Skip to main content

Samsung Galaxy Watch 4: prezzo, data di uscita e indiscrezioni

Samsung Galaxy Watch 4
(Image credit: TechRadar)

Samsung Galaxy Watch 4, il successore di Samsung Galaxy Watch 3, potrebbe essere rinominato Samsung Galaxy Watch 4 Classic, mentre la variante più sportiva, il Galaxy Watch Active 4, potrebbe assumere il nome di Galaxy Watch 4. 

Anche se questa scelta potrebbe creare un po’ di confusione, specifichiamo che l’articolo è dedicato al modello non-Active.

A quanto pare, i futuri smartwatch del colosso coreano potrebbero essere presentati contemporaneamente nel 2021, ognuno col proprio design distintivo.

Questa è solo l'ultima delle voci emerse sul prossimo smartwatch dell’azienda e che troverete di seguito. Il paragrafo finale, invece, è dedicato a tutte quelle caratteristiche e funzioni che ci piacerebbe trovare sul presunto Samsung Galaxy Watch 4 Classic.

Da funzionalità innovative a uno store più completo, sono tante le migliorie che Samsung potrebbe apportare e non vediamo l’ora di scoprirle.

Latest news

Sembra che Samsung Galaxy Watch 4 Classic potrà contare su ben 16GB di memoria interna e che verrà presentato l'11 agosto. Le fonti confermano anche che Samsung presenterà un evento l'11 agosto, dando ulteriore conferma della presunta data di lancio di Galaxy Watch 4.

Samsung Galaxy Watch 4: informazioni chiave

  • Che cos'è? Il prossimo smartwatch di fascia alta di Samsung
  • Quando esce? Probabilmente l'11 agosto
  • Quanto costerà? Dovrebbe partire da 400 euro

Samsung Galaxy Watch 4: data di uscita e prezzo

Samsung ha confermato che il prossimo Galaxy Watch verrà svelato "quest'estate", ma non ha specificato la data esatta. Detto ciò, molti smartwatch dell’azienda sono stati presentati ad agosto:

  • Samsung Galaxy Watch 3 - 21 agosto 2020
  • Samsung Galaxy Watch Active 2 - 5 agosto 2019
  • Samsung Galaxy Watch - 9 agosto 2018

Samsung ha annunciato un evento “Unpacked” per il prossimo 11 agosto 2021. Dovrebbe essere quello il giorno in cui vedremo il Samsung Galaxy Watch 4.

A seguito della presentazioni, dovrebbero passare circa due settimane per l’effettiva disponibilità del prodotto, quindi non aspettatevi di avere Galaxy Watch 4 al polso entro agosto.

Il prezzo è una vera incognita: si vocifera di una cifra intorno ai 470-500 euro per il modello da 42 mm e tra i 500-530 euro per il modello da 46 mm.

Come accennato, quest’anno la presentazione di Samsung Galaxy Watch 4 potrebbe essere accompagnata da quella della variante Active. Quest’ultima dovrebbe essere disponibile a partire da 350-370 euro.

A confronto, Samsung Galaxy Watch 3 aveva un prezzo di lancio di 429 euro per il modello da 41 mm e di 459 euro per quello da 45 mm. Il prezzo, poi, aumenta ancora di più se si opta per la variante con connettività LTE.

Samsung Galaxy Watch 3

Samsung Galaxy Watch 3 è costoso (Image credit: Srivatsa Ramesh)

Notizie e indiscrezioni

Samsung ha confermato che Galaxy Watch 4 eseguirà la nuova skin One UI Watch: sarà basata sull’ultima versione del sistema operativo Wear OS “mischiato” con Tizen.

Samsung ha anche dichiarato che il nuovo software avrà accesso al Play Store e alle app di Google, oltre a garantire tempi di caricamento più rapidi e letture dei sensori più precise.

Lo smartwatch avrà chicche dedicate per i possessori di smartphone Samsung Galaxy: ad esempio, le app che scaricate su smartphone saranno automaticamente installate anche sul wearable.

Prima dell’annuncio ufficiale, numerosi fonti avevano già parlato dell’introduzione di un nuovo sistema operativo, come potete notare nel tweet qui sotto che risale a febbraio: 

See more

Una di queste fonti ha anche aggiunto che Samsung Galaxy Watch 4 avrà un design simile a quello del predecessore, con una lunetta girevole e gli stessi colori di un dispositivo "Galaxy Z" di quest’anno.

Quest'affermazione non svela nulla sulle colorazioni dello smartwatch, poiché nessun prodotto Galaxy Z è stato ancora presentato, inoltre non specifica se si tratti del Galaxy Z Fold 3 o del Galaxy Z Flip 3.

Si vocifera però che tra i colori disponibili di Galaxy Z Fold 3 ci saranno il nero e il verde, mentre Flip 3 potrebbe essere disponibile in nero, beige, verde e viola chiaro.

Il seguente rendering mostra il design e le colorazioni del presunto Samsung Galaxy Watch 4. Possiamo notare una lunetta girevole, due grandi pulsanti sul bordo destro e tre colorazioni: bianco, grigio e nero. Assieme ai rendering sono anche menzionate le dimensioni dei quadranti disponibili (42, 44 e 46 mm), i materiali disponibili (alluminio o acciaio inossidabile), l'uso di cinturini standard da 20 mm, la resistenza all'acqua (5 ATM) e la certificazione MIL-STD-810G.

 Di seguito, trovate delle GIF 3D del prodotto; sono stati pubblicati da un informatore affidabile. 

Immagine 1 di 2

Leaked Samsung Galaxy Watch 4 Classic renders showing it in white, grey and black shades

(Image credit: Android Headlines)
Immagine 2 di 2

Leaked Samsung Galaxy Watch 4 Classic render showing it in grey

(Image credit: Android Headlines)

I prodotti sopra mostrati hanno un design simile a quello del Samsung Galaxy Watch Active 2. Non sappiamo dunque se si tratti del Galaxy Watch 4 o del Galaxy Watch Active 4.  

Immagine 1 di 2

Samsung Galaxy Watch 4 leak

(Image credit: 91mobiles)
Immagine 2 di 2

Samsung Galaxy Watch 4 leak

(Image credit: 91mobiles)

Alcune fonti sostengono che il Galaxy Watch 4 avrà un nuovo design poiché dovrà accogliere le batterie di un nuovo fornitore. Non sappiamo se questa scelta porterà dei vantaggi in termini di autonomia: potrebbe infatti trattarsi di un semplice accordo commerciale tra Samsung e ATL. Le relazioni tra le due aziende sono ricominciate nel 2019, dopo i gravi problemi che hanno caratterizzato il lancio di Galaxy Note 7 nel 2017.

A proposito di autonomia, in un documento di SGS Fimko, un’azienda di certificazione finlandese, pare che Samsung Galaxy Watch 4 avrà una batteria da 247 mAh. La batteria di Galaxy Watch 3 da 41 mm ha la stessa capienza. A questo punto è plausibile che il Galaxy Watch 4 avrà batterie simili a quelle del predecessore. Viene menzionata anche la ricarica da 5 W.

Una voce di corridoio suggerisce che lo smartwatch potrebbe essere dotato di un glucometro, un sensore capace di rilevare i livelli di glucosio nel sangue. Non è chiaro se il sensore sarà presente su Galaxy Watch 4, su Galaxy Watch Active 4 o su entrambi.

Lo smartwatch potrebbe anche esser capace di effettuare una B.I.A (Body Impedence Assessment o Bioimpedenziometria), una tecnica che consente di misurare i valori di grasso corporeo e massa muscolare. Finora ne ha parlato solo un divulgatore, ma nessuno ha smentito la notizia.

Il quadrante del Samsung Galaxy Watch 4 dovrebbe essere leggermente più ampio di quelli disponibili su Galaxy Watch 3 (42 e 46 mm vs 41 e 45 mm).

Il prodotto dovrebbe essere dotato di un processore a 5nm più performante, che probabilmente sarà disponibile su entrambi gli smartwatch.

Infine, ci aspettiamo una variante LTE del dispositivo oltre ai tipici sensori di questa classe di prodotti: cardiofrequenzimetro, ECG, GPS e uno schermo AMOLED circolare. Come sempre, il supporto a numerose attività sportive sarà alla base dell’orologio.

Le nostre aspettative

Samsung Galaxy Watch 3 è uno smartwatch all'avanguardia, tant’è che gli abbiamo assegnato 4,5 stelle su 5. Detto ciò, come si suol dire, c’è sempre margine di miglioramento, ragion per cui abbiamo scritto anche una lista delle migliorie che vorremmo trovare sul dispositivo. 

1. Una maggiore autonomia

La durata della batteria è un problema su molti smartwatch e Galaxy Watch 3 non fa eccezione. Sebbene la sua autonomia non sia terribile, occorre ricaricare la batteria ogni due-tre giorni.

Peggio, l’autonomia di Watch 3 è inferiore a quella del primo smartwatch dell’azienda (Samsung Galaxy Watch), quindi speriamo che Galaxy Watch 4 possa spingersi a quattro-cinque giorni tra una ricarica e l'altra.

Non sarà semplice unire un design sottile e una batteria più ampia, ma se c’è un’azienda che può farlo, quella è Samsung.

2. Un prezzo più basso

Samsung Galaxy Watch 3 è uno smartwatch di fascia alta e, come tale, costa parecchio. In effetti, il suo prezzo di lancio era superiore a quello di Apple Watch 6, il che la dice lunga.

Auspichiamo dunque che Samsung Galaxy Watch 4 abbia un prezzo consigliato inferiore a quello del predecessore.

3. ECG e SpO2 pronti all'uso

Samsung Galaxy Watch 3

Non tutte le funzioni del Galaxy Watch 3 erano attive alla prima accensione (Image credit: Srivatsa Ramesh)

Samsung Galaxy Watch 3 supporta numerose funzioni: ECG (elettrocardiogramma), monitoraggio della pressione sanguigna e presenta anche un saturimetro. Tuttavia, nessuna di queste funzionalità era disponibile al momento del lancio.

Alcuni tool infatti non avevano ancora ottenuto la necessaria certificazione dagli organi sanitari, al lancio del prodotto. Ciò non ha giovato all’immagine del prodotto.

In breve, vorremmo che il lancio dei nuovi prodotti non fosse accompagnato da problematiche simili. Tuttavia è probabile che resteremo delusi: ammesso e non concesso che Samsung si preoccupi di avere subito le certificazioni, ciò riguarderà probabilmente solo gli USA e pochi altri territori - difficilmente l’Italia sarà inclusa dal primo giorno. 

4. Più app

Finora, i Samsung Galaxy Watch hanno eseguito il sistema operativo Tizen dell’azienda, anziché Wear OS. Il sistema operativo Tizen non è male in sé, ma supporta poche app, inoltre è privo di alcuni tool fondamentali come Google Maps.

Dal momento che i nuovi smartwatch dell’azienda passeranno a WearOS, gli utenti dovrebbero aver accesso a molte più app.

5. Un processore più performante e più RAM

Samsung Galaxy Watch 3

(Image credit: TechRadar)

A differenza degli smartphone, le specifiche degli smartwatch non cambiano di anno in anno e, infatti, Samsung Galaxy Watch 3 ha lo stesso processore del primo Galaxy Watch. Non solo, ma ha anche meno RAM (solo 1 GB) rispetto alla versione LTE di quest’ultimo.

Sebbene le prestazioni siano soddisfacenti, riteniamo che l’aggiunta di un processore di ultima generazione possa giovare non poco a prestazioni e consumi. Anche l’aumento della RAM potrebbe tornar utile.