Skip to main content

Huawei P40 venduto in tutto il mondo nonostante il blocco dei servizi di Google

(Image credit: Future)

Secondo un’indiscrezione di The Information Huawei sarebbe intenzionata a commercializzare lo smartphone P40 globalmente nonostante le difficoltà dovute al ban imposto dagli U.S.A e gli scarsi risultati del predecessore il Huawei P30.

Europa, sì, ma non è chiaro se i piani di Huawei includano gli Stati Uniti, dal momento che il ban di Washington ha costretto Google a tagliare il supporto ad Android per l’azienda cinese; servizi come Play Store e app come Maps e YouTube non sono più disponibili (gli smartphone presentati prima del Huawei P30 hanno ancora accesso a tutte le funzionalità di Google). La linea Huawei Mate 30 è stata la prima ad essere bloccata da Google.

Sebbene il governo degli Stati Uniti abbia concesso delle sospensioni temporanee per consentire agli operatori rurali di acquistare le componenti cinesi per le proprie infrastrutture, in realtà l’obiettivo rimane quello di sostituire le attuali apparecchiature per tagliare i legami commerciali con Huawei. 

Huawei fu sorpresa di scoprire quanto le app Android dipendano dai tool di Google per l'autenticazione, le notifiche, l'integrazione della mappatura e le entrate pubblicitarie, secondo il report di The Information.

Huawei sta sviluppando i propri strumenti di sostituzione interni ma avrà bisogno di sviluppatori di terze parti per integrare i tool necessari a far funzionare il proprio software. Nonostante la ricerca di Huawei e le generose offerte di lavoro, l'impresa resta ardua.

La presentazione del P40 è a rischio? 

Adattare le proprie app per una sola azienda è una richiesta impegnativa per gli sviluppatori occidentali che, pur considerando le enormi vendite di Huawei in Cina (superano anche Apple), fatica ancora ad imporsi nei grandi mercati telefonici nel resto del mondo. 

Tuttavia Huawei affronta una concorrenza ridotta in Cina, poiché il governo del paese ha vietato temporaneamente i servizi di Google Mobile, costringendo i produttori di telefonia mobile a sviluppare soluzioni alternative proprietarie e ad integrarle con la piattaforma Android open source.

Ma il tempo stringe: la linea Huawei P30 è uscita a marzo 2019,  la finestra tradizionale per il lancio della serie P; Huawei ha poco tempo per assicurarsi la partecipazione degli sviluppatori in tempo per la commercializzazione “in Europa e altri mercati esteri" secondo il rapporto di The Information.

Via Tom's Guide