Skip to main content

Nintendo Switch Pro non arriverà così presto

Nintendo Switch
(Image credit: Nintendo)

A quanto pare non c’è nessuna Nintendo Switch Pro, Nintendo Switch 2 o New Nintendo Switch all'orizzonte. Questa informazione ci è pervenuta dopo i commenti rilasciati dal dirigente di Nintendo America Doug Bowser (tramite Polygon) sul futuro di una delle console più vendute di sempre.

Rispondendo alla domanda sulla possibilità di vedere una console Nintendo Switch aggiornata, Bowser ha riconosciuto che la console potrebbe beneficiare di miglioramenti hardware, come ad esempio allo schermo HD a bassa risoluzione, e che Nintendo è conoscenza delle limitazioni, ma che l'attuale successo di Switch e Switch Lite rendono, per il momento inutile la necessità di un aggiornamento.

"Teniamo sempre in considerazione la tecnologia", afferma Bowser. "E come sappiamo, la tecnologia è in continua evoluzione e cambiamento. Siamo sempre alla ricerca di ciò sarà, chiedendoci: come è possibile migliorare l'esperienza di gioco? Che sia su una piattaforma attuale, o su una futura, questo punto viene sempre tenuto in considerazione".

Tuttavia, Bowser aggiunge che "lo slancio su Nintendo Switch e Nintendo Switch Lite nel quarto anno è forte. Crediamo di stare seguendo il percorso tipico di un ciclo di vita per una console".

Bowser definisce il 2020 il "il giro di boa del ciclo di vita di Switch", suggerendo che ci vorranno almeno altri tre anni per vedere sul mercato una Switch Pro o Switch 2.

Ciò non significa che non ci sarà alcun miglioramento all'hardware attuale, però. Nel 2018, Nintendo ha aggiornato la batteria delle console di nuova produzione, che ha quasi raddoppiato l’autonomia di gioco quando si usa la console in modalità portatile, chiudendo anche alcune falle dell’hardware della console.

Potrebbero pertanto venire proposti ulteriori aggiornamenti prima che la Switch finisca il suo corso. Probabilmente non uno radicale a metà della carriera come è accaduto per PS4 Pro, ma alcune modifiche mirate, sufficienti perché Nintendo non rimanga troppo indietro rispetto alle tecnologie del momento.

Domani, sempre domani

Giravano voci su un Nintendo Switch potenziato che avrebbe dovuto arrivare nel 2021, ma data la popolarità dall’attuale console sembra sempre più improbabile che ciò avvenga. Perché sostituire una console capace di attirare nuovi giocatori a ritmo incessante e spingere le vendite di titoli vecchi di diversi anni?

Il rischio di introdurre un aggiornamento troppo presto è che si corre il rischio di mettere di fronte i giocatori ad un prezzo maggiore, nuove specifiche un prodotto poco allineato all’attuale accoppiata di console Switch e Switch Lite.

Una Switch Pro garantirebbe indubbiamente un'esperienza migliore, a maggior ragione se portasse in dote la risoluzione 4K, un display MiniLED e degli aggiornamenti del processore con le specifiche migliorate come quelle di cui abbiamo sentito parlare lo scorso anno, ma se finisse per spingere il prezzo verso quello della PS5 Digital Edition, gli argomenti per acquistare la console Nintendo diventerebbero abbastanza deboli.

Con prezzi di mercato simile, a partire da €300, Xbox Series S mira aggressivamente a togliere il predominio a Nintendo Switch, per cui un aggiornamento costringerebbe l’azienda giapponese a fare molta più fatica per tenere il prezzo ragionevolmente simile a quello della console concorrente, con il rischio che nei prossimi anni la propria console perda terreno rispetto a quelle di altri produttori.