Skip to main content

Intel Core i9-10900K: trapelate le specifiche

Intel Comet Lake
(Image credit: Intel)

Sono trapelati diversi benchmark del processore Core i9-10900K di Intel, e i nuovi punteggi di 3DMark indicano che il top della gamma a 10 core in arrivo ha agevolmente battuto anche il processore Ryzen 9 3900X di AMD.

I benchmark, pubblicati su Twitter dal sempre vigile TUM_APISAK, mostrano che il 10900K raggiunge un punteggio di 28.462 nel Physics in Fire Strike Extreme e un risultato di 13.142 in Time Spy.

Ryzen 9 3900X di AMD arriva rispettivamente a 27.137 e 12.624 punti, come si può osservare nel tweet mostrato sopra. Questo significa che il campione desktop Comet Lake-S di Intel lo supera abbastanza facilmente, rispettivamente di quasi il 5% e il 4%. 

Il tweet indica anche che il Core i9-10900K ha un clock di base di 3,7 GHz in grado di arrivare fino a 5,1 GHz, come annunciato in precedenza .

Questi valori riguardano esclusivamente le prestazioni single-core, sebbene il 10900K sia impostato per incrementare più del 3900X dell'AMD, che ha una frequenza massima di 4.6GHz, e un velocità multi-core vicina ai 4 GHz (anche se questa varierà come sempre da un chip all'altro). Le speculazioni precedenti sostengono che il 10900K avrebbe una velocità multi-core di 4,8 GHz.

Clock, non core

Il 3900X sfoggia un paio di core in più, essendo un processore a 12 core, ma Intel ha scelto di giocare la carta della velocità, spiegando come sia più importante del numero di core. Questi risultati di 3DMark sembrano confermarlo.

In ogni caso dovremmo ricordare che i benchmark trapelati vanno sempre considerati con cautela, in quanto si tratta degli unici risultati che abbiamo ottenuto prima dei risultati di lancio ufficiali.

Sembra comunque che Intel si stia sforzando di ottenere tutto il possibile dal suo attuale processo a 14 nm, e a quanto pare sta riuscendo a restare in testa alla competizione con i nuovi chip a 7nm di AMD, sebbene il prezzo da pagare della Comet Lake sarà senza dubbio un livello più alto di consumo di energia, in particolare rispetto a Ryzen.

In effetti, si ipotizza che il ritardo delle CPU desktop Comet Lake di nuova generazione sia dovuto a Intel che fatica a tenere sotto controllo i requisiti di alimentazione di questo processore di punta. Secondo alcune voci, il 10900K al massimo carico potrebbe richiedere 300W dall'alimentatore del PC.

I processori Intel di nona generazione di fascia alta richiedono un elevato consumo energetico, quindi queste voci non ci sorprendono più di tanto (anche se, allo stesso modo, non possiamo essere certi che siano vere).

Ci sono state ulteriori indiscrezioni sul lancio della Comet Lake-S, ma il punto cruciale è che Intel ha davvero bisogno di far uscire questa serie il più rapidamente possibile. Altrimenti, questi processori di nuova generazione potrebbero uscire in contemporanea al lancio delle CPU desktop Ryzen 4000 di AMD, ela situazione sarà completamente diversa (con un aumento delle prestazioni fino al 20% sugli attuali chip Ryzen).

L'altro settore in cui Intel potrebbe essere più competitiva è quello dei prezzi: abbiamo sentito voci sul fatto che l'azienda intenda abbassare il prezzo di molte delle sue CPU, e questo potrebbe includere anche i processori Comet Lake.

Questo non è confermato in alcun modo, ma se ciò dovesse accadere, rappresenterebbe ovviamente una grande notizia per i consumatori, perché di conseguenza AMD dovrà per forza dire la sua. 

Via PCGamesN