci sulla durata della batteria dei dispositivi con a bordo i nuovi Ryzen 4000, ma ha avuto ragione. Intel starà prendendo appunti in questo momento.

(Image credit: Asus)

Software e caratteristiche 

Asus include solo tre software sullo Zephyrus G14: ROG Game Visual, Armory Crate e GameFirst VI. Essi permettono di regolare e adattare le prestazioni del portatile alle nostre esigenze. Game Visual permette di regolare le impostazioni del display, attraverso un cambio tra vari profili preimpostati e le regolazione della temperatura del colore. 

GameFirst VI aiuta a ottimizzare la rete per giocare online, cercando le reti migliori nelle vicinanze. In presenza di più reti, ad esempio, aiuterà a scegliere quella giusta. 

Infine, Armory Crate permette regolare tutto, dalla velocità delle ventole all’illuminazione RGB (attraverso le periferiche compatibili collegate, non ci sono led RGB integrati nel portatile). C'è persino un pannello che scansiona il computer alla ricerca di giochi installati e permette di lanciarli direttamente da lì, senza preoccuparsi di dover rovistare tra le decine di client di gioco per PC con cui dobbiamo convivere al giorno d'oggi.

Da acquistare se... 

Volete un portatile con una buona durata della batteria 

Se stavate aspettando un portatile da gioco con una durata della batteria in grado di tenere testa a quella di un Ultrabook, finalmente è arrivato. L'Asus Zephyrus G14 vi garantirà un'autonomia di un giorno completo.   

Avete bisogno di una CPU potente 

Sia che abbiate bisogno di elevate prestazioni per lavorare, sia che vogliate la miglior CPU per portatili disponibile al momento, sarete soddisfatti dall'Asus Zephyrus G14. Questo processore così potente lo rende adatto anche per lo streaming, dovrete solo ricordarvi di acquistare una webcam. 

Volete un portatile da gioco leggero e sottile 

Con uno spessore di soli 1,8 cm e un peso di soli 1,6 Kg, questo è un portatile che si può facilmente portare in giro ovunque andiate. Potrete finalmente giocare ai vostri giochi per PC preferiti in movimento senza dover trasportare un pesante borsone.  

Da non acquistare se... 

 Avete bisogno di una webcam

Per molte persone, la mancanza di una webcam, probabilmente, non è un così grande problema, soprattutto per il rapporto qualità/prezzo di questo portatile. Ma, se avete bisogno di fare videochiamate tra un match e l'altro di Overwatch, potreste aver bisogno di guardare ad altri portatili o di aggiungere una webcam al vostro carrello.

Avete bisogno di porte Thunderbolt 3

Anche se non è così importante come lo era forse un paio di anni fa, non è presente alcuna Thunderbolt 3 sull'Asus Zephyrus G14.
Se avete assolutamente bisogno di usare questa tecnologia, sia che si tratti di grafica esterna o di un dock, tenete presente che Thunderbolt 3 è disponibile solo su piattaforme Intel.