Skip to main content

PS5: prezzo, uscita, design e controller della nuova console next-gen

PS5

PS5 (o PlayStation 5) è la console next-gen di Sony in uscita alla fine del 2020, dopo un decennio incredibile per Sony in cui la multinazionale giapponese è tornata ad essere leader incontrastata del settore videoludico.

Conosciamo già il design di PS5, abbiamo avuto molte anticipazioni sulla line-up di giochi per PS5 (inclusi Horizon Forbidden West e il remake di Demon's Souls) e sappiamo che la console avrà specifiche tecniche di tutto rispetto come il supporto al ray tracing, un SSD super veloce, un lettore ottico 4K e la retrocompatibilità con molti giochi del catalogo di PlayStation 4.

Dunque anche se al momento mancano ancora conferme ufficiali sul prezzo e sulla data di uscita (maggiori dettagli in questo senso potrebbero arrivare ad agosto) sappiamo cosa aspettarci da PS5 quando sarà immessa sul mercato a fine anno.

Tanto per cominciare, PS5 avrà un aspetto del tutto diverso rispetto alle console precedenti a partire dallo schema di colori futuristico che mette insieme bianco e nero con inserti di luce led blu marcando una differenza netta rispetto al passato. In maniera inattesa, inoltre, Sony ha annunciato l'arrivo di una PS5 Edizione Digitale che, come si può intuire dal nome, non avrà il disco ottico.

Recentemente sono arrivate anche le informazioni che riguardano le specifiche tecniche di PS5 diffuse da Sony nel corso di un evento che si è tenuto a marzo. Il Lead System Architect Mark Cerny ha tracciato un'analisi approfondita dell'architettura di sistema di PS5, rivelando come la console funzioni all'interno. Della scheda tecnica parleremo più avanti ma possiamo già anticiparvi che la nuova console avrà un processore AMD Zen 2 personalizzato con 8 core a 3,5 GHz, 16 GB di  RAM GDDR6 e un processore grafico personalizzato basato su architettura RDNA 2 di AMD e dalla potenza di 10,28 TFLOPs. Per quanto ne sappiamo, PS5 sta rispettando le forti aspettative che ci sono sulla console next-gen.

Volete tutti i dettagli? Continuate a leggere, perché vi illustreremo tutto quello che sappiamo su PS5 fino a questo punto e cosa speriamo venga annunciato man mano che ci si avvicina al periodo di lancio.

[AGGIORNAMENTO: se i soldi per voi non sono problemi e mirate a un look ben diverso da quello standard, recentemente è stata annunciata una versione della PS5 placcata in oro.]

PS5: informazioni

  • Cos'è? PS5 è la console PlayStation di prossima generazione.
  • Quando uscirà? Alla fine del 2020, tra ottobre e dicembre.
  • Quali saranno i giochi? Sony e i team di sviluppo terze parti hanno annunciato giochi come Horizon Forbidden West, Ratchet e Clank Rift Apart e Resident Evil 8.
  • PS5 supporterà la VR? Sì, PS5 sarà compatibile con l'attuale visore per PlayStation e si parla anche di PSVR2.
  • Quanto costerà la PS5? Ancora non lo sappiamo. PS4 standard e Pro costavano €399 al lancio ma ci aspettiamo che la PS5 costi di più. Secondo indiscrezioni, dovrebbe aggirarsi intorno ai €499 euro.
  • Potrò giocare ai titoli per PlayStation 4 con la PS5? PS5 sarà retrocompatibile con "quasi tutti i titoli" per PlayStation 4 e sia attendono eventuali conferme per quelli delle generazioni precedenti. Al lancio il supporto riguarderà la maggior parte dei 100 giochi PS4 più venduti.
  • PS5 subirà dei ritardi a causa del coronavirus? No, Sony ha confermato che al momento non sono previsti ritardi a causa della pandemia e ribadito che il lancio di PS5 resta fissato le fine di quest'anno.

PS5: uscita

Horizon Forbidden West

(Image credit: Sony)

Sony ha confermato ufficialmente che PS5 uscirà durante il periodo definito "Holiday 2020'', espressione statunitense che indica un arco temporale compreso tra ottobre e dicembre. Questo metterà la console Sony in diretta competizione con Xbox Series X di Microsoft che verrà lanciata nello stesso periodo. Alcune indiscrezioni avevamp parlato del 20 novembre ma si attende la conferma ufficiale.

Si tratta, in ogni caso, di un'ipotesi realistica dato che anche noi pensiamo che PS5 arriverà sul mercato a novembre. Storicamente, infatti, è sempre stato questo il mese in cui Sony ha lanciato i nuovi modelli di PlayStation in modo da avere abbastanza tempo da rifornire i rivenditore in vista del Natale.

AMD, il colosso della tecnologia che ha realizzato processori e GPU personalizzate per PS5 e Xbox Series X sta "aumentando la produzione" in vista del lancio. La conferma era arrivata nel maggio scorso direttamente dal CEO di AMD Lisa Su. Anche questa è un'informazione che sembra indirizzare verso il mese di novembre.

Ci aspettiamo di sapere qualcosa di più sulla data di uscita a breve, con Sony che probabilmente potrebbe annunciarla nel mese di agosto contemporaneamente al prezzo di PS5.

PS5: prezzo

PS5

(Image credit: Sony)

Sony non ha ancora annunciato il prezzo della PS5 ma le ipotesi di alcuni analisti parlano di una cifra pari a €499. Ovviamente sono informazioni da prendere con un certo scetticismo ma un lancio a questo prezzo sarebbe un'ottima notizia, dato che il costo sarebbe di €100 in più rispetto a PlayStation 4 e PlayStation 4 Pro.

Questo dovrebbe essere il prezzo della versione standard anche se resta da capire quale versione della console sarà da considerare tale. Nel corso dell'evento dell'11 giugno, infatti, Sony ha presentato insieme alla versione con lettore ottico anche una PS5 Edizione Digitale che, proprio a causa dell'assenza di un lettore ottico, costerà quasi certamente di meno.

Stando alle voci più recenti, Sony avrebbe già deciso il prezzo di PS5 ma preferisce mantenere una strategia di attesa e osservare le mosse di Xbox Series X e muoversi anche in base alla decisione della concorrenza in vista della fase più calda della corsa alla next-gen. Se sono dovesse annunciare con un eccessivo anticipo il prezzo e la data dei preordini di PS5, Microsoft potrebbe anche decidere di ridurre il prezzo della propria console all'ultimo minuto. Possiamo pensa che valga anche il contrario e per questo la competizione sul prezzo si trova in una fase di stallo.

Il prezzo di PS5 non è stato neanche annunciato durante l'evento dell'11 giugno ma non ci aspettavamo che questo accadesse. Al momento le voci più insistenti parlano di un annuncio del prezzo durante l'evento digitale State of Play del mese di agosto.

PS5

(Image credit: Sony)

Anche se il prezzo di PS5 non è stato ancora confermato, Jim Ryan, presidente e CEO di Sony Interactive Entertainment, ha dichiarato che la console potrebbe non essere "quella con il prezzo più basso" nel testa a testa con Xbox Series X.

In un'intervista a tutto campo rilasciata alla testata GamesIndustryBiz, Ryan ha discusso alcune ipotesi sul prezzo di PS5. Anche se non ha parlato di cifre, Ryan ha lasciato intendere che PS5 potrebbe richiedere ai giocatori una spesa non indifferente e che Sony non vede il prezzo come una delle possibili carte vincenti nella sfida con Xbox Series X.

Parlando delle possibili ripercussioni del Covid-19 sulle vendite di PS5, Ryan ha dichiarato:

"Penso che il modo migliore con cui possiamo affrontare questa circostanza è dare ai consumatori una console con il più alto valore possibile. E non intendo necessariamente un prezzo basso. Il valore dipende da numerosi fattori. Nel nostro settore significa, giochi, la loro quantità, la profondità, la varietà e ancora la qualità e il prezzo dei giochi... Oltre a tutto questo bisogna anche valutare come i titoli sono in grado di sfruttare al meglio le funzionalità e le caratteristiche della console".

Potrebbe volerci ancora un po' di tempo prima di avere conferme o smentite sul prezzo della console next-gen con indiscrezioni che prevedono un annuncio nel mese di agosto in contemporanea con l'apertura delle prenotazioni. Storicamente abbiamo visto Sony e Microsft annunciare il prezzo tra giugno e luglio ma quest'anno le circostanze sono un po' diverse. Quello del prezzo, infatti, è un argomento estremamente delicato per il lancio della prossima generazione considerato anche che le componenti hardware di PS5 e Xbox Series lasciano pensare a cifre piuttosto elevate.

Sembra proprio che la competizione si trovi in una fase di stallo con i due concorrenti che si studiano reciprocamente aspettando la prossima mossa dell'avversario sul prezzo. Sembra proprio che Sony e Microsoft aspetteranno davvero sino all'ultimo momento per decidere a che cifra offrire le loro console concedendosi molto tempo per poter ritoccare il prezzo. In ogni caso l'annuncio non potrà certo arrivare troppo a ridosso della data d'uscita dato che ci vorranno dei tempi fisiologici per l'apertura delle prenotazioni.

PS5: il design

PS5

(Image credit: Sony)

Il design di PS5 è stato rivelato ufficialmente l'11 giugno 2020.

La presentazione è stata sicuramente riuscita e non solo per l'aspetto insolito della console. Sony ha infatti mostrato ben due versioni di PS5: una avrà il lettore Blu-Ray 4K , mentre la PS5 Digital Edition, più sottile, supporterà solo le versioni digitali dei giochi.

L'interfaccia per collegare il Dual Sense è di tipo USB-C e tra gli accessori annunciati ci sono anche una videocamera HD, un nuovo set di cuffie dedicato alla nuova console e un telecomando. Il design di PS5 è sicuramente particolare e fin da subito non ha messo tutti d'accordo raccogliendo pareri favorevoli e contrari.

Le linee ondulate, la massiccia presenza di bianco e gli inserti led rendono il design di PS5 molto diverso da quello delle console precedenti. La versione esclusivamente digitale è molto più sottile della versione con il lettore ottico il cui design bombato è vincolata proprio dalla presenza di questo componente. 

Anche se quella verticale sembra essere la posizione in cui è stata progettata la console, Sony ha assicurato che PS5 potrà essere posizionata anche in versione digitale ma con un risultato meno riuscito. In ogni caso, vediamo insieme alcuni dettagli del design della PS5:

Immagine 1 di 5

(Image credit: Sony)
Immagine 2 di 5

(Image credit: Sony)
Immagine 3 di 5

(Image credit: Sony)
Immagine 4 di 5

(Image credit: Sony)
Immagine 5 di 5

(Image credit: Sony)

PS5: specifiche tecniche

PS5

(Image credit: Sony)
  • CPU: AMD Zen 2 CPU personalizzata con 8 core a 3.5GHz (frequenza variabile)
  • GPU: 10,28 TFLOPs, 36 CU a 2.23GHz (frequenza variabile)
  • Architettura GPU: RDNA 2 personalizzata
  • Memoria: 16 GB GDDR6 / 256-bit
  • Larghezza di banda della memoria: 448 GB/s
  • Spazio d’archiviazione interno: SSD personalizzato da 825 GB
  • I/O: 5.5 GB/s, 8-9 GB/s
  • Spazio d’archiviazione espandibile: NVMe SSD Slot
  • Spazio d’archiviazione esterno: USB HDD Support
  • Lettore ottico: 4K UHD Blu-ray drive

Oltre al design, conosciamo anche le specifiche tecniche di PS5. Sony ha svelato nel corso del mese di marzo i segreti della console durante una presentazione online molto tecnica dell'hardware condotta dal lead system architect di PS5 Mark Cerny. Ma che cosa ne pensiamo?

Uno degli aspetti più interessanti della presentazione è stato vedere come Sony abbia puntato a tutti i livelli su componenti hardware personalizzati con l'obiettivo non solo di avere prestazioni migliori, ma anche di dare agli sviluppatori condizioni migliori per sviluppare i loro titoli. L'hardware personalizzato su PlayStation 3 si era dimostrato un'arma a doppio taglio creando non poche complicazioni agli sviluppatori ma con PS5, Sony è intenzionata a non commettere gli stessi errori.

PS5

(Image credit: Sony)

L'importanza della memoria SSD

È ormai chiaro che l'SSD sarà l'architrave dell'esperienza di PS5. Le dimensioni saranno di 825 GB, ovvero leggermente inferiori rispetto a Xbox Series X, ma a fare la differenza sarà l'implementazione della tecnologia personalizzata.

La memoria SSD non permetterà solo caricamenti più veloci, ma in teoria anche di creare open-world più grandi. Gli sviluppatori, infatti, potenzialmente non avranno più limiti dovuti all'hard disk nel realizzare le ambientazioni di gioco. Un grosso vantaggio, inoltre, arriverà dalla maggiore efficienza nell'uso della memoria di sistema garantita dal SSD.

Gli SSD hanno inoltre una maggiore larghezza di banda in modo tale che i dati possono essere caricati dalla memoria solo quando ce n'è realmente bisogno, piuttosto che continuare a caricare costantemente dati nella RAM. Dal punto di vista delle prestazioni questo significa che i giochi avranno meno casi di pop-in e che avviare una console e un gioco dallo stand-by dovrebbe essere molto più veloce.

Questo permetterà di avere anche un maggiore controllo su come vengono installati e cancellati i giochi in modo da poter giocare, ad esempio, anche solo la modalità multiplayer di un titolo senza doverlo installare completamente. Questo permetterà inoltre di accedere direttamente dalla dashboard ad alcune modalità di gioco senza dover necessariamente avviare il gioco e scegliere dalle schermate.

La memoria sarà anche espandibile dato che PS5 potrà alloggiare anche dischi aggiuntivi con formato NVMe di altri produttori a patto però che siano certificati. A questo si deve aggiungere il fatto che non ci sono molti SSD sul mercato che al momento usano l'interfaccia PCIe 4.0 dato che la velocità di trasferimento di 5,5 GB/s è decisamente fuori dagli standard comuni.

«I dischi NVMe per PC funzioneranno senza problemi su PS5 - ha aggiunto Cerny -L'unico problema è che la tecnologia per PC è di gran lunga indietro rispetto a quella di PS5. Ci vorrà del tempo prima che facciano la loro apparizione sul mercato i dischi più nuovi basati su PCIe 4.0 che possano funzionare bene su PS5».

In ogni caso PS5 sarà anche compatibile con gli hard disk esterni sui quali si potranno archiviare e far funzionare i giochi per PlayStation 4.

Interpellata su un confronto tra la velocità di PS5 e quella di PlayStation 4 durante un incontro finanziario, Sony ha dichiarato senza mezzi termini che la console "rivoluzionerà l'esperienza di gioco per gli utenti" in un documento ufficiale.

Il CEO di Sony Kenichiro Yoshida ha inoltre aggiunto che l'SSD personalizzato di PS5 consentirà velocità che fanno impallidire quelle della PlayStation 4 potendo raggiungere valori 100 volte superiori rispetto a quelli della generazione attuale.

Epic Games, infatti, ha rivelato che l'SSD di PS5 è così veloce da averli costretti a modificare la demo dell'Unreal Engine 5 per poterlo sfruttare in pieno.

“L'avere a disposizione un flusso di dati a velocità estreme permette agli sviluppatori di creare ambientazioni molto più realistiche e dettagliate, cambiando il modo con cui vengono trasmessi i dati all'interno della console" ha dichiarato alla testata VG247 il vice ingegnere capo di Epic Games Nicholas Penwarden. "E' così in grado di fare la differenza che abbiamo dovuto riscrivere il funzionamento dei sottosistemi I/O di Unreal Engine con PS5 come riferimento".

PS5

(Image credit: Sony)

Processore e GPU personalizzati: i vantaggi per la retrocompatibilità

Già sapevamo che Sony aveva scelto un processore AMD personalizzato basato su architettura Zen 2 con otto core e 16 thread. L'evento in streaming ha inoltre rivelato che la CPU funzionerà a una frequenza di clock pari a 3,5 GHz (a frequenze variabili) rispetto alla CPU Jaguar con otto core e a 1.6 GHz di PlayStation 4. Questo rappresenterà un grosso salto avanti nelle prestazioni.

Passando alla GPU, anche qui troviamo una tecnologia AMD personalizzata ma basata su architettura RDNA 2. Il processore grafico usa 36 unità con un cap di 2,23 GHz. La potenza massima della GPU è stata dichiarata in 10,28 teraflops.

PS5

(Image credit: Sony)

L'aspetto più interessante in questa combinazione è che permette a PS5 di gestire con una certa facilità la retrocompatibilità: i titoli PS4 funzionano grazie all'architettura hardware di PS5 e non richiedono la presenza del chip delle console precedenti come accadde all'epoca di PlayStation 3 con  i giochi PS2. Al lancio solo una parte del catalogo PlayStation 4 sarà disponibile per la nuova console dato che saranno retrocompatibili un centinaio tra i titoli più giocati. I giochi PS4 saranno supportati nativamente sulla GPU a differenza di Xbox Series X che sarà capace di upscalare i giochi delle generazioni precedenti e aggiungendo HDR anche ad alcuni titoli.

Tempest 3D: la tecnologia audio di PS5

PS5 sarà in grado di supportare l'audio 3D grazie al nuovo Tempest Engine. Si tratta di un sistema incredibilmente potente: se PSVR, ovvero uno dei sistemi audio più complessi del settore, secondo Cerny è in grado di gestire "una cinquantina di buone fonti sonore", il Tempest Engine di PS5 può riuscire a gestirne centinaia.

L'esempio usato da Cerny per descriverlo è stato quello della pioggia. Ad oggi il suono di questo evento atmosferico è composto da una singola traccia audio ma PS5 sarebbe in teoria in grado di far sentire il suono di ciascuna goccia in base alla posizione del personaggio.

«Siamo riusciti a realizzare un'unità che ha la stessa potenza di SIMD (ovvero "single instruction, multiple data) e banda di tutti gli otto core Jaguar combinati di PlayStation 4", ha dichiarato Cerny.

Il livello di risorse che Sony sta dedicando al Tempest Audio Engine lascia pensare che questo possa essere una delle armi segrete dell'arsenale di PS5.

A un meeting sulla strategia aziendale di Sony, PS5 è stata presentata anche come "l'evoluzione del suono".

«Implementando un'unità di calcolo personalizzata dell'audio 3D - veniva illustrato nella presentazione - siamo riusciti a fare in modo da poter fornire esperienze con l'audio tridimensionale molto diverse e varie. I giocatori potranno percepire suoni in arrivo davanti a loro e alle spalle, sopra e sotto e da tutte le altre direzioni».

PS5

(Image credit: Sony)

«Se avessimo usato gli stessi algoritmi di PSVR, questo andrebbe bene per qualcosa come cinquemila fonti sonore - ha detto Cerny - ma ovviamente vogliamo algoritmi molto più complessi e non abbiamo bisogno di quel numero di suoni».

Al di là di tutti questi discorsi molto tecnici, la parte migliore per gli utenti è che anche con un paio di cuffie economiche al lancio sarà possibile apprezzare l'esatto posizionamento dei vari suoni promesso da Sony che con la stessa tecnologia intende supportare più avanti i sistemi sorround multi-speaker.

In ogni caso l'implementazione di questa tecnologia audio sarà molto flessibile e si evolverà insieme agli utenti. Per riprodurre il posizionamento più corretto dell'audio, Sony ha bisogno di ricreare una mappa Head-related Transfer Function (HRFT). Si tratta essenzialmente di un algoritmo in grado di ottimizzare il modello sonoro sulla base della conformazione delle orecchie dell'utente.

"Ad esempio potrete mandarci la foto di un vostro orecchio e useremo una rete neurale per scegliere la mappa HRTF più adatta dalla nostra libreria" ha anticipato Cerny. "Magari ci potrete mandare un video delle vostre orecchie e della vostra testa e realizzeremo un modello 3D e a partire da quello una mappa HRTF. E ancora potremo cambiare questa mappa mentre giocate a un titolo musicale". 

Cerny ha concluso: "Questo è un viaggio che intraprenderemo insieme nei prossimi anni. In definitiva siamo tutti impegnati a portare il realismo nei videogiochi a un livello ancora superiore".

PS5 Digital Edition

PS5

(Image credit: Sony)

Insieme alla versione standard, Sony lancerà anche una PS5 Digital Edition, una variante senza lettore ottico. Questa console esclusivamente digitale avrà le stesse specifiche tecniche della versione standard ma sarà orientata alla distribuzione digitale dei titoli.

La PS5 Digital Edition indica che Sony è seriamente intenzionata a percorrere la stada del digitale, incentivando l'adozione da parte dei giocatori delle versioni digitali e dei servizi su abbonamento e in streaming abbandonando il classico modello basato sul supporto ottico.

E' fin troppo ovvio che la versione PS5 Digital Edition renderà impossibile scambiare i giochi con gli amici e preoccuperà non poco i rivenditori soprattutto se questa versione della console si rivelerà molto più economica della versione standard. In ogni caso, per chi ama collezionare le versioni su disco sarà sempre disponibile la variante con lettore ottico.

Ci aspettiamo che PS5 Digital Edition sia più economica ma al momento è impossibile dire di quanto. Dopotutto, l'hardware è lo stesso e l'assenza del lettore ottico non dovrebbe abbattere i costi di produzione più di tanto. Sicuramente costerà meno ma ci sembra davvero improbabile che possa essere molto più economica.

Xbox One S All-Digital Edition costa circa $50 in meno rispetto alla versione standard e pensiamo che nel caso di PS5 e PS5 Digital Edition la differenza di prezzo sarà più o meno la stessa. Insomma, meglio non aspettarsi uno sconto eccessivo.

PS5: DualSense controller

DualSense

(Image credit: Sony)

Il nuovo controller per PS5 non si chiamerà più DualShock (nome adottato sin dalla prima PlayStation) ma DualSense. Anche in questo caso a livello di design c'è una grossa differenza rispetto al passato finendo per dividere gli appassionati. L'aspetto definitivo è quello che vedete nella foto qui sopra ed è perfettamente coerente con il design della console, come avete già visto.

Lo schema di colore del controller PS5 si estende anche ai quattro tasti che rimangono sempre Triangolo, Cerchio, Quadrato e X ma questa volta senza colore. Al bianco e nero si aggiungono poi le finiture blu della luce led con la lightbar che è stata rimossa dalla parte superiore sollevando qualche domanda su come la PS5 riuscirà a tracciare i movimenti del controller con la periferica PSVR e PS Camera.

DualSense include anche il feedback aptico , infatti, promette di restituire al tatto alcune dinamiche fisiche su schermo come "il faticoso incedere di una macchina nel fango" e la tensione della corda di un arco grazie ai grilletti adattivi L2 e R2. Gli sviluppatori potranno così programmare la resistenza dei grilletti per simulare determinate azioni in maniera molto più precisa.

Il nuovo controller ha inoltre un microfono integrato in modo da non richiedere più l'auricolare quando si dovrà attivare la chat. Nel frattempo il tasto Share è stato eliminato. O meglio è stato ribattezzato in Create. Al di là del nome, la posizione è rimasta la stessa e anche la funzione resterà quella che già conosciamo permettendo di condividere foto e video. In ogni caso Sony si è ripromessa di dare maggiori dettagli sulle funzioni di questo tasto con l'avvicinarsi del lancio della console.

PS5: i giochi

Spider-Man Miles Morales

(Image credit: Insomniac Games)

Finalmente abbiamo avuto modo di dare una prima occhiata alla line-up di giochi per PS5 in occasione dell'evento digitale organizzato da Sony per l'11 giugno che nell'arco di un'ora ha mostrato annunci che hanno riguardato sia titoli first-party che realizzati da team esterni.

Sony ha mostrato una dozzina di giochi tra titoli tripla A, come quelli di Capcom e Bethesda, e alcuni indie. Nel corso della presentazioni un paio di questi si sono distinti particolarmente.

Sicuramente tra questi c'è il seguito di Horizon Zero Dawn dal titolo Horizon Forbidden West. Il gioco è un buon esempio della qualità grafica da aspettarci con la prossima generazione di console mostrando, in opposizione al primo capitolo, un'ambientazione tropicale dove non mancano i robot-dinosauri che popolavano le lande innevate del primo titolo della serie. La protagonista Aloy si farà strada tra le rovine degli Stati Uniti incontrando oltre a creature artificiali anche tribù che non sembrano proprio avere intenti pacifici.

Altre serie sembrano essere destinate a tornare come Spider-Man di Insomnniac Games che vedrà un nuovo capitolo con protagonista Mile Morales. Si tratta di un capitolo separato rispetto al gioco visto su PlayStation 4, una cui versione remaster sarà in bundle con il gioco.

Il tanto discusso remake di Demon's Souls alla fine sembra essere destinato ad arrivare su PS5 con una grafica del tutto rinnovata. Capcom ha inoltre annunciato Resident Evil 8 con un trailer le cui atmosfere ricordano da vicino una commistione tra Resident Evil 4 e il settimo capitolo.

A questi si aggiungeranno anche un nuovo titolo di Ratchet e Clank, un nuovo capitolo di Oddworld e uno di Gran Turismo. Sony ha inoltre annunciato che sarà pubblicata una versione ampliata di Grand Theft Auto per PS5 che di fatto è ormai disponibile in tre generazioni di console. Deathloop di Arkane è stato inoltre mostrato di nuovo dopo l'annuncio all'E3 2019 e sembra essere un Dishonored diretto da Quentin Tarantino.

Dall'evento dell'11 giugno sono stati confermati molti altri giochi terze parti per PS5. Per una rassegna completa dei titoli in arrivo ci rimandiamo al nostro articolo dedicato ai giochi per PS5.

Ma cos'altro sappiamo dei giochi per PS5, al di là dell'evento di presentazione?

Innanzitutto, Sony ha annunciato che al lancio, grazie alla retrocompatibilità, "la maggior parte" degli oltre 4 mila giochi disponibili per PlayStation 4 dovrebbero essere giocabili su PS5, compresi quelli per PSVR. Anche se tra questi ci sarà la maggior parte dei cento titoli più giocati per PlayStation 4, il catalogo dei giochi retrocompatibili sembra destinato ad estendersi con degli aggiornamenti successivi.

E' dunque normale aspettarci che ciascun titolo first-party rilasciato negli ultimi mesi (da Ghost of Tsushima a The Last of Us 2) sia un naturale candidato per un aggiornamento cross-gen (anche se al momento Sony non si è sbilanciata troppo). Ad avvalorare questa ipotesi c'è il fatto che dal 13 luglio tutti i titoli first-party sottoposti a Sony per la certificazione devono essere compatibili con PS5.

Ratchet & Clank Rift Apart

(Image credit: Insomniac Games)

Se speravate che le esclusive per PS5 potessero arrivare anche su PlayStation 4 rimarrete delusi.

In un'intervista rilasciata alla testata GamesIndustry.biz, il presidente e CEO di Sony Interactive Entertainment Jim Ryan sembra avere escluso di poter vedere in futuro titoli per PS5 funzionare sulla PlayStation 4.

"Abbiamo sempre ripetuto che crediamo nel concetto di generazioni di console - ha dichiarato Ryan - Crediamo che dopo l'enorme sforzo nel realizzare una console next-gen, questa debba includere tutte quelle funzionalità e miglioramenti che la generazione precedente non era in grado di offrire. E quindi, dal nostro punto di vista, gli sviluppatori dovrebbero realizzare giochi che possono sfruttare al meglio queste nuove caratteristiche".

"Crediamo fermamente nel concetto di generazione e che si tratti del nuovo controller DualSense, dell'audio 3D o degli innumerevoli vantagi dell'SSD... Pensiamo che sia tempo di dare alla community di giocatori PlayStation qualcosa di nuovo, qualcosa di diverso, qualcosa che possa essere sperimentato soltanto su PS5".

Ma non c'è soltanto questo. Non è escluso che possa esserci un aumento dei prezzi con i giochi PS5 rispetto a quelli per PlayStation 4. In un'intervista a GamesIndustry.biz, l'istituto di ricerca IDG ha dichiarato che i publisher stanno valutando di alzare il prezzo base dei titoli per PS5 e Xbox Series X a €70 con un aumento di €10 rispetto alle cifre attuali.

Oltre al gameplay di alcuni giochi, abbiamo visto le potenzialità di PS5 con la presentazione dell'Unreal Engine 5 di Epic. La tech demo che è stata mostrata girava su PS5:

PS5 Pro

PS5

(Image credit: Shutterstock)

Alcune voci di corridoio suggerivano inizialmente che Sony avrebbe potuto lanciare una PS5 Pro assieme al modello base. La presentazione della PS5 Digital Edition sembra essere allo stesso tempo una conferma e una smentita.

Da un lato Sony ha mostrato l'intenzione di rilasciare differenti versioni della propria console, dall'altra, però, con l'arrivo di due modelli al lancio un'eventuale PS5 Pro sembra non essere neanche all'orizzonte.

La nostra idea è che Sony intenda aspettare almeno tre anni, ovvero fino al 2023, prima di proporre un aggiornamento. Di solito questo accade a metà del ciclo di vita di una console e quello di PS5 è stato stimato tra i sei e i sette anni.