Skip to main content

iPad, adesso ci gira Windows 3.1 ed è fantastico

Windows 3.1 running on a 2021 iPad Pro in keyboard mode
(Image credit: TechRadar)

Xbox Game Pass è passato da essere un'applicazione a sé stante a un mero collegamento nel browser Safari a causa dei regolamenti dell'App Store di Apple. Nonostante ciò, sembra che Apple non si faccia grossi problemi quando viene fatta girare una precedente versione di Windows sui propri prodotti.

Grazie a un'app chiamata iDOS, è possibile installare facilmente Windows 3.1 su iPad e fingere che sia il 1993, pur rimanendo comodamente seduti sul proprio divano. In effetti non esiste alcuna restrizione: il sistema operativo è proprio quello originale e si può utilizzare (anche) per giocare.

Le regole di Apple sull'App Store sono controverse per quanto riguarda le app che includono a loro volta giochi e applicazioni. Per questo motivo alcune app sono state rimosse dallo store, mentre app multimediali come Netflix e Disney Plus non hanno subito alcuna conseguenza.

Come installare Windows 3.1

Poiché iDOS 2 è fornito del supporto per la condivisione dei file, è possibile caricare dall'app File i file di installazione di Windows 3.1, purché ne siate in possesso.

Assicuratevi che tutti i file estratti siano contenuti all'interno di una sola cartella e di averle assegnato un nome che sia facile da digitare successivamente.

Assicuratevi inoltre che una tastiera Bluetooth e un mouse siano collegati all'iPad, altrimenti i passaggi successivi potrebbero essere molto frustranti.

Spostate questa cartella nella directory iDOS 2 e tornate all'app. Digitate il nome della cartella, quindi configura, a quel punto arriverete alla familiare schermata d'installazione di Windows 3.1.

La schermata di configurazione di Windows 3.1 su iPad Pro

La schermata di configurazione di Windows 3.1 su iPad Pro (Image credit: TechRadar)

Seguite tutti i passaggi del processo di installazione, scegliendo "installazione completa". Il software proverà a riavviare il computer. A questo punto chiudete iDOS dal menu multitasking e riavviatelo. Digitate "win" per avviare Windows 3.1 e arrivare al desktop.

Il desktop di Windows 3.1, in esecuzione su iPad Pro

Il desktop di Windows 3.1, in esecuzione su iPad Pro (Image credit: TechRadar)

Cosa era possibile fare nel 1993 sul vostro iPad?

Molto, a quanto pare. Si possono far girare molti titoli, da campo minato ai migliori giochi dell'epoca. Potremmo quasi considerarlo il nostro PC retrogaming preferito.

Vi consigliamo di provare:

  • Duke Nukem. Uno shoot'em up innovativo (era il primo in vero 3D), successore di Doom.
  • SimEarth. Simulatore del pianeta terra, e sì... ci sono anche le pandemie.
  • Civilization. Seguite lo sviluppo della civiltà sul pianeta terra, oppure inventatene una vostra
  • Doom. Lo sparatutto più famoso degli anni 90.
  • SimCity 2000. Costruite la vostra città, ma occhio a non far arrabbiare i cittadini
  • The Simpsons Cartoon Studio. Create le vostre puntate dei Simpsons.

DOOM è già disponibile per iOS, Nintendo Switch e qualsiasi altra cosa contempli la presenza di uno schermo. In ogni caso è estremamente soddisfacente giocare al titolo nella sua versione originale.

Grazie al supporto di mouse e tastiera su iPad, installare applicazioni e persino utilizzare Paintbrush diventa un gioco da ragazzi. Usare le app sul desktop di Windows sarà facile, per via del raffinato multitasking di iPadOS 15.

Paintbrush di Windows 3.1 su iPad Pro

Paintbrush di Windows 3.1 su iPad Pro  (Image credit: TechRadar)

Perché Windows 3.1 si e Game Pass no?

La risposta ovvia potrebbe essere che Apple non vede alcuna minaccia in Windows 3.1, a meno che non abbia deciso di lanciare un propria app Campo Minato di nascosto. Scherzi a parte, c'è una riluttanza da parte dell'azienda a rendere semplice l'accesso all'App Store per alcune categorie di app. Microsoft Game Pass è stato rifiutato sulla base del fatto che ogni gioco dovrebbe essere la propria app e, tenendo conto di quante ce ne sono disponibili all'interno di questo e altri servizi, ciò non ha alcun senso.

Infatti in app simili di altre categorie, come quelle di streaming video o musicale, le cose funzionano esattamente nella stessa maniera e cambia solo l'interfaccia utente. Immaginate di essere in un mondo parallelo e di voler vedere Loki (o un film Marvel), con Apple che insiste affinché ogni film (o serie) prodotto da Disney abbia un'app specifica. Forse questo poteva andar bene 15 anni fa, quando si acquistava un nuovo episodio di Lost dall'iTunes Store, ma con l'odierna distribuzione dei titoli, queste considerazioni diventano insensate.

Ciò rende ancora più sconcertante il fatto che un sistema operativo completo del 1993 possa essere installato all'interno di un'app senza problemi, e che lo sia da più di otto mesi, includendo anche il supporto completo a mouse e tastiera.

Blocco note in esecuzione su Windows 3.1, all'interno di un iPad Pro

(Image credit: TechRadar)

Il supporto per mouse e tastiera nei giochi è stato abilitato in iPadOS da ormai un anno e, nonostante ciò, non esiste un gran numero di titoli su App Store in grado di sfruttarlo. Quando giocherete a titoli come SimCity 2000 e Indiana Jones, vi chiederete quali altri giochi sarà possibile far girare su iPad.

Indipendentemente da ciò che Apple deciderà di fare con iDOS, l'app rimane una piccola capsula del tempo seppellita nel 1993, e contemporaneamente mostra cosa potrebbe essere in grado di fare Apple con le applicazioni su iPad. Forse è il caso che Apple accetti di rivedere la propria politica e consenta l'accesso al proprio App Store da parte di app come Microsoft Game Pass.

Windows 3.1 eseguito in multitasking su iPadOS 15

Windows 3.1 eseguito in multitasking su iPadOS 15 (Image credit: TechRadar)