Skip to main content

Xiaomi Mi 11 Lite 5G: recensione

Un performante medio di gamma dall'ottimo rapporto qualità-prezzo

Xiaomi Mi 11 Lite 5G
(Image: © TechRadar)

TechRadar Verdetto

Il design elegante, l’ottimo display AMOLED da 90Hz e le ottime prestazioni offerte dallo Snapdragon 780G, fanno di Xiaomi Mi 11 Lite 5G uno dei migliori medi di gamma dal prezzo abbordabile. Ha delle specifiche ben bilanciate, con i compromessi classici di uno smartphone di fascia media. La concorrenza è tuttavia piuttosto agguerrita.

Pros

  • +

    Design snello ed elegante

  • +

    Buone prestazioni

  • +

    Buona fotocamera principale

Cons

  • -

    Obiettivo ultra-grandangolare non all’altezza

  • -

    La MIUI ha troppo bloatware

  • -

    La batteria poteva essere più capiente

Xiaomi Mi 11 Lite 5G: in breve 

Xiaomi Mi 11 Lite 5G è uno degli ultimi smartphone Android di fascia media lanciati dall’azienda cinese dopo Mi 10 Lite, Redmi Note 10 Pro e Poco F3. Lo smartphone spicca fra il lotto per il suo elegante design.

Il telefono ha un SoC migliore rispetto al fratello minore Mi 11 Lite 5G NE, presentato sei mesi fa, oltre ad essere disponibile in una nuova variante di colore e beneficiare di alcune funzionalità in più per la fotocamera.

Mi 11 Lite 5G si propone come alternativa economica ai più costosi Xiaomi Mi 11 e Mi 11 Ultra e sembra riuscirci abbastanza bene offrendo buona parte delle caratteristiche che contraddistingue la linea, come il posteriore in vetro ed un aspetto elegante e semplice, ma ad un prezzo più accessibile. 

Facendo uso di un SoC Qualcomm Snapdragon 780G, lo smartphone riesce tranquillamente ad avvicinarsi alle prestazioni dei top di gamma Android del 2020. Nonostante il display possa sembrare “più datato” con i suoi 90Hz, si tratta in realtà di un’unità AMOLED dall’ottima resa, in grado di superare senza troppi problemi altri display da 120Hz di fascia bassa.

Il comparto fotografico di Xiaomi Mi 11 Lite 5G non è miracoloso come quello di uno smartphone di punta, ma può comunque beneficiare di un buon sensore principale da 64 MP. L’elaborazione software delle immagini garantisce scatti luminosi ed equilibrati, con una qualità accettabile in condizioni notturne. Unico neo sembra essere la mediocrità del sensore ultra-grandangolare da 8MP.

Mi 11 Lite 5G si dimostra uno smartphone solido anche per quanto riguarda altri aspetti, comprese le sempre più numerose opzioni di personalizzazione offerte dalla MIUI, che purtroppo continua a non smentirsi riguardo la quantità bloatware installato.

Nel complesso Xiaomi Mi 11 Lite 5G è comunque un passo avanti rispetto i predecessori Mi 10 Lite e Mi 10T Lite. Il telefono migliora nelle tre aree principali: prestazioni, design e display, il che gli permette di posizionarsi fra i migliori smartphone con rapporto qualità/prezzo attualmente disponibili. 

Xiaomi Mi 11 Lite 5G: prezzo e disponibilità 

Xiaomi Mi 11 Lite 5G è già disponibile all’acquisto dal sito web di Xiaomi (opens in new tab) nella sola variante da 8+128GB, al prezzo di 449,90€.

In alternativa è possibile anche trovarlo su Amazon a prezzi più bassi, anche di molto. Proprio il prezzo lo rende estremamente competitivo rispetto ad altri smartphone come OnePlus Nord, Pixel 5a, Samsung Galaxy A52 5G e persino Poco F3. 

Xiaomi Mi 11 Lite 5G

(Image credit: TechRadar)

Design

  • Bordi in plastica lucida e posteriore in vetro
  • Molto sottile e leggero

Il design di Xiaomi Mi 11 Lite 5G migliora rispetto al  predecessore, mantenendo al tempo stesso alcuni elementi più audaci di Mi 10T Lite.

Xiaomi ha deciso di mettere da parte la fotocamera anteriore a goccia, optando per una fotocamera in-display posizionata nell’angolo sinistro, come per il fratello maggiore Mi 11. Le cornici laterali si mantengono abbastanza sottili ai lati, aumentando lo spessore nella parte inferiore.

Fra il vetro e i bordi lucidi della scocca si nota anche la presenza di una spessa cornice nera. Soluzioni che solitamente contraddistinguono smartphone economici, ma che è possibile trovare anche in top di gamma come Galaxy S21 e OnePlus 9, che riscoprono i vantaggi del taglio dei costi con l’uso della plastica.

Il design fa tuttavia la differenza nella parte posteriore, dove Xiaomi Mi 11 Lite 5G sembra quasi un top di gamma. Il vetro satinato in grado di mettere in risalto colori vivaci, come il Mint Green del modello che recensiamo, insieme alla fotocamera posteriore posta a sinistra, lo fanno sembrare un telefono più costoso di quello che è.

Xiaomi Mi 11 Lite 5G

(Image credit: TechRadar)

Nonostante l’ampio display da 6,55 pollici, lo smartphone risulta anche relativamente comodo da tenere in mano e riporre in tasca, con uno spessore di soli 6,8 mm e un peso di 159g. Ovviamente non è paragonabile a smartphone più piccoli come iPhone 12 Mini, ma è un miglioramento notevole rispetto il più pesante Mi 10T Lite.

Come per quest’ultimo, il lettore d’impronte è integrato nel tasto di accensione posto sul lato destro. Un’opzione non al livello delle soluzioni in-display che è possibile trovare in telefoni di punta o di fascia media, ma comunque è preferibile rispetto al sensore sul sul retro, ultimamente sempre meno diffuso.

Lo scanner di Xiaomi Mi 11 Lite 5G è veloce ed affidabile, anche se preferiamo il pulsante incassato presente su Mi 10T Lite e nella gamma Xperia di Sony.

Schermo 

  • 6.55 pollici 1080 x 2400 AMOLED
  • 90Hz
  • Luminosità massima 800 nit, tipica 500 nit

Xiaomi Mi 11 Lite 5G include un display da 6,55 pollici, con risoluzione di 1080 x 2400 e frequenza di aggiornamento da 90 Hz. 

Nonostante sia più piccolo e tecnicamente meno fluido dello schermo da 6,67 pollici e 120 Hz di Mi 10T Lite, ha l’ulteriore vantaggio di essere un AMOLED in grado di supportare una profondità colore fino a 10 bit (1,07 miliardi di colori tradotto in numeri), un valore 64 volte maggiore rispetto al predecessore.

Un altro vantaggio intrinseco dell’AMOLED è la riproduzione di un “nero vero”, che si nota in particolare quando si usa l’always-on display, e nelle animazioni delle notifiche. A conti fatti è un display più completo di alternative LCD con frequenza d’aggiornamento più elevata: a 90Hz la fluidità è già più che buona e difficilmente noterete qualche differenza con un telefono da 120Hz, anche mettendolo accanto.

Xiaomi Mi 11 Lite 5G

(Image credit: TechRadar)

Facendo un confronto analogo con Mi 10T Lite, lo schermo di Xiaomi Mi 11 Lite 5G si è addirittura dimostrato più reattivo, cosa in parte dovuta alla frequenza di campionamento al tocco da 240Hz.

La luminosità di 800 nits non è la migliore, considerato che i top di gamma hanno un valore solitamente doppio, ma bastano già 500 nits per assicurare una visione confortevole. Il display è anche pronto per la produzione di contenuti HDR10+.

Il fatto che lo schermo sia piatto abbassa ulteriormente il prezzo finale, ed è anche presente un vetro Corning Gorilla Glass 6. Un valore aggiunto rispetto alcuni telefoni, come Oppo Find X3 Neo, che fanno uso di Gorilla Glass 5.

Fotocamera 

  • Sensore principale da 64 MP ottimo per scatti diurni
  • Ultra grandangolare da 8 MP non all'altezza
  • Lo zoom da 2X taglia le foto, ma nel complesso è buono
  • Modalità notturna mediocre

La fotocamera da tre obiettivi di Xiaomi Mi 11 Lite 5G, ha un sensore in meno rispetto Mi 10 Lite e Mi 10T Lite, ma in questo caso non si tratta affatto di una mancanza. Il sensore di profondità era pressoché inutile, in questo caso lo smartphone mantiene soltanto l’obiettivo macro.

L’elemento interessante è il sensore grandangolare da 64 MP, con apertura focale f/1,79 e sistema di lenti a 6 elementi. Utilizzando una tecnica di pixel binning 4 in 1, l’obiettivo è in grado di scattare immagini da 16 MP. Il risultato è un ottima qualità fotografica in condizioni di buona illuminazione, dove siamo stati in grado di ottenere delle foto ricche di colori vivaci, con quell’ampia apertura che permette di ottenere un bell’effetto bokeh naturale. Il software IA di Xiaomi Mi 11 Lite 5G si comporta generalmente bene nell’applicare i giusti parametri correttivi, senza snaturare troppo le fotografie nella maggior parte dei casi.

Il sensore ultra grandangolare da 8 MP non è tuttavia dello stesso livello, sia per quanto riguarda il dettaglio delle immagini, che per il bilanciamento del colore. Gli scatti effettuati con questo obiettivo tendono ad apparire confusi e privi di dettagli, con macchie di rumore che si presentano verso i bordi.

Xiaomi Mi 11 Lite 5G

(Image credit: TechRadar)

Con l’assenza di un teleobiettivo dedicato, il sensore taglierà le immagini quando viene applicato uno zoom di qualsiasi ingrandimento. Le foto non sgranano tuttavia troppo con uno zoom di 2X, grazie all’abbondanza di pixel di cui l’obiettivo dispone.

La modalità ritratto è presente ma risulta poco convincente: lo sfondo dietro ha quasi l’effetto di un dipinto, mentre i soggetti non vengono esaltati come accade sui top di gamma più costosi.

La modalità notturna sembra mediocre. Non c’è molto da aspettarsi, considerato il prezzo ma in condizioni di scarsa illuminazione le foto scattate sono sembrate peggiori di Xiaomi Mi 10T Lite. In condizioni quasi buie, il fratello minore Mi 11 Lite si è invece comportato meglio con l’illuminazione e l’esposizione.

Il comparto video è al contrario un valore aggiunto per un telefono di fascia bassa come Xiaomi Mi 11 Lite 5G. È possibile girare con risoluzione 1080p a 120fps o 4K a 30fps, mentre la stabilizzazione elettronica (EIS) è al tempo stesso ottima e ben applicata, a differenza di Mi 10T Lite.

Galleria esempio

Specifiche e prestazioni 

  • Snapdragon 780G con prestazioni simili ai top di gamma 2020
  • Due casse stereo

Xiaomi Mi 11 Lite 5G equipaggia un SoC Qualcomm 780G, una CPU molto capace a scapito del nome, basata sulla stessa architettura di Snapdragon 888. Un balzo avanti rispetto a Mi 10T Lite, come dimostrato dai punteggi ottenuti su Geekbench 5 che vedono Mi 11 Lite 5G ampiamente davanti anche a rivali come Poco X3 NFC.

Il telefono si avvicina molto alle performance di Oppo Find X3 Neo, uno smartphone più costoso e dotato di CPU Snapdragon 865. Xiaomi Mi 11 Lite 5G soffre forse un po’ se messo a paragone con Poco F3, che costa meno ed è dotato di Snapdragon 870 e uno schermo da 120Hz, anche se la differenza non è enorme.

Accoppiato a 6 o 8GB di RAM, Snapdragon 780G è ad ogni modo in grado di offrire un’esperienza fluida e veloce. Sia nella navigazione che nel passaggio da un’app all’altra le prestazioni di Xiaomi Mi 11 Lite 5G sembrano quelle di un top di gamma.

Xiaomi Mi 11 Lite 5G

(Image credit: TechRadar)

Il vero divario fra la fascia alta sembra tuttavia riguardare la GPU Adreno 642, abbastanza limitata nel confronto con la più potente Adreno 650 e per questo motivo sempre dietro per quanto riguarda le prestazioni.

Le performance in gioco rimangono tuttavia alte: anche con impostazioni grafiche al massimo, League of Legends: Wild Rift gira a 60fps con qualche sporadico calo, mentre PUBG Mobile funziona piuttosto bene anche con HDR attivo, assicurando un frame rate estremo con le stesse impostazioni con cui è in grado di girare su OnePlus 9.

A fare la differenza nei giochi è anche l’audio, Xiaomi Mi 11 Lite 5G è infatti anche dotato di due altoparlanti stereo. Per quanto riguarda la memoria di archiviazione, il telefono offre fino a 128GB di spazio espandibili tramite microSD.

Software

  • MIUI 12 basata su Android 11
  • Interfaccia dispersiva e piena di bloatware
  • Diverse opzioni per la personalizzazione

Xiaomi Mi 11 Lite 5G esegue MIUI 12 basata su Android 11. Sebbene non sia fra le interfacce proprietarie più apprezzate, rimane fra le più performanti su tutti gli aspetti. Anche questa versione di MIUI soffre però troppo il bloatware, come già è possibile intuire dalla presenza sia di Mi Browser che di Google Chrome.

Xiaomi Mi 11 Lite 5G

(Image credit: TechRadar)

Applicazioni come Amazon Shopping, Facebook, TikTok e LinkedIn sono inoltre pre installate di serie e tutte raggruppate nella cartella “Altre app”, colma di giochi che la MIUI cercherà di farvi scaricare.

La suite di Xiaomi include le classiche app per la musica, i video, la galleria, la sicurezza e i temi, inclusa un’app per pulire e riordinare i file che occupano memoria sul dispositivo. Uno utile strumento, seppur pieno di annunci, che fanno fastidiosamente la loro comparsa anche durante l’installazione delle app. Notevole l’app Galleria, ricca di funzioni avanzate per la modifica e l’organizzazione delle fotografie - compresi alcuni effetti di editing molto particolari, come quello per modificare il cielo.

Xiaomi Mi 11 Lite 5G

(Image credit: TechRadar)

A parte i bloatware, l’interfaccia è cresciuta tanto in termini di usabilità. È molto utile ad esempio la possibilità di dividere la tendina superiore in due sezioni, di cui una dedicata alle notifiche e l’altra alle opzioni rapide.

La personalizzazione è in effetti uno dei punti di forza della MIUI 12: il negozio di temi è colmo di qualsivoglia stile ed è possibile scegliere fra numerosi sfondi, in grado di mettere in risalto la home page dello smartphone. Scegliendo un tema che mostrava gli anelli di Saturno, l’angolazione cambiava ogni volta che sbloccavamo il telefono.

La navigazione nei menù non è tuttavia semplice, le impostazioni sono poco intuitive e dispersive. Ci si aspetterebbe che l’opzione per cambiare lo sfondo si trovi nella sezione “Schermo”, mentre invece è posizionata nel menù “Always on Display” ed è qualcosa che si ripete con diverse altre voci.

Autonomia 

  • Batteria da 4,250mAh con buona autonomia
  • Caricabatterie da 33W incluso

La batteria di Xiaomi Mi 11 Lite 5G ha una capienza di 4.250mAh, una buona quantità che risulta però minore rispetto i 4.820mAh di Mi 10T Lite e decisamente inferiore ai 5.160mAh di Poco X3 NFC.

Nonostante ciò, il dispositivo garantisce una buona autonomia, dovuta in parte ad un minor consumo del display da 90Hz. Con un utilizzo leggero è infatti possibile arrivare a fine giornata con un abbondante 50% di batteria rimanente. Usandolo più intensamente e totalizzando 4 ore di schermo acceso, si scende invece al 35%.

Xiaomi Mi 11 Lite 5G

(Image credit: TechRadar)

Xiaomi Mi 11 Lite 5G si comporta bene anche durante la fruizione di contenuti multimediali. In un nostro test, dove abbiamo messo in loop per 90 minuti un video a 720p con luminosità al massimo, il dispositivo ha consumato l’11% di batteria.

Nella confezione è incluso un caricatore rapido da 35W, in grado di portare la percentuale dal 20% all’82% in mezz’ora. Particolarmente utile nel caso serva caricare velocemente il telefono.

Xiaomi Mi 11 Lite 5G è lo smartphone per voi?

Xiaomi Mi 11 Lite 5G

(Image credit: TechRadar)

Compratelo se… 

Cercate uno smartphone conveniente e con una bella estetica

Pochi smartphone di fascia bassa hanno il design di Xiaomi Mi 11 Lite 5G. Il dispositivo è sottile, leggero e la parte posteriore ha un aspetto da top di gamma.

Volete un display fluido che non comprometta la qualità dell’immagine

Xiaomi Mi 11 Lite 5G offre display ottimamente bilanciato: i 90Hz assicurano fluidità sufficiente, mantenendo al tempo stesso l’ottima qualità di immagine dell’AMOLED.

Usate lo smartphone per giocare ma il budget è limitato

Smartphone del genere hanno raramente prezzi accessibili e uno di questi pochi casi è proprio Mi 11 Lite 5G, in grado di assicurare prestazioni di alto livello grazie al SoC Snapdragon 780G.

Non compratelo se… 

Ponete l’accento sull’autonomia

L’autonomia è buona, ma non la migliore. Se puntate ad una durata da più di due giorni, questo modello di Xiaomi non è la scelta giusta.

Volete un OS privo di bloatware

MIUI ha fatto enormi passi avanti, ma è ancora piena di fastidiosi bloatware e pubblicità invasive. Se cercate la pulizia dei Google Pixel o dei OnePlus, è meglio cercare altrove.

Adorate la fotografia ultra grandangolare

Il sensore principale da 64 MP di Xiaomi Mi 11 Lite 5G è molto buono, l’obiettivo ultra grandangolare da 8 MP non è però dello stesso livello per quanto riguarda i dettagli, il bilanciamento e la vivacità dei colori. Lo eviterete sicuramente dopo alcuni scatti.

With contributions from