Skip to main content

PS5, il nuovo controller potrebbe avere comandi vocali integrati

Il sistema di comandi vocali del controller PS5 potrebbe costituire un enorme upgrade rispetto al Dualshock 4, qua sopra (Fonte: Akirbs / Shutterstock.com) (Image credit: Akirbs / Shutterstock.com)

Ci siamo passati tutti: dopo aver speso ore ed ore in un gioco è capitato a chiunque di bloccarsi in un puzzle particolarmente ostico o contro un boss che proprio non riusciamo a sconfiggere. E se potessimo chiedere direttamente aiuto alla nostra console anziché dover tirare fuori lo smartphone per cercare la soluzione su Google? Ebbene, un brevetto recente dimostra che Sony potrebbe permettervi di fare esattamente questo col nuovo controller PS5.

Questo brevetto Sony (pubblicato da WIPO) descrive “un controller che viene utilizzato dall’utente che include un microfono, un altoparlante e un dispositivo per il feedback tattile”

“Mentre l’utente utilizza il microfono per l’input dei propri dati vocali, il suono dell’altoparlante viene attenuato attivando il feedback tattile”.

In altre parole, il controller accetta dei comandi vocali attraverso l’uso del microfono integrato, esattamente come gli smart speakers della serie Amazon Echo.

Che questo brevetto appartenga a PS5 è ancora a tutti gli effetti una speculazione. La sua registrazione peró ha una coerenza con gli altri brevetti che Sony ha registrato recentemente, in quanto sono diversi gli indizi che suggeriscono che PS5 permetterà di interagire con la console attraverso dei comandi vocali.

PlayStation Assist

Alcuni brevetti hanno già dimostrato precedentemente che il nuovo controller di PS5 includerá un microfono. Nonostante questa nuova caratteristica possa sembrare alquanto bizzarra, in quanto in nessun modo andrebbe a sostituire un vero e proprio gaming headset, se associata all’ultimo brevetto relativo ai comandi vocali inizia ad avere un senso.

Le cose iniziano a quadrare ancora di più se consideriamo un altro brevetto di Sony, registrato a settembre, per un assistente vocale chiamato ‘PlayStation Assist'.

Sembra che questo assistente vocale sarebbe in grado di rispondere dinamicamente quando richiamato e di poter garantire una “gaming assistance”, per esempio ricordando l’obiettivo principale di una missione o sottolineando la presenza di oggetti sulla mappa al giocatore, un’esperienza simile a quella dichiarata da Google in merito al suo controller di Stadia.

Ha perfettamente senso quindi dedurre che questo brevetto faccia riferimento al nuovo controller di PS5, che potrebbe quindi costituire il sistema di input per comunicare col nuovo PlayStation Assist.

È giusto sottolineare che questi brevetti non sono collegati in alcun modo l’uno all’altro e che i dispositivi descritti al loro interno potrebbe addirittura non vedere la luce del sole; non saremo di certo sorpresi comunque, a questo punto, se Sony aggiungesse un sistema di comandi vocali al nuovo controller PS5.