Skip to main content

10 cose che forse non sapevate di poter fare con una VPN

VPN uses
(Image credit: ExpressVPN)

Una VPN, o Virtual Private Network, è uno strumento straordinariamente utile per vita online di chiunque. Basilarmente, la VPN consiste in un tunnel lungo il quale viaggiano i dati crittografati, permettendo alla nostra esistenza online di proseguire in maniera molto più sicura e anonima che con la semplice connessione via provider. Negli ultimi tempi, è aumentato molto l’interesse per le VPN, che sono diventate ormai la prima linea di difesa online.

Ciò non dovrebbe sorprendere, con il clima di maggiore sorveglianza che si è creato negli ultimi anni, per non parlare delle normative più invasive approvate in quasi tutto il mondo. Inoltre, gli utenti di Internet hanno iniziato a convincersi che l’uso della VPN va ben oltre la semplice sicurezza. Questo tipo di connessione è diventata uno strumento fantastico per chi guarda serie in streaming, per chi scarica file sfruttando la rete torrent, per chi viaggia, per chi acquista online e per molte altre categorie di persone diverse.

Infine, esistono alcuni utilizzi delle VPN di cui potreste non essere a conoscenza. In questo articolo evidenzieremo pertanto 10 casi specifici con una VPN, spiegando come la funziona è in grado di supportare le attività in rete e l’anonimato.

1. Acquisti online dall’estero

Supponiamo che stiate viaggiando all'estero e desideriate ordinare qualcosa dal vostro rivenditore online preferito, in modo che il prodotto venga consegnato a casa al vostro ritorno.

Sfortunatamente, quando visitate il ​​sito del rivenditore online, finite nel sito Web specifico del paese, da cui non è possibile spedire in Italia. Utilizzando però un server VPN situato nel vostro paese di origine, sarete in grado di accedere alla versione corretta del sito come se foste fisicamente in Italia e completare l’ordine senza problemi.

2. Evitare il monitoraggio degli ISP 

L’interesse degli ISP sulla vita online dei propri abbonati è sempre in aumento. Un buon esempio di ciò accade ai dati tracciati è il loro utilizzo nelle pubblicità mirate, una ragione da sola più che sufficiente per cercare l'anonimato. Tuttavia, la situazione è diventata molto più grave ora che la legge chiede agli Internet provider di mantenere i metadati degli utenti memorizzati per ben sei anni.

Questa è una peculiarità unica del nostro paese, in quanto i tempi nella quasi totalità degli stati esteri (almeno quelli non soggetti a regimi totalitari) sono molto più brevi, si va infatti da poche settimane ad un massimo di due anni nel caso di terrorismo su vasta scala. Se siete assillati dall’opera di monitoraggio costante degli operatori di rete, le VPN installate su tutti i vostri dispositivi, incluse le APP per dispositivi mobili, sono una ragionevole difesa contro tale invasione della vostra privacy.

 3. Accesso a una rete domestica

È probabile che il vostro computer desktop di casa contenga una raccolta piuttosto vasta di dati personali. Questi possono essere file che servono al vostro lavoro, file personali come o foto o film o file che collezionate per motivi di intrattenimento. Potreste persino avere un NAS configurato pieno di dati ai quali potreste voler accedere di tanto in tanto, senza però portare con voi supporti fisici, che possono venire smarriti, rubati o anche deteriorarsi. 

Perciò sarà necessario configurare l'accesso remoto al vostro PC o NAS, in modo da poter raggiungere i vostri file ovunque voi siate. Il modo più sicuro di farlo è stabilire su uno dei vostri apparati una connessione VPN in entrata. Ciò vi permetterà di navigare nella vostra rete di casa, o almeno in una parte di essa, esattamente come se foste collegati dalla vostra stessa abitazione, proteggendo nel contempo i vostri file da accessi indesiderati.

4. Sicurezza Wi-Fi pubblica

Molti luoghi offrono accesso al Wi-Fi gratuito, comprese scuole, hotel, biblioteche, aeroporti e caffetterie, solo per citarne alcuni. È uno scenario comune utilizzare gli hotspot wireless per controllare la posta elettronica, che richiede la trasmissione della password e di altri dati sensibili. Sfortunatamente, non è particolarmente difficile intercettare questo traffico di rete wireless.

I router di casa sono configurati con una password e utilizzano protocolli di crittografia (come WPA2) per mantenere il traffico protetto. Tuttavia, gli hotspot wireless pubblici offrono un accesso completamente aperto a tutti e in molti casi utilizzano una password condivisa o addirittura nessuna password.

Quando utilizzate una rete Wi-Fi così insicura, è una buona idea usare una VPN per proteggervi, grazie alla possibilità di mantenere tutto il vostro traffico crittografato. Anche in caso di intercettazione, i vostri dati saranno criptati e quindi illeggibili da chiunque ne faccia accesso in maniera illecita.

5. Evitare la raccolta delle proprie informazioni sui siti web

Esiste un numero impensabile di siti web che deve riuscire quotidianamente a mantenere le proprie attività online. Uno dei metodi più comuni per generare entrate è quella di utilizzare annunci pubblicitari, ma a differenza degli annunci televisivi, gli annunci pubblicitari su Internet sono spesso mirati direttamente all'utente (ad esempio tramite l’utilizzo dell’indirizzo IP).

Probabilmente avrete notato che se cercate un prodotto in rete, ad esempio su un rivenditore come Amazon, quando visitate successivamente altri siti Web vi verranno proposti annunci che promuovono prodotti simili a quello che avete appena cercato. Se questo tipo di tracciamento vi preoccupa (e dovrebbe farlo), una buona contromisura è quella di utilizzare una VPN capace di mantenere nascosto il vostro IP e in grado di eliminare efficacemente lo spam mirato.

6. Download anonimi 

I download di software e audiovisivi peer-to-peer, come i torrent, continuano a crescere in popolarità. E nonostante sia illegale scaricare tali contenuti se protetti da copyright, esistono anche situazioni d'uso legali, come il download di distribuzioni Linux o software open source come LibreOffice (un'alternativa gratuita a Microsoft Office).

Questi download sono “seguiti” da tracker torrent, sistemi di monitoraggio che nel tempo possono accumulare un vero e proprio tesoro di informazioni sui propri utenti. Sebbene la preoccupazione più ovvia sia che questi dati possano essere consegnati alle autorità, queste informazioni potrebbero più banalmente essere vendute al miglior offerente. Poiché questo tipo di raccolta dati viene in gran parte gestita usando gli indirizzi IP, l’utilizzo di un torrent tramite una VPN è la soluzione più semplice ed efficace per prevenire la raccolta dei propri dati personali.

 7. Collegamento verso enti pubblici e privati

Le grandi organizzazioni, come scuole, università e aziende private dispongono di una grande quantità di risorse informatiche che possono essere usate a vantaggio dei loro studenti o dipendenti e permettono di eseguire efficacemente le proprie attività di studio e di lavoro. 

Pensate ad esempio ad un programmatore in remote working che decida di fare l’upload di una versione software che ha appena finito di modificare sul proprio PC di casa. In ogni caso, anche università e aziende devono salvaguardare i loro preziosi dati, pertanto è necessario proteggere gli accessi da qualsiasi intrusione esterna e una VPN è certamente in grado di svolgere questo compito in modo adeguato.

8. Streaming di contenuti bloccati 

Si parla di restrizioni geografiche quando i contenuti Internet vengono bloccati in base alla posizione geografica dell'utente. Ciò accade spesso nel caso di programmi TV o film, ad esempio l'accesso a Raiplay è bloccato per coloro che desiderano utilizzare il servizio al di fuori dal nostro paese, pur avendone diritto.

Perciò se siete in viaggio all'estero e desiderate guardare l’ultima puntata della vostra serie preferita su Netflix e non ci riuscite perché è bloccata geograficamente, una VPN con server situati nel paese appropriato può aiutarvi a risolvere il problema. Se non siete sicuri di quale servizio scegliere, una delle nostre guide specifiche come quella alle migliore VPN per Netflix, potrebbe venirvi in aiuto.

9. Evitare il traffic shaping 

Il traffic shaping (conosciuto anche con lo pseudonimo di packet shaping) avviene quando il traffico Internet viene analizzato ed elaborato in modo da essere conformato secondo un determinato schema. Sebbene ciò non sembri una cosa particolarmente negativa, il traffic shaping viene spesso eseguito dagli ISP per garantire un certo livello di prestazioni e mantenere qualità e velocità con cui i pacchetti vengono inviati regolari nel tempo, smussando i picchi e mantenere un flusso più costante possibile. Questa tecnologia viene spesso correlata con il controllo del traffico.

In tal caso, se la velocità del flusso di rete supera un limite, alcuni pacchetti verranno scartati d’ufficio, causando un disservizio all’utente. Il traffic shaping e il controllo del traffico non si escludono a vicenda e sono spesso usati insieme per la limitazione della larghezza di banda, al fine di limitare l’occupazione di banda ad alcune tipologie di dati come i download peer to peer. Utilizzando una VPN, il traffico viene crittografato, rendendo impossibile effettuare questo tipo di analisi ed evitando qualsiasi limitazione della velocità, oltre a quella tipica del vostro abbonamento.

10. Rendere dura la vita agli hacker 

Potreste essere consapevoli del fatto che un firewall è progettato per tenere lontani gli aggressori dalla vostra rete domestica. Spesso si utilizza quello installato sul proprio router, ma esistono anche altre soluzioni, come l’utilizzo di hardware dedicato (firewall software) oppure software da installare sui propri dispositivi che proteggono solo il singolo host.

Gli hacker normalmente utilizzano l’indirizzo IP per scovare le reti online. Poiché una VPN vi permette di connettervi a un server remoto e vi assegna un indirizzo IP diverso, qualsiasi attacco sarà pertanto diretto contro il server VPN e non verso la vostra rete domestica o il vostro dispositivo. La VPN si rivela pertanto un efficace livello di difesa da hacker e gruppi di malviventi presenti su Internet.