Recensione Microsoft Surface Pro 6

Il migliore, ma per poco

Surface Pro 6

Il nostro verdetto

Il Microsoft Surface Pro 6 è più veloce dei modelli precedenti, ha una maggiore autonomia ed è disponibile anche in un’elegante versione nera ma … questo è tutto. È senza dubbio un prodotto migliore dell’anno scorso, ma non il salto generazionale che alcuni speravano. Se avete già un Surface Pro 5 non vale la pena di cambiarlo. Diversamente, è il miglior tablet Windows che si possa comprare.

Pro

  • Processore quad-core
  • Grande autonomia
  • Nuova versione nera

Contro

  • Manca ancora la USB-C
  • La porta USB 3.0 è ormai datata
  • Pochi miglioramenti significativi

Quando uscì il Surface Pro 2017 non aveva un numero di riferimento, e Microsoft spiegò che non ci sarebbe stato un Surface Pro 5. Perché? Beh, a quanto pare il Surface Pro 5 avrebbe visto la luce solo quando fosse stato possibile un netto passo avanti che giustificasse il nuovo numero. 

Poi a ottobre 2018 è uscito il Surface Pro 6, quindi il numero 5 è stato del tutto saltato. Questo ci ha fatto pensare a un vero cambiamento radicale, o almeno un paio delle novità rilevanti che avremmo voluto vedere sin dai tempi del Surface Pro 4, nel 2015. 

Surface news

Le vendite di Microsoft Surface hanno avuto un aumento del 21%. 

La prossima Surface Pen di Microsoft potrebbe essere una stilo compatibile con tutti i dispositivi.

Non era così, ma non per questo arriveremmo a dire che il Surface Pro 6 non offre miglioramenti. Ha un processore più veloce e una maggiore autonomia, ma il fatto che gli abbiano assegnato un nuovo numero è difficile da accettare. Alcune novità più importanti dovrebbero comunque arrivare con il Surface Pro 7. 

Al di là del chip più potente e della nuova variante cromatica, comunque, il Surface Pro 6 non rappresenta un grande cambiamento - ci sono ancora le porte USB 3.0. Cosa offre quindi ai potenziali compratori? 

Surface Pro 6

Surface Pro 6

Specifiche

Ecco le specifiche tecniche del Surface Pro 6 mandato a TechRadar per la recensione:

CPU: 1.6GHz Intel Core i5-8250U (quad-core, 6MB cache, boost fino a 3.4GHz)
Grafica: Intel UHD Graphics 620
RAM: 8GB DDR3
SChermo: 12.3 pollici, 2,736 x 1,824 PixelSense (Contrasto: 1,500:1, colore 100% sRGB, multitouch 10 punti, formato 3:2)
Archiviazione: 256GB SSD
Porte: 1 x USB 3.0, mini DisplayPort, microSDXC card reader (UHS-I), jack cuffie/microfono
Connettività: 802.11ac Wi-Fi (2 x 2 MIMO), Bluetooth 4.1 (Low Energy)
Fotocamere: Posteriore da 8MP con auto-focus, (1080p HD); frontale da 5MP, 1080p HD
Peso: 771g
Dimensioni: 292 x 201 x 8.5mm

Prezzo e disponibilità 

Il Surface Pro 6 si può comprare direttamente sul sito Microsoft con un prezzo di partenza pari a €899, e lo si può trovare presso rivenditori terzi a prezzi leggermente inferiori. Come accadeva con i modelli precedenti, il pennino Surface Pen e la tastiera Type Cover sono venduti a parte, rispettivamente a €114,99 e €184,99. 

Il Surface Pro 6, nella versione che abbiamo testato, costa 1.399 euro. Un sovrapprezzo dovuto alla memoria in più (da 128 a 256GB), che quindi risulta piuttosto costosa. In fase di acquisto, potrete personalizzare il vostro Surface Pro 6, inserendo 16GB di RAM, fino a 1TB di memoria per l’archiviazione e un più potente processore Core i7. La versione più potente costa 2.499 euro. 

L’iPad Pro 2018 da 12,9”, un diretto concorrente, ha un prezzo di partenza pari a 1119€, in cambio dei quali avrete uno schermo 2.732x2.048, processore Apple A10x e 64GB di memoria. Nemmeno l’iPad include tastiera e pennino, che aggiungono rispettivamente 135€ e 219€, se li comprate direttamente da Apple.  

Immagine 1 di 16

Immagine 2 di 16

Immagine 3 di 16

Immagine 4 di 16

Immagine 5 di 16

Immagine 6 di 16

Immagine 7 di 16

Immagine 8 di 16

Immagine 9 di 16

Immagine 10 di 16

Immagine 11 di 16

Immagine 12 di 16

Immagine 13 di 16

Immagine 14 di 16

Immagine 15 di 16

Immagine 16 di 16

Design e schermo 

A parte la bellissima colorazione nera, il design del Surface Pro non è cambiato rispetto al modello del 2017. Il tablet è spesso 8,5 mm e pesa solo 770 grammi (784 g la versione con Core i7), ancora una volta come il modello precedente. 

Il Surface Pro 6 ha le stesse porte e la stessa connettività del suo predecessore, e usa la stessa Type Cover. Quest’ultima è un accessorio che ci piace molto, in effetti il migliore del suo genere tra quelli che abbiamo provato. 

Dobbiamo però ammettere di essere molto delusi dalla mancanza di una porta USB-C questa volta. Microsoft offre alte velocità per il trasferimento dati e capacità di espansione tramite la porta Surface Connect, obbligando chi ne ha bisogno a prendere un costoso Surface Dock (234,90 euro).

Surface Pro 6

La porta USB-A presente inoltre non è aggiornata alla versione USB 3.1, che al giorno d’oggi dovrebbe essere lo standard, visto che ha una velocità doppia rispetto alla USB 3.0. Non ci piace, perché i consumatori devono affrontare un costo aggiuntivo per ottenere tutti i potenziali vantaggi di un dispositivo che, secondo Microsoft, può essere il loro unico computer. 

Una nota leggermente positiva, invece, è un leggero miglioramento dello schermo: il pannello del Surface Pro 6 ha infatti un contrasto maggiore: 1500:1 rispetto a 1300:1 della generazione precedente. 

Una qualità utile per tutti, che garantisce neri più profondi e colori più brillanti, che rendono più piacevole sia la visione di video sia la creazione di contenuti digitali. 

  • Immagini: TechRadar
  • Seconda revisione giugno 2019