Skip to main content

Black Friday, l'occasione giusta per passare a un Chromebook

(Image credit: Future)

Tra pochissimi giorni arriveranno gli sconti del Black Friday e del Cyber Monday, e moltissime persone vorranno approfittarne per un nuovo notebook. Il fatto è che anche con gli sconti non è detto che si trovi un buon notebook a meno di 500 euro, almeno con Windows. E se il vostro budget è anche inferiore, allora i compromessi da accettare saranno davvero tanti. 

L'alternativa però esiste e si chiama Chromebook. Già, ma che cos'è un Chromebook? È un computer portatile con sistema operativo Chrome OS: vale a dire che non ha Windows, non è un Mac e non ha nemmeno Linux. Chrome OS è un sistema sviluppato da Google particolarmente stabile e leggero. 

I Chromebook sono pensati in particolare per essere computer per la didattica a distanza e in generale come computer per gli studenti e la scuola,  ma sono una scelta eccellente anche per chi non vuole spendere troppo nel trovare un computer per lavorare da casa

Non è difficile scoprire che nel confronto Chrome OS vs Windows, i Chromebook rappresenta una solida alternativa. Leggeri, solidi e resistenti, offrono un software facile da usare, costano meno e in genere la batteria dura a lungo. E quando ci sono sconti e promozioni, spesso e volentieri si può risparmiare davvero tanto. 

Nella maggior parte dei casi il computer si usa come supporto allo studio, quindi per fare ricerche, scrivere documenti, assemblare presentazioni e partecipare a videoconferenze con compagni e insegnanti. Nel lavoro, vanno per la maggiore i programmi da ufficio (ma non c'è solo Office di Microsoft), quelli di amministrazione (fatture e gestione) e a volte il browser. Nel tempo libero, entrano i scena azioni come guardare video, scorrere i social, comprare questo e quello. 

Per quasi tutti i possibili utilizzi semplicemente non vi serve la potenza di un costoso MacBook Pro o di un Surface Pro 7. E si sicuro non avete bisogno di spendere certe cifre. 

Forse avete bisogno di fare "cose da ufficio" ma di sicuro non avete bisogno di Microsoft Office e del costoso abbonamento Office365. Che è un gran bel prodotto, nessuno lo nega, ma semplicemente è eccessivo per la maggior parte delle persone. - soprattutto considerando le alternative gratuite a disposizione. 

(Image credit: Future)

Chrome OS ormai è maturo

All'inizio un Chromebook era un computer per usare Google Docs e andare su Internet. Non c'era molto altro che si potesse fare. Ma ora i servizi online sono tantissimi (quasi tutti in effetti) e vi si accede solo con un browser

Il browser, cioè il programma per navigare il Web, è diventato in effetti il centro del nostro mondo digitale, e per molti l'unica applicazione davvero importante. Una cosa che Google aveva previsto già molti anni fa, quando iniziò a sviluppare Chrome OS. 

Su Chrome OS comunque ci sono anche tante altre applicazioni oltre a quelle utilizzabili da browser. E se non dovessero bastare potete sempre accedere a Google Play e migliaia di applicazioni Android già disponibili e compatibili con Chrome OS. Il numero di queste app è in continua crescita. 

Acer Chromebook 714

(Image credit: Acer)

I Chromebook sono i portatili più economici

Per chi vuole un notebook che non costi molti, i Chromebook sono sempre stati l'alternativa più interessante. Certo, ci sono notebook economici con Windows e alcuni sono anche piuttosto buoni. Ma se volete spendere 300 euro al massimo, allora è con un Chromebook che troverete la migliore qualità. 

Con l'arrivo del Black Friday, siamo abbastanza sicuri che almeno alcuni Chromebook costeranno ancora meno del solito. Perché Google e i produttori da una parte vorranno vendere i vecchi modelli ancora in magazzino, ma dall'altra vogliono che questo sistema si diffonda, così che i loro investimenti comincino a pagare. 

(Image credit: Future)

Chromebook, ideali per le comunicazioni

Un altro grande pregio dei Chromebook è che sono semplici da usare e molto sicuri. La semplicità è particolarmente importante se il computer andrà a una persona non troppo avvezza alla tecnologia. Per qualcuno, infatti, Windows e MacOS potrebbero essere "troppo". 

Molti lettori di Techradar sicuramente sanno cosa vuol dire cercare di aiutare un "non esperto" a fare una chiamata Zoom, a usare Whatsapp Web o persino a stampare un file. A volte è proprio difficile, soprattutto se non siamo fisicamente insieme a loro. Ma se questa persona riesce a usare lo smartphone - e praticamente chiunque ci riesce - allora riuscirà a usare un Chromebook. 

E questo è particolarmente importante in vista di nuovi periodi di lockdown, indesiderati ma sempre possibili. Queste persone potranno comunicare in modo più semplice e più piacevole con un nuovo Chromebook. 

Valerio Porcu

Valerio Porcu è Redattore Capo e Project Manager di TechRadar Italia.