Recensione Samsung Galaxy Buds

Piccoli auricolari con un grande suono

Recensione Samsung Galaxy Buds
Immagine: TechRadar

Il nostro verdetto

Se avete un Samsung oppure un altro telefono Android, i Galaxy Buds offrono una connettività semplice, comodità e un suono ricco di bassi. Altrimenti potreste perdervi alcune interessanti funzioni extra offerte dall'app Samsung Galaxy per la linea Wearable.

Pro

  • Comode e sicure da indossare
  • Il design ha stile
  • Facile da accoppiare e usare
  • Bassi potenti

Contro

  • I rumori ambientali possono essere irritanti
  • Controlli touch non sempre precisi

Gli auricolari true wireless sono una delle più grandi tendenze nel mondo audio in questo momento, con le principali marche di cuffie che tentano di rivendicare una fetta di mercato dopo l'introduzione e il successo degli Apple AirPods.

I Samsung Galaxy Buds sono la prossima grande proposta dell’azienda sudcoreana per il mercato delle cuffie wireless, e non sono il primo tentativo fatto da Samsung per quanto riguarda il true wireless, infatti la società ha già prodotto due generazioni di Gear IconX

Ciò che distingue le IconX dalle Galaxy Buds è che queste ultime eliminano il marchio Gear e rendono questi auricolari parte della famiglia Galaxy, accanto al nuovo Galaxy S10, Galaxy S10 Plus e Galaxy S10e: tre telefoni che offrono una funzione particolare assieme ai Buds, ma ne parleremo più avanti.

[L'aggiornamento di Samsung Galaxy Buds include il controllo vocale Bixby, oltre a controlli tattili migliorati e la possibilità di mantenere sempre attiva la funzione di suono ambientale. Dobbiamo ancora testare le nuove funzionalità, ma provvederemo ad aggiornare la nostra recensione non appena lo faremo.] 

Prezzo e disponibilità 

I Samsung Galaxy Buds sono disponibili a 139 €, questo li rende leggermente più economici rispetto agli AirPod di Apple. 

Recensione Samsung Galaxy Buds

Immagine: TechRadar

Design

Complessivamente, i Samsung Galaxy Buds sono molto belli, con un elegante design interamente bianco composto da due auricolari e la custodia di ricarica.  

Gli auricolari sono eleganti e compatti, con una sottile fascia di gomma con delle piccole alette chiamata Wingtip che ne migliorano la stabilità. Nella confezione troverete Wingtip in tre dimensioni (small, medium e large) così non avrete problemi a trovare quelle più adatte alle vostre orecchie.

Nonostante gli auricolari sembrino piuttosto delicati e prossimi a cadere la prima volta che li si indossa, sono sorprendentemente stabili e comodi.

Nonostante la mancanza di fili riusciranno a resistere a una grande quantità di movimenti della testa, e infatti sono sopravvissuti alle nostre sessioni di ginnastica e corsa, oltre a una buona dose di movimento.

Recensione Samsung Galaxy Buds

Immagine: TechRadar 

Una caratteristica interessante è l'uso di un materiale perlaceo sul rivestimento esterno degli auricolari, che riflette la luce in un modo molto bello e ha un effetto quasi olografico. 

Oltre ad avere un bell'aspetto, il rivestimento funge da controllo touch, utilizzabile  per riprodurre / mettere in pausa la musica, saltare brani, rispondere e terminare le chiamate, e avviare l'assistente vocale Samsung Bixby sui dispositivi compatibili. 

È possibile personalizzare il comando richiamato se si tiene premuto a lungo il tasto sui Galaxy Buds tramite l'app Samsung Galaxy Wearable (solo per Android). Si può scegliere la regolazione del volume (cuffia a destra alzare, cuffia a sinistra per abbassare) oppure avviare Bixby (premere a lungo su uno dei due auricolari).

I controlli tattili fanno il loro lavoro, ma dovrete essere estremamente precisi con i tocchi e applicare una pressione sufficiente sulla parte piatta degli auricolari, affinché possano registrare la vostra azione. In più occasioni abbiamo premuto nel punto sbagliato, oppure non abbiamo applicato una pressione sufficiente, il che ci ha portato a ritentare (occasionalmente più di una volta).

Questo non sarà un grande problema quando sarete seduti a una scrivania, ma si farà notare di più quando sarete in movimento, come ad esempio in palestra o durante una corsa. La buona notizia è che col tempo vi abituerete a questo sistema e alla fine non ci farete più caso, anche se noi non siamo ancora arrivati ad avere un tasso di successo del 100%.

Recensione Samsung Galaxy Buds

Immagine: TechRadar 

Custodia di ricarica delle Samsung Galaxy Buds 

Per quanto riguarda la custodia di ricarica, è estremamente compatta e può essere facilmente messa in tasca durante l'ascolto. 

Se avete utilizzato Samsung Gear IconX, noterete che l'intero prodotto in questo caso è molto più piccolo degli auricolari della scorsa generazione. Di fatti è più piccolo del 30% e questo farà sicuramente la differenza quando le terrete in tasca.

La custodia in genere è abbastanza robusta; il coperchio a scatto è dotato di magneti che terranno gli auricolari in posizione quando non sono in uso. 

Sulla parte esterna della custodia troverete un piccolo LED che indica la lo stato della batteria, mentre un LED all'interno della custodia indica la carica degli auricolari.

Sul retro del case dei Galaxy Buds c'è una porta USB-C per ricaricare la custodia grazie al cavo contenuto nella confezione. L'autonomia degli auricolari è di 6 ore, mentre la custodia ne fornisce altre sette, un buon valore per degli auricolari true wireless.

Recensione Samsung Galaxy Buds

Immagine: TechRadar 

L'app Samsung Galaxy Wearable indicherà l'autonomia rimanente degli auricolari quando gli estrarrete dalla custodia, ma non vi dirà quanta carica è rimasta nella custodia. Diversamente dagli AirPod di Apple, dovrete fare affidamento sul LED sulla parte esterna del case per capire quanta carica è rimasta.

Una delle caratteristiche più interessanti è la possibilità di ricaricare in modalità wireless questi auricolari quando si trovano all'interno della custodia. Ciò significa che se disponete di un pad di ricarica wireless compatibile con Qi - se ne avete uno per il vostro telefono, probabilmente è uno di quelli - potrete semplicemente posizionarlo sopra di esso per ricaricare gli auricolari.

È una funzione particolarmente utile se considerate che la nuova gamma Galaxy S10 è dotata di ricarica wireless inversa.

Ciò significa che è possibile attivare la funzione sul Galaxy S10 e posizionare le cuffie sul retro del dispositivo per ricaricarle. È una funzione intelligente e ha funzionato perfettamente durante il breve periodo durante quale abbiamo condotto i nostri test.

Caratteristiche e performance 

Se avete un Samsung Galaxy S10, un Galaxy S10 Plus o un Galaxy S10e, l'accoppiamento degli auricolari è veramente semplice, comparabile al modo in cui gli Apple AirPods si connettono all'iPhone. 

Le prestazioni di connettività sono state contrastanti tra utenti diversi; molti membri dello staff di Techradar le hanno testate e alcuni di loro hanno riportato molti problemi, mentre altri nessuno. 

La maggior parte dei problemi con la connettività sembra essere stata risolta dagli aggiornamenti software pubblicati da Samsung, ma, come con la maggior parte dei veri e propri auricolari wireless, è possibile che si verifichino interruzioni della connessione se vengono utilizzati nelle vicinanze di altri dispositivi Bluetooth. 

Dall'ultimo aggiornamento non abbiamo riscontrato alcun problema significativo del Bluetooth.

Recensione Samsung Galaxy Buds

Immagine: TechRadar 

Lì dove i Gear IconX, cioè i precedenti auricolari true wireless di Samsung, lasciano a desiderare, i Galaxy Buds sembrano eccellere. I bassi sono caldi, profondi e i suoni si sentono in maniera chiara e distinta, la musica è veramente ottima su questi piccoli auricolari. 

La cosa non sorprende, considerando che sono stati messi a punto dagli esperti audio AKG.

Abbiamo iniziato ascoltando "Daydreaming" dei Radiohead e siamo rimasti colpiti dal dettaglio e dalla chiarezza delle parti vocali, che sono state completate da morbidi arpeggi di pianoforte e dal synth.

Le voci tagliate e sovrapposte combinate a interferenze digitali che andavano da sinistra verso destra in modo coerente, mentre il violino e i violoncelli completavano il mix.

Tuttavia i Galaxy Buds danno il meglio quando si tratta di frequenze basse, e questo diventa ancora più evidente quando si ascoltano brani ricchi di bassi come "Bury A Friend" di Billy Eilish. Su tracce come questa l'uso dei driver dinamici significa che potete quasi sentire pulsare nel petto i bassi profondi, inusuale per degli auricolari true wireless.

Recensione Samsung Galaxy Buds

Immagine: TechRadar 

Abbiamo anche testato le gli auricolari true wireless sulla colonna sonora del platform indie Fez, creata del compositore Disasterpeace. Durante l'ascolto di Puzzle siamo rimasti colpiti dal suono vivace dei Galaxy Buds, con onde sinusoidali distorte mentre l'urlo del synth era percepibile con estrema chiarezza. Anche arpeggi decadenti simili a organi e campanelle gorgoglianti si sentivano vibrati all'interno di un soundstage generalmente caldo. 

Come risultato di questo soundstage caldo e ricco di bassi, le frequenze medie possono suonare leggermente coperte; non è un suono perfettamente naturale, quindi se siete degli audiofili potreste volere qualche modifica alle frequenze acute per una riproduzione più accurata della vostra musica. 

Se invece preferite musica ricca di bassi, probabilmente gradirete il suono dei Galaxy Bud. Naturalmente non offriranno la stessa potenza o isolamento acustico di un decente paio di cuffie over-ear, ma per degli auricolari true wireless la qualità del suono è davvero impressionante.

Recensione Samsung Galaxy Buds

Immagine: TechRadar

App Samsung Galaxy Buds 

Alcune funzioni extra si possono trovare all'interno dell'app Galaxy Wearable, incluso un equalizzatore che consente di passare tra una serie di impostazioni predefinite, tra cui "Bass Boost; non ci è sembrato che i diversi preset abbiano avuto un grande effetto sul soundstage di questi auricolari, ma è comunque una funzione gradita. 

Tramite l'app è anche possibile attivare la funzione "suono ambientale", che mescola il rumore di sottofondo alla musica utilizzando i microfoni incorporati sugli auricolari - una funzione utile se si desidera utilizzare Galaxy Buds mentre fate jogging e volete sentire un po' di rumore esterno per motivi di sicurezza. 

Può anche attenuare rumori come il traffico, aumentando allo stesso tempo le voci vicine, il che vi consente di stare attenti ai rumori ambientali senza compromettere la qualità della vostra musica.

Si tratta di una caratteristica utile, ma abbiamo riscontrato problemi con i rumori ambientali quando c'era vento. In queste condizioni meteorologiche, il suono del vento è stato amplificato, creando un fischio acuto e fastidioso.

Se perderete di vista i vostri Galaxy Buds, potrete utilizzare la funzione "Trova i miei auricolari" per rintracciarli. Quando attiverete questa funzione, i Galaxy Buds riprodurranno un rumore costante in modo da poterli trovare rapidamente.

Verdetto finale 

Samsung ha finalmente fatto centro con i Galaxy Buds, che offrono una seria competizione per gli Apple AirPods in termini di design, suono e facilità d'uso. Abbiamo amato l'effetto perlescente sul rivestimento degli auricolari e il design elegante della custodia, e abbiamo scoperto che sono comodi e non rischiano di cadere troppo facilmente. 

La qualità audio offerta da questi auricolari true wireless è molto buona, con bassi profondi e un soundstage molto aperto; anche se gli audiofili potrebbero preferire altro, dato che i Galaxy Buds hanno un suono molto caldo.

La durata dichiarata della batteria di sei ore per gli auricolari e sette ore per la custodia ci è sembrata veritiera, e nonostante ci siano stati alcuni problemi di connettività prima dell'ultimo aggiornamento del software Samsung, sembrano essere stati ampiamente risolti.

Il rovescio della medaglia è che altre funzioni disponibili nell'app come il rumore ambientale e i preset dell'equalizzatore sono utili, ma non sempre hanno funzionato in modo così efficace. Queste funzioni non sono disponibili per gli utenti iOS, in quanto è possibile scaricare l'app solo su dispositivi con Android 5.0 o versioni successive. 

Detto questo, se possedete un telefono Samsung, i Galaxy Buds sono un paio di auricolari true wireless fantastici, con alcune caratteristiche che ne facilitano l'utilizzo e non gli faranno temere la concorrenza. In caso contrario, potreste perdere queste caratteristiche aggiuntive, ma l'alta qualità del suono, la comodità e il design accattivante fanno sì che questi auricolari possano essere un acquisto intelligente anche per il pubblico iOS.