Skip to main content

iPhone 11 Pro Max|recensione

iPhone 11 Pro Max è più grande, migliorato - ma questo basterà?

iPhone 11 Pro Max
iPhone 11 Pro Max
(Image: © Future)

Il nostro verdetto

iPhone 11 Pro Max rappresenta il meglio del meglio di ciò che Apple riesce a offrire attualmente a livello di smartphone. Troviamo infatti uno schermo di fascia alta, degli altoparlanti potenti e un processore migliorato. Tutto questo fa da contorno alla vera novità che è il nuovo comparto fotografico. Ciononostante, questo iPhone è un prodotto per chi è davvero fan della mela morsicata o per chi davvero ha bisogno dell’obiettivo in più o di una maggiore autonomia rispetto al modello precedente. iPhone 11 a nostro avviso offre un maggiore rapporto qualità-prezzo.

Pro

  • La modalità notturna convince appieno
  • Il retro si fa apprezzare
  • La potenza non manca di certo

Contro

  • Il design è lo stesso dell’anno scorso
  • Al di là della fotocamera, non ci sono novità importanti
  • È l’iPhone più caro in circolazione

 La recensione in due minuti 

iPhone 11 Pro Max è lo smartphone più grande e più potente mai prodotto finora da Apple. In sostanza il colosso di Cupertino ha racchiuso il meglio del meglio della tecnologia di cui dispone e lo ha racchiuso in uno smartphone con un design migliorato che si caratterizza per un nuovo retro dalle sfumature opache e per la presenza di tre fotocamere, così da sfidare a viso aperto Google Pixel 3 e Huawei P30 Pro. A chiudere troviamo una maggiore autonomia rispetto al modello dello scorso anno. Va detto, però, che siamo anche parlando di uno degli smartphone più costosi in assoluto presenti al momento sul mercato. 

Per quanto riguarda la fotocamera, ci ha particolarmente colpito la modalità notturna: iPhone 11 Pro Max è in grado quasi di trasformare la notte in giorno e al contempo mantenere un alto livello di dettaglio negli scatti. 

A nostro parere, l’obiettivo ultragrandangolare, nuovo arrivato, risulta davvero comodo quando si vuole inserire più elementi in uno scatto (non è stata un’esigenza che abbiamo sentito spesso, comunque) ed è anche utile per migliorare gli effetti di sfocatura dello sfondo, sebbene questa caratteristica non si sia dimostrata perfetta durante i nostri test.

A livello di design, iPhone 11 Pro Max sembrerà familiare a molti, visto che è molto simile rispetto a quello dei due modelli precedenti (iPhone X e iPhone XS), anche se il retro sfumato è una novità che abbiamo apprezzato. Le dimensioni “Max” potrebbero non piacere a tutti, ma va detto che l’ampio (e convincente) display OLED da 6,5 pollici offre un’esperienza visiva di alto livello, soprattutto con i video, anche grazie agli altoparlanti stereo migliorati. 

La sporgenza del quadrante che ospita la fotocamera posteriore si fa un po’ sentire e prende parecchio spazio, ma se siete destrorsi questo non sarà d’impaccio nel normale uso dello smartphone. 

Recensione iPhone 11 Pro Max

(Image credit: Future)

Stando alle promesse di Apple, iPhone 11 Pro Max offre un’autonomia maggiore di cinque ore rispetto allo XS Max dello scorso anno e dobbiamo dire che questa affermazione è stata confermata dai nostri test. In particolare la batteria ha fatto registrare ottime prestazioni nella riproduzione di video HDR e le venti ore di autonomia, promesse da Apple per la riproduzione di contenuti multimediali, sono una stima veritiera. 

Nell'utilizzo di tutti i giorni, possiamo dire che questo smartphone dura 24 ore (ipotizzando che dormiate almeno per un po’ in queste 24 ore) e il caricatore per la ricarica rapida, che finalmente troviamo compreso nella confezione, consente di arrivare al 20% di batteria in circa 15 minuti, mentre per una ricarica completa è necessaria un’ora e mezza. 

Grazie a iOS 13, iPhone 11 Pro Max dà la sensazione di essere più completo dei modelli precedenti e le migliorie apportate a Face ID rendono più semplice il suo utilizzo quotidiano, adesso, per esempio, è più semplice aprire le notifiche quando lo smartphone è poggiato sulla scrivania. 

A livello di prestazioni iPhone 11 Pro Max ci ha colpiti. È vero a volte l’app per la fotocamera ha mostrato qualche rallentamento, ma se volete fare editing dei video al volo (non va dimenticato che questo smartphone è in grado di registrare in 4K a 60 fps e questo aspetto funziona davvero bene), apprezzerete senz’altro la potenza in più che troviamo sul modello di punta tra gli iPhone usciti quest’anno. 

Nel complesso, iPhone 11 Pro Max rappresenta un vero passo in avanti ed è l’iPhone più potente mai visto finora. Però, se ci si sofferma a pensare alle vere novità di questo modello, si capisce che, al di là della fotocamera (soprattutto la modalità notturna) e della riproduzione dei contenuti multimediali (video in particolare), non c’è poi molto altro, da questo punto di vista.   

Se volete risparmiare un po’, vi consigliamo di puntare su iPhone 11. È vero iPhone 11 Pro Max offre delle prestazioni a volte davvero impressionanti, ma nonostante ciò, non ci siamo mai scrollati di dosso l’idea che questo fosse uno smartphone solo per chi è fan della mela e vuole davvero il meglio del meglio senza compromessi. 

Volete saperne di più? Continuate a leggere per vedere i risultati dei nostri test approfonditi 

iPhone 11 Pro Max data di uscita e prezzo  

  • iPhone 11 data di presentazione:  10 settembre 
  • iPhone 11 data di uscita: 20 settembre 
  • iPhone 11 prezzo: a partire da 1.289 euro 

Se state pensando di comprare questo smartphone, sappiate che sarà disponibile per l’acquisto a partire dal 20 settembre. Insomma non c’è molto da aspettare e tra l’altro è già possibile preordinarlo. Il prezzo, però, potrebbe rappresentare un freno, visto che si tratta dell’iPhone più costoso in commercio. Sì, è vero, alcune versioni costano più o meno come un MacBook, ma non è un confronto onesto questo, dopotutto parliamo di due prodotti differenti, progettati per usi completamente diversi. In ogni caso si tratta di uno spunto per far capire che iPhone 11 Max Pro costa davvero parecchio.  

Infatti il prezzo di partenza per la versione base, da 64 GB di spazio è di 1.289 euro. Manca la versione da 128 GB e si passa direttamente a 256 GB ad un prezzo di 1.469 euro. Si chiude con la versione da 512 GB che costa 1.689 euro. Insomma, se non potete contare su grandi disponibilità finanziarie, per potervi permettere uno smartphone del genere dovrete mettervi a risparmiare sul serio.  

In ogni caso, in questo articolo, trovate tutte le migliori offerte per iPhone 11 in Italia.

 Fotocamera 

Generalmente, non recensiamo mai la fotocamera di uno smartphone in così poco tempo, ma la novità principale negli iPhone di quest’anno è la qualità delle immagini.

Dal punto di vista hardware, la differenza principale è la presenza di un obiettivo ultragrandangolare, portando a tre il numero delle fotocamere presenti sul retro.

Recensione iPhone 11 Pro Max

(Image credit: TechRadar)

Queste sono alloggiate all’interno di un quadrante che non fa nulla per nascondersi, anzi, e il colore del quadrante stesso richiama quello del resto del dispositivo. Si tratta di una scelta che aiuta a limitare l’impatto visivo di un elemento così vistoso. 

A bordo di iPhone 11 Pro Max troviamo un obiettivo grandandolare “normale”, un teleobiettivo e una lente ultragrandangolare. Il teleobiettivo consente di effettuare uno zoom 2x, mentre l’ultragrandangolare è utile per inquadrare più elementi in uno scatto. 

Si tratta di un’opzione utile se dovete scattare una foto di gruppo e non volete escludere nessuno o se dovete scattare una foto a degli animali e non potete muovervi all’indietro. Lo stesso discorso vale, all’opposto, per il teleobiettivo. Insomma, iPhone 11 Pro Max vi permette di fare tutto ciò senza dovervi muovere.

Sistema Operativo iPhone 11

(Image credit: TechRadar)

Tutte e tre le fotocamere hanno un sensore da 12 MP che è lo standard per la maggior parte degli smartphone, se vogliamo. Questa scelta permette di avere un buon equilibrio tra dimensione dei pixel (per catturare più luce) e risoluzione (per catturare maggiori dettagli).  

Anche la registrazione dei video è stata migliorata e il Pro Max è in grado di registrare in 4K a 60 fotogrammi al secondo (frames per second, fps). Questo significa che potrete registrare video di qualità più elevata visto che verranno catturare maggiori informazioni, ma non dimenticate che questi video occupano parecchio spazio. 

Immagine 1 di 4

iPhone 11 camera

(Image credit: TechRadar)
Immagine 2 di 4

iPhone 11 camera

(Image credit: TechRadar)
Immagine 3 di 4

iPhone 11 camera

(Image credit: TechRadar)
Immagine 4 di 4

iPhone 11 camera

(Image credit: TechRadar)

Si potrebbe dire molto sul comparto fotografico degli iPhone più recenti o, più in generale, di qualsiasi smartphone uscito negli ultimi anni. Infatti, ormai, le fotocamere che troviamo sugli smartphone offrono davvero tante caratteristiche e quindi è davvero difficile che gli scatti siano di cattiva qualità.  

Questo vuol dire che qualsiasi produttore che voglia presentarsi sul mercato come colui che ha il migliore smartphone per fare le fotografie, dovrà riempire il comparto fotografico del proprio dispositivo di tante funzionalità e caratteristiche, che è proprio quello che ha cercato di fare Apple con iPhone 11 Pro Max. 

Modalità notturna 

Iniziamo da qui. I modelli precedenti di iPhone non offrivano prestazioni convincenti quando dovevano scattare foto in condizioni di scarsa luminosità e questo ha lasciato spazio a concorrenti come Samsung Huawei e Google che si sono presi la scena. Il colosso di Mountain View, in particolare, ha sfornato uno smartphone in grado di trasformare la notte in giorno grazie a tecniche avanzate di post elaborazione delle immagini.  

La nuova modalità notturna sfornata da Apple certamente cerca di cambiare le carte in tavola. Vi diciamo subito che, secondo noi, questa caratteristica è il motivo principale per considerare l’acquisto di un nuovo iPhone. Dovrete tenere l’iPhone ben fermo o utilizzare un treppiede, ma una volta risolto questo aspetto, vi troverete davanti a immagini piene di dettagli che non avevate nemmeno notato. 

Immagine 1 di 6

iPhone 11 camera

(Image credit: TechRadar)
Immagine 2 di 6

iPhone 11 camera

(Image credit: TechRadar)
Immagine 3 di 6

iPhone 11 camera

(Image credit: TechRadar)
Immagine 4 di 6

iPhone 11 camera

(Image credit: TechRadar)
Immagine 5 di 6

iPhone 11 camera

(Image credit: TechRadar)
Immagine 6 di 6

iPhone 11 camera

(Image credit: TechRadar)

A seconda del livello di luce presente (e se state usando un treppiede o meno) l’iPhone vi dirà di tenere la fotocamera ferma per un periodo di tempo che varia dai 2 ai 30 secondi, mentre scatta a diversi livelli di esposizione per ottimizzare la luminosità e il livello di dettaglio. Nella nostra prova abbiamo scoperto che aumentare questo periodo di tempo, usando un apposito slider, consente di ottenere scatti ancora più luminosi. 

I risultati ottenuti a volte sono stati straordinari, il livello di dettaglio e di luminosità raggiunto da questi iPhone in modalità notturna ha davvero dell’incredibile. 

Immagine 1 di 5

iPhone 11 camera

(Image credit: TechRadar)
Immagine 2 di 5

iPhone 11 camera

(Image credit: TechRadar)
Immagine 3 di 5

iPhone 11 camera

(Image credit: TechRadar)
Immagine 4 di 5

iPhone 11 camera

(Image credit: TechRadar)
Immagine 5 di 5

iPhone 11 camera

(Image credit: TechRadar)

In ogni caso, la qualità complessiva delle foto, se confrontata con iPhone XS Max dello scorso anno è risultata migliore, con scatti più luminosi e ricchi di dettagli. La fotocamera ultragrandangolare è piacevole da usare se vi ricordate della sua presenza, ma i risultati finali presentavano leggere distorsioni in alcune zone, nonostante gli sforzi profusi da Apple per cercare di risolvere questi difetti in fase di elaborazione dell’immagine 

Il passaggio da una fotocamera all’altra non è sempre risultato agevole, soprattutto nel caso dell’obiettivo ultragrandangolare, con problemi di juddering, e spesso, all’accensione della fotocamera ci trovavamo di fronte a un’anteprima vuota e, per risolvere questo problema, abbiamo dovuto cambiare modalità.  

A dirla tutta, abbiamo tralasciato alcuni dei risultati ottenuti con la fotocamera normale perché non abbiamo notato differenze rispetto allo scorso anno. Le immagini, generalmente, sono luminose e piene di dettagli e colori. Gli scatti di Apple hanno una minore saturazione rispetto a quelli delle fotocamere di prodotti concorrenti e, se si ingrandisce una foto, questa rimane comunque molto nitida, il che è davvero apprezzabile.  e l’ingrandimento funziona bene, visto che restituisce una chiarezza davvero apprezzabile. 

Sistema operativo iPhone 11

(Image credit: TechRadar)

Anche la modalità video è migliorata. Vi confessiamo, però, che, a nostro modo di vedere, la modalità 4K a 60 fps serve solo a far colpo sugli utenti e che in realtà non sia molto utile nell’uso effettivo, ma se siete dei veri appassionati di fotografia e di registrazione video e state considerando l’acquisto di questo iPhone 11 Pro Max (del resto la dicitura Pro suggerisce che si tratti di uno smartphone per professionisti), allora queste novità vi faranno sicuramente comodo. Il livello di dettaglio è maggiore e, aspetto fondamentale, l’esposizione è più bilanciata, consentendovi di creare video con un aspetto migliore. 

Questa caratteristica verrà apprezzata soprattutto da chi usa moltissimo i social media, coloro che vogliono un risultato davvero sbalorditivo usando solo l’iPhone, con la possibilità di fare editing al volo cambiando colori e applicando filtri sul video direttamente dal dispositivo, insomma ci si può divertire parecchio da questo punto di vista. 

Una cosa che non ci è piaciuta (ancora non sappiamo se in italiano si chiamerà così comunque) è il termine “Slofie”, neologismo creato dai responsabili marketing Apple dall'unione di Slow e Selfie. Come suggerito da queste due parole, si tratta del nome dato alla possibilità di creare video in slow motion con la fotocamera frontale. Questa caratteristica è presente su tutte e tre le versioni di iPhone 11. 

Il risultato finale è buono e probabilmente verrà apprezzato dagli utenti e verrà condiviso sui social media, ma il nome non ci ha fatto entusiasmare. 

Design

Apple non ha fatto modifiche al design con l’iPhone 11 Pro Max, almeno frontalmente, rispetto all’iPhone XS Max. Dietro invece le cose sono cambiate parecchio: la finitura in vetro opaco dà una sensazione molto diversa in mano, e di sicuro si sporca molto meno. Un piccolo dettaglio che può apparire come un miglioramento.  

Recensione iPhone 11 Pro Max

(Image credit: Future)

Il resto del design è molto simile a quanto già fatto da Apple negli ultimi anni: c’è ancora il notch, i bordi sono curvati e in acciaio inossidabile, e in fondo troviamo il connettore Lightning e due griglie per gli altoparlanti. Come sempre, sono due solo per motivi estetici, ma c’è un solo altoparlante.

È un telefono di grandi dimensioni e in mano si nota, ma se avete usato un iPhone Plus o Max negli ultimi anni, non cambia nulla dal punto di vista della manegevolezza e dell’ergonomia. 

Tra i nuovi elementi di design c’è ovviamente la tripla fotocamera, che sporge davvero tanto dal corpo dello smartphone. Il blocco è realizzato in vetro, ha bordi affilati. Se mettete questo smartphone in borsa o in tasca insieme a un’altro dispositivo, quest’ultimo potrebbe finire per graffiarsi per colpa della fotocamera dell’iPhone 11 Pro Max. 

Recensione iPhone 11 Pro Max

L'iPhone 11 Pro Max ha la certificazione IP68 per una migliore protezione da acqua e polvere

(Image credit: TechRadar)

In ultima analisi il design dell’iPhone 11 Pro Max è praticamente identico a quello dell’iPhone 11 Pro Max, così tanto che alla fine della prova abbiamo resettato lo smartphone sbagliato. Un errore che ha provocato lamenti piuttosto rumorosi, per così dire. 

I colori dell’iPhone 11 Pro Max sono interessanti: midnight green, space gray, silver e gold. La versione verde è quella che ci sembra più affascinante, e di sicuro è quella che dovete comprare se volete che la gente vi guardi e dica “ohooo, HAI UN TELEFONO NUOVO!!!”.

Con ogni probabilità però vorrete proteggere il vostro costoso telefono con una delle migliori custodie per iPhone 11 Pro Max, nel qual caso vedrete il suo aspetto “naturale” molto raramente.

 Schermo 

A parte la fotocamera, lo schermo dell’iPhone 11 Pro Max (scriverne il nome è sempre fastidioso), è uno dei suoi aspetti più interessanti e meritevoli.  

Recensione iPhone 11 Pro Max

(Image credit: TechRadar)

Si tratta di un pannello OLED da 6,5 pollici rivisto e corretto direttamente da Apple. La soluzione True Tone, già presente sugli iPhone del 2018, serve per adattare luminosità e temperatura colore (bilanciamento del bianco) alla luce ambientale. È uno schermo fluido, ma non ha la frequenza di aggiornamento più alta delle media come accade per esempio sull’iPad Pro

Il nuovo schermo OLED sembra avere una tonalità un po’ più gialla, quando si visualizzano scene bianche o si guardano fotografie. Un dettaglio che ci sembra dovuto alla calibrazione dello schermo stesso, più che all’hardware in sé. 

Comunque è un dettaglio che noterete solo se mettete il nuovo iPhone 11 Pro Max accanto a un iPhone XS Max. Diversamente, noterete solo uno schermo di qualità eccellente. 

Tra le novità più interessanti è la compatibilità Dolby Vision. Potrebbe non sembrare molto rispetto a quella HDR10 (che è il “normale” High Dynamic Range, presente sulla maggior parte degli smartphone), ma in verità fa una notevole differenza. 

Guardarsi un film è un’esperienza gradevole e immersiva, sono visibili molti dettagli e in genere la riproduzione è cinematografica (per quanto sia lecito il termine parlando di un telefono). Di base l’iPhone può arrivare a una luminosità di 800 nit, ma quando si guarda un contenuto Dolby Vision il valore arriva a un incredibile 1200 nit (secondo Apple). 

Se siete in un ambiente tranquillo, magari non troppo illuminato, l’effetto si può migliorare ulteriormente usando gli altoparlanti. Apple è riuscita a creare un suono virtual surround piuttosto convincente. Il suono è sempre migliore usando delle cuffie, ma anche con gli altoparlanti c’è un vago senso di direzionalità. 

Come altre cose, nemmeno questa è una novità assoluta nel mondo degli smartphone. Dimostra però che Apple continua a concentrarsi sul creare la migliore esperienza multimediale possibile; un impegno che va avanti sin dai tempi del primo iPod. 

Batteria 

Apple ha rilasciato dichiarazioni ambiziose riguardo all'autonomia dell’iPhone 11 Pro Max, sottolineando in particolare il fatto che può durare cinque ore in più rispetto all’iPhone XS Max.  

Recensione iPhone 11 Pro Max

(Image credit: Future)

La ragione di questo miglioramento è curiosa, visto che lo spessore non è aumentato ed è quindi difficile ipotizzare una batteria più grande. Forse Apple voleva inserire la ricarica wireless inversa, come si era speculato prima della presentazione di iPhone 11, ma alla fine ha cambiato idea?

Probabilmente non sapremo mai la verità su tale ipotesi, ma possiamo affermare che l’autonomia dell’iPhone 11 è effettivamente notevole. 

Al terzo giorno di test, lo abbiamo scollegato alle sette di sera, abbiamo guardo film con Dolby Vision per circa due ore con la luminosità automatica, usato il navigatore per circa 50 minuti (e contemporaneamente usato lo streaming audio via Bluetooth). Abbiamo mandato qualche messaggio e provato ad abbinare un orologio Garmin, prima di andare a letto poco prima di mezzanotte. A quel punto restava il 62% di batteria. 

Durante la notte l’iPhone 11 Pro Max è rimasto in standby e ha perso il 5-6% di ricarica, in sette ore. Quindi siamo ripartiti la mattina dopo con circa il 50% di carica residua. 

Il giorno successivo abbiamo stressato lo smartphone con videogiochi, video in streaming, fotografie e video, benchmark (che consumano molto la batteria). Alla fine l’iPhone 11 Pro Max si è spento poco prima delle sei di sera, senza aver attivato le opzioni di risparmio energetico. 

Sistema operativo iPhone 11

(Image credit: TechRadar)

È un risultato impressionante, che non ci saremmo aspettati basandoci sulle prestazioni dell’iPhone XS Max. Sembra proprio che le affermazioni di Apple siano almeno in parte giustificate.

Passando alla ricarica, ci sono due opzioni: la ricarica con il cavo e quella wireless, nel qual caso dovrete comprare un caricatore wireless compatibile da tenere a casa o in ufficio. 

Usando il cavo e partendo con la batteria completamente scarica, abbiamo notato che l’iPhone 11 Pro Max si ricarica molto in fretta: abbiamo ottenuto il 25% in solo 15 minuti, più che sufficiente per avere qualche ora di autonomia. La ricarica completa richiede invece circa 90 minuti, quindi il costo di questo smartphone è almeno in parte più facile da accettare grazie al caricatore veloce incluso nella confezione. 

iOS 13 e prestazioni 

L’iPhone Pro 11 Max usa iOS 13, l’ultima versione del sistema operativo Apple. 

Ci sono alcune nuove animazioni, come le notifiche quando si silenziano le chiamate o il volume, che sono inoltre (finalmente) interattive.

Recensione iPhone 11 Pro Max

(Image credit: TechRadar)

Face ID è migliorato: non per la precisione, ma per l’ampiezza dell’angolo visivo della fotocamera. I sensori dell’iPhone 11 Pro Max non sono migliori rispetto all’anno scorso nel riconoscere un volto, ma è più facile sbloccare il telefono se si è seduti alla scrivania; non ci serviva prenderlo in mano per leggere un messaggio, come ci capitava con l’iPhone XS Max.

Apple inoltre ha reso un po’ più semplice e veloce la gestione delle reti. Se siete di quelli che modificano spesso le opzioni Wi-Fi e Bluetooh, con una pressione prolungata sul relativo comando nel Centro di Controllo permette di collegarsi velocemente a una rete o un dispositivo diverso. 

Abbiamo scritto “pressione prolungata” e non “pressione intensa”, perché con gli iPhone 11 Apple ha abbandonato la tecnologia 3D Touch. 

Sistema Operativo iPhone 11

(Image credit: TechRadar)

C’è invece un sistema di feedback aptico, che sfrutta le vibrazioni per dare l’impressione di premere un vero pulsante. I menu di conseguenza si possono visualizzare tenendo premuto a lungo, invece che più forte. 

È una soluzione intuitiva e veloce, e ci si abitua in poco tempo a usare l’iPhone 11 Pro Max. Magari potrebbe capitare di fare confusione quando si vogliono spostare le icone; per farlo è necessaria un’operazione un po’ diversa rispetto al passato. 

In termini di prestazioni, l’iPhone 11 Pro Max è lo smartphone più potente che si possa comprare oggi, oltre ad essere l’iPhone più potente (il che era abbastanza prevedibile, ovviamente). 

Guardando ai nudi numeri, con Geekbench 5 ha ottenuto 3.420 punti, il 10% in più di iPhone 11 e il 20% in più rispetto all’iPhone XS Max. Questo è dovuto quasi certamente al fatto che i modelli Pro hanno più RAM di qualsiasi altro iPhone. 

Ma i test e i numero non raccontano tutta la storia. Come si comporta l’iPhone 11 Pro Max nella vita reale? Ebbene, faticherete a stressarlo così tanto da vedere le app rallentare all’apertura o alla chiusura. Potete aprirne quante volete, e il telefono si comporta sempre allo stesso modo. L’iPhone 11 Pro Max è sempre velocissimo. 

Sistema Operativo iPhone 11

(Image credit: TechRadar)

Abbiamo notato qualche piccolissimo rallentamento solo usando la fotocamera: l’applicazione ci mette un secondo a caricarsi (e come abbiamo accennato, a volte si blocca), e quando si usa scatta l’anteprima ultragrandangolare (che mostra l’inquadratura estesa oltre quella standard) non compare istantaneamente quando si preme il pulsante di scatto. 

Anche aprire una foto per modificarla richiede uno o due secondi, così come il salvataggio dell’immagine dopo le modifiche. Lo smartphone deve fare moltissima elaborazione in questi casi, ma ci saremmo comunque aspettati un po’ più di velocità, e invece bisogna osservare l’icona di attesa un po’ troppo spesso. 

Recensione iPhone 11 Pro Max

(Image credit: TechRadar)

Ci è capitato anche di vedere qualche scatto o rallentamento quando abbiamo cercato di scorrere a una scena precisa di un film che avevamo scaricato, il che è particolarmente fastidioso se stai cercando una scena luminosa per testare lo schermo. Ma ovviamente non è una cosa che farete molto spesso.

In ogni caso la potenza dell’iPhone 11 Pro Max va oltre le sue capacità multimediali. Abbiamo già parlato della qualità delle immagini con i film, ma anche quella del suono, persino con servizi di streaming come Spotify, è impressionante. Usando cuffie di media qualità avrete un suono ricco e potente, con molti più dettagli di quanto ci si potrebbe aspettare da uno smartphone.

Compratelo se … 

… volete il migliore iPhone che esista
L’iPhone 11 Pro Max è il migliore iPhone in commercio, per specifiche, autonomia, qualità dei video e delle foto, e qualsiasi altra cosa. È il migliore smartphone tra quelli marchiati Apple.  

… vi piace guardare film in mobilità
Come abbiamo detto sopra, la combinazione di schermo luminoso, Dolby Vision e pannello OLED rendono l’iPhone 11 Pro Max uno smartphone fantastico per guardarsi un film. Inoltre Apple aggiornerà automaticamente la vostra collezione iTunes portandola alla migliore qualità disponibile.  

… vi serve potenza e durata della batteria
L’iPhone 11 Pro Max combina uno smartphone potentissima con la maggiore durata della batteria. Non sono molti gli smartphone di cui si possa dire la stessa cosa. 

Non compratelo se …  

… volete risparmiare
Compare un telefono che costa non meno di €1.289 non è certo un’opzione valida per chiunque. Se preferite risparmiare o avete un budget ridotto, meglio prendere in considerazione l’iPhone 11 o magari i modelli del 2018. 

… volete le funzioni più avanzate
Questo è l’iPhone più avanzato che esiste, ma ci sono smartphone migliori dal punto di vista della modernità tecnologica. Modelli che offrono ricarica wireless inversa, più fotocamera, connettività 5G o altro. Se volete lo smartphone più moderno che ci sia, difficilmente lo troverete in casa Apple. 

… non vi serve davvero la versione Pro
La verità è che per molti di noi è più una questione di immaginazione che di vero bisogno. Vi chiedete quanto sia migliore questo iPhone 11 Pro Max rispetto al normale iPhone 11, e magari cercate di convincervi di aver bisogno di alcune sue caratteristiche. Ma nella maggior parte dei casi non è vero.