Skip to main content

Cyberpunk 2077: aperti i rimborsi per gli utenti insoddisfatti

Cyberpunk 2077 best cyberware guide
(Image credit: CD Projekt Red)

Cyberpunk 2077 è di gran lunga il gioco più chiacchierato dell’anno. Lanciato il 10 dicembre sulle piattaforme Sony PS4 e PS5, Microsoft Xbox One e Xbox Series X e PC (Windows 10 ed eventualmente Linux), ha dato fin da subito sfoggio di prestazioni non certo grandiose e ciò è risultato particolarmente veritiero per le versioni console di penultima generazione, dove il gioco si è reso praticamente ingiocabile.

CD Projekt Red, la società che ha sviluppato Cyberpunk 2077, si è scusata per lo stato del gioco affermando che due importanti patch verranno pubblicate a gennaio e febbraio.

Cyberpunk 2077 è stato uno dei giochi più attesi del 2020, ma poco dopo il lancio del gioco, i giocatori di console hanno iniziato a segnalare significativi problemi di prestazioni giocando su PS4 e Xbox One. Lo studio che ha sviluppato il gioco, CD Projekt Red, ha quindi presentato le proprie scuse su Twitter, assicurando che sarà possibile ottenere un rimborso se si è insoddisfatti di come gira il gioco sulla propria console.

Twitter

(Image credit: Twitter)

Le recensioni di Cyberpunk 2077 hanno iniziato a essere pubblicate la scorsa settimana ed è stato chiaro sin da subito che il gioco era afflitto da una serie di problemi tecnici impossibili da risolvere entro il giorno del lancio.

Il problema è diventato palese quando le copie hanno iniziato ad essere acquistate dai clienti. In particolar modo tra i possessori di PS4 ed Xbox One.

"Prima di tutto, vorremmo iniziare scusandoci per non aver mostrato il gioco su console prima della sua anteprima e, di conseguenza, non permettendovi di prendere una decisione più informata sul vostro acquisto", ha detto il team . "Avremmo dovuto prestare maggiore attenzione e renderlo migliore su PlayStation 4 e Xbox One."

Al di là delle scuse, lo studio si era prodigato perché nessuno vedesse la versione del gioco in azione su console prima del 10 dicembre accettando inoltre milioni di preordini, molti dei quali per le versioni incriminate PS4 e Xbox One.

Sebbene il gioco funzioni in modo abbastanza fluido sulle console di nuova generazione, sono molti gli utenti che hanno deciso di continuare ad usare la loro console di precedente generazione o che non sono riusciti ad acquistare una nuova console per via della scarsa disponibilità di quest'ultime sul mercato.

Via ai rimborsi

Lo studio conferma di essere al lavoro sul suo titolo e che le patch verranno regolarmente rilasciate regolarmente nei mesi a venire. Il primo hotfix è già stato rilasciato nei giorni scorsi (1.04) e uno nuovo è atteso per la prossima settimana (1.05), ma le vere e proprie patch arriveranno nei mesi di gennaio e febbraio.

Secondo la software house, dovrebbero risolvere i più importanti problemi riscontrati dai proprietari di console. Una bella attesa per chi ha speso €70 per un gioco malfunzionante.

Per chi non è disposto ad aspettare, CD Projekt Red incoraggia gli utenti a chiedere il rimborso. 

Se avete acquistato una copia digitale, potrete richiedere il rimborso sul PlayStation Store o sul Microsoft Store. Al contrario, se avete acquistato una copia tradizionale, lo studio consiglia di tentare di restituirla al negozio presso la quale è stata acquistata, ma se ciò risultasse impossibile potete provare ad inviare una e-mail a helpmerefund@cdprojektred.com per richiedere assistenza.

Fonte: BGR