Skip to main content

Qualcomm Snapdragon 8cx sarà seguito da 2 varianti meno potenti: 8c e 7c

Qualcomm Snapdragon 8c
(Image credit: Qualcomm)

Qualcomm vuole ritagliarsi una fetta nel mercato dei notebook come dimostra il Microsoft Surface Pro X, dotato del processore Snapdragon 8cx. Al suo Summit Tech Snapdragon alle Hawaii, Qualcomm ha annunciato due eredi  dell’8cx, il 7c e l’8c. In sostanza, questi nuovi SoC (System on a Chip) sono progettati, rispettivamente, per portatili entry-level e di fascia media. Qualcomm ha dichiarato che questi chip saranno i migliori per autonomia, connettività e prestazioni. 

Qualcomm 8cx, 7c e 8c saranno i primi processori a 7nm per il segmento notebook; Qualcomm sostiene che il 7c e l'8c supereranno del 25% i chip comparabili dei "concorrenti", ma non ha fornito alcun benchmark in merito.

Non sappiamo quanto saranno convenienti i portatili e i tablet Windows con questi processori ma, prendendo il Surface Pro X come punto di riferimento, dubitiamo che saranno migliori dei chip di Intel o AMD.

La grande domanda, quindi, è se il passaggio al processo  a 7nm e a dispositivi sempre connessi sarà  sufficiente a convincere i consumatori.

 Probabilmente no 

ARM ha ancora molta strada se vuole diventare leader nei processori per notebook. Nel 2019, la maggior parte dei programmi è ancora progettata per i processori x86 di Intel o AMD; solo le app di Windows Store sfruttano davvero i chip ARM. Ci sono alcune eccezioni, ma sono rare. Guadagnerebbero fette di mercato solo se i loro prodotti offrissero vantaggi in termini di prestazioni e durata della batteria, ma siamo scettici a riguardo.

Quando abbiamo esaminato Microsoft Surface Pro X, presentato da Microsoft come il futuro della gamma Surface, siamo rimasti delusi dalle prestazioni del dispositivo. La maggior parte dei nostri test di benchmark non partiva nemmeno sul dispositivo, e GeekBench ha restituito un punteggio inferiore persino al Surface Pro 6, che ha più di un anno. Anche la durata della batteria, di cui Qualcomm si vantava, non ci ha impressionato, visto che il Surface Pro X si è spento un'ora prima del Surface Pro 6.

Quando Qualcomm afferma che i nuovi chip offriranno prestazioni migliori del 25% rispetto a prodotti comparabili dei concorrenti, ci chiediamo a chi si riferisca. C'è spazio per un terzo attore  nel settore delle CPU e farebbe comodo a noi consumatori per via della concorrenza che si innescherebbe, ma non è Qualcomm; non ora perlomeno.

Qualcomm è in grado di fornire portatili estremamente sottili e leggeri, sempre connessi e supportati da una batteria di lunga durata; qualcosa che nessun altro produttore di CPU può fare. Oh, aspetta, Intel Project Athena lo sta già facendo? Ok lasciamo perdere.