Skip to main content

MacBook Pro 16" (2021): data di uscita, prezzo e indiscrezioni

MacBook Pro 16 pollici
(Image credit: Future)

MacBook Pro 16 pollici (2021) è uno dei dispostivi più attesi del 2021 e attendevamo di vederlo all'evento Apple WWDC 2021, ma purtroppo le cose non sono andate come speravamo. 

I processori M1 ci hanno già dato un'idea di quelle che potrebbero essere le prestazioni del nuovo MacBook Pro 16, ma per ora non sappiamo quale chip verrà scelto da Apple e se si tratterà o meno dei presunti M1X o M2.

Al momento, il chip M1 si trova a bordo di iMac, iPad Pro, MacBook Air (M1, 2020)MacBook Pro 13" (M1, 2020) e Mac mini (M1, 2020). Per questo siamo convinti che per il nuovo MacBook Pro 16", Apple utilizzerà una variante potenziata del chip, magari affiancata da 32GB o 64GB di RAM.

Il precedente MacBook Pro 16 pollici del 2020 non presentava particolari aggiornamenti rispetto al suo predecessore da 15", motivo per cui molti utenti intenzionati ad aggiornare il loro Mac hanno deciso di aspettare la nuova versione con chip Apple.

Anche a livello di design, a parte le maggiori dimensioni del display (con cornici molto più sottili) il modello 2020 è molto simile al suo predecessore. 

Ci aspettiamo che con l'arrivo del prossimo MacBook Pro 16 pollici (2021) Apple intervenga in maniera decisa sul design, ad esempio eliminando la Touch Bar e introducendo la tecnologia MagSafe. Tra le voci circolate nei primi mesi del 2021, alcune ipotizzano la presenza di uno schermo MiniLED.

Non sappiamo ancor molto sul prossimo portatile top di gamma Apple, ma mentre attendiamo il lancio ufficiale abbiamo raccolto tutte le indiscrezioni e i rumor riguardanti MacBook Pro 16" (2021) presenti in rete.

Dritti al punto

  • Che cos'è? Il successore del MacBook Pro da 16 pollici (2019)
  • Quando esce? Probabilmente nel terzo trimestre del 2021
  • Quanto costerà? Probabilmente quanto il modello attuale (fino a 3.300 euro)

MacBook Pro (16-inch, 2019)

(Image credit: Future)

Disponibilità e prezzo

Il MacBook Pro 16 pollici (2021) dovrebbe debuttare nel terzo trimestre di quest’anno, come i predecessori.

Una delle fonti più affidabili del settore, l'analista Ming-Chi Kuo, ha infatti affermato che il modello da 16 pollici (2021) potrebbe debuttare nel secondo o terzo trimestre di quest’anno. Kuo ha anche suggerito che i nuovi MacBook useranno solo processori basati su ARM e progettati da Apple. Di recente, Kuo ha ribadito che il nuovo MacBook Pro 16 pollici (2021) sarà presentato nel terzo trimestre.

Secondo DigiTimes, il notebook potrebbe debuttare nel secondo trimestre, ma al momento non scommetteremmo a riguardo.

Anche il leaker Mark Gurman ha suggerito un lancio a partire dalla seconda metà del 2021. In teoria, il nuovo MacBook Pro 16 potrebbe essere presentato già a luglio. Di solito, l’azienda presenta i nuovi prodotti verso la fine del terzo trimestre dell’anno, ma la finestra di lancio potrebbe cambiare a causa della pandemia.

Per quanto riguarda il prezzo, nessuno ha proposto una cifra, tuttavia è plausibile che l’azienda non si discosterà molto da quello dell’attuale modello, che parte da € 2.799.

MacBook Pro 16 (2019)

(Image credit: Future)

Design

Come accennato, molti rumor suggeriscono che Apple potrebbe rinnovare il design del laptop, il che è molto interessante.

Bloomberg (articolo di Mark Gurman) ha dichiarato che il MacBook Pro 16 pollici (2021) sarà "simile" al predecessore e che l’azienda opterà solo per un leggero restyling.

Ming-Chi Kuo la pensa diversamente: l’analista ritiene che il modello 2021 abbandonerà il design “sinuoso'' di quello attuale a favore di uno più “piatto '' ispirato a quello degli iPhone 12.

Uno dei più grandi cambiamenti, tuttavia, riguarda la rimozione della Touch Bar (quantomeno sui modelli da 16 pollici).

La barra, situata nella parte superiore della tastiera, non è gradita da tutti gli utenti e aumenta il costo del prodotto, quindi potrebbe essere sostituita dai tradizionali tasti funzione. Gurman sostiene che Apple stia testando prototipi di MacBook Pro 16 pollici senza la Touch Bar, poiché non è poi così apprezzata.

MacBook Pro 16 Touch Bar

(Image credit: Future)

In breve, potrebbero essere introdotte versioni del MacBook Pro 16 pollici (2021) prive della famosa Touch Bar (ciò potrebbe influire sulla quantità di sviluppatori che supporteranno la periferica).

Al contrario, una funzionalità che potrebbe essere reintrodotta è la tecnologia MagSafe; si tratta di una popolare soluzione di ricarica (introdotta molti anni fa) che, come suggerisce il nome, sfrutta una connessione magnetica per tenere saldi il connettore e il cavo di ricarica; se quest’ultimo fosse strappato inaspettatamente, i connettori non verrebbero danneggiati.

MagSafe offre anche una ricarica più rapida, un altro potenziale vantaggio; in ogni caso, speriamo che Apple manterrà la possibilità di ricaricare il notebook via USB-C. Ancora una volta, Kuo e Gurman condividono tale possibilità.

Kuo ha anche indicato che il nuovo MacBook Pro 16 pollici avrà più porte, ma non ha spiegato di quali tipologie. Beh, è una notizia promettente per molti utenti: nella nostra recensione sul MacBook Pro 16 pollici (2019), abbiamo evidenziato che ci sono solo quattro porte Thunderbolt e nessun'altra opzione di connettività, come uno slot per schede SD o microSD. 

MacBook Pro 16 (2019)

(Image credit: Future)

Notizie e indiscrezioni

Se si escludono le suddette modifiche di design, le novità principali ipotizzate per il nuovo MacBook Pro 16 pollici (2021) riguardano l’abbandono dei processori Intel a favore di chip proprietari e l’introduzione di uno schermo MiniLED.

Ming-Chi Kuo ritiene che non ci saranno varianti con CPU Intel per il nuovo MacBook Pro 16 pollici, ma solo chip Apple, mentre Gurman ritiene che l’azienda presenterà il sequel del chip M1 che offrirà “più core e una GPU più performante”. Il numero esatto di core del nuovo chip, che potrebbe essere chiamato M1X, è oggetto di molte speculazioni: c’è chi parla di 12 core e chi di 20 (16 core più 4 core ad alta efficienza energetica).

Non ci sono certezze, ma le aspettative sono alte date le prestazioni dimostrate finora dai chip M1.

Apple M1

(Image credit: Apple)

Lo schermo MiniLED è l'altra grande novità di cui si sente parlare. Kuo ha suggerito che i MacBook Pro 16 pollici (2021 e successivi) beneficeranno della tecnologia MiniLED (così come l'iPad). Teoricamente, i risparmi ottenuti montando il processore M1 (o il suo successore) aiuteranno a bilanciare il costo dello schermo di nuova generazione.

Un display MiniLED porterebbe a colori più vividi, a una migliore gamma dinamica e a un contrasto e una luminosità superiori, il tutto con una migliore efficienza energetica; si tratterebbe di un notevole passo in avanti in termini di qualità.

Stranamente, nell'ultima news di Kuo (relativa all'abbandono della Touch Bar), non c'era affatto menzione del display MiniLED. Discorso simile anche per Gurman, che però fa notare come Apple intende migliorare lo schermo del MacBook Pro 16 pollici con "un pannello più luminoso e ad alto contrasto".

In altre parole, la pista sul display MiniLED è andata via via scemando, ma sembra che Apple possa comunque introdurre un display migliore, anche se magari non un MiniLED.

Se Apple dovesse mantenere la Touch Bar, potrebbe implementare la funzione Force Touch, una tecnologia che consente di registrare la forza con cui si fa pressione sulla barra per attivare funzioni aggiuntive, o anche  evitare tap accidentali. Finora l'unica prova a riguardo è un brevetto depositato da Apple, e come sappiamo i brevetti non comportano una conseguente introduzione della tecnologia. Detto questo, una vecchia indiscrezione (risalente ad agosto 2020) suggeriva l’introduzione di una Touch Bar di seconda generazione, più grande e funzionale di quella attuale. Questo, tuttavia, differisce molto dagli ultimi rumor: fonti più affidabili suggeriscono che Apple non sia interessata a migliorare tale componente.

Infine, si vocifera che il nuovo modello da 16 pollici monterà schede grafiche mobile della serie AMD Radeon RX 6700, che dovrebbero debuttare a marzo.