Skip to main content

Avete uno Smart TV LG? Potrete usare Google Stadia e GeForce Now

Google Stadia
(Image credit: Google)

I TV LG vedranno un maggiore supporto del cloud gaming, infatti l'azienda ha confermato che Google Stadia e Nvidia GeForce Now arriveranno sui suoi schermi nei prossimi mesi.

Entrambi i servizi di streaming per i videogiochi, che consentono alle persone di giocare tramite Internet senza dover scaricare nessun file, sono un'aggiunta importante ai TV LG, in particolar modo considerato che arrivano entrambi quasi contemporaneamente.

Google Stadia è arrivato nel 2019 dopo molta attesa da parte del pubblico, sebbene la crescita sia stata poco sostenuta, con una libreria di giochi alquanto limitata e un modello di business che prevede la vendita dei singoli giochi anziché il pagamento di una sottoscrizione mensile che permette di accedere a tutti i titoli disponibili, come nel caso di Xbox Game Pass. Ciononostante, potrete godervi Destiny 2, Assassin's Creed Valhalla e Cyberpunk 2077, fra gli altri. Il livello di base/gratuito offre lo streaming a 1080p e l'audio stereofonico, ma per la risoluzione 4K e il surround 5.1 occorre pagare una tariffa mensile.

Nvidia GeForce Now è arrivato circa nello stesso periodo, considerati alcuni ritardi. In ogni caso, si tratta di un servizio più accessibile. Il livello gratuito consente di giocare in streaming con i titoli che possedete su Steam, senza dover pagare l'abbonamento mensile richiesto da Stadia. L'edizione Founders, per poco meno di 5 dollari al mese negli USA, offre il bypass delle code sui server e consente di attivare il ray tracing, a differenza del servizio di Google.

Stadia ha un'interfaccia più accattivante, insieme all'elegante Stadia Controller, ma la possibilità di GeForce Now di trasmettere in streaming i giochi che possedete già potrebbe tentare molti a scegliere il servizio Google. In ogni caso, il fatto che LG abbia optato per entrambi non può che essere positivo per i consumatori sul lungo termine.

Una scelta annunciata

LG non ha mai nascosto le proprie ambizioni in ambito gaming, con i suoi TV OLED del 2020 dall'input lag inferiore a 1 ms e la tecnologia G-Sync di Nvidia per ridurre lo screen tearing da PC.

Quest'ultima funzionalità interessa solo pochi giocatori, comunque, ed è un aspetto che non è piaciuto molto dalle nostre parti. Tuttavia, sembra che abbia comunque aperto la strada a una collaborazione più redditizia fra Nvidia e LG.

Naturalmente c'è concorrenza per entrambi i servizi, considerando Microsoft Cloud Gaming, ora incluso gratuitamente con Xbox Game Pass Ultimate, che consente di giocare in streaming i titoli inclusi nel Game Pass su vari dispositivi. Se siete utenti Xbox è la scelta più logica da fare, ma ci aspettiamo che nel tempo arriveranno altri servizi di streaming (anche se PS Now non è altrettanto interessante a oggi).

PS5 e Xbox Series X sono altri due elementi da inserire nell'equazione, dato che i TV OLED LG del 2021 saranno dotati di quattro porte HDMI 2.1, refresh rate variabile (VRR) e la funzione "Game Optimizer" per mantenere l'input lag al di sotto di 1 ms.

Sia Google Stadia che Nvidia GeForce Now dovrebbero arrivare sui TV LG nella seconda metà del 2021. Vi aggiorneremo non appena verranno annunciate tempistiche più precise.

  • Seguite il CES 2021 insieme a TechRadar. Vi aggiorneremo su tutte le novità in ambito tecnologico e vi porteremo le recensioni dei nuovi prodotti che arriveranno in occasione dell'evento.
Henry St Leger

Henry is TechRadar's News & Features Editor, covering the stories of the day with verve, moxie, and aplomb. He's spent the past three years reporting on TVs, projectors and smart speakers as well as gaming and VR – including a stint as the website's Home Cinema Editor – and has been interviewed live on both BBC World News and Channel News Asia, discussing the future of transport and 4K resolution televisions respectively. As a graduate of English Literature and persistent theatre enthusiast, he'll usually be found forcing Shakespeare puns into his technology articles, which he thinks is what the Bard would have wanted. Bylines include Edge, T3, and Little White Lies.