Skip to main content

Scoperto un elettrodo che risolve i problemi di luminosità degli OLED

Nanotech OLED electrode
(Image credit: University of Michigan)

Gli schermi OLED non sono luminosi come i QLED, questo lo sappiamo già.

La novità è che i ricercatori della University of Michigan potrebbero aver trovato un modo per risolvere il problema con un nuovo elettrodo in grado di "liberare" il potenziale degli schermi OLED, aumentandone la luminosità del 20% e riducendo al contempo i consumi.

Il design del suddetto elettrodo consente di incrementare la quantità di luce emessa dai diodi degli schermi OLED, come spiegato nel post pubblicato sul blog della Univerisity of Michigan:

"l'approccio consiste nell'evitare che la luce rimanga intrappolata nella parte che viene attraversata dalla luce negli schermi OLED, consentendo di aumentare la luminosità e riducendo il consumo energetico."

L'elettrodo trasparente che di norma viene posto tra il pannello e la superficie in vetro, verrebbe sostituito da uno strato di argento e rame spesso 5nm in grado di far filtrare meglio la luce attraverso il vetro, riducendo al contempo la quantità di luce accumulata al suo interno.

Ma non è finita qui. Il co-autore dello studio, Changyeong Jeong, afferma che i ricercatori sono riusciti a "liberare il 34% della luce utilizzando dei materiali convenzionali con direzioni di emissione particolari e pattern specifici". 

Una volta avviato il processo produttivo teorizzato dai ricercatori si potrebbe "liberare fino al 40% della luce".

La luce alla fine del tunnel

I televisori OLED sono noti per la loro scarsa luminosità, che a oggi è ancora il più grande ostacolo da superare per i produttori di questa tipologia di schermi. Le cose, almeno in parte, stanno già cambiando grazie ai recenti pannelli OLED evo utilizzati da LG per il suo G1, in grado di produrre fino al 20% di luminosità di picco in più rispetto al precedente LG GX. 

A quanto pare però, gli effetti si notano maggiormente su schermi di dimensioni elevate (da 65 pollici in su).

La vera sfida per i produttori di TV è riuscire a migliorare il livello di luminosità di tutte le loro gamme di TV OLED per raggiungere i 1.000 nits necessari per l'HDR, e avvicinarsi ai livelli dei migliori TV QLED.