Skip to main content

Zelda Breath of the Wild in 8K con ray tracing è a dir poco incredibile

Breath of the Wild
(Image credit: Nintendo)

Il silenzio stampa su Breath of the Wild 2 continua, con Nintendo che ha deciso di non svelare nessuna novità sul tanto atteso sequel di The Legend of Zelda: Breath of the Wild neanche durante l'ultimo Nintendo Direct.

Anche se per ora sappiamo molto poco sull'imminente ritorno di Link, continuano a trapelare indiscrezioni sulla nuova Nintendo Switch 2 (o Nintendo Switch Pro). Secondo le ultime notizie, la Switch 2 sarà una console molto più potente della Nintendo Switch originale e supporterà la riproduzione di contenuti 4K quando collegata al televisore.

Tutto questo lascia molto spazio all'immaginazione, e i fan più fantasiosi staranno sicuramente sognando tutte cose che la nuova Nintendo Switch 2 permetterà di fare. A  questo proposito, ci siamo sempre chiesti quali orizzonti potrebbe raggiungere Nintendo Switch 2 grazie a un hardware più potente. In tal senso ci vengono in aiuto gli emulatori per PC, che possono trasformare alcuni di questi sogni a occhi aperti in realtà.

Nel video qui sotto potete vedere il risultato ottenuto da un utente che ha upscalato The Legend of Zelda: Breath of the Wild a 8K con l'aggiunta di ray tracing. Il primo capitolo della saga Breath of the Wild è probabilmente uno dei più belli tra i giochi per Nintendo Switch usciti finora: grazie a questo esperimento possiamo vederlo sotto una luce completamente nuova, con una fedeltà grafica semplicemente impossibile da raggiungere con Nintendo Switch (e probabilmente anche con la Switch 2).

Il video, condiviso dal canale YouTube Digital Dreams, mostra la versione per Wii U del famoso gioco open world in esecuzione tramite l'emulatore CEMU.

Come potete vedere, l'illuminazione simulata dal ray tracing rende i paesaggi rigogliosi di Breath of the Wild semplicemente sensazionali e l'applicazione della mod REVO Reshade Redux rende il gioco più realistico che mai.

La strategia

Purtroppo è probabile che dovremo aspettare ancora anni prima che si riesca a raggiungere un livello simile su Nintendo Switch. Sin dall'uscita della GameCube, Nintendo ha optato per una strategia differente rispetto a quella di Microsoft e Sony, scegliendo hardware più economico e meno potente a favore di nuovi controller e design innovativi. Questa strategia peraltro ha quasi sempre dato i suoi frutti, come testimoniano il successo della Wii, del Nintendo DS e della Nintendo Switch.

Via PC Gamer