Skip to main content

Recensione Apple MacBook Pro 14 (2021)

Un notebook per creativi davvero impressionante

MacBook Pro 14 su un tavolo in ufficio
Editor's Choice
(Image: © Future)

Il nostro verdetto

Il MacBook Pro 14 (2021) è il miglior notebook per professionisti della creatività che si possa comprare oggi. Offre prestazioni incredibili, anche a batteria, e ha lo schermo migliore disponibile oggi su un portatile. Per chi deve fare montaggio video, programmazione, produzione musicale, fotografia professionale o cose simili, è un acquisto da fare a occhi chiusi. Se ve lo potete permettere.

Pro

  • Prestazioni
  • Qualità dello schermo
  • Autonomia
  • Molte porte

Contro

  • Per alcuni lo schermo sarà piccolo
  • Eccessivo per l'utente generico
  • Costoso

TechRadar Verdict

Il MacBook Pro 14 (2021) è il miglior notebook per professionisti della creatività che si possa comprare oggi. Offre prestazioni incredibili, anche a batteria, e ha lo schermo migliore disponibile oggi su un portatile. Per chi deve fare montaggio video, programmazione, produzione musicale, fotografia professionale o cose simili, è un acquisto da fare a occhi chiusi. Se ve lo potete permettere.

Pros

  • + Prestazioni
  • + Qualità dello schermo
  • + Autonomia
  • + Molte porte

Cons

  • - Per alcuni lo schermo sarà piccolo
  • - Eccessivo per l'utente generico
  • - Costoso

 Recensione di due minuti 

Il MacBook Pro 14 pollici (2021) è il più piccolo dei due nuovi MacBook Pro che Apple ha recentemente presentato (l'altro è il MacBook Pro 16 pollici (2021), che si possono avere con due diversi processori Apple: M1 Pro e M1 Max, i chip più impressionanti di Apple finora. Il modello da 14” monta sempre l’Apple M1 Pro, ma in due diverse varianti. 

Anche il più avanzato dei MacBook ha bisogno di un proprietario che se ne prenda cura. Assicrati che il tuo laptop sia sempre nel migliore stato possibile con CleanMyMac X, un'applicazione approvata e suggerita da Apple. Rimuove tutti i file dannosi, analizza il Mac ala ricerca di malware, ottimizza l'uso della memoria ed esegue molte altre azioni di manutenzione. Tutto con un solo click. 

CleanMyMac X include ben 49 diversi strumenti per gestire i più comuni problemi legati a MacOS e ai computer Mac. 

Acquista CleanMyMac X direttamente dal produttore

divider

Quello che Apple ha creato qui è senza dubbio il miglior laptop per professionisti creativi che abbiamo mai testato. In passato, le persone hanno criticato Apple per aver messo il design davanti alla funzionalità, nonostante i desideri dei suoi utenti: abbiamo visto dei Macbook con troppo poche porte, per esempio, che però erano molto sottili e leggeri. La buona notizia è che Apple non ha solo ascoltato i suoi clienti, ma ha accolto il loro feedback.

Quindi, il nuovo MacBook Pro da 14 pollici è dotato di una vasta selezione di porte: tre porte Thunderbolt 4, una porta HDMI, uno slot per schede SDXC e una porta MagSafe 3 per la ricarica. Se avete mai dovuto fare affidamento su un dongle per collegare periferiche extra, come un monitor esterno o la scheda di memoria della fotocamera, con il MacBook Pro da 14 pollici non sarà più necessario. Il MacBook Pro 14” è indirizzato ai professionisti che cercano una vera workstation mobile, e anche per questo lascia il design sottile, leggero e snello al MacBook Air. Apple ha realizzato un dispositivo che è probabilmente più di nicchia, ma di gran lunga più adatto ai possibili compratori.

Ciò significa che per molte persone questo non sarà il miglior laptop. Offre un livello di potenza di cui la maggior parte delle persone non avrà mai bisogno e con un prezzo base di €2.349 e di gran lunga troppo caro per la maggior parte delle persone. 

Se però avete bisogno di tutta questa potenza, per modificare video 8K, gestire musica, programmare o chissà cos’altro, allora questo è probabilmente il miglior portatile che possiate prendere oggi. 

Apple ha rivisto l’hardware, inserendo all’interno il processore Apple M1 Pro, ma anche lo schermo è nuovo. Non esisteva, infatti, uno Macbook da 14”, che è sempre un display Liquid Retina XDR ma con retroilluminazione mini-LED. La tecnologia mini-LED è la stessa del nuovo iPad Pro, ed è altrettanto impressionante qui: ha un enorme rapporto di contrasto di 1.000.000:1. Se si sta lavorando su foto e video HDR, l’aspetto dei contenuti è incredibile rispetto a laptop di vecchia generazione. 

Per trovare qualcosa di simile, a livello di schermo, bisogna guardare agli Asus Vivobobk con schermo OLED, o ai Dell XPS, sempre con schermo OLED: 

C’è anche la tecnologia ProMotion, che offre frequenze di aggiornamento fino a 120Hz, che possono essere adattate a seconda del movimento del contenuto sullo schermo. Questo non solo rende i video fantastici, ma anche lo scorrimento dei siti Web trae vantaggio da questa tecnologia, poiché ora è fluido e reattivo. Come con i precedenti schermi MacBook Pro, supporta anche l'ampia gamma di colori P3.

Anche la durata della batteria è stata drasticamente allungata e ora può raggiungere le 17 ore, il che è notevole per una workstation mobile di questo calibro. Non solo, ma il MacBook Pro da 14 pollici continua a svolgere attività complesse anche quando è alimentato a batteria, piuttosto che limitare le prestazioni come con altri laptop per preservare la durata della batteria.

MacBook Pro 14-inch on a table in an office

(Image credit: Future)

È qui che il controllo di Apple sia sull'hardware, con le CPU M1 Pro o M1 Max, sia sul software, con macOS Monterey, ripaga davvero, poiché ha permesso all'azienda di ottimizzare le prestazioni e il consumo energetico per creare un laptop potente che può anche durare a lungo - più a lungo dei concorrenti.

Una webcam a 1080p (meglio rispetto all’anno scorso) e altoparlanti di maggiore qualità completano i miglioramenti. Questi dettagli sono particolarmente importanti ora che molti di noi lavorano in remoto, e tutto contribuisce a creare un laptop professionale davvero impressionante.

Se sei un professionista creativo alla ricerca di un nuovo laptop su cui lavorare, allora il MacBook Pro da 14 pollici (2021) è il miglior laptop che puoi acquistare in questo momento.

 Prezzo e disponibilità 

Scheda tecnica

Ecco la configurazione del MacBook Pro da 14 pollici (2021) inviata a TechRadar per la recensione:

CPU: Apple M1 Pro (10 core)
Grafica: GPU integrata a 16 core
RAM: 32 GB di memoria unificata
Schermo: 14,2 pollici , 3.024 x 1.964 display Liquid Retina XDR (mini-LED, 1.000 nits di luminosità sostenuta, ampia gamma di colori P3, tecnologia ProMotion)
Memoria: SSD da 512 GB
Porte: 3x Thunderbolt 4 (USB-C), HDMI, slot per schede SDXC, cuffie da 3,5 mm jack, MagSafe 3
Connettività: Wi-Fi 6, Bluetooth 5.0
Fotocamera: webcam FaceTime HD 1080p
Peso: 1,6 kg
Dimensioni: 31,26 x 22,12 x 1,55 cm 

 

Il Macbook Pro 14 con chip Apple M1 Pro è disponibile da ottobre 2021. Lo si può trovare direttamente sul sito Apple, ma anche su Amazon e presso i maggiori rivenditori. Per il momento i tempi di consegna sono di circa un mese ma il problema della scarsità di componenti  durerà ancora a lungo, forse fino al 2023.

Se volete un Macbook Pro 14, quindi, vi consigliamo di ordinarlo subito.

Il prezzo di partenza è fissato a €2.349 per la versione con CPU Apple M1 da 8 core, GPU da 14 core, 16 GB di RAM ed SSD da 512GB. La variante da €2.849 invece propone un processore più potente (10-16 core), 16GB di RAM e un SSD da 1TB. 

MacBook Pro 14-inch on a table in an office

(Image credit: Future)

 

Il nuovo MacBook Pro da 14 pollici (2021) è un laptop incredibilmente ambizioso sia in termini di hardware che di design, ed è rivolto a professionisti creativi che necessitano di hardware mobile potente, il che significa che si tratta di un laptop costoso. Molto costoso.

Oltre ai prezzi base, infatti, si può scegliere di avere il processore Apple M1 Max, che aggiunge €230 oppure €260 al prezzo finito, se si sceglie quello con 10/24 core oppure quello con 10/32 core. I valori si riferiscono a CPU e GPU, mentre il Neural Engine è sempre da 16 core. 

Passare a 32GB di RAM vi costerà €360 in più ma se prendete l’Apple M1 Max potrete arrivare fino a 64GB, spendendo così €920 aggiuntivi. Ci sono opzioni extra anche per lo spazio di archiviazione: €460 per 2TB, €1.150 per 4TB e €2.530 per 4TB.  

Risultato? Un Macbook Pro 14 configurato con le migliori opzioni hardware vi costerà €6.299. Più eventuali licenze software, se non le avete già. 

Sono cifre enormi, da prendere in considerazione solo se davvero vi serve un portatile del genere, soprattutto considerando che parliamo di un 14 pollici. Se volete comunque un Mac ma vi basta qualcosa di meno esagerato, c’è MacBook Pro da 13 pollici (M1, 2020). Viene fornito con il chip M1 meno potente, ma nei nostri test è stato comunque impressionante, anche con la modifica di video in 8K. Il prezzo parte da €1.479, più ragionevole rispetto al nuovo 14 pollici. 

Per molte persone, questo sarà un modello più realistico su cui puntare, offrendo la potenza che serve senza un prezzo così alto. Per le persone che hanno bisogno di più, tuttavia, il MacBook Pro da 14 pollici offre questo passo avanti.

Design

 

Molti di noi hanno chiesto per anni una riprogettazione del MacBook Pro e con il MacBook Pro da 14 pollici (2021) finalmente l'abbiamo ottenuta. Questa è la più grande revisione del design Apple da anni, e sembra di essere tornati a quello che i Macbook erano alcuni anni fa. 

Il cambiamento di design più evidente è la nuova dimensione dello schermo da 14,2 pollici, un aumento di quasi un pollice rispetto al display da 13,3 pollici fornito con il MacBook Pro 13. Questo spazio extra sullo schermo è ben utilizzato, offrendo un'area molto più ampia su cui lavorare rispetto al modello da 13 pollici, senza aumentare troppo le dimensioni complessive del laptop. Se il MacBook Pro da 16 pollici sembra troppo grande e il MacBook Pro da 13 pollici troppo piccolo, allora il 14 pollici potrebbe essere il compromesso perfetto.

MacBook Pro 14-inch on a table in an office

(Image credit: Future)

 

Oltre all'aumento delle dimensioni dello schermo, anche la risoluzione è stata aumentata da 2.560 x 1.600 sul 13 pollici a 3.024 x 1.964, il che aumenta la densità dei pixel da 227 pixel per pollice (PPI) a 254 PPI. Non solo questo è uno schermo più grande, ma è anche più nitido.

Anche le cornici intorno allo schermo sono state ridotte. Gli spessi bordi dei precedenti MacBook erano uno dei nostri più grandi problemi. Hanno reso i laptop ingombranti e obsoleti, mentre rivali come Dell hanno lanciato laptop con cornici sempre più sottili attorno allo schermo.

Quindi, le cornici più sottili del MacBook Pro da 14 pollici sono estremamente benvenute. Non solo rendono il laptop più moderno e aiutano a concentrarsi sullo schermo stesso, ma permettono anche di mettere uno schermo più grande in un notebook che è grande più o meno uguale. 

Le dimensioni sono 31,26 x 22,12 x 1,55 cm, che non è molto più grande delle dimensioni (30,41 x 21,24 x 1,56 cm) del MacBook Pro da 13 pollici. Considerando l'aumento delle dimensioni dello schermo, è piuttosto notevole.

Le cornici più snelle hanno un costo, tuttavia, poiché Apple ha introdotto una delle decisioni di design più controverse nella storia recente: una "tacca" che circonda la webcam. Lo schermo ha il notch, la famigerata tacca nera degli iPhone. 

MacBook Pro 14-inch notch in close up

(Image credit: Future)

 

È più che visibile, poiché il notch interrompe lo schermo proprio in mezzo, dove va la barra dei menu. Tuttavia macOS Monterey, che viene preinstallato sul MacBook Pro da 14 pollici (2021), è progettato per gestirlo. La barra dei menu delle app si adatta alil notch, quindi se ci sono numerose voci di menu che corrono lungo la barra dei menu, vengono riorganizzate in modo che appaiano su entrambi i lati delil notch. Il cursore del mouse si sposta sotto il notch.

Non è la soluzione più elegante e Apple non è stata chiara sul motivo per cui il notch sia necessario. La webcam è stata migliorata con una risoluzione 1080p e un sensore più grande, ma molti altri laptop hanno fotocamere 1080p e cornici sottili senza bisogno di una tacca simile. A differenza dell'iPhone, i nuovi MacBook Pro non supportano Face ID, che consente di accedere scansionando il tuo viso. Non serviva, dunque, lo spazio per i sensori aggiuntivi. 

In ogni caso c’è più spazio a schermo, poiché la barra dei menu stessa è ora più in alto (grazie alle cornici ridotte). Ciò consente all'applicazione di occupare ancora più spazio sullo schermo sottostante, con conseguente maggiore spazio di lavoro sul desktop

MacBook Pro 14-inch on a table in an office

(Image credit: Future)

 

Inoltre, quando si utilizzano app in modalità a schermo intero o si guardano video, non si noterà il notch, poiché quella parte dello schermo viene oscurata.

Quando apri il MacBook Pro da 14 pollici, si rivela un'altra importante novità di design: non c'è più la Touch Bar che corre lungo la parte superiore della tastiera. Questo sottile display è stato incluso in vari modelli di MacBook Pro dal 2016 in poi, sostituendo i tasti funzione fisici. Mostrava pulsanti interattivi che erano sensibili al contesto e cambiavano a seconda dell'applicazione che si sta utilizzando.

La Touch Bar si è rivelata impopolare tra molti utenti, che l'hanno trovata ingannevole e i produttori di app di terze parti non l'hanno mai utilizzata al massimo delle sue potenzialità.

Con i nuovi MacBook Pro la Touch Bar è sparita, sostituita dal ritorno dei tasti fisici. C'è ancora un pulsante Touch ID, per accedere usando solo l’impronta digitale, e continua a funzionare bene. Se non vi piaceva la Touch Bar, sarete felici della sua scomparsa. Ma la sua assenza deluderà quelli che invece la apprezzavano. 

Il resto della tastiera è la stessa Magic Keyboard trovata nei recenti MacBook. È reattiva e piacevole da usare. È anche affidabile, il che è cruciale dopo i problemi di Apple con le tastiere Butterfly nei vecchi MacBook, che tendevano a rompersi troppo facilmente. 

MacBook Pro 14-inch on a table in an office focusing on the ports

(Image credit: Future)

 

L'altro importante cambiamento di design riguarda le porte: con il MacBook Pro da 14 pollici (2021) abbiamo tre porte Thunderbolt 4, una porta HDMI, uno slot per schede SDXC e una porta MagSafe 3.

Con tutte queste porte a disposizione, si possono collegare fino a tre Pro Display XDR e una TV 4K con M1 Max, o due Pro Display XDR se si opta per M1 Pro.

Questo aumento delle porte è estremamente positivo, poiché in passato ci siamo lamentati del fatto che i MacBook Pro non ne avessero abbastanza. Questi sono laptop destinati ai professionisti. Avere solo poche porte USB-C su un laptop consumer come il MacBook Air magari va bene, ma quando si tratta di laptop professionali, hai bisogno di più porte, poiché è probabile che ci siano più dispositivi esterni da collegare. 

Sembra che Apple abbia ascoltato i suoi clienti e abbia dunque aumentato la selezione di porte. Lo slot per schede di memoria piacerà ai fotografi che desiderano trasferire rapidamente le proprie foto sul MacBook Pro per modificarle, mentre la porta HDMI a grandezza standard consente di collegare questo laptop a una TV o un monitor senza bisogno di un adattatore.

È bello vedere che Apple risponde ai suoi clienti in questo modo e risolve uno dei nostri maggiori problemi che abbiamo avuto con i modelli precedenti.

MacBook Pro 14-inch on a table in an office focusing on the ports

(Image credit: Future)

 

Queste nuove porte significano che il MacBook Pro da 14 pollici è più grosso rispetto ai modelli precedenti, e sembra quasi retrò vedere una porta HDMI a grandezza naturale su un laptop, ma questo è un laptop workstation serio per professionisti, e sicuramente l’aspetto elegante e moderno si può mettere in secondo piano. Chi vuole un laptop sottile e leggero che metta più enfasi sull'essere elegante che funzionale, allora c'è sempre il MacBook Air (M1, 2020), che rimane la nostra scelta come il miglior laptop del momento. 

C'è anche una porta MagSafe 3. Consente di collegare in sicurezza l’alimentatore, che si staccherà facilmente in caso di strattoni o cadute, evitando danni anche gravi. È un'aggiunta gradita, soprattutto perché resta anche la possibilità di caricare il MacBook Pro tramite USB-C, quindi gli adattatori MacBook Pro più vecchi (o caricabatterie USB-C di altre marche) sono compatibili. Si tratta di opzioni, e il MacBook Pro da 14 pollici te ne offre molte.

Nel complesso, il nuovo design del MacBook Pro da 14 pollici è un successo. Ci sono tante novità aggiunte da Apple, tra cui cornici più sottili e più porte, aggiungendo anche uno schermo più grande e sorprendente. È disponibile in due colori, argento e grigio siderale, che potrebbero deludere chi sperava in qualcosa di più colorato come il nuovo iMac, ma mantengono quell'aspetto classico e iconico del MacBook.

 Prestazioni 

Benchmark

Ecco come si è comportato il MacBook Pro da 14 pollici (2021) nella nostra suite di test di benchmark:

Cinebench R23 CPU: Single-Core: 1.533; Multi-Core: 12.370
Geekbench 5 Single-Core: 1.766; Multi-Core: 12.514
Durata della batteria (test video TechRadar): 15 ore e 58 minuti
Handbrake (1080p, veloce): 71,32 fps
PugetBench Photoshop: 804 punti 

 

Il nuovo design del MacBook Pro da 14 pollici (2021) è uno degli aspetti più interessanti di questo prodotto, ma le modifiche apportate da Apple all'hardware sotto il telaio sono ancora più notevoli. 

Apple ci aveva già stupito con il suo chip M1 nel 2020, che rendeva i notebook abbastanza potenti da poter modificare i video 8K , pur vantando un'eccellente durata della batteria.

Quindi, quando Apple ha annunciato non uno, ma due nuovi chip all'evento di lancio del MacBook Pro da 14 pollici, ci siamo incuriositi parecchio. L'M1 Pro e l'M1 Max sono entrambi disponibili nel MacBook Pro da 14 pollici e offrono prestazioni che superano di gran lunga l'M1.

Indipendentemente dal processore scelto, sia l'M1 Pro che l'M1 Max sono grandi passi avanti rispetto al chip M1 esistente - che a sua volta è eccellente.

L'M1 Pro (che è nel nostro dispositivo di prova) supporta fino a 32 GB di memoria unificata (RAM), con una larghezza di banda di 200 GB/s, che è quasi tre volte la larghezza di banda dell'M1.

MacBook Pro 14-inch on a table in an office

(Image credit: Future)

 

La CPU ha otto core ad alte prestazioni e due core ad alta efficienza, e l'M1 Pro passerà dagli uni agli altri per ottimizzare prestazioni e consumo energetico. Per quanto riguarda la grafica, l'M1 Pro è dotato di una GPU a 16 core con 2.048 unità di esecuzione e una prestazione di 5,2 teraFLOPS. Apple promette prestazioni grafiche due volte più veloci rispetto all'M1.

Esiste anche una versione dell'M1 Pro con otto core in totale. Sei core ad alte prestazioni e due ad alta efficienza, e una GPU a 14 core. La avrete nel modello più economico del MacBook Pro da 14 pollici.

Se avete denaro che avanza oppure applicazioni davvero molto pesanti da gestire, potreste preferire il Macbook Pro 14 con Apple M1 Max. Questo chip supporta fino al doppio della quantità di memoria dell'M1 Pro, ed è composto da 57 miliardi di transistor, quasi il doppio dell'M1.

È importante notare che l'M1 Max viene fornito con lo stesso processore a 10 core dell'M1 Pro, ma ha una GPU più potente. Per le prestazioni grafiche, l'M1 Max è dotato di 32 core, il doppio di quello dell'M1 Pro. La GPU è inoltre dotata di 4.096 unità di esecuzione, il doppio rispetto all'M1 Pro, nonché il doppio dei thread simultanei massimi (98.304 vs 49.512).

Il modello che abbiamo recensito è dotato di M1 Pro a 10 core, 32 GB di memoria e SSD da 512 GB. 

MacBook Pro 14-inch on a table in an office

(Image credit: Future)

 

Per l'uso quotidiano, macOS Monterey è incredibilmente veloce e reattivo. Quando si naviga in Internet il display ProMotion del MacBook Pro da 14 pollici, che ha una frequenza di aggiornamento di 120 Hz, permette uno scorrimento di pagine Web (o documenti) incredibilmente fluido. E quando si tratta di lavori creativi di livello professionale, il MacBook Pro da 14 pollici brilla davvero.

L'evidente potenza dietro il chip M1 Pro ci ha permesso di creare e modificare scene 3D complesse in Cinema 4D in modo rapido e fluido, con la memoria unificata che consente di gestire molto bene alcuni carichi di lavoro molto intensi. 

Questo laptop offre prestazioni a livello di workstation in un laptop portatile. 

Abbiamo anche avviato Final Cut Pro per modificare video 8K e il processo è stato straordinariamente fluido. Potevamo scorrere la timeline avanti e indietro, e il filmato ad altissima definizione non si fermava nemmeno; siamo stati persino in grado di aggiungere quattro flussi 8K a una scena e riprodurli contemporaneamente. Roba davvero impressionante.

Durante il lavoro su questi progetti non siamo rimasti solo colpiti dalle prestazioni pure del MacBook Pro da 14 pollici, ma anche dalla bellezza dei contenuti. 

Questo grazie al nuovo schermo, che è un display Liquid Retina XDR con tecnologia mini-LED, che può fornire fino a 1.000 nit di luminosità a schermo intero sostenuta, 1.600 nit di luminosità di picco e un rapporto di contrasto di 1.000.000:1, e spettro cromatico P3.

MacBook Pro 14-inch on a table in an office

(Image credit: Future)

 

Ciò porta a una qualità dell'immagine davvero impressionante quando si lavora su video e foto. Il filmato che stavamo modificando in 8K era in HDR e lo schermo del MacBook Pro da 14 pollici lo mostrava in tutto il suo splendore. L'unico modo in cui poteva avere un aspetto migliore sarebbe stato su uno schermo 8K nativo, ma sarebbe chiedere troppo.

È uno dei display più impressionanti che abbiamo visto in un laptop. A un certo punto stavamo montando una scena 3D in Cinema 4D e abbiamo spostato l'illuminazione, cosa che ci ha abbagliato momentaneamente. È stato un eccellente esempio di quanto sia luminoso e vibrante questo schermo. 

Guardando ai concorrenti, ci sono marchi come Dell, Asus  o Gigabyte che fanno portatili con incredibili schermi OLED, e negli ultimi anni Apple era rimasta un po’ indietro. Ma ora il colosso di Cupertino ha ancora una volta lo schermo migliore che si possa avere su un laptop con MacBook Pro da 14 pollici (2021) e MacBook Pro da 16 pollici (2021).

Sì, sappiamo che alcuni potrebbero avere da ridire sul fatto che gli OLED siano meglio. Ma un portatile non è un televisore e una luminosità massima così alta, sugli OLED, non è semplicemente possibile. Non ancora almeno. Il pannello mini LED significa una migliore visibilità anche in situazioni difficili, con fonti di luce che colpiscono direttamente lo schermo. 

 

I MacBook non sono solo apprezzati dagli editor video e dai fotografi, ma anche musicisti e produttori musicali li usano spesso e la buona notizia è che il MacBook Pro da 14 pollici fa un ottimo lavoro anche per questo tipo di attività. Abbiamo giocato con un progetto estremamente complesso in Logic Pro, con una partitura orchestrale che ha oltre 1.500 tracce separate. Questo progetto ci è stato fornito da Apple (non abbiamo abbastanza talento per fare qualcosa di così complesso da remoto) ed è stato un ottimo esempio di ciò che il MacBook Pro da 14 pollici e il suo chip M1 Pro possono gestire. Il caricamento del progetto è stato straordinariamente rapido e abbiamo potuto saltare, tagliare e modificare le tracce senza il minimo rallentamento. .

Il MacBook Pro da 14 pollici ha resistito egregiamente e ha anche suonato alla grande grazie alla configurazione a sei altoparlanti.

La cosa forse più impressionante di tutto questo è che anche quando il MacBook Pro da 14 pollici funzionava a batteria, non c'era un calo rilevabile delle prestazioni. Questo è piuttosto notevole, poiché i laptop di solito limitano alcuni dei loro componenti più esigenti quando si utilizza la batteria, per preservare la durata della stessa, il che significa un calo delle prestazioni. Questo di solito è considerato un compromesso inevitabile: semplicemente che se vuoi svolgere compiti pesanti con il tuo laptop, avrai bisogno che sia collegato. In altre parole, il massimo della potenza è disponibile solo con il cavo di alimentazione collegato. 

Apple è andata oltre questo concetto. Grazie al lavoro svolto con i chip M1 Pro e M1 Max, ha permesso al MacBook Pro da 14 pollici di continuare a lavorare con attività complesse a batteria, senza un impatto sulle prestazioni, né un drastico taglio dell’autonomia. 

Essere in grado di eseguire il rendering di scene 3D complesse o compilare e testare codice informatico, tutto a batteria, è una sensazione incredibile e, insieme allo schermo eccellente, agli altoparlanti e alle numerose porte, significa che questa è una workstation veramente portatile. Ti dà un incredibile senso di libertà.

Siamo consapevoli di aver usato un po' la parola "incredibile" in questa recensione, ma riassume ciò che Apple ha fatto con il MacBook Pro da 14 pollici e se sei un professionista creativo alla ricerca di una potente workstation puoi usarlo ovunque, questo è il laptop che fa per te, senza dubbio.

Durante i nostri test non abbiamo sentito le ventole entrare in azione, il che è sicuramente impressionante. Apple ha prestato molta attenzione al design termico del nuovo MacBook Pro da 14 pollici, e questo sforzo sembra aver dato i suoi frutti, poiché stavamo svolgendo attività che, con altri laptop, avrebbero fatto partire le ventole e generato un forte rumore. 

Lo schermo è sicuramente uno degli aspetti migliori anche quando non si sta lavorando. È infatti eccellente anche per guardare film e serie TV, compresi i contenuti in HDR Dolby Vision. Il raffinato sistema audio completa alla grande l’esperienza, e volendo ci si può anche giocare. 

I nuovi MacBook Pro da 14 pollici e 16 pollici sono infatti “quasi” dei notebook gaming, grazie ai potenti chip M1 Pro e M1 Max, insieme a uno schermo ad alta frequenza di aggiornamento. Abbiamo riprodotto un po' di Metro Exodus sul MacBook Pro da 14 pollici e siamo rimasti colpiti da come l'ha gestito bene con impostazioni ultra. Ci sono stati alcuni intoppi in cui i frame rate sono diminuiti per alcuni secondi, ma Metro Exodus, come la maggior parte degli altri giochi, non è stato creato per Apple Silicon, quindi funziona tramite lo strumento di compatibilità Rosetta 2 di Apple. Con un po' di modifiche alle impostazioni grafiche e un supporto M1 migliorato in futuro, questi nuovi MacBook potrebbero essere formidabili macchine da gioco, in particolare le edizioni M1 Max. Non è qualcosa che avremmo mai pensato di dire su un MacBook.

Vale la pena sottolineare che se chi vuole massime prestazioni assolute da un MacBook, dovrà prendere il MacBook Pro da 16 pollici (2021) M1 Max, poiché viene fornito con un'esclusiva "Modalità ad alta potenza" progettata per ottenere prestazioni ancora maggiori. È un po' un peccato che la modalità non sia disponibile nemmeno con la versione M1 Max del MacBook Pro da 14 pollici. Crediamo che tale modalità possa fare la differenza anche per il gaming, ma per ora non abbiamo ancora potuto provare. 

 Webcam e microfono 

 

La webcam e il microfono in un laptop sono davvero importanti poiché molti di noi stanno effettuando più videochiamate ad amici, familiari, clienti e colleghi a causa del lavoro in remoto, quindi è bello vedere che Apple ha apportato miglioramenti anche qui. Finalmente abbiamo una webcam a 1080p su un MacBook, il che è un serio aggiornamento dall'hardware a 720p che Apple includeva. Non solo, questa webcam utilizza un obiettivo con un'apertura più ampia che lascia entrare più luce e che dovrebbe aiutare a prevenire il rumore video (quella strana grana statica che ogni tanto)

Insieme a un sensore di immagine più grande con pixel più efficienti, la fotocamera offre prestazioni due volte migliori in condizioni di scarsa illuminazione, quindi non ci sarà bisogno di alcuna illuminazione fantasiosa per apparire al meglio. Siamo rimasti colpiti dalla qualità della webcam nelle videochiamate. Sarebbe stato bello avere le funzionalità Face ID in modo da poter accedere guardando la webcam (come possiamo fare con i moderni iPhone o utilizzando webcam compatibili con Windows Hello con dispositivi Windows 10 e Windows 11).

Quando si tratta di audio in entrata, Apple ha incluso quelli che chiama microfoni di "qualità da studio". Si tratta di un miglioramento dei microfoni inclusi nel modello MacBook Pro da 16 pollici (2019), che erano già molto impressionanti. È un array di tre microfoni con un rapporto segnale/rumore potenziato e la nitidezza è eccellente. 

Per le videochiamate e le riunioni, fa il lavoro in modo brillante e, con qualche attenzione extra, andrà bene anche per la registrazione di voci e strumenti per podcast e jam session occasionali, se ci si trova senza un microfono di maggiore qualità sottomano. Ecco un altro accessorio che, volendo, si può lasciare a casa. 

MacBook Pro 14-inch on a table in an office

(Image credit: Future)

 Durata della batteria 

 

Quando Apple ha lanciato il MacBook Pro da 13 pollici (M1, 2020), si vantava di avere la durata della batteria più lunga di sempre in un MacBook e i nostri i test lo hanno confermato. Quindi quando Apple ha rivelato che il 14 pollici poteva battere il 13 pollici di ben sette ore, non vedevamo l'ora di provarlo di persona.

Apple afferma che il MacBook Pro da 14 pollici può raggiungere fino a 17 ore durante la riproduzione di video a schermo intero e 11 ore di navigazione web wireless. Nei nostri test di benchmark della batteria, in cui abbiamo riprodotto un video 1080p in loop fino all'esaurimento della batteria, abbiamo scoperto che è durato 15 ore e 58 minuti, non troppo lontano dalle 17 ore dichiarate da Apple. Il MacBook Pro da 13 pollici (M1, 2020) era durato 13 ore e 22 minuti nello stesso test.

Questo miglioramento nella durata della batteria è fantastico, soprattutto se si considera che c’è anche tanta potenza in più. Apple ha ovviamente lavorato molto per migliorare l'efficienza dei suoi chip M1 Pro ed M1 Max, e ciò significa che questo è una potente workstation mobile su cui puoi lavorare per un'intera giornata di lavoro, e avere ancora carica residua alla fine. Come accennato in precedenza, il fatto che l'impatto sulle prestazioni sia minimo quando è scollegato significa che per la prima volta si dispone di un laptop su cui è possibile eseguire carichi di lavoro molto intensi mentre si scarica la batteria. Anche i migliori laptop Windows non possono competere con questo.

Il nuovo alimentatore incluso con il MacBook Pro da 14 pollici (2021) può caricare la batteria al 50% in soli 30 minuti. Significa che quando stavamo usando i nuovi MacBook, le poche volte che la batteria si scaricava abbastanza da doverla caricare, non dovevamo aspettare molto perché raggiungesse il 100%.

 MacBook Pro da 14 pollici (2021), ne vale la pena? 

 Compratelo se... 

 

Volete una workstation veramente mobile

Non solo il MacBook Pro da 14 pollici (2021) è un laptop incredibilmente potente, ma offre un'eccezionale durata della batteria. Insieme a uno schermo straordinario, altoparlanti eccellenti e microfono integrato, questa è una workstation a cui non è necessario collegare nient'altro.

 

Sei un professionista creativo

Le specifiche potenziate del MacBook Pro da 14 pollici (2021) lo rendono un laptop fantastico per svolgere lavori creativi pesanti, tra cui l'animazione 3D e la produzione musicale.

 

Volete lo schermo migliore su un laptop

Dopo essere rimasta indietro, Apple è tornata in cima alla classifica per la qualità del display. Lo schermo del MacBook Pro da 14 pollici è il migliore che troverete su un laptop in questo momento.

 Non compratelo se... 

 

Non vi serve tanta potenza

Il MacBook Pro da 14 pollici rischia di essere eccessivo per molte persone. Se non dovete gestire carichi di lavoro complessi, il MacBook Air (M1, 2020) rimane il miglior laptop da scegliere.

 

Avete un budget contenuto

Con un prezzo iniziale di €2.349 il MacBook Pro 14 non è certo un portatile economico. Sicuramente offre moltissimo in cambio di tale cifra, ma se volete spendere meno meglio guardare altrove. 

Valerio Porcu

Valerio Porcu è Redattore Capo e Project Manager di TechRadar Italia.