Skip to main content

Il chip M1 di Apple travolge Microsoft Surface Pro X

Apple MacBook Air (M1,2020)
(Image credit: Future)

Windows 10 su ARM funziona più velocemente, anzi molto più velocemente, rispetto alla CPU ARM SQ2 di Microsoft montata su Surface Pro X, grazie al nuovo chip Apple M1.

Questa informazione riportata da Notebookcheck giunge dallo sviluppatore Alexander Graf, che ha twittato i risultati dei suoi test. Alcuni risultati di Geekbench 5 sono stati invece forniti da altri utenti Twitter e sono stati utilizzati a titolo di paragone per illustrare la differenza tra i processori ARM di Apple e Microsoft.

Graf fa notare che ha utilizzato la virtualizzazione (e non l’emulazione) tramite QEMU con alcune patch per far girare Windows 10 su ARM M1. Graf ha dichiarato: "È ARM nativo. Esegue Windows ARM64 Insider Preview virtualizzandolo tramite il framework Hypervisor, senza alcuna emulazione."

Utilizzando questa configurazione, l'M1 di Apple è riuscito a raggiungere circa 1.300 punti in single-core su Geekbench 5 e circa 5.400 in multi-core. Surface Pro X di Microsoft, d'altra parte, si ferma rispettivamente a circa 800 e 3.000 punti. Le differenze prestazionali risultano pertanto piuttosto consistenti.

La magia di M1

Ovviamente questi risultati potrebbero mettere in imbarazzo Microsoft, anche se bisogna considerare che il chip M1 è un modello all'avanguardia. I risultati dimostrano il salto in avanti fatto da Apple grazie a questo chip, che per il momento viene montato sui nuovi MacBook Pro e Air, senza dimenticare il recente Mac mini.

Anche noi in redazione siamo rimasti molto colpiti dalle prestazioni del nuovo hardware di Apple, e il ​​MacBook Air (M1, 2020) meriterà certamente il primo posto nella nostra classifica dei migliori portatili, vista la quantità di innovazione che porta in dote.

I computer dotati di chip M1 utilizzano la tecnologia Rosetta 2 per tradurre efficacemente le applicazioni scritte per l’architettura Intel utilizzata finora sui MacBook. Ciò permette di eseguirle sul nuovo hardware ARM.

Nella nostra recensione del nuovo MacBook Air, abbiamo provato alcune app più e meno recenti scritte per l'architettura Intel e tutte hanno funzionato bene tramite il chip M1 senza evidenti cali di prestazioni.

Dobbiamo anche ricordare che il chip successore di M1, chiamato probabilmente M1X, è molto probabilmente già in fase di realizzazione e potrebbe assestare un duro colpo alla concorrenza.