Skip to main content

AMD FidelityFX Super Resolution non richiederà il machine learning, a differenza di Nvidia DLSS

Radeon RX 6700 XT
(Image credit: AMD)

È stato confermato di recente che FidelityFX Super Resolution, la risposta di AMD alla tecnologia DLSS (Deep Learning Super Sampling) di Nvidia, arriverà finalmente sulle schede grafiche RDNA 2 nel 2021.

A differenza del frame rate booster basata su IA del rivale Team Green, il vicepresidente della divisione schede grafiche di AMD Scott Herkelman, ha informato PCWorld che FidelityFX non richiederà il machine learning per funzionare.

Di FidelityFX si parla già dall'annuncio della serie Radeon 6000 ed è possibile che, anche se i problemi di stock non hanno interessato le GPU dell'azienda, il fatto che AMD non sia riuscita a competere con la funzione DLSS di Nvidia abbia convinto molte persone a trascurare Big Navi in favore delle potenzialità offerte dal frame rate boost di Nvida.

Non si sa ancora in che modo la mancanza di machine learning andrà a influire sull'offerta di Team Red, ma inserire un FPS booster nei giochi è comunque un grande passo avanti verso una lotta ad armi pari contro Nvidia. Sebbene la Radeon RX 6800 e la Radeon RX 6800 XT siano delle ottime schede, l'assenza del supersampling le rende comunque meno interessanti della GeForce RTX 3080 o della RTX 3070 dal punto di vista delle funzionalità offerte.

AMD potrebbe anche evidenziare in che modo non concordi con Nvidia sulla necessità di impiegare il machine learning per queste funzioni.

La vera lotta è alle porte

Nvidia domina da tempo le classifiche, come nel sondaggio sull'hardware di Steam, sia per quanto riguarda la disponibilità che per la domanda dei clienti. Le GPU Radeon tendono a essere più economiche delle controparti Nvidia GeForce, di conseguenza l'arrivo di un nuovo concorrente contro il DLSS potrebbe essere quella spinta necessaria affinché AMD cerchi davvero di strappare la corona alla rivale.

Secondo indiscrezioni precedenti, FidelityFX sarebbe dovuta arrivare nelle GPU Radeon RX a marzo 2021, ma era chiaramente una stima fin troppo ottimistica. Herkelman ha dichiarato che occorre ancora lavorare sulla tecnologia per perfezionarla, ma l'azienda è positiva e AMD sta coinvolgendo i fan nel processo di design, per ricevere feedback dai follower più appassionati e far sì che la funzione sia in grado di soddisfare al meglio le necessità degli utenti.

Non è chiaro se questo "design aperto" con le persone abbia influito sul ritardo del lancio, ma se pensiamo alle problematiche riscontrate con Nvidia DLSS 1.0, ha senso immaginare che AMD preferisca prendersi il suo tempo e puntare sulla qualità. 

Inoltre, potrebbe essere necessario preparare vari giochi affinché supportino la funzione, anche per evitare gli stessi errori commessi da Nvidia nel 2018, con i pochissimi titoli compatibili al momento del lancio di DLSS.

Fonte: PC Gamer