Skip to main content

OLED vs LED vs LCD: quale tecnologia si merita un posto nel vostro salotto?

OLED vs LED vs LCD
(Image credit: LG)

OLED, LED e LCD, queste sigle si riferiscono a tecnologie che si trovano anche nel televisore che avete in salotto, o nei modelli che potete vedere nei centri commerciali e nei negozi online. Ma sapete cosa significano, e soprattutto, sapreste scegliere quella più adatta alle vostre esigenze? Esistono anche termini come QLED che assomiglia a LED, ma non c’entra niente con OLED. Come fare a districarsi tra tutti gli acronimi relativi al mondo TV?

Abbiamo realizzato questa piccola guida con lo scopo di fare un po’ di chiarezza nel marasma di sigle e aiutarvi a capire meglio le distinzioni tra la tecnologie presenti nei pannelli TV, ricordatevi che ognuno di essi è un compromesso tra prezzo e prestazioni e non ne esiste una peggiore, solo una meno adatta alle attuali esigenze.

Molti aspetti dei televisori sono comuni per diverse tecnologie di pannello: sia i televisori LG LED che OLED utilizzeranno la stessa piattaforma smart TV webOS, ad esempio, e potete trovare il televisore che desiderate con dimensioni differenti, ma talvolta con dei limiti dovuti al tipo di tecnologia. In ogni caso sono il tipo di pannello e il processore a fare la differenza sulla qualità dell'immagine, che in fin dei conti è l'aspetto più importante di un televisore. Tutte queste tecnologie supportano ovviamente la risoluzione 4K, che ormai è diventato lo standard de facto, oltre a una tecnologia di miglioramento del colore come HDR, HDR10+ e Dolby Vision.

Esistono anche una svariata quantità di termini che vengono utilizzate da marchi o famiglie di prodotti, come 4K HDR Processor X1, Dynamic Range PRO e Triluminos Display (Sony), NanoCell e IPS 4K Quantum Display (LG), e 4K SUHD e Ultra HD Premium HDR 1500/2000 (Samsung ). Queste tecnologie sicuramente fanno la differenza, ma non sono l’alpha e l’omega. Al momento dell'acquisto di una TV, vi consigliamo di concentrarvi meno sulle sigle di marketing e più sulle differenze di qualità dell'immagine tra OLED e LCD-LED, nonché sulle versioni premium LED, come QLED.

OLED è una tecnologia di visualizzazione autoemissiva

OLED è una tecnologia di visualizzazione autoemissiva

OLED vs LCD-LED

OLED Pros and Cons

Pro:
La tecnologia TV più sottile (2,57 mm)
Pixel auto-illuminanti
Neri profondi
Frequenza di aggiornamento veloce (0,001 ms)
Fluidi e privi di sfocatura da movimento

Contro:
Per ora si solo da 55, 65 e 77 pollici
Luminosità massima relativa (1.000 nit )
Costoso

Guardare una TV OLED per la prima volta lascia sempre a bocca aperta. Le immagini sono così lisce, fluide, colorate e contrastate che è davvero difficile tornare alla ad una vecchia TV LCD o al plasma. Questo significa  che OLED è la tecnologia TV che stavamo aspettando?

Certamente il diodo organico a emissione di luce (OLED) ha permesso di dare una svolta al mondo dei televisori. Fondamentalmente, emette luce propria, quindi l'enorme retroilluminazione utilizzata dalla maggior parte dei televisori non è nemmeno necessaria.

Oltre ad essere sottile, in un display OLED ogni pixel si illumina autonomamente, quindi è possibile controllare le immagini a livello di singolo pixel. In un pannello OLED, le pellicole organiche vengono posizionate tra i semiconduttori, quindi alimentate con una corrente elettrica, che all’atto pratico significa che ogni pixel può essere acceso e spento individualmente, senza relazioni con quello che accade attorno a lui. Questo processo utilizza contemporaneamente meno energia per creare più luminosità e rende possibile visualizzare il nero totale, o forse sarebbe più corretto dire “non visualizzare alcunchè”.

Una scena scura con elementi molto luminosi, come ad esempio un cielo stellato notturno, viene mostrato sugli schermi OLED in maniera davvero realistica. Grazie ad un contrasto illimitato, i bianchi saranno frenati solo dal valore di luminosità massima permesso dallo schermo, mentre il nero sarà identico a quello del televisore spento, ossia invisibile in una stanza buia. Ma non solo, anche i colori saranno strabilianti e, soprattutto, i tempi di risposta fulminei. Ma OLED non è purtroppo privo di svantaggi. Innanzitutto è molto costoso, e cosa non indifferente, non esiste una certezza sulla durata dei pannelli. Nonostante ciò, la produzione di pannelli OLED è anche più rispettosa dell'ambiente rispetto ai quella dei pannelli tradizionali. Mentre gli LCD richiedono un gas serra come il trifluoruro di azoto nella loro produzione, gli OLED no. Quindi, se acquistate un OLED avrete una migliore qualità dell'immagine, rispettando anche il pianeta.

La tecnologia LCD sta rapidamente scomparendo dal mercato

La tecnologia LCD sta rapidamente scomparendo dal mercato (Image credit: Toshiba)

Cosa sono LCD e LED?

LCD/LED Pro e Contro

Pros:
Conveniente
Disponibile in qualsiasi dimensione
Luminoso e colorato

Cons:
Tecnologia superata
Angolo di visione modesto
Contrasto medio

Quella degli LCD è una tecnologia obsoleta, tanto che è più possibile acquistare televisori LCD di qualsiasi dimensione, almeno non nella configurazione originale. La retroilluminazione LCD è stata soppiantata dalla quella che utilizza LED ad alta intensità: invece di avere una retroilluminazione realizzata con poche lampade che ne limitano il contrasto, i televisori a LED sono illuminati da un grande numero di LED. Questi sono distribuiti a gruppi dietro il pannello, che prende il nome di full-array local dimming, o sui lati, in tal caso il pannello viene invece chiamato Edge Led.

Quest'ultimo è quello più comunemente utilizzato, perché permette di realizzare TV più sottili, seguendo la tendenza del mercato che cerca prodotti dallo spessore ridotto. In ogni caso non mancano anche qui gli inconvenienti, vale a dire che entrambe le tecnologie utilizzano una fonte di luce esterna e ciò aumenta i componenti e le dimensioni del televisore stesso. Riguardo alla qualità di visione, se si guarda un pannello LED in un ambiente completamente scuro, si potrebbero notare macchie e una luminosità non molto uniforme sul pannello, oltre che una mancanza pressoché totale di dettaglio nelle aree scure dello schermo. Tralasciando questo, le immagini sono generalmente molto luminose e molto colorate ed è possibile acquistare una TV LED di qualsiasi dimensione si desideri.

Tipicamente il rapporto qualità prezzo è molto buono, ma ci sono alcuni modelli più sofisticati dai prezzi più alti che vanno a soddisfare quella fascia di utenti che desidera spendere una cifra più elevata, senza però arrivare all’acquisto di OLED e QLED. Succede anche che marchi parlino di recenti innovazioni, ma spesso si tratta solo di piccoli aggiornamenti alla tecnologia già esistente. Collaudata si, ma anche sulla via dell’obsolescenza. I televisori LCD con retroilluminazione a LED sono l'attuale punto debole della tecnologia TV, e questo non cambierà nel breve periodo.

Samsung Q90

 Samsung Q90 QLED è stato uno dei nostri televisori preferiti del 2019 (Image credit: Samsung)

LCD-LED vs QLED

QLED PRO E CONTRO

Pro:
Pro:
Bianchi brillanti
Molto luminoso (Oltre 1.500 nit)
Dimensioni disponibili: da 49 a 88 pollici

Contro:
Non sottile come OLED (25,4 mm)
Fin troppo luminoso
Neri meno convincenti di OLED
Basse frequenze di aggiornamento

Un'altra tecnologia TV premium è quella dei QLED (Quantum Dot LED). È piuttosto diversa da quella degli OLED. I pannelli, QLED infatti, non sono auto emissivi, ma vengono invece illuminati da LED lungo il bordo, proprio come accade negli LCD retroilluminati Edge LED). I vantaggi dei televisori QLED consistono nell’utilizzo di un filtro per colori a punti quantici e sono in grado di offrire una luminosità significativamente maggiore rispetto ai televisori OLED. Colori strabilianti, paragonabili a quelli degli OLED, ma con tempi di risposta più lenti rispetto a questi. Anche il contrasto e i neri non sono buoni come quelli dei televisori OLED.

Fino ad oggi i QLED ha avuto solo un modesto successo, ma questo potrebbe cambiare nel tempo. Samsung nel frattempo sta migliorando i suoi modelli a retroilluminazione grazie all’attenuazione locale diretta, introdotta nel 2018 e i suoi modelli vantano una luminosità ancora più elevata. Se le prestazioni del livello del nero e i problemi di sfocatura delle immagini in movimento verranno ulteriormente migliorati, Samsung potrebbe fare la parte del leone. Ma solo riuscirà a contenere i prezzi, rispetto a quelli degli OLED, che per il momento continuano a fare la parte del leone, rimanendo il punto di riferimento.

È meglio acquistare una TV OLED, QLED o LED?

La maggior parte delle aziende produttrici di televisori implementa nei propri prodotti le tecnologie di pannelli più popolari e richiesti dall’utenza. Tuttavia, c'è qualcosa nel mercato che potremmo paragonare ad uno spartiacque, infatti nessuna azienda vende contemporaneamente prodotti dotati di OLED e QLED. Hisense è forse l’unico che ammicca ai display LED a punti quantici e a quelli OLED, tuttavia non è un marchio particolarmente diffuso nel nostro Paese. I pannelli OLED sono prodotti solo da LG e i pannelli QLED solo da Samsung.

Tutti gli altri marchi utilizzano queste due tecnologie su licenza e cercano di lavorare sugli altri componenti per garantire ai loro modelli particolari vantaggi sulla concorrenza. Quello che deciderete di acquistare dipenderà in gran parte dal prezzo. Future innovazioni potrebbero anche rendere invalido questo consiglio, ma per ora se desiderate il meglio, la scelta deve ricadere quasi obbligatoriamente su un modello OLED. Questo tipo di pannello funziona particolarmente bene per le stanze scure, in stile cinema, ed è più indicato per le serate con gli amici, piuttosto che come televisore di tutti i giorni. Se installerete il vostro TV OLED in una cucina con le finestre sempre aperte e il sole che entra indisturbato per molte ore del giorno, sarà difficile apprezzare l’ampio gradiente di colori e la sua relativa luminosità lo farà apparire come scuro e poco intrigante. In questo caso un QLED potrebbe invece essere la soluzione giusta, dato che la sua elevata luminosità lo mette al riparo dal problema ambientale. 

I modelli QLED costano generalmente meno ma non offrono il nero perfetto degli OLED. Tuttavia, se la luce ambiente non è controllata questo non sarà un grave problema. In ogni caso, la differenza di contrasto tra OLED e QLED non è elevatissima e rispetto ai modelli più economici dotati di LED si cade comunque in piedi. Le sigle possono talvolta confondere, ma analizzando quelle principali e più importanti, alla fine la scelta non è poi così ardua. E acronimi come OLED, QLED, LED e LCD non renderanno più l'acquisto di una TV una cosa complicata come si pensa.