Skip to main content

RTX 3080 e RTX 3090 potrebbero essere quasi introvabili nei prossimi mesi

(Image credit: Nvidia)

Se volete essere tra i primi fortunati possessori di schede video Nvidia GeForce RTX 3080 o RTX 3090, forse dovreste affrettarvi con i preordini.

Secondo quanto riporta TweakTown, infatti, le nuove GPU Ampere annunciate pochi giorni fa potrebbero essere quasi introvabili sino al 2021. Citando fonti interne al settore, l'autore dell'articolo sostiene che la disponibilità sarà "estremamente limitata" nei prossimi mesi, con pochi stock disponibili da qui sino alla fine dell'anno.

Secondo TweakTown, “i primi stock di schede video saranno ridotti, molto, molto ridotti, probabilmente sarà il lancio con meno unità disponibili da molti anni a questa parte".

Il motivo, sostiene la testata, sono le incertezze legate all'efficienza del processo produttivo a 8 nanometri di Samsung. Nvidia sarebbe per questo intenzionata a ridurre la produzione di schede video fino a quando non saranno raggiunti livelli di efficienza soddisfacenti.

Nvidia vuole inoltre tenere sotto controllo i movimenti di AMD e la sua imminente architettura RDNA 2, dato che non è ancora chiaro in che modo il Team Red intenda davvero competere con le schede Ampere di Nvidia. 

Ad ogni modo, è difficile pensare che AMD dal punto di vista delle prestazioni possa arrivare a un testa a testa con le GPU Ampere. Tutte le nuove schede grafiche di Nvidia, a partire dalla GeForce RTX 3070 da 519 euro, sono molto più potenti rispetto alla RTX 2080 Ti. 

Secondo Nvidia, RTX 3080 garantirà il doppio delle prestazioni rispetto alla scheda flagship Turing della generazione precedente, mentre la RTX 3090 dominerà dall'alto dei suoi 24 GB di memoria GDDR6X e dei suoi oltre 10.000 core CUDA, quasi 2.000 in più rispetto alla 3080.

Se volete essere tra i primi fortunati a provare le prestazioni dell'architettura Ampere, sembra proprio che dobbiate affrettarvi. La RTX 3080 arriverà il 17 settembre prossimo, seguita dalla RTX 3090 il giorno 24 e dalla RTX 3070 nel corso del mese di ottobre.