Skip to main content

Samsung spiega perchè nessuno vuole più una One Connect Box insieme al televisore

Samsung's Serif TV
Samsung Serif TV (Image credit: Samsung)

Se avete mai acquistato un televisore Samsung dotato di One Connect Box, saprete quali sono i vantaggi di possedere una soluzione che permette di collegare facilmente al TV le sorgenti esterne come soundbar e console, mantenendo i cavi in ordine e lontani dalla vista.

One Connect Box è un accessorio che unisce le esigenze di design e ordine con la comodità e la praticità. Per qualche anno Samsung lo ha fornito in dotazione con alcuni dei suoi migliori televisori 4K, o comunque lo si trovava facilmente nei negozi e lo si poteva acquistare come accessorio opzionale.

Sembrava che Samsung avesse molti piani riguardo questo comodo accessorio, ma One Connect Box nel 2020 non è così diffuso come si saremmo aspettati inizialmente. Questa soluzione, inizialmente pensata per essere data in dotazione con la serie di Samsung QLED, viene inclusa in molti meno televisori quest'anno rispetto al 2019.

Lo scorso anno, tutti i televisori Samsung dal Q85R in poi (quindi anche il Q90R e il Q900R) venivano venduti con One Connect Box inclusa.

Quest'anno, tra i vari televisori QLED 2020, solo il Samsung Q95T e il Q950TS vengono venduti con One Connect Box inclusa, nonostante la serie di televisori QLED 8K Samsung si sia ampliata di molto rispetto all'anno scorso e comprenda televisori con specifiche superiori. Vengono anche vendute delle versioni dei TV Q90T e Q900T specificamente senza One Connect Box inclusa.

Sembra quindi che Samsung stia prendendo una direzione inaspettata per quanto riguarda questo accessorio. Ma cos'è successo?

One Connect Box permette di collegare al televisore le sorgenti esterne, attraverso un unico cavo da inserire sul retro dell’apparecchio. Contiene anche l’uscita audio digitale ottica e due porte USB 2.0.

One Connect Box permette di collegare al televisore le sorgenti esterne, attraverso un unico cavo da inserire sul retro dell’apparecchio. Contiene anche l’uscita audio digitale ottica e due porte USB 2.0. (Image credit: TechRadar)

Ogni euro ha la sua importanza

Lo abbiamo chiesto a Samsung, e l'azienda ci ha detto che, nonostante One Connect Box fosse inizialmente vista come la soluzione perfetta per il collegamento universale dei cavi, gli utenti non sono della stessa opinione.

A quanto pare c'è chi preferisce le porte integrate nel televisore, mentre invece altri clienti non vogliono essere costretti a pagare un TV più del necessario (parliamo di una cifra corrispondente circa a 200 euro) per un accessorio che non viene considerato indispensabile.

Samsung ci ha detto che "One Connect Box è un dispositivo la cui produzione è discretamente costosa". Non è una cosa sorprendente, se consideriamo che la box sostanzialmente rende il televisore un apparecchio separato dagli input che gli vengono dati, adibito solamente a riprodurre le immagini. One Connect Box sarebbe potuta diventare uno standard dei televisori Samsung, invece è rimasta ai margini.

Questa non è necessariamente una cosa negativa, anzi, per i clienti probabilmente è positivo avere la possibilità di scegliere.

Quello che ci chiediamo noi è: cosa possono fare i produttori di Smart TV per contenere i costi e darci comunque una soluzione valida per evitare cavi ingarbugliati, disordine e confusione intorno al televisore?

La OneConnect Box del 2019

La OneConnect Box del 2019 (Image credit: Samsung)

Questione di cavi

Se ci pensiamo, effettivamente sembra incredibile che nel 2020 siamo ancora così dipendenti dai cavi fisici.

Si era tanto parlato di soluzioni HDMI wireless, che però non hanno mai fatto breccia nel mercato a causa della diffusione del Wi-Fi per la condivisione di dati senza fili. Questo significa che quando si parla di hardware aggiuntivo dobbiamo affidarci ancora ai cavi. Nel 2019, per esempio, ci siamo resi conto che ottenere un audio di alta qualità tramite Bluetooth su LG E9, uno dei televisori OLED appartenenti alla fascia più alta, non è per niente semplice o scontato.

Il trasferimento dei dati via cavo è ancora oggi la soluzione più affidabile, grazie a standard migliorati come l'HDMI 2.1, che permette una riproduzione video 4K a 120 Hz, o 8K a 60 Hz.

Anche senza One Connect Box, comunque, i nuovi televisori Samsung offrono una soluzione per tenere i cavi in ordine. I QLED, per esempio, spesso presentano una piccola fessura in cui inserire i cavi per tenerli al loro posto. Insomma, una soluzione esterna per mantenere i cavi ordinati non sembrerebbe più essere necessaria, anche se noi rimaniamo dell'opinione che One Connect Box sia un accessorio nettamente migliore e decisamente più comodo.