Skip to main content

Delusi dalla batteria degli iPhone? Apple potrebbe avere la soluzione

L'immagine di vari iPhone 3 realizzata da un artista, in vari colori, fra cui rosso, rosa e blu
(Image credit: TechRadar)

Sembra che Apple potrebbe iniziare a impiegare componenti più piccoli nei prossimi iPhone, iPad e MacBook, per consentire l'installazione di batterie più voluminose e, teoricamente, più durature.

Secondo quanto segnalato da MacRumors, la notizia suggerisce che Apple stia pianificando una maggiore adozione della tecnologia IPD (dispositivi passivi integrati) per i chip dei prossimi hardware dell'azienda. Tali chip dovrebbero essere sia più potenti che più compatti, lasciando uno spazio maggiore a batterie dalle dimensioni più grandi.

La notizia suggerisce che Apple aumenterà in modo significativo l'adizione della tecnologia IPD per i nuovi iPhone e altri prodotti iOS, offrendo buone opportunità di business ai produttori partner come TSMC e Amkor, secondo fonti interne del settore.

Sempre secondo queste fonti, i chip periferici per iPhone, iPad e MacBook saranno più sottili ma più performanti, e consentiranno l'installazione di batterie più capienti. Ciò determinerà anche un notevole aumento della domanda di IPD.

Sebbene non venga citato direttamente l'iPhone 13 o altri dispositivi Apple in arrivo, la notizia è in linea con precedenti leak relativi all'autonomia delle batterie del prossimo modello di punta di Apple.

Detto ciò, resta da vedere se questa nuova tecnologia sarà davvero implementata negli iPhone 13 o se dovremo attendere l'arrivo di iPhone 14 nel 2022, per poter valutare con mano i benefici dei chip IPD nell'ottica di una maggiore autonomia delle batterie.


Analisi: le batterie sono davvero un problema per Apple?

È ben noto che i dispositivi Apple, in particolare gli iPhone, tendono a montare batterie non troppo eclatanti. Infatti, gli smartphone Apple non reggono mai la concorrenza con diversi dispositivi Android in termini di durata della batteria. Basti pensare a Samsung Galaxy S21 e OnePlus Nord 2. E sebbene iPhone 12 rappresenti per certi versi un passo avanti rispetto ai predecessori, c'è ancora molto margine di miglioramento in termini di durata della batteria.

In ogni caso la problematica delle batterie nei prodotti Apple va al di là degli smartphone, e riguarda anche gli smartwatch. Apple Watch 6 non ci ha impressionati dal punto di vista dell'autonomia e, anche se Apple Watch 7 dovrebbe avere un processore più piccolo e, di conseguenza, una batteria più capiente, ci aspettiamo comunque un miglioramento marginale rispetto a ciò che potrebbe fare davvero Apple una volta integrata la tecnologia IPD.