Skip to main content

iPhone 13, Touch ID sì oppure no?

OnePlus 8
(Image credit: Aakash Jhaveri)

Una delle indiscrezioni più eccitanti giunteci sul futuro iPhone 13 riguarda una caratteristica che gli smartphone Android possono già vantare da qualche anno: il sensore di impronte sullo schermo. Ma quale sarà la probabilità trovarlo sul prossimo Apple iPhone?

La realtà è che abbiamo sentito così tante voci sul ritorno del Touch ID su schermo degli iPhone che c’è da chiedersi più quando, che se arriverà. Secondo altre voci meno frequenti, però, potremmo trovarlo sul futuro iPhone 2022, o sui modelli ancora successivi.

Apple ha abbandonato i sensori di impronte digitali nei suoi smartphone nel novembre 2017 con l’introduzione di iPhone X, e da allora gli iPhone possono contare solo su una (valida) funzionalità di riconoscimento facciale. Sebbene Face ID sia molto accurato e affidabile per lo sblocco e l'autenticazione sicura delle app, sono anni che gli utenti chiedono all'azienda di implementare un metodo di sblocco alternativo. Questa richiesta è letteralmente esplosa nel 2020, quando l'uso diffuso della mascherina anti-Covid ha messo fuori gioco gran parte dei sistemi di riconoscimento facciale, Face ID incluso.

Apple ha effettuato una correzione al problema in iOS 14.5, sfruttando la presenza di un Apple Watch per sbloccare gli iPhone. Un piccolo palliativo, dal momento che non serve per autenticarsi nelle app e richiede un costoso indossabile. Il Touch ID su schermo non sarebbe la soluzione ideale solo per il problema del viso coperto, ma si potrebbe rivelare utile anche nelle situazioni in cui il riconoscimento facciale, per qualche ragione, non funzioni alla perfezione. Esistono molti utenti iPhone 7 e iPhone 8 che non vogliono aggiornare il loro smartphone proprio per non perdere proprio la funzionalità Touch ID.

Data la persistente richiesta degli utenti di un sensore di impronte su schermo, qual è la probabilità che abbiamo di trovarlo sul prossimo iPhone 13?

iPhone 12 mini

(Image credit: TechRadar)

Perché il Touch ID su schermo potrebbe esserci su iPhone 13

Sono anni che circolano voci sull’eventuale Touch ID su schermo degli iPhone, incluse quelle del settembre 2019 che affermavano con relativa certezza che iPhone 12 avrebbe presentato l’agognata funzionalità, e tra quelle voci si era parlato anche di iPhone 2021, ossia del prossimo iPhone 13. Da allora, ulteriori indiscrezioni avrebbero presunto l’arrivo del Touch ID su schermo con il prossimo iPhone 13: nell'ottobre 2020, diversi leaker avevano suggerito che iPhone avrebbe ricevuto "MESA uts". "MESA" è il nome in codice del Touch ID, mentre "uts" è l’acronimo in inglese per sotto lo schermo.

Le voci sono continuate anche nel corso di quest’anno. Un buon esempio è l’articolo di Bloomberg dello scorso gennaio, che prevedeva l’arrivo della funzionalità su iPhone 13. Un altro leak suggeriva invece che l'imminente iOS 15, prossimo al lancio insieme ad iPhone 13, abbia il supporto per la doppia autenticazione biometrica tramite Touch ID e Face ID. Si tratta di una caratteristica esclusiva dei prossimi iPhone, che dovrebbero permettere la scansione delle impronte digitali tramite schermo.

Oltre alle numerose voci, anche alcuni brevetti Apple fanno pensare ad una possibile introduzione della funzionalità, come quelli registrati nel luglio 2020 relativi a un "Sistema di rilevamento delle impronte digitali".

Ciò dimostra che la società starebbe realmente sviluppando il Touch ID di nuova generazione per integrarlo nelle versioni future dei propri smartphone. Un altro brevetto vedrebbe le fotocamere effettuare anche un’operazione di "imaging subepidermico" per scansionare le vene sotto la pelle e ottenere un'autenticazione ancora più sicura. Ad ogni modo, questa caratteristica sembrerebbe maggiormente collegata a Face ID, piuttosto che al rilevamento delle impronte digitali stesso.

Ma non è tutto. Ulteriori voci citano degli analisti con approfondite conoscenze della catena di approvvigionamenti Apple, e affermano che potremo vedere la funzione su iPhone 13, avrà anche un Face ID migliorato. Voci in questo senso suggeriscono che anche le fotocamere frontali saranno annegate sotto il display, in questo modo Apple si sbarazzerebbe finalmente del discusso notch.

iPhone 11

(Image credit: Future)

Perché potremmo trovare il Touch ID su schermo solo su iPhone 14 o successivi?

Non tutte le voci che abbiamo sentito nel corso del tempo erano così ottimiste come quelle riportate poco fa. Una dell'inizio del 2021 riferita da alcuni dipendenti Apple al Wall Street Journal, indicava che i sensori di impronte digitali su schermo ci saranno, senza però citare quando. Segno che non sarebbe stato molto presto e, probabilmente, non su iPhone 13.

Altre voci più specifiche, come quella dell’analista di Apple Ming-Chi Kuo, prevedono il Touch ID su schermo a partire dagli iPhone 2022, che significa probabilmente iPhone 14, anche se potrebbe riferirsi al successore del modello di fascia media iPhone SE 2020.

In definitiva, molte voci spingono per il Touch ID su iPhone 13, e come capita spesso quando si parla di indiscrezioni, spesso riescono a prevedere correttamente l'esistenza di una novità, ma tendono ad essere fin troppo ottimistiche sulla data di uscita della novità stessa. Esistono molte ragioni per cui il Touch ID su schermo potrebbe saltare a piè pari iPhone 13 ma esserci su iPhone 14, ad esempio Apple potrebbe non aver concluso l’implementazione della tecnologia, o semplicemente avere problemi di forniture e produzione.

Un’altra spiegazione potrebbe essere ancora più semplice: Apple non ha mai avuto molta fretta di aggiungere ai propri modelli una nuova tecnologia, e lascia che siano gli altri produttori (Android) a fare da cavie. Una volta che la tecnologia è stata recepita dal mercato in maniera positiva, l’azienda si attiva per sviluppare in autonomia una versione più raffinata che (spesso), dopo essere stata abbracciata dai propri utenti, diventa il nuovo standard. Abbiamo già visto questo approccio con gli auricolari true wireless, (AirPods), i tablet (iPad) e persino con iPhone stesso, che ha introdotto il design dominante candybar con l'uscita del primo iPhone nel 2007.

Ad ogni modo, se Apple deciderà di aspettare fino al 2022 per implementare il Touch ID su schermo, probabilmente non minerà troppo il successo di iPhone 13. La gamma di telefoni Apple 2021 venderà comunque bene, considerato il successo e le vendite di iPhone 12 e dei modelli precedenti.

Nonostante ciò, la presenza del Touch ID potrebbe convincere gran parte degli utenti iPhone 7 e 8 a fare il salto e svecchiare il proprio smartphone in favore di un modello di nuova generazione.