Skip to main content

Panasonic mette in vendita il suo TV OLED trasparente, ma acquistarlo non è una buona idea

Panasonic transparent OLED
(Image credit: Panasonic)

Panasonic finalmente ha iniziato a commercializzare alcune unità del suo TV OLED trasparente. Questo potrebbe essere l'inizio di una rivoluzione nel mondo dei display, anche se probabilmente il modello in questione non è il classico televisore smart casalingo. 

I modelli OLED trasparenti, TZ1000 e TZ1100, hanno una nomenclatura similare alla serie pensata per l'home theater, ovvero HZ1000, HZ1500 e HZ2000, ma ovviamente si tratta di due linee completamente diverse.

In entrambi i casi parliamo di set con risoluzione HD, il che significa che non c'è il supporto 4K. Per questo sono forniti di una porta HDMI 1.4, invece di una HDMI 2.0 o HDMI 2.1 che troviamo invece nei normali televisori di ultima generazione. 

I TV trasparenti sono pensati per le attività commerciali, il che significa che attualmente non sono ottimizzati per un ambiente domestico. Sia LG che Samsung hanno lavorato a una tecnologia simile: a dirla tutta, LG è l'azienda produttrice del pannello. Attualmente ci troviamo allo stadio iniziale dello sviluppo di questa tecnologia, che è ancora lontana da un'implementazione nella vita di tutti i giorni. Il rilascio da parte di Panasonic dei suoi OLED trasparenti nel mercato asiatico avverrà a dicembre, e ci aspettiamo un lancio globale a distanza di poco tempo, quindi riconosciamo l'impegno che sta mettendo l'azienda in questo progetto e nel suo sviluppo nel prossimo futuro.

Vedere o non vedere?

In fin dei conti, vorreste davvero un OLED trasparente nel vostro salotto? Senz'altro alcune modalità di utilizzo sarebbero divertenti da provare: pensate al vetro di una finestra che diventa un display smart, o a un divisorio per le stanze che non sia troppo invadente e non interferisca con l'arredamento. Il design sottilissimo (3.8 mm) del TZ1000 in questi casi è proprio l'ideale.

Il problema principale degli OLED trasparenti è che si può vedere attraverso i pixel quando non emettono luce propria, in quanto naturalmente questi non sono neri come in un normale schermo OLED. Spegnere completamente un pixel permette di visualizzare un nero autentico e profondo, indispensabile per un contrasto elevato, caratteristica che contraddistingue ogni televisore OLED che si rispetti.

Panasonic sta cercando di correre ai ripari tramite l'applicazione di un filtro per la regolazione della luminosità, in grado di scurire il display del TZ110 quando desiderato, oltre a raddoppiare lo spessore del display. Ci sono alcune soluzioni possibili insomma, anche se alcune di queste limiterebbero gli ambiti di impiego di questa tecnologia.

Via Panasonic