Skip to main content

Galaxy S20 o S11? Samsung dovrebbe essere più chiara

Samsung Galaxy S20 / S11
The Samsung Galaxy S10 5G, another confusingly-named phone (Image credit: TechRadar)

Il successore del Samsung Galaxy S10 ci aspettavamo sarebbe stato il Galaxy S11 (è così che funzionano i numeri, giusto?). In realtà sembra che potrebbe chiamarsi Galaxy S20, con Samsung che adotta un approccio simile a Huawei e salta gli anni dell’adolescenza del suo prodotto di punta, passando direttamente da 10 a 20.

Questa non è l'unico dettaglio che Samsung cambierà l'11 febbraio. Invece di seguire la struttura dello scorso anno per la denominazione di S10e , S10 e S10 Plus, abbiamo sentito che l’azienda rilascerà dei dispositivi chiamati S20, S20 Plus e S20 Ultra. 

Pertanto, i modelli corrispondenti di quelli che un tempo erano prodotti di fascia media e alta della serie S ora risultano alla fascia bassa della serie S20.

Modificando il suo sistema di denominazione, Samsung sta probabilmente cercando di rendere più chiara la sua gamma di prodotti al cliente medio, rendendola più allettante per i potenziali acquirenti. Questa scelta potrebbe però finire per avere l'effetto opposto e confondere l’utente medio.

Vale la pena sottolineare diverse cose prima di spiegare il perché. In primo luogo, Samsung è ben lungi dall'essere l'unica azienda che ha impiegato una bizzarra convenzione di denominazione in passato: anche Sony, Oppo e LG infatti l'anno scorso hanno inventato sistemi confusi e dato nomi strani agli smartphone.

Sebbene sia molto probabile che i nuovi telefoni si chiameranno Galaxy S20, non c'è ancora alcuna conferma ufficiale. 

Abbiamo ricevuto solo notizie trapelate (molte delle quali non si sono rivelate affidabili), quindi non possiamo esprimerci con certezza riguardo la denominazione ufficiale.

Samsung Galaxy S10 Plus

Samsung Galaxy S10 Plus (Image credit: Future)

 Perché Galaxy S20 e non S11? 

Sembra che Samsung abbia scelto il nome S20 per allinearsi con l’anno di lancio, ma poiché Galaxy S10 è il nome dell’ultimo smartphone uscito, molte persone logicamente si aspettano che il successore si chiamerà S11. 

Pertanto, la maggior parte delle persone intenzionate ad acquistare il nuovo Samsung, in particolare coloro che non seguono le notizie tecnologiche e si limitano a guardare i dispositivi sullo scaffale del negozio, potrebbero prendere l’assenza di un S11 come indicazione del fatto che Samsung non abbia rilasciato un nuovo smartphone della Galaxy S dopo la serie S10. Ciò potrebbe portarli ad acquistare direttamente un prodotto della gamma S10.

Ci sono anche altre connotazioni negative nell’adottare il nome S20 rispetto a S11. L'impulso di aggiungere prodotti denominati con numeri sempre più grandi, esibiti da innumerevoli prodotti e aziende in molti mercati in tutto il mondo, finisce spesso per sembrare uno stratagemma di marketing scadente piuttosto che un indicatore di un vero dispositivo "futuristico". 

Quindi, chiamando il telefono "S20" anziché "S11", sembra che Samsung stia cercando di elevare artificialmente il "fattore wow" dei suoi prossimi smartphone. Questo è qualcosa che l’acquirente medio del telefono sarà facilmente in grado di percepire.

E per quanto riguarda le persone che pensano che numeri più grandi indichino telefoni migliori? Bene, loro saranno invece più probabilmente attratti dal Galaxy A90, che in realtà appartiene alla fascia media.

Samsung potrebbe confondere le persone più disinformate: evitando di chiamare la serie Galaxy S11, sembra che non ci sia nessun successore della serie Galaxy S10. Basta guardare la confusione provocata dalla mancanza di un iPhone 9, o il disordine della gamma 2019 di Sony (prima è uscito l'Xperia 10, quindi l'Xperia 1, e poi l'Xperia 5).

Quindi, le persone che conoscono bene i telefoni troveranno il nome S20 un po’ banale e sciocco. Se Samsung sceglierà di mantenere il sistema di denominazione per alcuni anni le cose si risolveranno da sole e i consumatori saranno in grado di capire un po’ meglio il sistema di numerazione, ma questi sono alcuni anni di potenziali vendite mancate.

Da sinistra a destra, Samsung Galaxy S10e, Galaxy S10 e Galaxy S10 Plus

Da sinistra a destra, Samsung Galaxy S10e, Galaxy S10 e Galaxy S10 Plus (Image credit: Future)

S20 Plus e Ultra?

Sembra che Samsung stia seguendo le orme di Apple anche con i suffissi degli smartphone S20. Invece di esserci una variante 'Lite', un modello base e una versione 'Plus', ci sarà un dispositivo di base, seguito da una versione più grande e quindi da una versione ancora più grande.

Copiare il sistema di denominazione dell’iPhone 11 di Apple è una buona idea? Molti hanno trovato il nome iPhone 11 Pro Max un nome complicato per un telefono (Pro Max è un ossimoro!). Samsung non si spinge fino a un telefono "Plus Ultra", ma le persone che non sono esperte della serie S20 potrebbero avere difficoltà a capire se Plus o Ultra indichino un dispositivo di fascia alta.

Alcune persone potrebbero avvicinarsi alla gamma con la presunzione che abbia la stessa convenzione di denominazione della serie S10, in cui lo smartphone senza suffisso è il dispositivo di base, anziché il più economico.

Avere un dispositivo di punta con alternative di livello superiore e inferiore è la normale convenzione. Marchi come Huawei, Honor, Xiaomi e Oppo la usano tutti, e Samsung in controtendenza sembra un tentativo sottilmente velato di copiare Apple.

Qualunque cosa accada al debuttodei nuovi dispositivi l’11 febbraio, Samsung dovrà essere il più chiara possibile con i consumatori per assicurarsi che ogni potenziale cliente capisca che questo è il dispositivo di fascia alta dell'azienda per il 2020.