Skip to main content

Google Pixel 4a sarà più compatto e leggero del modello economico precedente

Google Pixel 4a
(Image credit: 91mobiles)

Google Pixel 4a sarà meno pesante, più compatto e senza Active Edge. Nuove informazioni sul nuovo smartphone, ormai sempre più vicino all'uscita, sono arrivate durante una diretta streaming dello YouTuber Julio Lusson che ne ha mostrato un prototipo.

Il nuovo smartphone di Google avrà le dimensioni di 144,2 x 69,4 x 8,4 millimetri e il suo peso si aggira tra i 135 e i 140 grammi. Tra gli altri dettagli del del design vale la pena sottolineare anche l'utilizzo della plastica per la scocca.

Lusson ha inoltre confermato altre indiscrezioni in merito all'assenza dal Pixel 4a di una caratteristica che non è mai mancata dai tempi del secondo modello della famiglia Google, ovvero Active Edge.

La funzionalità che permette di attivare l'assistente vocale stringendo il telefono non sarà presente nel Google Pixel 4a come aveva già anticipato via Twitter il managing editor di 9to5Google, Stephen Hall.

Lusson ha espresso in ogni caso apprezzamento per il feedback aptico di Google Pixel 4a e ha confermato che la luminosità dello schermo OLED a 60 Hz è abbastanza buona anche se con la luce solare lascia un po' a desiderare rispetto ai display della concorrenza. Infine il nuovo prototipo presenta un anello metallico intorno alla fotocamera principale.

Leggero è meglio?

Le dimensioni del Pixel 4a lo rendono certo più compatto rispetto al precedente Pixel 3a e alle sue misure di 151,3 x 70,1 x 8,2 millimetri. Anche il peso è ridotto rispetto al modello economico precedente che raggiungeva i 147 grammi. Qualche perplessità, in questo senso, è stata però espressa da Lusson.

Secondo lo YouTuber, il peso ridotto con i materiali in plastica danno una sensazione molto lontana dai classici telefoni premium e per questo non è rimasto convinto.

Sull'assenza di Active Edge, il Google Pixel 4a è il primo modello a rinunciare a questa funzionalità e forse non sarà neanche l'unico. Google sta infatti sperimentando nell'anteprima per gli sviluppatori di Android 11 un nuovo sistema con il nome in codice di “Columbus”.

Tra le gesture previste, c'è il doppio tap sul retro del telefono che finirà per sostituire Active Edge dato che permetterà di avviare l'assistente Google, la fotocamera o mettere in pausa i contenuti.

Per quanto riguarda il nuovo anello metallico intorno alla fotocamera principale potrebbe trattarsi di una caratteristica esclusiva del prototipo che non è detto verrà confermata nel modello definitivo.