Nintendo Switch 2: tutto quello che sappiamo

Tutto quello che sappiamo su Nintendo Switch 2, la nuova console Nintendo.
Tutto quello che sappiamo su Nintendo Switch 2, la nuova console Nintendo. (Immagine:: GuliKit)

Le possibilità di vedere la nuova console che porterà avanti l'eredità della Nintendo Switch nel 2024 sono pressoché nulle. Dopo l'uscita di The Legend of Zelda: Tears of the Kingdom, lo scorso anno è stata messa in commercio la Switch a tema Zelda che, grazie alla popolarità del brand, potrebbe avere molto successo, soprattutto tra chi si avvicina per la prima volta al mondo Nintendo proprio grazie a questo titolo.

Dunque, sarà più probabile vedere la nuova Switch nel 2025. Di seguito riferiamo tutto quello che sappiamo sulla nuova Nintendo Switch e la possibile data di uscita.

Le notizie su una possibile console Nintendo Switch 2 circolano da tempo. Ora che la console ibrida originale dell'azienda ha superato i sei anni di vita, periodo in cui di solito viene svelata una nuova console, le speranze che Nintendo proponga una nuova Nintendo Switch sono alte. 

L'ultima revisione hardware dell'azienda è avvenuta con il Nintendo Switch OLED più di due anni fa, che ha visto miglioramenti al display, un raddoppio della memoria interna e altoparlanti migliorati. Tuttavia, per quanto si tratti di una delle migliori console di gioco portatili, non è stato cambiato l'hardware di base. Alcuni dei migliori giochi per Nintendo Switch iniziano a fare fatica a livello di prestazioni, anche per quanto riguarda i titoli proprietari.

La natura ibrida di Nintendo Switch è ancora impressionante, ma ha certamente perso un po' di quell'attrazione che esercitava all'inizio del 2017, quando è stata lanciata. Questo è il più grande punto di forza di una potenziale console Nintendo Switch 2: la capacità di migliorare notevolmente l'hardware in modo che i giochi possano avere un aspetto e un funzionamento ottimali per molti anni a venire. Resta da vedere se il successore possa o meno rivaleggiare con la PS5 e la Xbox Series X, ma è piuttosto improbabile, perché Nintendo è sempre stata un passo indietro rispetto alla concorrenza in termini di potenza grezza, almeno per quanto riguarda gli ultimi due decenni.

Nintendo Switch 2: uscita

Nintendo Switch Lite

Nintendo Switch 2 non è ancora stato annunciata, ma Nintendo ha confermato che l'annuncio avverrà entro l'anno fiscale, quindi prima del 31 marzo 2025. Sulla base del reveal e dell'uscita del Nintendo Switch originale, sembra lecito supporre che la console uscirà più tardi nello stesso anno. Ciò è in linea con le precedenti notizie diffuse dall'agenzia di stampa giapponese Nikkei, secondo le quali la console uscirà nel 2025.

Nintendo Switch 2: prezzo

Nintendo Switch

Ovviamente progettare una nuova console ha dei costi, soprattutto se ci sono da modificare anche le componenti hardware. Non ci sorprenderebbe, quindi, se la nuova Switch costasse più del modello attuale che viene ancora venduto a €329.

Anche Nintendo Switch Lite non è esattamente economica, dato che il prezzo di listino è €219 euro, in fondo non così basso considerato che mancano molte delle caratteristiche della versione standard. 

Il prezzo potrebbe essere leggermente inferiore a €400. In fin dei conti, l'aggiornamento OLED costa €349 e, come abbiamo visto, non offre molto se non uno schermo più grande e la porta Ethernet sul dock. 

Per chi si avvicina per la prima volta a Switch, potrebbe essere la console da prendere, altrimenti si può sempre restare in attesa e sperare che Nintendo alla fine si decida ad annunciare ufficialmente una nuova Switch (Pro o 2).

Nintendo Switch 2: specifiche

A Nintendo Switch player using the Joy-Con controllers to play Breath of the Wild on a TV

(Image credit: Shutterstock / Tinxi)

Secondo alcune indiscrezioni, potremmo vedere un display mini-LED sostituire l'attuale schermo LCD. Il modello Switch Pro potrebbe essere dotato di schermi mini-LED forniti da Innolux, un noto produttore del settore. Le console Switch e Switch Lite originali utilizzano uno schermo LCD HD (720p), mentre la Switch OLED utilizza naturalmente un'opzione OLED. Se la nuova console Switch avesse una capacità 4K, immaginiamo che sarebbe in modalità docked, mentre la modalità portatile offrirebbe un display Full HD (1080p) leggermente potenziato. 

Un data miner ha affermato di aver trovato un riferimento a un nuovo modello di Nintendo Switch all'interno dell'ultimo aggiornamento del firmware di Switch, con il nome in codice "Aula". Secondo quanto riferito, questo hardware utilizza lo stesso chip del Nintendo Switch Lite e del modello Switch 2019, il SoC Mariko (Tegra X1+). Tuttavia, SciresM sostiene anche che ci sono riferimenti al supporto di un chip Realtek, un "SoC multimediale 4K UHD". 

Piuttosto che essere all'interno della console vera e propria, il pensiero è che potrebbe essere all'interno di un nuovo dock, anche se non c'è ancora modo di dirlo dal codice del firmware. Si dice anche che la console avrà uno schermo OLED migliorato, anche se la sua risoluzione non è ancora chiara. Le affermazioni relative al supporto del 4K sono in linea con le molte altre notizie dell'anno scorso, secondo le quali è in arrivo una Switch aggiornata in grado di supportare il 4K. 

Più recentemente, abbiamo visto ulteriori voci su Nintendo Switch Pro grazie a Nvidia. Una fuga di notizie pubblicata sul subreddit r/GamingLeaksandRumours "conferma" l'esistenza del SoC (system on a chip) Tegra239. Secondo quanto riferito, è stato progettato specificamente per un prossimo modello di Nintendo Switch, che potrebbe essere proprio Nintendo Switch 2. 

Naturalmente, non c'è stata alcuna conferma da parte di Nintendo stessa e, in effetti, Doug Bowser ha recentemente fatto commenti che suggeriscono che potrebbe non esserlo per qualche tempo. Visto che siamo ormai lontani dalla data di uscita originaria del Nintendo Switch, speriamo che il successore della Nintendo Switch 2 arrivi al più presto.

Nintendo Switch 2: novità e indiscrezioni

Nintendo Switch

(Image credit: TechRadar)

Il successore di Nintendo Switch sarà annunciato "entro quest'anno fiscale".

In un post pubblicato sull'account ufficiale di Nintendo X / Twitter il 7 maggio 2024, la società ha confermato che un "successore di Nintendo Switch" sarà annunciato "entro quest'anno fiscale". Poiché l'anno fiscale giapponese termina il 31 marzo 2025, ora sappiamo con certezza che riceveremo un annuncio ufficiale prima di quella data.

Uscita rimandata al 2025

Come riportato da Tom's Guide, il noto leaker "Moore's Law is Dead" si è unito alle numerose fonti che affermano che il Nintendo Switch 2 è stata ritardata almeno fino al 2025. È interessante notare che il leaker ha fornito ulteriori informazioni, presumibilmente ottenute grazie ai suoi contatti con NVIDIA. Secondo questo leaker, l'hardware fisico che alimenta il Nintendo Switch 2 è già pronto da tempo, ma Nintendo si è trattenuta dal rivelare la console per assicurarsi scorte adeguate al momento del lancio, il che è in linea con altre notizie.

Non aspettatevi una nuova console Nintendo per quest'anno

Il quotidiano finanziario giapponese Nikkei ha riferito che Nintendo non rilascerà alcun nuovo hardware nel corso dell'anno fiscale. Il giornalista di Bloomberg Takashi Mochizuki ha scritto su Twitter che non è chiaro se sia stato intervistato il presidente di Nintendo Shuntaro Furukawa o se sia stato lo stesso Nikkei a riferire la notizia. 

Batteria removibile

Il nuovo regolamento approvato dall'Unione Europea ha stabilito che, entro il 2027. tutti i dispositivi elettronici dovranno incorporare una batteria sostituibile dall'utente. Ciò significa che alcune delle migliori console di gioco portatili, come Nintendo Switch OLED e Steam Deck, dovranno necessariamente incorporare delle batterie sostituibili per ridurre i rifiuti elettronici. 

Risoluzione 4K

Con il lancio di Switch OLED, alcune delle modifiche apportate alle console precedenti hanno dato il via a speculazioni sul fatto che la capacità 4K della futura console potrebbe essere nascosta sotto il nostro naso. Ad esempio, la console viene fornita con un cavo HDMI 2.0 - invece dello standard 1.4 utilizzato dalla Switch standard - che dovrebbe consentire il passaggio al 4K dal dock o addirittura l'HDR.

Il dock OLED di Switch contiene un chip Realtek che potrebbe essere in grado di gestire il 4K, una novità per questa console, anche se potrebbe essere legato ad altre caratteristiche come l'audio migliorato o la capacità Ethernet. Sebbene non si tratti di una console 4K, è possibile che il dock venga utilizzato per un minimo di upscaling in futuro o per lo Switch Pro 4K quando uscirà.

Close-up of Joy-Con controller

(Image credit: Nintendo)

Brevetto di un Joy-Con indipendente

È stato da poco scoperto un brevetto (tramite VGC) che indicherebbe un possibile Joy-Con indipendente messo al vaglio da Nintendo.

Il brevetto è stato richiesto a maggio 2018 e depositato un anno dopo, ad aprile 2020, e mostra un controller simile ai Joy-Con originali. Tuttavia ci sono alcune lievi modifiche e sembra che questo nuovo modello sia progettato per funzionare in modo indipendente, non mostrando i binari per l'aggancio allo schermo della console.

Tuttavia, non è detto che ciò si concretizzi in un prodotto finito da destinare alla commercializzazione.

Nomi in codice

I dataminer che hanno analizzato il firmware di 10.0.0 della Switch sembrano aver scovato dei nomi in codice per i prossimi dispositivi. Secondo l’utente JershJopstin del forum Resetera, ci sono cinque nomi in codice per Nintendo Switch: Icosa, Copper, Hoag, Iowa, and Calcio. Facciamo un riepilogo dei nomi (grazie a TweakTown):

  • Icosa - Switch del lancio - nx-abca2 - 20 nm Tegra X1 - 
  • Iowa - versione rivista di Switch -  nx-abca2  - 16 nm Tegra X1 e chip Mariko
  • Hoag - Switch Lite - nx-abcc - 16 nm Tegra X1 e chip Mariko
  • Copper - sconosciuta- nx-abcb
  • Calcio - sconosciuta - nx-abcd - 16 nm Tegra X1 e chip Mariko

Mentre Iow, Hoag e Icosa sono già uscite, Copper e Calcio non risultano neanche confermate.

Secondo JershJopstin, Copper è un modello che alla fine è stato scartato e non sarebbe dovuto essere un dispositivo portatile dato che a quanto pare non erano previste né una batteria né una funzione di ricarica. Queste informazioni, insieme alla presenza di una connessione HDMI, fanno supporre che questo modello non avrebbe avuto bisogno di una docking station.

Stando a un’altra indiscrezione, Calcio è attualmente in progettazione e potrebbe essere anche questa una console casalinga tradizionale, senza uno schermo integrato.

In aggiunta, JershJopstin ha lasciato intendere che il modello Calcio potrebbe essere solo digitale considerata l’assenza di supporto alle schede e il nuovo fattore di forma.

In ogni caso questi rumor dovrebbero presi sempre col beneficio del dubbio in attesa di una conferma da Nintendo.

Nintendo non è preoccupata dalla nuova generazione di console

Nintendo non è mai stata preoccupata dal dover giocare alla pari. Parlando con alcuni investitori durante un Q&A giapponese (fonte: VGC), il presidente di Nintendo Shuntaro Furukawa ha detto che mentre lo scenario dell’industria cambierà, l'azienda non pensa che il rilascio delle console della prossima generazione avrà un impatto sui risultati.

«Non pensiamo che le scelte economiche delle altre aziende avranno un forte impatto sulla nostra politica» ha detto Furukawa agli investitori, spiegando che le ragioni per cui Nintendo non è impensierita da PS5 e Xbox Series X riguardano il fatto che la casa di Kyoto si rivolge a un pubblico differente.

Anche se queste dichiarazioni non lasciano presagire particolari novità sui piani di Nintendo per la propria console, suggeriscono che la società non abbia una grande fretta nell’annunciare e rilasciare Nintendo Switch Pro.

Nintendo Switch Lite

Image credit: Nintendo (Image credit: Nintendo)

Ci sarà sil supporto VR?

Sebbene Nintendo abbia sperimentato la funzionalità VR con Labo qualche anno fa, la realizzazione di una vera VR come quella del PSVR 2 di Sony richiederebbe un hardware intensivo. Sebbene non sia impossibile, sembra improbabile che Nintendo sia in grado di produrre una console di gioco portatile con una grafica di qualità da console che supporti anche i giochi VR.

Ci sarà il supporto 4K?

Sony e Microsoft puntano con grande attenzione al mercato del 4K, ma per Nintendo le cose sono molto diverse, infatti l'azienda si rivolge a un segmento del tutto diverso.

Nella stessa intervista in cui il General Manager di Nintendo France Philippe Lavoué ha dichiarato che l'azienda non è interessata alla VR, è stato manifestato anche un certo disinteresse per il 4K, dato che non è ancora diffuso a livello di massa. Nintendo, dunque, non ritiene che i tempi siano maturi per adottare questa risoluzione.

D'altronde, la società di Kyoto è entrata nel mercato delle console HD solo nel 2012, con il rilascio di Wii, ben quattro anni dopo l'ingresso di Sony e Microsoft, e in un momento in cui oltre il 75% delle famiglie statunitensi possedeva uno schermo HD in casa.

In ogni caso, Shigeru Miyamoto ha espresso un certo rammarico per il fatto che Nintendo non abbia abbracciato il formato HD prima, dato che quest'ultimo ha raggiunto la popolarità tre anni prima rispetto alle previsioni dell'azienda nipponica. Si prevede che entro il 2020 il 50% delle famiglie statunitensi avrà adottato la tecnologia 4K. A questo punto, Nintendo potrebbe approfittare di questa finestra temporale per entrare in gioco, anziché aspettare una saturazione del mercato del 75%.

Giulia Di Venere

Giulia Di Venere è Editor Senior per TechRadar Italia e lavora con orgoglio al progetto da quando è nato.

Laureata in Lingue e Letterature Straniere all’Università Ca’ Foscari di Venezia, è una grande appassionata di cinema, libri, cucina e cinofilia.

Da sempre considera la scrittura lo strumento più efficace per comunicare, e scrivere per fare informazione, ogni giorno, è per lei motivo di grande soddisfazione.

Copre una grande varietà di tematiche, dagli smartphone ai gadget tecnologici per la casa, gestendo la pubblicazione dei contenuti editoriali e coordinando le attività della redazione.

Dalla personalità un po’ ambivalente, ama viaggiare tanto quanto passare il tempo libero nella tranquillità della propria casa, in compagnia del suo cane e di un buon libro.

Con il supporto di