Skip to main content

9 telefoni (e mezzo) che desideriamo vedere nel 2020

Motorola Razr 2019
Il nuovo Motorola Razr sarà rilasciato nel 2020 (Image credit: Motorola)

Anche nel settore degli smarthphone, iniziare un nuovo anno significa anche rivolgere le proprie aspettative e speranze ai prossimi dodici mesi, e così abbiamo stilato la lista di cellulari che più desideriamo avere per le mani nel 2020.

Sì, iPhone 12 è presente, così come il Samsung Galaxy S11 e il Galaxy Note 11, ma ciò che più stimola la nostra curiosità sono i telefoni con schermo pieghevole, che stanno arrivando velocemente e in numero sempre maggiore.

Abbiamo incluso anche il “mezzo” telefono, il Motorola Razr, che quando è chiuso è grande la metà di un normale smartphone. Questa è l’innovazione che vogliamo vedere sempre di più nell’industria della telefonia mobile: un progressivo allontanamento dall’ormai classico rettangolo nero e l'esplorazione di nuovi fattori di forma non solo nei dispositivi premium.

La maggior parte dei cellulari infatti ha il classico schermo di vetro grande circa 6 pollici che conosciamo e amiamo, ma ci sono alcuni aggiornamenti che vorremmo vedere, come fotocamere migliori, 5G e altro ancora.

I device inclusi in questa lista, o almeno la maggior parte, sono ancora dei rumor e potrebbero essere svelati nel corso di manifestazioni come CES 2020, MWC 2020 o alla fine dell’anno. Alcuni di questi dispositivi potrebbero anche non essere addirittura svelati, in quanto solo frutto di speculazioni. Senza perderci ulteriormente in chiacchiere, ecco la lista degli smartphone più intriganti del 2020.

Samsung Galaxy S10 Plus

(Image credit: TechRadar)

Samsung Galaxy S11

Samsung marchia a fuoco il 2020 con il lancio della sua serie di punta. Il primo grande prodotto dell’anno sarà il Samsung S11 che dovrebbe avere principalmente alcuni upgrade nella fotocamera, nelle specifiche e in altre funzionalità, anche se l’aspetto più interessante è come l’azienda coreana programma il rilascio dei propri prodotto nel corso dell'anno.

Innanzitutto, la serie Samsung Galaxy S10 uscì nel marzo del 2019, offrendo a tutti una tripla camera sul retro, la ricarica wireless inversa, oltre a una fotocamera capace di effettuare scatti ottimi anche in condizioni di scarsa illuminazione. Certo, LG V40 l’ha battuto nella fotocamera e il Huawei Mate 20 Pro ha introdotto questo concept, per primo, in un kit di fascia alta, ma il Galaxy S10 ha portato queste novità in un mercato più ampio con dispositivi di questo tipo disponibili presso tutti i rivenditori.

Quest’anno ci aspettiamo l’integrazione di una serie di caratteristiche che speriamo possano diventare nuovi standard da seguire per tutti i produttori come il 5G, sempre più diffuso e previsto in ogni chipset Snapdragon 865, e come, se crediamo ai rumor, un‘imponente fotocamera fino a 108 MP. E forse, se siamo fortunati, la line-up manterrà anche il jack da 3.5 mm per collegare le cuffie.

iPhone SE

(Image credit: Future)

iPhone SE 2  

Stiamo continuando a ricevere informazioni in base alle quali iPhone SE 2, l’erede al trono del re indiscusso degli smartphone di piccola taglia, potrebbe arrivare nel primo trimestre del 2020. Non potremmo esserne più felici. Apple ha ricevuto molte richieste per creare un nuovo smartphone dal prezzo accessibile dato che è dal 2017, quando uscì iPhone 8, che non c’è traccia di un modello “budget” nei cellulari della compagnia americana.

Un nuovo modello economico di iOS sarebbe anche un grande rivale per il Google Pixel 3a (e quindi anche per il suo successore), soprattutto se includerà le avanzate fotocamere di iPhone 11. Fattore fondamentale è il mantenimento del fattore di forma originale: iPhone SE 2 potrebbe essere così un cellulare perfetto per chi ha le mani piccole, o semplicemente per chi apprezza un dispositivo di dimensioni contenute. 

iPhone 11 Pro

(Image credit: Future)

Serie iPhone 12 

Accertato che la linea iPhone 11 non ha portato grandi novità rispetto alla precedente, quest’anno speriamo che gli smartphone iPhone 12 cambino in modo più deciso l’amato design e soprattutto venga abbandonato l’orribile blocco sul retro con la tripla fotocamera Norelco-style.

Apple inoltre potrebbe implementare altri miglioramenti, come la ricarica wireless inversa, il 5G o, sarebbe finalmente l’ora, la memoria espandibile.

Potremmo finalmente vedere la fine del notch, se Apple capirà come integrare adeguatamente le fotocamere frontali sotto il display. Infine, cosa più importante, scopriremo se l’azienda continuerà ad adottare un approccio “conservatore” nel design, facendo solo piccoli aggiustamenti allo stile dei modelli precedenti, aspettando che siano altri produttori a prendersi la briga di innovare.

Google Pixel 3a XL

(Image credit: Future)

Google Pixel 4a 

Mentre continuiamo a inserire i Google Pixel nella nostra lista dei migliori cellulari, a toglierci il fiato non è stato il fiore all’occhiello della line-up 2019 bensì il Google Pixel 3a del 2018, capace di scattare foto straordinarie come il Pixel 3 con solo qualche rinuncia e alla metà del prezzo. Che dire, vale decisamente l’acquisto.

Speriamo che il Google Pixel 4a sarà egualmente budget-friendly, includendo anche qualche caratteristica del fratello maggiore Google Pixel 4, come la scansione del viso e una seconda lente, mantenendo allo stesso tempo tutte quelle caratteristiche che alla gente non interessano nei telefoni di fascia media, come il sensore per l’impronta e il jack da 3.5 mm.

Google potrebbe anche fare un balzo in avanti e prendere spunto dal Pixel 5, includendo una terza fotocamera (ultrawide) prima ancora che il prossimo leader della line-up veda la luce. Il Pixel 4 è stato un telefono dal design semplice (e osiamo anche dire divertente) e speriamo che Google mostri ancora più creatività nel design del Pixel 4a.

Huawei P30 Pro

(Image credit: TechRadar)

Huawei P40 Pro 

Il Huawei P30 Pro è uno smartphone incredibile ma sottovalutato. Tutto incentrato sulle sue qualità fotografiche ha introdotto il concetto di lenti periscopiche (dispone di una serie di lenti lungo la scocca che permettono di sbirciare sul retro), che permettono uno zoom ottico 5x senza precedenti.

Non vediamo l’ora di scoprire le sorprese che Huawei ha in serbo per il suo Huawei P40 Pro. Questo potrebbe significare uno zoom ottico maggiore, speriamo, ma anche una fotocamera che si comporti meglio nella luce notturna, aspetto che non abbiamo trovato eccezionale se paragonato a quello che il Google Pixel 3 (all’epoca il più recente) era in grado di fare.

Sarà interessante anche scoprire come la compagnia affronterà il problema del Huawei ban, dato che il P40 Pro sarà il primo telefono di fascia alta ad essere lanciato sul mercato da quando è stato imposto di limitare l’accesso ai servizi Google come Gmail, YouTube e altri.

Samsung Galaxy Fold

(Image credit: Aakash Jhaveri)

Samsung Galaxy Fold 2 

Dopo lo spostamento della data di uscita originale, il primo Galaxy Fold è stato finalmente rilasciato sul finire del 2019 con un design rifinito e migliorato che, fino ad ora, ha resistito alle classiche prove di pochi recensori e consumatori, o meglio quella minoranza che è riuscita a “digerirne” il prezzo.

Nutriamo grandi speranze per il Samsung Galaxy Fold 2 e per tutte le sue stranezze che desideriamo vengano risolte.

Il problema principale del primo e attuale modello è il display, non molto robusto e che lascia intravedere una lunga cerniera nel mezzo dello schermo. Vogliamo inoltre che siano integrate le tecnologie in arrivo sugli altri smartphone nel 2020 come il 5G, oltre a un peso minore e delle fotocamere migliori. Aspetto più importante: vogliamo che sia più economico così da aiutare la diffusione dei cellulari pieghevoli.

(Image credit: Future)

Motorola Razr 2020 

Il Motorola Razr 2019 è certamente un pieghevole dal prezzo minore del Galaxy Fold, ma non i due dispositivi non si possono confrontare con troppa facilità: il primo si piega orizzontalmente in stile “hamburger” anziché in uno schermo più ampio di un tablet. Quando è chiuso è grande la metà di uno tipico smartphone… e il piccolo schermo frontale è utile per visualizzare in anteprima i testi e scattare fotografie.

Non abbiamo messo le mani sul dispositivo per più di un pomeriggio, perciò rimaniamo ancora curiosi di vedere come si comporta e capire se sia una valida alternativa agli smartphone della concorrenza. Circola voce che ci sarà una nuova versione in uscita l’anno prossimo e siamo ansiosi di scoprire come il Motorola Razr 2020 migliorerà il proprio entusiasmante (ma non rivoluzionario) predecessore.

Lo smartphone pieghevole di TCL

(Image credit: TechRadar)

Telefono pieghevole di TCL 

TCL ha appena annunciato che, a breve, rilascerà dei telefoni al di sopra della sua linea economica Alcatel, e sì, anche quest’azienda sta lavorando ad un cellulare con schermo pieghevole. Non è chiaro quando uscirà o come sarà fatto questo sconosciuto modello di TCL; il concept sembra essere quello di un tablet “tarchiato”, quindi più largo che alto, e inoltre più sottile del Galaxy Fold. Rispetto a quest’ultimo è promettente per una ragione in particolare: sarà più economico.

Sì, questo misterioso telefono di TCL potrebbe essere lo schermo pieghevole dedicato a un mercato di massa. Giudicando il concept device visto a ottobre 2019, il prodotto non è particolarmente bello, soprattutto per via di delle cornici molto spesse, ma è un pieghevole che tecnicamente sembra funzionare, il che è sufficiente per attendere il prodotto finito.

(Image credit: OnePlus / TechRadar)

Smartphone misterioso di OnePlus 

OnePlus svelerà a gennaio 2020 un prodotto misterioso (una “visione alternativa per il futuro degli smartphone” ha scritto la compagnia in un tweet) chiamato OnePlus Concept One. Sarà un pieghevole? Un modello economico per accedere al 5G? O semplicemente niente di rivoluzionario?

Non importa, diversamente da molti altri cellulari inseriti in questa lista, il solo annuncio ci permette di vivere un breve momento in cui crediamo che un produttore stia provando a creare qualcosa di ancora mai visto, e non abbiamo idea di cosa possa essere. Questa è l’eccitazione che c’era nell’aria prima che gli iPhone segnassero la strada nel design, poi adottato da tutti, degli attuali smartphone ovvero forma rettangolare, schermo frontale senza interruzioni, fotocamere poste sul fronte e sul retro, pulsanti sui lati.

Un tempo i cellulari erano profondamente differenti l’uni dagli altri, erano strani, e in questo momento OnePlus ha attirato la nostra attenzione e siamo curiosi di vedere quali nuove direzioni seguiranno gli smartphone nel 2020. L’azienda cinese, probabilmente, presenterà quest’anno anche la nuova serie OnePlus 8 che, a differenza del suo concept device, sarà acquistabile nei prossimi dodici mesi.