Recensione Samsung QN900C

Samsung ha fatto le cose in grande con il suo top di gamma 8K QN900C

Samsung-QN900C TV smart hub interface showing 8K YouTube programs
Editor's Choice
(Image: © Future)

Verdetto

Sebbene, forse, il Samsung QN900C non abbia beneficiato dello stesso livello di miglioramento applicato da Samsung ai suoi TV mini-LED 4K di punta per il 2023, si tratta comunque di un prodotto eccezionale che continua a far parlare di sé per la risoluzione 8K.

Pro

  • +

    Eccezionale upscaling 8K

  • +

    Luminosità e contrasto spettacolari

  • +

    Fantastica profondità di colore

  • +

    Ottime prestazioni di visione fuori asse

Contro

  • -

    Costoso rispetto alle ammiraglie 4K di Samsung

  • -

    Nessun supporto Dolby Vision

  • -

    Ancora un leggero blooming

Perché puoi fidarti di TechRadar I nostri esperti revisori trascorrono ore a testare e confrontare prodotti e servizi in modo che tu possa scegliere il meglio per te. Scopri di più su come testiamo.

Samsung QN900C: recensione breve

Il televisore Samsung QN900C 8K è di una bellezza abbagliante grazie alla cornice quasi inesistente intorno allo schermo, all'elegante finitura metallica traforata dei pannelli laterali e al modo in cui il pannello posteriore riesce a essere piatto e quasi privo di ingombri come lo schermo. 

Il design minimalista del Samsung QN900C è favorito dall'uso di un box di connessione esterno che fornisce alimentazione, immagini e audio al televisore tramite un unico cavo. Questo box esterno soddisfa ogni esigenza di connessione, anche se siete giocatori all'avanguardia. 

La qualità delle immagini è per lo più sorprendentemente buona, anche perché l'8K fa davvero la differenza. Questo è particolarmente vero con i contenuti 8K nativi, se ne trovate, ma l'upscaling 8K di Samsung, in costante miglioramento, offre immagini più dense e ricche anche con sorgenti 4K di alta qualità.

Una combinazione fenomenale di illuminazione mini-LED e un sistema di local dimming che opera su quasi 2.000 zone separate contribuisce a creare alcune delle immagini più luminose e ricche di contrasto che si possano trovare anche tra i migliori TV, mentre il motore Quantum Dot di Samsung aiuta i colori a ottenere il massimo dal controllo avanzato della luce del TV.

Se a queste immagini da urlo si aggiunge un audio incredibilmente potente, dettagliato e posizionato con precisione, si ottiene un altro argomento molto convincente per spiegare perché i migliori TV 8K hanno ancora un posto nel mondo dei televisori.

Per questa recensione abbiamo provato la versione da 75 pollici del Samsung QN900C.

Samsung QN900C: prezzo e uscita

Samsung QN900C rear on a table, showing the speaker array

(Image credit: Future)
  • Uscito a giugno 2023
  • I prezzi partono da 4.199€ per la versione da 65" e arrivano a7.899€ per la versione da 85"

Di solito Samsung inaugura ogni anno la sua nuova gamma di TV con l'ultimo televisore 8K. Quest'anno, però, il QN900C è apparso dopo i televisori 4K di punta di Samsung. Questo potrebbe essere il segno di un cambiamento di rotta per Samsung, visto l'apparente (in base a recenti analisi delle vendite globali) calo di interesse dei consumatori per i televisori 8K. Ma potrebbe anche essere una funzione delle ben documentate difficoltà che i televisori 8K hanno dovuto affrontare quest'anno, quando l'Unione Europea ha annunciato le sue ultime norme sul consumo energetico dei televisori.

Anche se un po' in ritardo, la gamma Samsung QN900C è ora disponibile nei modelli da 65, 75 e 85 pollici. Sebbene i prezzi mostrino qualche segno di ribasso rispetto ai prezzi di lancio dei precedenti modelli 8K Neo QLED di Samsung, sono comunque un grande passo avanti rispetto alla gamma 4K di Samsung QN95C. 

Samsung QN900C: funzioni

The Samsung QN900C on a table with the OneConnect Box

(Image credit: Future)
  • Pannello mini-LED con local dimming avanzato
  • Risoluzione nativa 8K con elaborazione basata su AI
  • One Connect box significa un solo cavo per lo schermo

Mentre la gamma premium di TV 4K di Samsung offre ora la possibilità di scegliere tra le tecnologie QD-OLED e mini-LED, con l'8K le cose rimangono solo mini-LED. Il che è probabilmente ragionevole, visto il costo degli schermi OLED 8K.

L'illuminazione mini-LED del QN900C utilizza LED 40 volte più piccoli di quelli presenti nei normali TV LED di Samsung, consentendo di inserirne innumerevoli migliaia in più nella stessa area dello schermo. Ciò consente di ottenere immagini più luminose e un controllo più efficace della luce locale.

Il controllo della luce del QN900C da 75 pollici è ulteriormente rafforzato da un sistema di dimmerazione locale estremo che illumina l'immagine utilizzando ben 1.920 zone LED controllabili separatamente.

Per dare un'idea della situazione, l'ammiraglia mini-LED X95L di Sony utilizza rispettivamente poco meno di 500 zone. Il modo in cui i processori di immagine di un televisore utilizzano le zone di oscuramento è probabilmente più importante del numero di zone utilizzate, ma allo stesso tempo avere tante zone in più come quelle del QN900C è un punto di partenza molto promettente.

La soluzione di Samsung ai problemi di consumo energetico dei televisori 8K consiste essenzialmente nell'impostare il televisore su una preimpostazione di immagine Eco per contenuti a gamma dinamica standard. Sebbene non vi sia dubbio che le immagini della modalità Eco siano dolorosamente scure rispetto agli standard di cui il televisore è effettivamente capace, la buona notizia è che basta passare a un'altra preimpostazione e il potenziale di luminosità del pannello mini-LED esplode nuovamente nell'immagine. Inoltre, i limiti di regolazione della potenza non sembrano essere applicabili alla riproduzione HDR.

La risoluzione 8K del QN900C equivale a 7640x4320 pixel, quattro volte di più rispetto a quella di un televisore 4K. Non sorprende quindi che, dato che i contenuti nativi in 8K sono più rari delle oche che depongono le uova d'oro, una parte fondamentale del "cervello" del QN900C, denominato Quantum Neural Processor 8K, consiste nell'analizzare i contenuti sub-8K e nel capire come aggiungere le decine di milioni di pixel in più necessarie per renderli 8K. 

Questa funzione di upscaling è talmente importante per l'intera ragion d'essere del QN900C, che Samsung ha messo in campo l'apprendimento delle immagini di ben 54 reti neurali distinte, attingendo alle loro conoscenze combinate per sviluppare la risposta ottimale all'upscaling per qualsiasi tipo di contenuto. È bello sapere che l'intelligenza artificiale non si preoccupa solo di eliminare noi disgustosi esseri umani.

Il QN900C fornisce i suoi colori utilizzando un sistema di Quantum Dots rivestiti di metallo in grado di essere pilotati più intensamente - per sostenere una maggiore luminosità - rispetto alle altre tecnologie a colori LCD attualmente disponibili per i consumatori. È questo sistema di colori QD che ci dà la parte QLED del sub-branding Neo QLED che Samsung applica ai suoi TV mini-LED.

Un televisore così costoso e ricco di potenziale d'immagine come il QN900C giustifica probabilmente una calibrazione professionale molto più di un televisore medio. Se però non volete sborsare qualche centinaio di sterline in più per una calibrazione di questo tipo, potete sfruttare la funzionalità Smart Calibration integrata nel televisore, con la quale potete calibrare voi stessi lo schermo (scegliendo tra tre diversi livelli di precisione) utilizzando solo il vostro telefono cellulare e alcuni segnali di prova generati dal televisore.

Samsung QN900C One Connect box showing its inputs.

(Image credit: Future)

Altre caratteristiche potenzialmente fondamentali per l'immagine del QN900C sono il supporto di angoli di visione molto più ampi rispetto alla maggior parte dei TV LCD, un filtro che assorbe i riflessi sullo schermo, il supporto per i formati HDR10+, HDR10 e HLG (ma non, purtroppo, Dolby Vision), le impressionanti opzioni di immagine nell'immagine e il supporto di tutte e quattro le porte HDMI per le più recenti funzioni di gioco, tra cui la frequenza di aggiornamento variabile, il 4K 120Hz e la modalità automatica a bassa latenza.

A proposito di connessioni, il box One Connect è un'ottima caratteristica che consente di spostare tutte le connessioni dal televisore a un box separato, che si collega allo schermo con un unico cavo. È ideale per il montaggio a parete o semplicemente per gli esteti. È possibile nascondere tutti i cavi in un mobile e lasciare il televisore da solo.

Il software dello Smart TV è gestito dalla piattaforma Tizen di Samsung, ottima per il supporto delle app.

La configurazione audio del QN900C da 75 pollici, infine, prevede 90 W di potenza totale in un sistema di altoparlanti multipli (da qui le perforazioni sui bordi dello schermo) progettato per offrire la migliore versione attuale del sistema Object Tracking Sound (OTS) di Samsung, che fa sì che gli effetti sonori sembrino provenire esattamente dalla parte giusta dello schermo, o dal punto giusto appena fuori dallo schermo se un mix sonoro include effetti fuori schermo. Un sistema audio di questo tipo ha il potenziale per giocare molto bene con la riproduzione Dolby Atmos integrata nel televisore.

Se si abbina il QN900C a una recente soundbar Samsung, il televisore può inviare il suono Dolby Atmos a quest'ultima in modalità wireless, oltre a combinare i suoi diffusori con quelli della soundbar per creare un palcoscenico sonoro più ampio e preciso.

  • Punteggio funzioni: 5/5

Samsung QN900C: qualità dell'immagine

The Samsung QN900C on a table, showing a landscape on-screen

(Image credit: Future)
  • Colori ricchi e tenui
  • Luminosità e contrasto eccellenti
  • La risoluzione 8K fa davvero la differenza

Cominciamo con l'elefante nella stanza: C'è qualche motivo per passare al numero di pixel 8K del Samsung QN900C, data la continua mancanza di contenuti nativi 8K? La risposta è fortunatamente semplice: sì, c'è assolutamente.

Ho potuto testare il QN900C insieme a uno dei televisori 4K QN95C di Samsung e, anche se il QN95C è rinomato per le sue immagini estremamente nitide, il senso del dettaglio e della trama del QN900C è di un altro livello. Questo è particolarmente vero se si confronta un contenuto 8K nativo sul QN900C con una versione 4K dello stesso contenuto su un TV 4K (cosa che ho potuto fare grazie a uno showreel disponibile in entrambe le risoluzioni da Spears & Munsil). 

Ma non sono solo i dettagli e le texture in più, visibili anche da una distanza di visione normale, a rendere superiore l'immagine 8K. Le immagini sembrano avere anche una maggiore profondità di campo e tendono a far sembrare gli oggetti all'interno dell'immagine più tridimensionali e solidi. E forse la cosa migliore è che la densità dei pixel e il ridotto "pitch" dei pixel dell'immagine 8K conferiscono a ciò che si sta guardando una sensazione più naturale e diretta che elimina la sensazione di stare guardando uno schermo. 

Quest'ultimo punto è particolarmente importante per gli appassionati di home theater, poiché eliminando il divario sensoriale tra l'utente e l'hardware che produce le immagini che sta guardando, il senso di immersione nell'azione è notevolmente migliorato.

Anche se il 4K upscalato non ha lo stesso aspetto incontaminato dell'8K nativo, sarete sorpresi di quanto sia convincente considerando quanti pixel vengono creati in tempo reale dall'elaborazione del televisore. Concentrandosi su parti molto dettagliate delle immagini 4K, si può notare un senso di raffinatezza e consistenza maggiore rispetto allo schermo 4K nativo. Soprattutto perché l'upscaling fa un lavoro straordinariamente sicuro nel rilevare la differenza tra i dettagli reali e il rumore della sorgente quando decide quali pixel aggiungere all'immagine. Regolando la visuale per considerare l'immagine nel suo complesso, le immagini 4K upscalate appaiono ancora una volta più realistiche e tridimensionali rispetto allo schermo 4K nativo.

Samsung ha ottenuto questo effetto di upscaling senza generare alcuna delle potenziali insidie (bordi degli oggetti eccessivamente sollecitati, rumore esagerato delle sorgenti, ritardo nel movimento) di cui possono soffrire i sistemi di upscaling meno efficienti. Chiunque sia dissuaso dal prendere in considerazione un televisore 8K perché ricorda il disordinato upscaling degli anni passati deve lasciarsi alle spalle qualsiasi pregiudizio sull'upscaling.

Ho visto abbastanza televisori Samsung 8K da poter prevedere che il QN900C avrebbe fatto valere l'8K. La sorpresa maggiore, data l'apparente somiglianza delle specifiche di luminosità e zona di oscuramento con il QN95C 4K, è che le sue immagini riescono a sembrare più luminose e ricche di colori rispetto a quelle del fratello 4K. 

La maggiore luminosità percepita si avvicina al realismo che l'HDR è stato progettato per offrire, soprattutto quando si tratta di scene diurne (dove supera anche in modo significativo il picco di luminosità possibile con i migliori TV OLED). Anche i picchi di luminosità delle immagini HDR, come i riflessi della luce solare su vetro e metallo, appaiono un po' più intensi sul QN900C rispetto al QN95C. 

Il modo in cui il QN900C utilizza l'illuminazione a mini-LED e il dimming zonale di solito (anche se non sempre, come spiegherò più avanti) fa sì che le immagini appaiano più ricche di contrasto, con livelli di nero ancora più profondi accanto ai bianchi e ai colori di picco leggermente più luminosi. Un risultato piuttosto impressionante, visto che i livelli di nero anche sul QN95C sono così buoni da sfidare questo tradizionale punto di forza della tecnologia OLED.

Detto questo, il QN900C offre una luminosità sostanzialmente inferiore anche con filmati HDR rispetto al QN900B del 2022. Il valore massimo è di circa 2.000 nits su una finestra di test HDR pari al 10% dello schermo con l'impostazione Standard, contro i circa 2.600 nits del QN900B.

È difficile stabilire con certezza se questo calo di luminosità sia dovuto ai limiti di consumo energetico o se sia il risultato di un ripensamento da parte di Samsung dell'approccio alla retroilluminazione per ottenere risultati migliori in termini di immagine complessiva. Tuttavia, ciò significa che la luminosità del QN900C è praticamente in linea con quella del QN95C, invece di mantenere un grande vantaggio di luminosità rispetto alla sua controparte 4K, come ha fatto il TV 8K di punta di Samsung dello scorso anno. 

Il fatto che io abbia potuto vedere chiaramente un vantaggio di luminosità nel confronto diretto fianco a fianco con un QN95C, nonostante tale vantaggio non sia realmente supportato dalle misurazioni in condizioni di test, suggerisce che ci sono differenze hardware tra i pannelli 8K e 4K utilizzati, oppure ci sono sottili differenze nel modo in cui la versione 8K del processore Neural Quantum AI di Samsung mappa le immagini in arrivo sullo schermo 8K. O entrambe le cose. 

Per quanto riguarda i colori, le differenze tra gli schermi sono ancora più marcate e fanno pensare che Samsung abbia utilizzato un pannello diverso per il suo TV 8K. La saturazione in generale, soprattutto utilizzando la preimpostazione Standard che sospetto sia preferita dalla maggior parte dei telespettatori abituali, almeno in condizioni normali di soggiorno, è più ricca e piena rispetto al QN95C.

Tutto ciò significa, ovviamente, che nonostante non offra i soliti vantaggi sulla carta o addirittura misurabili, il QN900C 8K supera comunque i suoi fratelli 4K in termini non solo di risoluzione. Il che, ovviamente, rende più facile giustificare il prezzo molto più alto.

Il Samsung QN900C condivide con il QN95C un paio di altri punti di forza dell'immagine. Per cominciare, gli angoli di visione effettivi sono notevolmente ampi per un televisore LCD, con una riduzione minima o nulla del colore o del contrasto se si guarda il televisore anche da angolazioni piuttosto strette (anche se è possibile notare un maggiore offuscamento intorno agli oggetti luminosi). Inoltre, in linea con gli altri televisori Samsung che utilizzano il local dimming, le immagini sono in genere caratterizzate da un numero estremamente ridotto di "aloni" di luce intorno agli oggetti luminosi, anche quando questi appaiono su uno sfondo più o meno nero. 

Per ottenere questa generale libertà dal blooming della retroilluminazione è necessario dimmerare gli oggetti luminosi in primo piano più di quanto non facciano i marchi concorrenti. Ma il QN900C sembra farlo in modo meno aggressivo rispetto al QN95C e per la maggior parte del tempo la scelta di Samsung di dare la priorità alla coerenza del livello di nero rispetto alla coerenza della luminosità sembra essere la scelta giusta quando si tratta di mantenere l'utente immerso in ciò che sta guardando.

Considerando che Samsung si aspetta che gli si paghi una grossa cifra, abbiamo cercato con particolare attenzione qualsiasi problema di performance dell'immagine, oltre all'oscuramento leggermente aggressivo degli oggetti luminosi che abbiamo già menzionato, e siamo riusciti a scoprirne alcuni.

Ad esempio, i colori più saturi possono risultare a volte un po' troppo intensi quando si utilizzano le altrimenti piacevoli preimpostazioni d'immagine Standard, saturando eccessivamente i toni della pelle e facendo sembrare un po' mature le tonalità più vivaci. Soprattutto se si sta guardando un titolo 4K HDR particolarmente aggressivo (in termini di luminosità e colore). Le preimpostazioni della modalità Film e Filmmaker risolvono ampiamente questo problema.

La spinta del Samsung QN900C verso le massime prestazioni di contrasto può anche portare a qualche "salto" evidente nei livelli di luminosità se una scena presenta tagli netti tra scuri e chiari estremi. Inoltre, in modalità Standard, le aree scure possono sembrare un po' vuote, in quanto i dettagli più sottili vengono "schiacciati". Passare alle modalità Film o Filmmaker migliora entrambi i problemi, ma allo stesso tempo fa apparire i colori e il contrasto un po' più piatti.

Le immagini a gamma dinamica standard che utilizzano la preimpostazione Eco, progettata per soddisfare le normative europee in materia di energia, sono davvero molto scure e dovrebbero essere disattivate subito. Raccomanderei inoltre di disattivare la funzione Eco che regola la luminosità dell'immagine in risposta ai livelli di luce ambientale, in quanto può lasciare le immagini HDR troppo scure quando si abbassano le luci per una serata al cinema. 

Le impostazioni predefinite di nitidezza dell'immagine "Auto" del televisore generano alcuni artefatti di movimento che distraggono, quindi è necessario passare a un'impostazione di nitidezza dell'immagine personalizzata e ridurre le componenti di sfocatura e di disturbo dell'elaborazione del movimento a circa tre o quattro per ottenere un aspetto molto più pulito.

Infine, mentre i controlli della retroilluminazione del QN900C sono complessivamente eccellenti per un televisore LCD e spesso danno risultati leggermente migliori di quelli del QN95C, a volte, con immagini molto specifiche che combinano un forte mix di contenuti molto luminosi e molto scuri, il blooming della retroilluminazione può apparire leggermente più evidente e l'immagine può diventare leggermente più grigia rispetto a quella del QN95C. Tuttavia, il tipo di immagini necessarie per ottenere questo risultato è piuttosto raro. Inoltre, come per molti altri problemi del set, questo problema di blooming sporadico può essere migliorato con il tipo di titoli masterizzati in modo aggressivo che lo causano, passando al preset Movie. 

Un'ultima cosa da considerare è che mentre il QN900C esalta in modo fantastico il 4K, le sorgenti HD possono apparire un po' morbide. Tuttavia, sono ancora molto più pulite di quanto si possa immaginare considerando quanti pixel l'upscaling 8K deve portare alla festa.

  • Punteggio qualità dell'immagine: 5/5

Samsung QN900C: qualità del suono

Samsung QN900C close up of the logo on the screen

(Image credit: Future)
  • Eccellente posizionamento degli effetti
  • Volume ragionevole senza distorsioni
  • I bassi mancano un po' di presenza

Il sistema Object Tracking Sound Pro del Samsung QN900C offre le migliori prestazioni sonore di tutti i TV Samsung 2023, molti dei quali sono tra i migliori TV per il suono nella loro fascia di prezzo. Un gruppo di otto grandi altoparlanti midrange disposti sul retro del televisore si unisce ai tweeter posizionati intorno alla cornice del televisore per offrire un palcoscenico sonoro intenso, incisivo e dettagliato. 

Particolarmente efficace è l'accuratezza con cui gli effetti sonori sono collocati sullo schermo e intorno ad esso. Le voci sembrano provenire dall'esatta posizione del volto della persona che parla, i suoni dei motori attraversano lo schermo in tandem con le auto, gli aerei o qualsiasi altra cosa li produca, e così via. Il sistema è in grado di seguire più oggetti contemporaneamente, per rendere convincente la collocazione degli effetti anche nelle scene d'azione più dense.

Il suono si diffonde a una distanza ragionevole a sinistra, a destra e anche leggermente verso l'alto, oltre la cornice fisica del televisore, e il sistema Object Tracking Sound continua a fare la sua magia di posizionamento degli effetti in queste aree fuori dallo schermo. 

Gli unici problemi che mettono a repentaglio una prestazione audio eccellente sono che la messa in scena del suono può appiattirsi un po' quando una scena d'azione o horror raggiunge un crescendo, e i bassi non raggiungono la profondità che avrei sperato, data la presenza di tutti quegli altoparlanti dall'aspetto corposo. Tuttavia, i bassi appaiono senza distorsioni o crepitii sotto qualsiasi pressione, tranne quella più estrema.

  • Punteggio qualità del suono: 4.5/5

Samsung QN900C: design

Samsung QN900C close-up of the frame

(Image credit: Future)
  • Design monolitico a 360 gradi 
  • Supporto montato centralmente
  • Scatola di connessione esterna

È chiaro che qualsiasi schermo da almeno 65 pollici avrà un impatto sull'arredamento del salotto. Il QN900C, tuttavia, si sforza più di qualsiasi altro televisore che abbiamo visto, a parte gli ormai defunti OLED "wallpaper-thin" di LG, di limitare il suo impatto al minimo indispensabile. In effetti, è così attraente nel suo stile minimalista che probabilmente migliora l'ambiente in cui si vive, piuttosto che deturparlo, soprattutto se si sfrutta la modalità Ambient, che può riempire l'epico schermo con video o screensaver di opere d'arte al posto di uno schermo nero vuoto.

Le grandi attrattive del design dell'hardware del QN900C iniziano con la scatola di connessioni esterne che alimenta lo schermo con immagini, audio e perfino corrente attraverso un unico cavo di colore chiaro. È anche possibile inserire la scatola One Connect sul retro del supporto centrale del televisore, se si preferisce che i cavi siano raccolti dietro il televisore.

La cosiddetta cornice "Infinity" che circonda lo schermo è così stretta che si vede a malapena quando si è seduti di fronte al televisore, e i suoi lati traforati e lucenti sono così belli che non dispiace vederli se si deve guardare da un'angolazione.

Il fatto che il retro del 75QN900C sia piatto come lo schermo completa la sensazione di eleganza e di qualità.

  • Punteggio design: 5/5

Samsung QN900C: Smart TV e menu

Samsung QN900C TV showing its smart TV software.

The Tizen smart TV interface is full-screen, but fairly easy to use. (Image credit: Future)
  • Sistema intelligente Tizen TV di Samsung 
  • Ampio supporto per le app

Il sistema operativo del Samsung QN900C è un po' atipico. Sul lato positivo, Samsung ha caricato il suo sistema intelligente basato su Tizen con tutte le principali app di streaming. 

È impressionante anche il livello di supporto del riconoscimento vocale; in particolare, grazie al sistema Bixby di Samsung, c'è ben poco che non si possa ottenere con il televisore semplicemente parlandogli. 

Non sono ancora un grande fan della nuova interfaccia a tutto schermo introdotta da Samsung nel 2022, come lo ero del precedente sistema di menu del marchio, più sovrapposto all'immagine. Tuttavia, Samsung ha reso più utili gli "scaffali" dei contenuti nella schermata iniziale e ha riordinato alcuni dei problemi di navigazione meno intuitivi del sistema di menu del 2022.

  • Punteggio Smart TV e menu: 4/5

Samsung QN900C: gaming

Samsung QN900C on a table showing the gaming hub

(Image credit: Future)
  • Supporto 4K 120Hz
  • Frequenza di aggiornamento variabile 
  • Menu di gioco dedicato 

Il Samsung QN900C offre un'esperienza di gioco quasi perfetta. Per cominciare, tutte e quattro le sue porte HDMI supportano tutte le principali funzionalità di gioco all'avanguardia: 4K 120Hz (o 8K a 60Hz, se si dispone di un PC in grado di giocare in 8K), frequenze di aggiornamento variabili (compreso il sistema AMD Freesync Premium Pro), gioco HDR10+ (il cui primo titolo di supporto, The First Descendant, è in fase di lancio al momento della stesura del presente documento), gioco HGiG e commutazione automatica della modalità a bassa latenza per attivare il preset Game a risposta rapida dello schermo quando viene rilevata una sorgente di gioco.

Nelle nostre misurazioni, la preimpostazione Game è in grado di garantire un input lag di soli 10,5 ms con giochi a 1080p a 60 Hz, che si dimezza con giochi a 120 Hz. Si tratta di un risultato piuttosto sorprendente per un televisore che deve aggiungere milioni di pixel in tempo reale alle sorgenti 4K e, soprattutto, HD.

I menu a schermo dedicati ai giochi che appaiono quando il televisore rileva una sorgente di gioco, tuttavia, offrono la possibilità di introdurre un'elaborazione del movimento per attenuare l'aspetto dei giochi a basso framerate, a scapito di livelli di input lag leggermente più elevati. Questo può essere utile per i giochi di ruolo, di strategia e di esplorazione che non dipendono da riflessi immediati, se si sceglie.

Il sistema di menu su schermo del gioco offre anche funzioni utili come la possibilità di ingrandire la minimappa di un gioco (indipendentemente dalla sua posizione sullo schermo), un mirino virtuale sovrapposto, il supporto per i giochi per PC con rapporto di aspetto ultrawide e l'opzione per aumentare la luminosità delle scene scure senza influire sulle aree luminose, in modo da rendere più visibili i nemici nascosti nell'ombra.

Oltre al sistema di menu a schermo specifico per i giochi, i menu Tizen del QN900C contengono una schermata Game Hub dedicata in cui sono presenti tutte le potenziali fonti di gioco, dai servizi di cloud gaming alle console collegate che il televisore ha rilevato essere connesse alle sue porte HDMI.

Il risultato netto di tutte queste funzioni, combinato con le caratteristiche dell'immagine del QN900C, è un'esperienza gloriosamente densa, luminosa, colorata, reattiva e coinvolgente che non manca mai di impressionare e immergere.

L'unica piccola delusione per quanto riguarda le funzioni di gioco del QN900C è la mancanza di supporto per il Dolby Vision HDR ora disponibile per la Xbox Series X e per alcune schede di gioco per PC.

  • Punteggio gaming: 4.5/5

Samsung QN900C: rapporto qualità-prezzo

Samsung QN900C small solar remote control

(Image credit: Future)
  • Molto più costoso dell'ammiraglia 4K di Samsung 
  • Aggiunge vantaggi in termini di colore e contrasto oltre che di risoluzione
  • Necessita di sorgenti ad alta risoluzione per ottenere il valore migliore

Questa è la parte più difficile della recensione del Samsung QN900C. Sebbene in qualche modo, grazie all'utilizzo di sorgenti di pannelli diverse o a qualche accorgimento in più con il suo processore 8K, riesca a migliorare il colore e il contrasto rispetto ai TV 4K di punta di Samsung, non offre lo stesso grado di luminosità e i vantaggi di local dimming che abbiamo visto con le precedenti generazioni di ammiraglie 8K. Quindi i vantaggi in termini di prestazioni, pur essendo evidenti e innegabili, non sono così pronunciati.

E più passa il tempo senza che emergano contenuti 8K significativi, più sembra probabile che tali contenuti non si presentino mai in grande quantità per sbloccare il pieno potenziale del QN900C.

Tuttavia, se il denaro non è un problema e si è in grado di alimentarlo con sorgenti di alta qualità (idealmente per lo più 4K), il QN900C è sicuramente migliore del QN95C o del QN90C 4K, soprattutto perché dispone del box One Connect, che il QN90C non ha.

Se il prezzo non è fuori dalla vostra portata, il QN900C dovrebbe essere in cima alla vostra lista di potenziali acquirenti. Dimostra che l'8K può fare la differenza sia con i contenuti aggiornati (soprattutto quelli in 4K) sia con quelli nativi in 8K, se si ha la fortuna di trovarne, e anche se a volte si sforza un po' troppo, nella maggior parte dei casi supera il TV QLED 4K di punta di Samsung per quanto riguarda colori, luminosità e contrasto, oltre che per la risoluzione. Può quindi essere considerato una vera e propria esperienza "next gen", anche se il vero fulcro del design del pannello next-gen, l'8K, continua a essere ostinatamente assente dal mondo della TV e dei film.

Se il prezzo è (comprensibilmente) esagerato, però, il fatto che il QN900C non si spinga così avanti rispetto ai TV 4K di punta QN95C o QN90C, come abbiamo visto con le precedenti gamme 8K/4K di Samsung, significa che questi TV 4K sembreranno un affare in confronto.

  • Punteggio rapporto qualità-prezzo: 4/5

Samsung QN900C, ne vale la pena?

Compratelo se...

Volete il mini-LED più spettacolare che ci sia?

Grazie alla combinazione di dettagli estremi e densità d'immagine tridimensionale che si ottiene solo con i display 8K di alta qualità e alla maggiore vivacità e contrasto dei colori rispetto al TV 4K di punta di Samsung per il 2023, il QN900C è il TV LCD più spettacolare dell'anno.

Avete una piattaforma di gioco all'avanguardia

A parte il fatto che non supporta il Dolby Vision, il QN900C è un display per videogiochi straordinariamente buono e dotato di tutte le funzionalità, e se volete giocare in 8K su PC, questo è in grado di gestirlo.

Volete un'icona del design

Con la sua cornice super sottile, il bellissimo telaio in metallo e la scatola delle connessioni nascosta, questo televisore è un vero e proprio gioiellino.

Non compratelo se…

Non avete un budget infinito

Per quanto sia un televisore eccezionale, a meno che non possiate permettervi facilmente il prezzo, dovreste prendere in considerazione i televisori 4K di punta di Samsung che costano molto meno.

Siete fan del Dolby Vision

Samsung non ha mai supportato il formato Dolby Vision HDR su nessuno dei suoi televisori, e la situazione non cambia nemmeno per questo modello di punta.

Guarderete un sacco di TV a bassa risoluzione

L'upscaling 4K è incredibile. L'upscaling HD è un po' morbido, ma va bene. L'upscaling SD, invece, è esagerato. Se amate la TV diurna di bassa qualità, un televisore 4K la gestirà un po' meglio, dato che non dovrà effettuare un upscaling così spinto.

Samsung QN900C: alternative

Image

<a href="https://global.techradar.com/it-it/televisions/recensione-samsung-qn90c" data-link-merchant="global.techradar.com"">Samsung QN90C

Se potete fare a meno della risoluzione 8K, il televisore di punta 4K di Samsung può essere acquistato per molto meno, anche se le immagini non sono altrettanto luminose e vivaci. Nel Regno Unito, il Samsung QN95C è ancora migliore e dispone del box One Connect. 

Image

<a href="https://global.techradar.com/it-it/televisions/lg-g3-oled-recensione" data-link-merchant="global.techradar.com"">LG G3

Con la sua nuova tecnologia Micro Lens Array, il TV OLED da 77 pollici di punta (4K) di LG per il 2023 alza l'asticella dell'OLED a un livello completamente nuovo, soprattutto per quanto riguarda la luminosità, anche se non quanto il QN900C, ovviamente. 

Image

<a href="https://global.techradar.com/it-it/televisions/samsung-s95c-oled-recensione" data-link-merchant="global.techradar.com"">Samsung S95C

La seconda generazione di TV OLED 4K Quantum Dot di Samsung offre un buon balzo in avanti in termini di luminosità rispetto al suo debutto nel 2022, ottenendo ancora più valore dai suoi pixel autoemissivi e dai colori RGB puri. 

John Archer
AV Technology Contributor

John has been writing about home entertainment technology for more than two decades - an especially impressive feat considering he still claims to only be 35 years old (yeah, right). In that time he’s reviewed hundreds if not thousands of TVs, projectors and speakers, and spent frankly far too long sitting by himself in a dark room.