Skip to main content

AMD 'Big Navi', prestazioni simili a RTX 3080 ma RTX 3090 è fuori portata

(Image credit: AMD)

AMD ha appena presentato la sua nuova gamma di processori Ryzen 5000 con architettura Zen 3, ma durante l’evento ci ha anche mostrato una delle sue nuove GPU con architettura RDNA 2, ovvero l’attesissima ‘Big Navi’.

Durante la presentazione dei processori Ryzen 5000, AMD ha più volte sottolineato come questi siano in grado di garantire prestazioni superiori nel gaming, e per dimostrarlo, il CEO Lisa Su ha mostrato i risultati dei benchmark ottenuti con un Ryzen 9 5900X da 12 core affiancato a una scheda video 'Big Navi'.

Anche se non sappiamo con certezza quale scheda video serie RX 6000 sia stata usata per il test, siamo quasi certi si trattasse di ‘Big Navi’. A farcelo pensare sono le parole di Lisa Su, che durante la presentazione della GPU ha detto “la chiamiamo affettuosamente 'Big Navi' grazie ai molti di voi che l’hanno soprannominata così… è bellissima, oltre a essere la GPU più potente che abbiamo mai creato."

Dopo tale affermazione riteniamo impensabile che AMD abbia deciso di mostrare dei risultati relativi a un altro prodotto. Inoltre, durante la presentazione la GPU è stata accoppiata a uno dei processori di fascia alta dell’azienda, scelta che esclude ulteriormente l’utilizzo di una GPU di fascia media.  

(Image credit: AMD)

Una bomba in 4K

Stando ai benchmark mostrati da AMD, la combo Radeon RX 6000 e Ryzen 9 5900X sembra reggere qualsiasi gioco al massimo delle impostazioni con grafica 4K (3,840 x 2,160).

Borderlands 3 con impostazioni ‘Badass Quality’ raggiunge i 61 FPS. Call of Duty: Modern Warfare con impostazioni Ultra gira a 88 FPS e Gears 5 viaggia a 73 FPS in Ultra Quality.

Se siete intenzionati a giocare in 4K, La serie RX 6000 di AMD sembra un’ottima opzione, anche se al momento non conosciamo con precisione le specifiche tecniche o il prezzo, due fattori decisivi. Per fortuna il 28 ottobre, data in cui AMD terrà un evento dedicato alle sue nuove GPU, non è lontano.

Nel frattempo Tom’s Hardware ha messo a confronto i benchmark mostrati durante l’evento AMD con quelli delle schede video Nvidia per darci un’idea delle differenze prestazionali in 4K. Va notato che, come riportato dal sito, il rig utilizzato per il test è equipaggiato con un Intel Core i9-9900K, ben diverso dal 5900X usato da AMD.

Stando ai test, AMD Big Navi ha prestazioni simili a Nvidia RTX 3080 su Borderlands 3 in 4K con impostazioni ‘Badass Quality’. Tuttavia, e ce lo aspettavamo, non può competere con Nvidia RTX 3090, che con lo stesso titolo ha ottenuto 69.1 FPS (contro i 61 FPS di Big Navi).

Con Gears 5 a 4K, la GPU 'Big Navi' ha faticato a tenere il passo di RTX 3080, che ha raggiunto i 79.6FPS rispetto ai 73 FPS della concorrente. Anche in questo caso, RTX 3090 è fuori portata con 87FPS.

Sembra che la GPU AMD, in generale, abbia ottenuto risultati simili a Nvidia RTX 3080, ma nettamente inferiori rispetto a RTX 3090. Ciononostante non è detta l’ultima parola.

Innanzitutto, come detto in precedenza, non stiamo parlando di comparazioni dirette. Il test andrebbe condotto utilizzando la stessa GPU, ed è la prima cosa che faremo appena metteremo le mani su una AMD Radeon RX 6000 per la nostra recensione.

Secondo, non sappiamo quale delle GPU RX 6000 sia stata effettivamente utilizzata per il test. Anche se potrebbe trattarsi della top di gamma di AMD (come indicato da Lisa Su), c’è sempre la possibilità che l’azienda abbia in serbo un modello top ancora più potente da presentare in seguito. 

Come afferma il CEO di AMD, “mancano ancora alcune settimane al lancio e sembra che il team stia lavorando duro per mettere a punto le cose”. Questa affermazione suggerisce che il prodotto finito potrebbe avere prestazioni diverse da quelle indicate durante la presentazione dell'8 ottobre.

Infine bisogna sottolineare che non si sa nulla sul prezzo. Se la GPU AMD costasse molto meno di una RTX 3080, offrendo prestazioni simili, le carte in tavola potrebbero cambiare. In passato AMD non si è mai fatta problemi a tagliare i prezzi per mettere i bastoni tra le ruote a Nvidia e non crediamo smetterà di farlo proprio ora.

Comunque vada, non c’è niente di meglio di un po’ di sana competizione, soprattutto per i gamer e per il loro portafogli.