Skip to main content

MacBook Air M2, ottime notizie anche per gli audiofili

Apple MacBook Air 2022
(Image credit: Future)

Ormai saprete tutti che l'apprezzato Apple MacBook Air è tornato con una nuova versione. 

Svelato in occasione dell'evento WWDC 2022, il laptop Apple più venduto si ripropone con una scocca spessa solo 11,3 mm per 1,2 kg di peso. Inoltre è il primo Mac a montare il nuovo e velocissimo chip M2, con un neural engine più veloce del 40%, uno schermo il 25% più luminoso e molte altre caratteristiche che faranno la gioia degli appassionati.

Ma ci sono due grossi miglioramenti in ambito hardware di cui non parla quasi nessuno ma siamo certi che saranno molto interessanti per molti di voi, inclusa la leggenda del rock Neil Young.

Infatti, ci sono due ottimi motivi per cui gli audiofili dovrebbero dare un'occhiata al MacBook Air: innanzitutto il supporto dell'audio spaziale proprietario di Apple Music direttamente dagli altoparlanti integrati con il nuovo Air. Ma ancora più importante è il migliorato jack cuffie da 3,5 mm che ora supporta anche i modelli con impedenza elevata.

Perché il nuovo jack cuffie è così importante? 

The Focal Clear Mg on a table.

(Image credit: Lewis Leong)

In primo luogo, le cuffie ad alta impedenza sono prodotti tipicamente utilizzati dagli audiofili, soprattutto per via delle bobine più sottili nei driver, che vengono avvolte con una quantità minima d'aria tra i singoli fili.

Questo determina in un audio quasi privo di distorsione con una riproduzione più accurata dei bassi.

Purtroppo, queste cuffie non sono compatibili con tutti i dispositivi sul mercato, proprio a causa dell'impedenza elevata.

L'impedenza è la misura della resistenza alla corrente elettrica, espressa in ohm: maggiore è il numero, maggiore la resistenza. Le cuffie a bassa impedenza, di solito, tendono a risiedere al di sotto dei 50 ohm. Quelle ad alta impedenza, invece, possono superare tranquillamente i 250 ohm, arrivando fino a 600.

Di solito, gli amplificatori montati sugli smartphone sono progettati per le cuffie standard da 32 ohm. Pertanto, se inserite delle cuffie ad alta impedenza in un normale jack di un laptop standard, noterete una qualità audio insufficiente, che vanifica l'investimento fatto sulle cuffie (non proprio economiche a dirla tutta).

Per sfruttare al massimo le cuffie ad alta impedenza con un MacBook Air occorreva procurarsi un amplificatore dedicato, almeno fino a ora.

Sebbene Apple non abbia ancora fornito dati concreti sul jack, tolto l'annuncio del supporto all'alta impedenza, questa è senz'altro un'ottima notizia per gli amanti del suono di qualità e per quelli che vanno oltre alle canzoni scaricate da YouTube in MP3.

Supporto dell'audio spaziale dagli altoparlanti integrati del MacBook Air

Neil Young holding a Pono player

(Image credit: The Verge)

Neil Young aveva criticato la qualità audio da "giocattolo" del MacBook Pro in occasione di un'intervista rilasciata nel 2020 a The Verge (opens in new tab). Il famoso cantautore ha definito quel computer con un epiteto non proprio edificante, evidenziandone la scarsa riproduzione audio in modalità DAC.

Sebbene resti da capire se ci sono delle novità anche lato DAC, c'è da dire che gli altoparlanti del nuovo MacBook Air sono stati revisionati affinché supportino l'immersivo e impressionante audio spaziale, una tecnologia proprietaria di Apple Music.

All'epoca dell'intervista, Young, che ricordiamo essere anche l'inventore di Pono, noto per i propri streaming audio di alta qualità, aveva comunque dichiarato di mantenere una mentalità aperta nei confronti dei prodotti Apple successivi, dicendo di essere comunque propenso a dare loro un'altra chance, qualora si fosse riscontrata una maggiore qualità.

Dunque, è giunto il momento per Neil Young di riprovarci con Apple? Magari, la sua reazione potrebbe proprio essere "Hey Hey, My My"…

Becky Scarrott
Becky Scarrott

Becky is a senior staff writer at TechRadar (which she has been assured refers to expertise rather than age) focusing on all things audio. Before joining the team, she spent three years at What Hi-Fi? testing and reviewing everything from wallet-friendly wireless earbuds to huge high-end sound systems. Prior to gaining her MA in Journalism in 2018, Becky freelanced as an arts critic alongside a 22-year career as a professional dancer and aerialist – any love of dance starts with a love of music. Becky has previously contributed to Stuff, FourFourTwo and The Stage. When not writing, she can still be found throwing shapes in a dance studio, these days with varying degrees of success.  

With contributions from