Skip to main content

Nvidia Grace, il superchip mostra i denti ai concorrenti Intel Ice lake e AMD EPYC

Nvidia Grace
(Image credit: Nvidia)

Se Intel vuol inserirsi come terzo attore nel mercato delle GPU, Nvidia sembra voler fare lo stesso con le CPU destinate a workstation, server o datacenter. L'azienda ha di recente concentrato i suoi sforzi per lo sviluppo della CPU Grace, un superchip destinato a competere con Intel e AMD nel segmento HPC.

Il superchip fa uso di due moduli CPU Nvidia Grace collegati fra loro con la tecnologia NVLink-C2C, per un totale di ben 144 core Arm v9 e una larghezza di banda che arriva a 1TB/s. Tutti i core sono basati sull'architettura Neoverse N2 Perseus di Arm.

Nvidia Grace

(Image credit: Nvidia)

In una diapositiva pubblicata dall'azienda, Nvidia Grace è paragonato a due CPU Intel Xeon Platinum 8360Y basate su Ice Lake e configurate su un nodo server dual-socket. Nel confronto su una simulazione di previsione metereologica, il superchip è riuscito ad ottenere il doppio delle performance e un'efficienza 2,3 volte superiore rispetto il concorrente Ice Lake. 

Nvidia Grace sfrutta le capacità di computing parallelo dei core Arm 9 Neoverse N2, che garantiscono prestazioni eccezionali nei compiti HPC. I paragoni non finiscono tuttavia qui, in un confronto con AMD, Grace è riuscito a superare una CPU EPYC con una performance superiore del 150%.

Ovviamente si tratta di numeri forniti per adesso soltanto da Nvidia. Per avere un quadro chiaro delle potenzialità del nuovo superchip Grace, bisognerà attendere il lancio nel 2023, anno in cui sono anche attesi Emerald Rapids di Intel e Bergamo di AMD. La concorrenza non starà quindi con le mani in mano.


Fonte: TechPowerUp

Gabriele Giumento

Redattore TechRadar