Skip to main content

Recensione Surfshark VPN

Un servizio VPN veloce, ma non senza problemi

Pagina principale
Immagine: Surfshark
(Image: © Image Credit: Surfshark)

Il nostro verdetto

Surfshark offre prestazioni solide e alcune funzioni avanzate, ma è ancora in fase di sviluppo e ci sono alcuni problemi. Provatelo, ma fate attenzione.

Pro

  • Funzioni avanzate
  • Riesce a sbloccare Netflix
  • Piano biennale molto economico
  • Supporto rapido via chat

Contro

  • Nessun periodo di prova
  • L'interfaccia dell'app potrebbe essere migliorata
  • Anche il sito Web di supporto andrebbe migliorato
  • Alcuni server potrebbero non trovarsi fisicamente nell’area dichiarata

(Image credit: Future)

Surfshark è una piccola VPN. Quanto piccola? Al momento nel quale scriviamo, l'app Android di Surfshark è stata installata più di 50.000 volte. In confronto, ExpressVPN conta 10 milioni di installazioni.

Questi numeri non sono tutto dato che non ci sono dubbi sul fatto che Surfshark abbia una buona raccolta di funzioni. Surfshark offre oltre 800 server in 69 località in 50 paesi, oltre alla compatibilità con Windows, Mac, iOS e Android, estensioni per Chrome e Firefox e nessun limite al numero di connessioni simultanee.

È presente un servizio di blocco della pubblicità e degli URL, il supporto P2P sulla maggior parte dei server, il VPN chaining (che permette di usare contemporaneamente due server), lo split tunneling, i server DNS a dell'azienda che garantiscono la vostra privacy e il supporto 24/7 se qualcosa va storto.

Il piano mensile di Surfshark è più caro di quello offerto da altri servizi, parliamo di  ben 9.89 €. Abbonandosi per un anno, il prezzo viene ridotto a 4.99 € al mese (CyberGhost, NordVPN, VyprVPN e simili costano meno della metà). Il piano biennale sembra un vero affare a 1.79 € al mese, uno dei prezzi più bassi che abbiamo visto per una VPN con un set completo di funzioni. Se avete fatto bene i vostri conti, il piano biennale vi costerà meno che abbonarvi per un solo anno.

I metodi di pagamento sono veramente numerosi, infatti sono supportate carte di credito, PayPal, criptovalute, Amazon Pay, Google Pay e Ali Pay. 

Sfortunatamente dovrete pagare in anticipo, poiché Surfshark non ha un periodo di prova gratuita (anche se potete ottenere sette giorni gratis se vi iscrivete tramite l'app), e l’abbonamento è rimborsabile entro 30 giorni.

Surfshark non mantiene alcun registro sui propri utenti e protegge la connessione con la crittografia AES 256 e un kill switch.

Surfshark

Surfshark non effettua il log dei dati e usa una protezione della vostra connessione con una chiave di criptazione AES 256 e un kill switch (Immagine: Surfashrk)

Privacy e log dei dati 

La privacy di Surfshark è garantita grazie ad elementi base per un servizio VPN: protocolli sicuri (OpenVPN UDP e TCP, IKEv2), crittografia AES-256 e un kill switch per bloccare l'accesso a Internet e prevenire perdite di identità in caso di interruzione della connessione.

Ed è solo l'inizio. Surfshark ha il proprio DNS privato su ciascun server per ridurre la possibilità che altri spiino le vostre attività. Inoltre è presente la possibilità di utilizzare il servizio VPN double hop (potrete connettervi al a Parigi, quindi passare anche per quello che si trova a New York) in modo da rendere ancora più difficile per chiunque seguire le vostre tracce.

Come ExpressVPN, Surfshark ha sede nelle Isole Vergini britanniche e la società sottolinea che ciò significa che non è necessario tenere registri delle azioni dell'utente.

Una pagina FAQ lo spiega chiaramente, affermando che Surfshark non raccoglie: "Indirizzi IP in entrata e in uscita; dati su navigazione, download o cronologia degli acquisti; server VPN utilizzati dall’utente; larghezza di banda utilizzata; Informazioni sulla sessione; timestamp di connessione; traffico di rete”.

Gli unici dati che l'azienda conserva sono il vostro indirizzo e-mail e le informazioni di fatturazione, spiega la FAQ. Un particolare che abbiamo gradito molto.

Surfshark riferisce di aver superato un audit di sicurezza effettuato dalla società tedesca Cure53. L'esame si è limitato a un controllo delle estensioni per browser di Surfshark, quindi non possiamo esprimere un parere sul logging o altri processi di back-end. Cure53 ha riscontrato solo due problemi relativamente piccoli e ha concluso che era "molto soddisfatta di vedere una posizione di sicurezza così forte sulle estensioni VPN di Surfshark, soprattutto vista la vulnerabilità riscontrata in molti prodotti simili per quanto riguarda la privacy". 

Surfshark

L'interfaccia per windows di Surfshark sarà molto familiare a chi ha usato altre VPN (Immagine: Surfshark) 

(Image credit: Image Credit: Surfshark)

Apps

Iniziare ad usare Surfshark è stato facile. Abbiamo scaricato e installato il client per Windows, scelto l'opzione per registrarci e siamo stati anche in grado di selezionare un piano ed eseguire il pagamento all'interno del programma di installazione senza dover usare browser di terze parti.

L'interfaccia del client per Windows è tra le più versatili che abbiamo visto, in grado anche di adattarsi se si ridimensiona la finestra. Quando questa è piccola, il client assomiglia molto a qualsiasi altra app VPN, con un pulsante Connetti, informazioni sullo stato e un elenco di posizioni. Ma espandendola la finestra del client e le sue posizioni sono visualizzate in più colonne. 

Connettersi è facile: una volta premuto l’apposito pulsante, le notifiche sul desktop indicheranno quando ci si connette e ci si disconnette, mentre l'interfaccia si aggiornerà per visualizzare la nuova posizione virtuale e l'indirizzo IP.

I tempi di connessione sono stati normali durante la recensione.

Un elenco di località di base vi consente di scegliere tra tutti i Paesi disponibili. Una casella di ricerca accelera la scelta di un Paese, ma non esiste un elenco preferiti per gestire i server che si usano di solito e neppure nessun dato riguardante il carico del server o tempi di ping per aiutarvi a fare la scelta migliore. È però presente un elenco con i server ai quali vi siete connessi di recente, e se usate sempre gli stessi tre o quattro server, sarà facile ritrovarli.

MultiHop

Surfshark include anche una funzionalità MultiHop che fa passare il vostro traffico attraverso due server VPN per una maggiore sicurezza (Immagine: Surfshark) 

(Image credit: Image Credit: Surfshark)

Una scheda separata per il MultiHop permette di trasmette il traffico attraverso due server VPN per la massima sicurezza. Sono disponibili 13 percorsi, e il primo server è quello al quale vi connetterete all'inizio (le opzioni includono Stati Uniti, Regno Unito, Singapore, Germania, Francia, India, Paesi Bassi e Australia) e il secondo è il Paese nel quale apparirete al mondo esterno (Francia, Germania, Hong Kong, Paesi Bassi, Portogallo, Singapore, Svezia, Regno Unito, Stati Uniti.)

Dopo tutta questa semplicità dell'interfaccia utente, non ci aspettavamo molto dal pannello Impostazioni. Siamo però rimasti positivamente sorpresi dalla quantità di impostazioni ed extra presenti.

Un pannello di protezione per lo smart Wi-Fi consente di definire cosa fa il vostro client quando si accede a una rete. Può connettersi automaticamente ogni volta, o solo quando la rete è sconosciuta; chiedervi cosa fare, o non intraprendere alcuna azione automatica.

Kill switch

Potete abilitare il kill switch di Surfshark dal menu delle impostazioni (Immagine: Surfshark) 

(Image credit: Image Credit: Surfshark)

Un kill switch disabilita l'accesso a Internet quando la connessione VPN si interrompe.

La funzione CleanWeb di Surfshark blocca annunci, tracker e collegamenti dannosi. Non siamo sicuri di quanto sia efficace, visto che durante i nostri test rapidi abbiamo trovato strumenti specializzati proprio in questo come uBlock Origin che bloccavano più annunci e offrivano maggiore controllo.

Sarete in grado di creare una lista di applicazioni e siti Web che aggireranno la VPN (un equivalente della funzionalità split tunneling di provider come ExpressVPN), un'ottima notizia se avete bisogno di un controllo accurato su ciò che passa attraverso il Tunnel VPN.

La modalità NoBorders ha lo scopo di aiutare a collegarvi nei paesi in cui le VPN sono comunemente bloccate. Surfshark non ha spiegato nel dettaglio quello che fa, ma presumibilmente cerca di offuscare il traffico in qualche modo.

Le funzioni più convenzionali includono le opzioni per avviare la VPN insieme a Windows o modificare il protocollo tra OpenVPN UDP e TCP o IKEv2.

Il client Windows di Surfshark può sembrare basilare, e non c'è dubbio che il selettore della posizione sia più limitato rispetto ai concorrenti. Ma ci sono altre funzioni aggiuntive e, se le utilizzerete, vale la pena provarlo.

Installando l'app per Android, abbiamo trovato un'interfaccia molto simile e semplice: poco più di un pulsante Connect e un logo Surfshark.

Toccando le icone nella parte inferiore dello schermo, è possibile accedere alla maggior parte delle funzioni di Surfshark, inclusa la possibilità di personalizzare le regole di connessione automatica tramite la rete, il filtro URL e uno split tunneling simile a WhiteLister.

Nella app troviamo alcune funzioni importantitra cui un kill switch integrato e la possibilità di modificare il protocollo tra OpenVPN e IKEv2. C'è anche una comoda opzione aggiuntiva, "Usa pacchetti piccoli ", che può migliorare le prestazioni con alcune reti mobili e router.

OpenSpeedTest

Testiamo le prestazioni di ogni VPN che esaminiamo con OpenSpeedTest (Immagine: OpenSpeedTest)

Prestazioni 

Il supporto di Surfshark per OpenVPN include la possibilità di scaricare i file di configurazione per ciascuno dei suoi server. Questa è una buona notizia se state pianificando di impostare manualmente il servizio su altre piattaforme che li possono usare, e ci ha anche permesso di utilizzare il nostro software di test automatizzato per controllare 40 sedi di Surfshark.

I tempi di connessione potrebbero essere un po' più lunghi del solito, da due a otto secondi (anche se è improbabile che lo notiate, a meno che non vi mettiate a cronometrare), ma non si sono verificati errori di connessione e la latenza rientrava nell'intervallo previsto.

Tutti i server hanno restituito gli indirizzi IP per le posizioni dichiarate, ma l'esecuzione di test del ping ha suggerito che alcuni potrebbero trovarsi altrove. Sia i server di Mumbai che quelli del Vietnam sembravano trovarsi Germania o nelle sue vicinanze, per esempio. Se, come è probabile, vi trovate più vicino alla Germania che al Vietnam, probabilmente non vi importerà, poiché otterrete velocità migliori pur avendo un IP vietnamita. Ma se vi trovate più vicino al Vietnam, questo potrebbe influire sui tempi di risposta.

Le velocità di download per le località più vicine e più popolari erano ragionevoli. I test eseguiti nel Regno Unito sono state soddisfacenti, abbiamo rilevato circa 55-60 Mbps utilizzando con la nostra rete da 75 Mbps, i server vicini all'europa hanno restituito risultati simili di 40-50 Mbps e le connessioni statunitensi ci hanno fatto registrare 48-54 Mbps.

Anche connettendoci all'altra parte del mondo non abbiamo compromesso i risultati in modo significativo, i server in Australia e Nuova Zelanda ci hanno garantito 30-40 Mbps.

Netflix

Surfshark è stato in grado di sbloccare Netflix in tutti i nostri test (Immagine: Netflix) 

Netflix

Surfshark ha i suoi problemi, ma dobbiamo dare credito all'azienda per la sua posizione su Netflix. Non perdere tempo con affermazioni vaghe e generali sull'aggiramento delle restrizioni geografiche: il sito Web pubblicizza lo sblocco della versione statunitense di Netflix come una delle caratteristiche principali di Surfshark.

E queste promesse sono state portate a termine in quanto siamo stati in grado di accedere alla versione statunitense di Netflix da tutte e cinque le sedi dei nostri test.

YouTube ha solamente le più elementari protezioni geografiche, quindi non ci ha sorpreso l'essere stati in grado di aggirarle grazie a Surfshark e sfogliare i contenuti YouTube statunitensi.

BBC iPlayer a volte può rappresentare una sfida, ma non stato questo il caso. Surfshark ha aggirato facilmente il suo blocco VPN, dandoci accesso da entrambe le sue sedi nel Regno Unito.

Immagine: Surfshark

Il sito di supporto di Surfshark ha una serie di tutorial su come eseguire la configurazione della connessione VPN (Immagine: Surfshark) 

Supporto 

Se incontrate qualche problema con Surfshark, il sito di supporto ha diversi tutorial di installazione e guide per la risoluzione dei problemi, domande frequenti e altre risorse per indirizzarvi nella giusta direzione.

Sebbene il contenuti siano pochi , questi sono incentrati principalmente sulla configurazione, ad esempio includendo guide per configurare il servizio per l'esecuzione su vari router. Quando abbiamo cercato maggiori dettagli sulle funzioni di Surfshark, abbiamo scoperto che la maggior parte sono descritte usando le stesse parole usate sul sito Web principale e altri (come ad esempio la funzione NoBorders) non sono stati menzionati affatto.

Fortunatamente, in caso di problemi, l'assistenza è disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7, tramite chat live. Abbiamo fatto una semplice domanda su NoBorders e circa due minuti dopo un operatore ha spiegato ciò che volevamo sapere. I problemi più complessi di connessione probabilmente richiederanno più tempo per essere risolti, ma sembra che non dovrete aspettare molto prima che Surfshark vi indirizzi nella giusta direzione.

Verdetto finale 

Surfshark è una VPN veloce e potente con una serie di funzionalità avanzate. Ci sono anche alcuni problemi, ma il servizio merita comunquedi essere nella vostra lista VPN.