Skip to main content

Huawei Mate 30, batteria più grande del Mate 20, secondo un'indiscrezione

(Image credit: Future)

Secondo una nuova indiscrezione, Huawei Mate 30 e Mate 30 Pro potrebbero avere un'autonomia superiore di quella vista su Mate 20 e Mate 20 Pro, visto che le batteria dei due dispositivi avrà dimensioni maggiori.

Secondo quanto apparso su Weibo (un social network cinese), la batteria sarà più grande del 5% su Huawei Mate 30. Mate 30 Pro si dice avrà una batteria maggiore del 7%. 

Nella notizia si parla anche di altre migliorie di cui abbiamo già sentito parlare tra cui il fatto che questi smartphone potrebbero contare su tecnologie di ricarica rapida wireless nonché sulle migliori tecnologie disponibili per la normale ricarica rapida con fili.

Se questa indiscrezione si rivelerà corretta, e come sempre raccomandiamo molta cautela in questi casi, allora pare che Huawei si concentrerà maggiormente sull'autonomia per la prossima versione degli smartphone della famiglia Mate. 

Sempre stando a questa voce di corridoio, il Mate 30 avrà una batteria da 4.200 mAh, mentre la versione Pro avrà ben 4.500 mAh. Un miglioramento rispetto ai 4000 mAh del Mate 20 e 4.200 mAh di Mate 20 Pro. 

Nel corso delle nostre recensioni abbiamo avuto modo di constatare che sia Mate 20 che Mate 20 Pro dispongono di un'autonomia di ottimo livello. Comunque, dei miglioramenti da questo punto di vista sono sempre ben accetti visto che stiamo sempre parlando di prodotti di fascia alta, quindi rivolti a chi vuole il meglio non solo a livello di prestazioni, ma anche di autonomia. 

Questi due dispositivi probabilmente verranno presentati o a settembre o a ottobre di quest'anno, andando a sfidare direttamente prodotti come iPhone 11, Samsung Galaxy Note 10 e Note 10 Plus

Comunque la strada potrebbe essere in salita visto che, nonostante le sanzioni nei confronti di Huawei da parte degli USA siano state sospese per altri 90 giorni, pare proprio che il blocco nei confronti di Huawei continuerà ad essere un problema politico assai delicato sia per l'azienda cinese che per il governo statunitense. 

Via GSMArena