Skip to main content

Le migliori VPN per la Cina del 2020

Le migliori VPN per la Cina
(Image credit: Future)

Non stupisce che le VPN siano molto popolari in Cina non solo tra i turisti ma anche tra gli stessi residenti. La grande muraglia digitale, infatti, continua  a bloccare siti e piattaforme su tutto il territorio cinese.

Se avete seguito gli avvenimenti degli ultimi anni, saprete quanto il governo di Pechino regoli in maniera molto severa l’accesso a interne. Restrizioni che adesso si sono estese anche a Hong Kong.

Ecco perché procurarsi una delle migliori VPN per la Cina è ormai diventato indispensabile per residenti e turisti per poter accedere ai contenuti bloccati. E non ci riferiamo a siti semi-sconosciuti che in pochi comunque userebbero, ma di colossi del settore come Google, Facebook, Twitter, Netflix e molti altri. Questo blocco non esclude neanche i servizi di messaggistica, primo fra tutti WhatsApp.

Ovviamente l’uso delle VPN non è particolarmente visto di buon occhio dalle autorità locali, tanto che l’anno scorso sono state vietate, anche se non è chiaro quali possano essere le conseguenze se si usa questo tipo di software “non autorizzato”. Molti provider VPN, in ogni caso, continuano a vendere il proprio servizio in Cina e qui trovate elencati i cinque migliori che permettono di aggirare la grande muraglia digitale.

Come scegliere la migliore VPN per la Cina

Aggirare un livello di censura come quello imposto dal governo cinese è tutt'altro che facile, ma alcune VPN si sono dimostrate all'altezza di una situazione così complessa. Ovviamente bisogna scegliere un provider particolarmente competente e magari scegliere direttamente quella che secondo noi è la migliore VPN da usare in Cina.

Una buona VPN da usare sul territorio cinese deve rispettare una serie di caratteristiche. Innanzitutto, deve avere un buon servizio di assistenza dato frequentemente potrebbero servire indicazioni sui migliori server da usare. Dunque accertatevi che il provider metta a disposizione un supporto via chat 24/7. Altri criteri da tenere in considerazione sono l’estensione della rete di server (con un occhio particolare a quelli sul territorio asiatico), l’affidabilità della velocità di connessione e le misure per la sicurezza e la tutela della privacy.

La migliore VPN che funziona in Cina è:

(Image credit: Future)

1. ExpressVPN

La miglior VPN per la Cina

Funziona in Cina: Sì | Numero di server: 3.000+ | Aree geografiche: 160 | Numero massimo di dispositivi: 5 | Live chat 24/7:

Disponibile su tutti i dispositivi
Ampia scelta di server ottimizzati
Nel complesso un servizio eccezionale
Ottima assistenza via chat
Poco più costosa della concorrenza

Le migliori VPN per la Cina del 2020 - 3 mesi gratuiti con il piano annuale

Logo TechRadar Editor's Choice

ExpressVPN è una delle VPN più popolari in Cina ed è un provider di riferimento per molti perché aggira abilmente le restrizioni della grande muraglia digitale. L'ampia gamma di posizioni dei server di Express è un grande vantaggio, soprattutto per quelli con base a Hong Kong, Taiwan e Giappone.

ExpressVPN offre prestazioni coerenti e affidabili, con app per la maggior parte dei dispositivi, inclusi i router. Per eventuali problemi è disponibile la chat 24 ore su 24 e l'assistenza via mail disponibili anche dalla Cina (il sito non è bloccato).

Questo provider monitora attivamente la sua rete per l'accessibilità dalla Cina e garantisce che il suo software sia all'avanguardia rispetto agli sforzi per bloccare le connessioni. ExpressVPN utilizza protocolli di offuscamento e tecnologia avanzata per offrire la migliore esperienza possibile agli utenti in Cina. Non esiste una prova gratuita e il prezzo non è economico. 

C’è, infine, una garanzia di rimborso entro 30 giorni e l’abbonamento annuale offre il miglior rapporto qualità-prezzo.

La migliore VPN per la Cina: 49% di sconto e tre mesi gratis

Ormai dovrebbe essere chiaro… se avete bisogno di una VPN per la Cina, ExpressVPN è la scelta migliore. L’offerta di questo provider diventa ancora più vantaggiosa considerando il rimborso entro 30 giorni e il fatto che i lettori di TechRadar possono ottenere 3 mesi gratis e uno sconto del 49% sull’abbonamento annuale.Vedi offerta

(Image credit: NordVPN)

2. NordVPN

Progettato per superare la muraglia digitale

Funziona in Cina: Sì | Numero di server: 5.000+ | Aree geografiche: 55+ | Numero massimo di dispositivi supportati: 6 | Live chat 24/7:

Ottima varietà di aree geografiche
Buone prestazioni
Sblocca molti siti di streaming
Su dispositivi mobili è da migliorare

NordVPN ha dedicato un intero team alla scopo di aggirare il blocco dei siti web in paesi come l'Arabia Saudita, l'Iran e, ovviamente, la Cina. Questo provider tiene sotto controllo l’andamento delle connessioni con questi Paesi in modo da implementare tempestivamente le azioni necessarie per aggirare eventuali nuovi blocchi.

Proprio questa dedizione a superare i blocchi territoriali rendere NordVPN una delle migliori opzioni per aggirare la grande muraglia digitale della Cina. Inoltre ha server offuscati in molti Paesi vicini come il Giappone e Hong Kong con caratteristiche come la doppia VPN in Thailandia per un maggiore anonimato. Avere server così vicini significa avere maggiore stabilità e velocità quando si accede dalla Cina.

Recentemente l’assistenza attraverso la live chat è migliorata molto rivelandosi estremamente utile quando vi imbattete in qualche problem. E se non sarete ancora sicuri che NordVPN faccia al caso vostro, potete sempre chiedere il rimborso entro 30 giorni.

NordVPN: abbonamenti e prezzi

Nel complesso NordVPN ha ottimi prezzi e spesso propone offerte vantaggiose. Come ExpressVPN e altri provider che offrono anche servizi gratuiti, Nord offre la possibilità di ottenere un rimborso in caso di ripensamenti. Avrete così un mese di tempo per provarla prima di decidere se impegnarvi con la sottoscrizione di un abbonamento per due o tre anni.Vedi offerta

Surfshark - Le migliori VPN per la Cina

(Image credit: Future)

3. Surfshark

Semplice, economica ed efficiente

Funziona in Cina: Sì | Numero di server: 1.700+ | Aree geografiche: 60+ | Numero massimo di dispositivi supportati: Illimitati | Live chat 24/7:

Funziona molto bene con la Cina
Prezzo interessante
Facile da usare
Per alcuni potrebbe risultare troppo essenziale
L’app Android è da migliorare

Grazie al buon rapporto qualità-prezzo e alla semplicità della sua interfaccia, Surfshark, VPN con sede nelle Isole Vergini Britanniche,  è riuscita a scalare le posizioni di questa classifica. La possibilità di aggirare la grande muraglia digitale cinese ha di certo contribuito.

Come ogni buona VPN, Surfshark dispone di un gran numero di server (oltre 1.700) dandovi molta scelta per cambiare indirizzo IP e farvi risultare in un’area geografica del tutto diversa da quella in cui vi trovate. Un altro merito di Surfshark è quello di avere un’interfaccia semplice e diretta, con tasti e indicazioni (come la connessione veloce) facili da seguire.

Se quello che vi interessa principalmente è tutelare la vostra privacy quando vi connettete dalla Cina, Surfshark riesce ad andare incontro anche a queste esigenze. La VPN include protocolli come OpenVPN UDP e TCP, quello di sicurezza IKEv2, crittografia AES-256 e una kill switch per proteggere i vostri dati nel caso in cui perdiate la connessione. Per garantire una maggiore sicurezza ci sono anche un DNS privato e una funzionalità di doppia VPN.

Nonostante il prezzo basso, Surfshark non ha un tetto massimo di dispositivi con i quali connettersi simultaneamente. Tutto questo rende il rapporto qualità-prezzo di questa VPN davvero conveniente.

Surfshark: VPN di qualità a un ottimo prezzo

Surfshark non supera ExpressVPN sul fronte della qualità, ma offre un servizio eccellente a un prezzo incredibilmente basso. Il costo mensile ammonta a meno di €1,75 al mese.Vedi offerta

4. Hotspot Shield

Un nome importante del settore con un buon piano gratuito

Funziona in Cina: Sì | Numero di server: 3.200+ | Aree geografiche: 80+ | Numero massimo di dispositivi supportati: 5 | Live chat 24/7:

Connessioni veloci
Semplice e facile da usare
Più economica della concorrenza
Non funziona con i servizi di streaming
Poco flessibile

Nel settore delle VPN, Hotspot Shield è molto conosciuta per la sua ineguagliabile versione gratuita. Nonostante questo, il provider si è sforzato molto per migliorare la sua versione a pagamento, riuscendo anche ad aggirare il blocco cinese.

Nonostante il nome da film d’azione anni ‘80, il protocollo proprietario Catapult Hydra rende straordinariamente veloce la connessione con i server di Hotspot, anche quelli più lontani. In conclusione, si tratta di una VPN che vi tornerà molto utile se vi trovate in Cina e volete connettervi a qualche server negli Stati Uniti, nel Regno Unito o in qualsiasi altra zona del mondo.


(Image credit: Shutterstock)

5. VyprVPN

Ottimo equilibrio tra velocità e sicurezza

Funziona in Cina: Sì | Numero di server: 700+ | Aree geografiche: 70+ | Numero massimo di dispositivi supportati: 5 | Live chat 24/7:

Il protocollo Chameleon funziona bene
Rimborso entro 30 giorni
Sblocca Netflix e non solo
La velocità non è all’altezza di altre VPN

Uno dei principali vantaggi di VyprVPN è il suo protocollo di sicurezza proprietario Chameleon che può aiutare ad aggirare i blocchi e camuffando i metadati dei pacchetti del protocollo OpenVPN per aggirare un certo tipo di controlli.

VyprVPN è una cosiddetta rete VPN “di livello 1”, il che significa che è anche proprietaria dei server; ce ne sono infatti abbastanza per garantire buone prestazioni (14 si trovano in Asia), insieme a un solido supporto per i sistemi operativi mobili e chat 24/7 per la risoluzione dei problemi.

Il tanto apprezzato protocollo Chameleon è escluso dal piano di base, che offre comunque tre connessioni simultanee. VyprVPN è sicuramente costosa, ma c’è una garanzia di rimborso entro 30 giorni. Possiamo dire che comunque la spesa risulta adeguata al servizio: l’opzione premium migliore è il piano annuale per ottenere i vantaggi della tecnologia Chameleon e risparmiare di più.


Quali siti sono bloccati in Cina?

La lista dei siti e dei servizi internet bloccati sul territorio cinese è molto lunga e include anche i nomi di alcuni colossi del settori. Ne abbiamo citati alcuni nell’introduzione, ma qui vogliamo proporvi un elenco più completo, anche se decisamente lontano dall’essere onnicomprensivo:

  • BBC
  • CNN
  • Facebook (incluso Messenger)
  • Gmail
  • Google e le relative app (come Calendario, Docs, Hangouts, Mappe)
  • Hootsuite
  • Instagram
  • OneDrive
  • New York Times
  • Pinterest
  • Reddit
  • Reuters
  • Slack
  • Snapchat
  • Spotify
  • Twitch
  • Twitter
  • Wall Street Journal
  • Wikipedia
  • WhatsApp
  • YouTube

Per saperne di più:

Abbiamo testato e recensito VPN nel rispetto della normativa vigente e prettamente per scopi ricreativi, ad esempio:

1. Accedere a servizi di altri Paesi (nel rispetto dei termini e delle condizioni del servizio cui si accede);

2. Proteggere la propria sicurezza e aumentare la propria privacy online;

Non supportiamo in alcun modo utilizzi illegali o fraudolenti dei servizi VPN. L’utilizzo di VPN per accedere a contenuti pirata non è in nessun modo approvato da Future Publishing.