Skip to main content

Nvidia: sì, potremmo anche fare delle CPU

Nvidia buys ARM
(Image credit: Nvidia)

Solo un paio di giorni fa abbiamo saputo che Nvidia ha comprato ARM per 40 miliardi di dollari. Oggi il CEO Jensen Huang ha lasciato intendere che l'azienda potrebbe entrare in competizione diretta con Intel e AMD nel settore delle CPU.

Con l'acquisto di ARM, in effetti, Nvidia è già entrata, con una spallata, in detto settore. ARM realizza i progetti di base, che poi finiscono nei processori di smartphone, data center, server, sistemi di intelligenza artificiale, reti neurali, automobili e molte, molte altre cose. 

Nvidia già produce alcune CPU, in particolare alcuni SoC a basso consumo per applicazioni specifiche (i Tegra per esempio). Ma pare proprio che l'acquisto di ARM sia il primo passo per un'espansione piuttosto aggressiva. 

Una CPU marchiata Nvidia, tuttavia, è un'opzione che porta con sé diverse complicazioni - non ultime alcune implicazioni di natura legale. ARM, infatti, è in sostanza un fornitore unico al mondo: vendono i progetti e po qualcun altro realizza i processori veri e propri (Samsung, Mediatek, Qualcomm, etc.). Se Nvidia stessa entrasse in questo mercato, ci sarebbero dei chiari conflitti da gestire. 

Tuttavia ciò non ha impedito di Huang di affermare che "tutto è possibile [...] alcuni potrebbero prendere i progetti in licenza e farsi le proprie CPU. Altri potrebbero prendere le licenze e chiedere a noi di realizzare le loro CPU, o di modificare le nostre."

"Una sola azienda non può realizzare ogni versione", ha continuato Huang. "Ma avremo tutta la rete di partner ARM [...] ... tutte le opzioni sono disponibili. Siamo disponibili e vorremmo che l'ecosistema fosse il più ricco possibile".

Dunque, Huange non ha detto esplicitamente che ci saranno CPU ARM marchiate Nvidia. Ma ha parlato di "modificare le nostre", il che è quasi la stessa cosa. Inoltre Nvidia ha ora accesso alle competenze interne di ARM, e non è tenuta a condividere tutti gli sviluppi futuri. In altre parole, Nvidia potrebbe realizzare processori ARM che hanno un qualche vantaggio rispetto a qualsiasi altro prodotto concorrente.

In ogni caso, Nvidia è chiaramente sul punto di sconvolgere il settore dei server, un territorio che vede sia AMD che Intel molto impegnate, e con parecchi interessi in gioco.

Via Tom's Hardware