Skip to main content

Recensione Samsung Galaxy Buds Live

I Samsung Galaxy Buds Live vincono ma non convincono

samsung galaxy buds live
(Image: © TechRadar)

Il nostro verdetto

I Samsung Galaxy Buds Live sono auricolari true wireless che svolgono bene il proprio lavoro senza, però, brillare particolarmente. Il loro punto forte è rappresentato da un numero elevato di funzionalità e dall’autonomia di circa 20 ore (incluse le ricariche della custodia), ma questo nuovo modello lascia un po’ troppo a desiderare sotto il profilo della qualità audio e della cancellazione del rumore. Nel panorama dei true wireless, i Buds Live rappresentano certamente un modello unico per la combinazione particolare di design e funzionalità ma se siete utenti che badano più alla sostanza (in questo caso, qualità audio e cancellazione del rumore) che alla forma, allora dovrete necessariamente guardare altrove.

Pro

  • Aderenza sorprendentemente buona
  • Accento sui bassi
  • Autonomia di oltre 20 ore

Contro

  • Qualità audio appena sufficiente
  • Cancellazione del rumore poco efficace
  • Resistenza all’acqua limitata

Recensione in un minuto

 A partire dalla loro insolita forma a fagiolo, i Samsung Galaxy Buds Live riescono a distinguersi sotto ogni aspetto dagli altri true wireless sul mercato: hanno un design inedito per questo tipo di dispositivi, sono i primi auricolari true wireless di Samsung ad offrire la cancellazione del rumore e pongono un forte accento sui bassi.

 Samsung è già da tempo nel mercato dei true wireless, dato che in passato abbiamo visto auricolari come i Samsung Galaxy Buds e Galaxy Buds Plus, ma con questa nuova versione, la casa sudcoreana ha tentato di distinguersi dalla concorrenza e dai modelli precedenti, a partire dalla scelta di un design insolito. Normalmente, infatti, i produttori di auricolari Bluetooth prediligono una forma che favorisca maggiormente l’aderenza al condotto uditivo, mentre il modello Samsung resta saldo all’orecchio aderendo di più al padiglione.

 È naturale voler distinguersi dagli altri modelli sul mercato e, da questo punto di vista, i Samsung Galaxy Buds Live ci riescono molto bene. In termini di funzionalità possono a competere con modelli come Apple AirPods e Google Pixel Buds (2020), aggiungendo anche delle caratteristiche esclusive con  dispositivi Samsung come l’assistente Bixby. Il risultato finale, però, è tutta un’altra storia.

La brutta notizia è che non arrivano ad avvicinarsi agli standard di alcuni dei migliori auricolari true wireless disponibili per l’ecosistema Android, come ad esempio i Sony WF-1000XM3. Il suono dei Buds Live è discreto, ma per niente memorabile, e lo stesso si può dire per la cancellazione del rumore. Se a questo si aggiunge il fatto che lasciano passare più suoni esterni del consentito e che la resistenza all’acqua è molto limitata, il risultato non può che essere un dispositivo che è sì un degno successore dei Samsung Galaxy Buds Plus, ma che non può di certo essere considerato tra i migliori auricolari true wireless sul mercato.

Samsung Galaxy Buds Live prezzo e disponibilità

I Samsung Galaxy Buds possono essere prenotati sul sito Samsung e nei siti dei principali rivenditori online al prezzo di €189. Si tratta di una cifra decisamente più bassa di quella richiesta per gli AirPods Pro che costano €279, e questo rende gli auricolari Samsung una possibile alternativa economica a quelli di Apple, anche se attualmente i migliori true wireless in commercio, ovvero i Sony WF-1000XM3, ormai si trovano spesso in offerta a un prezzo molto simile.

Un aspetto che può confondere è il fatto che Samsung Galaxy Buds Live arrivano a meno di sei mesi di distanza da Samsung Galaxy Buds Plus, usciti il 6 marzo scorso e discretamente più economici del nuovo modello, dato che costano €129.

La differenza principale (almeno sulla carta) è che i Buds Live hanno la cancellazione attiva del rumore, mentre i Buds Plus si limitano a ridurre solo parzialmente i suoni ambientali. Questo secondo modello ha però una durata della batteria degli auricolari maggiore, anche se le ricariche della custodia offrono un’autonomia inferiore rispetto a quella dei Buds Live.

In conclusione, dovreste probabilmente preferire i Galaxy Buds Live ai Plus, a meno che non abbiate la necessità di auricolari con una buona autonomia da usare per lunghi periodi di tempo.

Samsung Galaxy Buds Live

(Image credit: Future)

Design

I Samsung Galaxy Buds Live arrivano nelle colorazioni Mystic Bronze, Mystic Black e Mystic White, con una custodia ricarica abbinata che si può facilmente tenere nelle tasche dei pantaloni. Il case si può ricaricare con un cavo USB Type-C o, in alternativa, via wireless. Un LED è inoltre presente sia all’interno che all’esterno della custodia per indicare lo stato della ricarica anche degli auricolari.

Per quanto riguarda gli auricolari stessi, Samsung ha realizzato un modello per certi versi davvero unico e divertente da usare. Mentre gli altri produttori tendono a copiare il design degli Airpods di Apple, il team di design di Samsung ha lavorato per creare qualcosa di inedito.

Per indossare al meglio i Buds Live bisogna fare una leggera pressione sulla griglia degli auricolari, mentre i contatti della batteria sono nella parte superiore, rivolti verso il padiglione dell’orecchio. Una volta indossati, i Buds dovrebbero garantire un’aderenza quasi perfetta, mantenendosi saldi all’orecchio.

La custodia dei Samsung Galaxy Buds Live

(Image credit: Future)

Ovviamente, come abbiamo già segnalato in sede di anteprima, l’aderenza dei Buds Live per quanto molto buona, potrebbe non esserlo in certe circostanze. Se avete orecchie piccole, o se volete acquistarle per i vostri figli piccoli, c’è una buona probabilità che la distanza tra l’orecchio interno e quello esterno non sia sufficiente per mantenere saldi gli auricolari, con il risultato che potrebbero cadere facilmente.

Anche se dovessero aderire alla perfezione al vostro orecchio, c’è però un altro problema: questi auricolari hanno una certificazione contro la resistenza all’acqua IPX2 e questo significa che possono sopportare al massimo il sudore o qualche schizzo d’acqua. Portarli con voi mentre piove o in spiaggia, dunque, potrebbe non essere proprio una buona idea.

Ogni auricolare ha inoltre dei moduli touch che sono in grado di rilevare il tocco singolo, doppio o triplo per avviare o sospendere la riproduzione e per saltare le tracce o andare alla precedente. Ciascun auricolare ha inoltre un comando totalmente personalizzabile associato alla pressione prolungata, in modo da poterlo usare per alzare o abbassare il volume, attivare l’assistente di Samsung Bixby o aprire Spotify.

samsung galaxy buds live

(Image credit: Future)

Cancellazione del rumore

È sorprendente vedere quanto hardware Samsung sia riuscita a inserire in questi Galaxy Buds Live. Su ciascun auricolare ci sono tre microfoni insieme a un sensore per la voce, un altoparlante con un condotto dedicato esclusivamente ai bassi e altri sensori tra i quali un accelerometro, uno per gli infrarossi e il già citato modulo touch capacitivo. Tutte queste componenti hardware permettono ai Galaxy Buds Live di avere un’ampia gamma di funzionalità, alcune delle quali sono meglio riuscite di altre.

Partendo dalla cancellazione attiva del rumore, bisogna innanzitutto sottolineare che questa caratteristica non è proprio facilissima da implementare su auricolari di dimensioni così ridotte. Al di là di questa considerazione generale, c’è un aspetto del design dei Buds Live da tenere in considerazione: come abbiamo sottolineato, la forma di questi auricolari è stata progettata per aderire il meno possibile al canale uditivo senza i gommini in silicone. Samsung spiega di aver sviluppato una tecnologia di cancellazione del rumore per auricolari dal design aperto che dovrebbe ridurre sino al 97% i suoni ambientali a bassa frequenza al di sotto dei 700 Hz (come quelli di treni e bus), permettendo di sentire in maniera distinta le voci ed eventuali annunci.

Questo sembra un ottimo risultato sulla carta ma in pratica non abbiamo notato una grande differenza nei nostri test, almeno per quanto riguarda le voci. A basso volume potevamo sentire le persone intorno a noi, sia che la cancellazione del rumore fosse attivata o meno, e alzando il livello al 90% e oltre non abbiamo più sentito le voci sia con che senza questa funzionalità. In breve, come succede nella maggior parte degli auricolari wireless, l’aderenza e il volume fanno davvero la differenza ai fini del corretto funzionamento della cancellazione del rumore.

Qualità delle chiamate

Uno dei punti forti di questi Buds Live è la qualità audio delle chiamate che sfruttano i tre microfoni (uno interno più altri due, uno sulla parte superiore e inferiore) insieme al sensore Voice Pickup che utilizza l’accelerometro per rilevare i movimenti della mascella e convertire in segnali vocali i dati relativi alle vibrazioni.

Questa tecnologia permette al vostro interlocutore di sentivi in maniera più chiara durante le chiamate, anche quando vi trovate in ambienti rumorosi. Lo abbiamo provato e ci è stato detto che la nostra voce si sentiva in maniera molto nitida, anche quando stavamo ascoltando della musica in sottofondo.

samsung galaxy buds live

(Image credit: Future)

Qualità audio

Samsung ha implementato numerose funzioni basate sul Bluetooth 5 per mantenere i Buds Live connessi e sincronizzati con i dispositivi. I Galaxy Buds Live usano il Samsung Scalable Codec, che è in grado di evitare le interruzioni cambiando il bit-rate in base all’intensità della connessione Bluetooth.

Quando la connessione wireless è debole, questo codec scalabile codifica in automatico le informazioni audio con un rapporto di compressione più alto, permettendo agli auricolari di ricevere i dati senza interruzioni. Abbiamo davvero apprezzato il fatto che il segnale audio si sia mantenuto stabile anche a una distanza di sei metri dal dispositivo, anche se probabilmente i risultati sarebbero diversi in contesti casalinghi e quindi con molte potenziali barriere per il segnale.

samsung galaxy buds live

(Image credit: Future)

In generale, la qualità dell’audio è discreta, la resa dei bassi è d’impatto e rende brani come Godzilla di Eminem davvero potenti, sacrificando però la nitidezza delle frequenze medie e alte. Per fortuna l’app Galaxy Wearable permette di scegliere fra sei diversi profili tra cui uno che pone l’accento sui bassi e uno più orientato alle tonalità alte, anche se non c’è la possibilità di equalizzare il suono a piacimento.

Un altro aspetto positivo dei Galaxy Buds Live è che dal momento che non si inseriscono direttamente nel condotto uditivo, non risultano mai scomodi, anche dopo averli indossati per molte ore. Samsung ha aggiunto delle prese d’aria che riducono la pressione sul timpano che riducono il fastidio tipico che danno gli auricolari durante lunghe sessioni di ascolto.

L’altra faccia della medaglia è che le prese d’aria permettono ai suoni di filtrare verso l’esterno. Dunque se usate spesso gli auricolari sui mezzi pubblici o in ambienti lavorativi, preparatevi a sentire qualche lamentela sul presunto volume troppo alto della musica che state ascoltando.

Autonomia

Con una ricarica completa, i Buds Live hanno un’autonomia prevista di circa sei ore e la custodia ne consente altre due, portando così nel complesso a quasi 20 ore la durata complessiva dei Buds Live. Ancora meglio, gli auricolari di Samsung supportano la ricarica veloce, garantendovi un’ora di funzionamento dopo essere stati caricati per appena cinque minuti.

Dunque, com’è la durata della batteria rispetto alla concorrenza? Beh, sicuramente è simile  a quella degli AirPods Pro di Apple, anche se alcuni modelli più economici come ad esempio i Lypertek Tevi e anche i Samsung Galaxy Buds Plus, offrono un’autonomia decisamente più lunga.

Dovrei comprare i Samsung Galaxy Buds Live?

The Samsung Galaxy Buds Live (left) with the AirPods Pro

The Samsung Galaxy Buds Live (left) with the AirPods Pro. (Image credit: Future)

Comprateli se...

State cercando un’alternativa Samsung-friendly agli Apple AirPods

Se cercato un buon dispositivo da usare anche con il vostro prossimo smartphone Samsung Galaxy, allora i Galaxy Buds Live rappresentano un’opzione decisamente da prendere in considerazione. Hanno infatti tante funzioni, come lo Scalable Codec, pensate espressamente per funzionare con i dispositivi Samsung, ai quali si collegano con una maggiore facilità.

Vi piace Bixby

L’altro vantaggio (o possibile svantaggio, questione di punti di vista) è che usando i Buds Live con un dispositivo Samsung potrete attivare comodamente l’assistente personale Bixby. A essere sinceri, per la maggior parte degli utenti, non è chissà quale grande vantaggio, ma se per qualche ragione avete imparato ad apprezzare Bixby negli ultimi anni... chi siamo noi per convincervi del contrario?

Apprezzate i bassi potenti e cercate un paio di true wireless

Anche se la qualità audio non è proprio memorabile, i Samsung Galaxy Buds Live hanno una resa dei bassi davvero molto convincente. Se vi piacciono i suoni potenti e siete disponibili a sacrificare n po’ la nitidezza delle tonalità medie e alte, i Buds Live fanno decisamente al caso vostro.

Non comprateli se...

Cercate un paio di true wireless solo per la cancellazione del rumore

Non c’è dubbio, la cancellazione attiva del rumore dei Samsung Galaxy Buds Live è più una riduzione che una cancellazione vera e propria. Nella maggior parte dei casi sarete in grado di sentire praticamente qualsiasi suono ambientale, solo a un livello leggermente più basso del solito.

Le vostre orecchie hanno una forma irregolare

L’altro problema è che non c’è garanzia che questi auricolari possano aderire perfettamente alle vostre orecchie. I Galaxy Buds Live hanno una forma unica che dovrebbe aderire comodamente all’orecchio, ma se le vostre sono più grandi o più piccole della media (o se volete acquistarli per i vostri figli piccoli), ci sono buone probabilità che lo spazio tra il condotto uditivo e l’orecchio esterno non sia adeguato a mantenere saldi gli auricolari.

Cercate un paio di auricolari true wireless

 I Galaxy Buds Live sono la proposta premium di Samsung nel settore degli auricolari true wireless e alcuni dei più costosi sul mercato. Se non volete spendere €189, ci sono sempre i Samsung Galaxy Buds Plus che offrono molte caratteristiche simile a un po’ meno, mentre modelli come i Lypertek Tevi, a confronto, vengono venduti a prezzo stracciato.