Skip to main content

Nvidia RTX potrebbe atterrare sui Chromebook per sfidare Apple M1

Laptop Chromebook
(Image credit: Shutterstock / lassedesignen)

I Chromebook fanno parte di una categoria di notebook sempre più apprezzati nel panorama tecnologico mondiale, ma certamente non sono diventati popolari per le loro capacità grafiche di rilievo. Questo però potrebbe essere destinato a cambiare in futuro. MediaTek, il più grande fornitore al mondo di chip ARM, ha infatti iniziato una collaborazione con Nvidia per integrare funzionalità grafiche, tra le quali ray tracing, nei dispositivi ARM orientati al grande pubblico.

Il CEO di MediaTek Rick Tsai ha commentato l'inizio della collaborazione dei due colossi con una dichiarazione; “Non vediamo l'ora di unire la nostra tecnologia con quella di Nvidia per portare la potenza delle GPU sulla piattaforma PC ARM per giochi, creazione di contenuti e molto altro. L'accelerazione tramite GPU rappresenterà un enorme impulso per l'intero ecosistema ARM".

Lo sforzo combinato potrebbe rivelarsi una valida concorrenza nei confronti del SoC Apple M1, grazie a prestazioni di gioco di maggior rilievo rispetto al passato. Durante l'evento di presentazione nel 2020, MacBook Air M1 aveva raggiunto una media di 38 FPS in Shadow of the Tomb Raider, non un grandissimo risultato, ma un valore pur sempre giocabile.

Sembra promettente

Con un po' di fortuna, il nuovi chip ibridi ARM/Nvidia potrebbero riuscire a bissare il risultato di Apple o addirittura a migliorarlo. Al momento non è stata fornita alcuna conferma ufficiale su quale sarà il risultato della collaborazione, o se un prodotto commerciale verrà mai rilasciato ufficialmente.

Il risultato probabilmente non sarà all'altezza dell'attuale generazione di portatili gaming, infatti la collaborazione parallela tra Microsoft e Qualcomm non ha ancora raggiunto risultati di rilievo per Windows su ARM, e i dispositivi soffrono ancora di scarse prestazioni.

Per chiunque desideri giocare su un Chromebook in questo momento esistono altre soluzioni, comunque. Le piattaforme di cloud streaming come Google Stadia o Nvidia GeForce Now hanno fatto molta strada da quando sono arrivate sul mercato, e se avete un abbonamento Founders Edition sono disponibili addirittura il supporto a ray tracing e DLSS in real time, pertanto l'unica cosa davvero necessaria ora come ora è una velocissima connessione a Internet.

Fonte: NoteBook Check