Skip to main content

Xiaomi Mi 10: data di uscita, prezzo, notizie e indiscrezioni

Xiaomi Mi 9 SE
Xiaomi Mi 9 SE (Image credit: Future)

Xiaomi Mi 10 è previsto per i primi mesi del 2020 e il successore di Xiaomi Mi 9 si preannuncia già come uno dei modelli di fascia media più interessanti dell’anno e un concorrente temibile per OnePlus 8 o Huawei P40.

Gli smartphone più interessanti che vedremo nel 2020:

Se il 2019 è stato l’anno in cui i dispositivi Xiaomi si sono fatti apprezzare anche in Europa, il 2020 potrebbe essere l’anno in cui l’azienda potrebbe venire annoverata tra i grandi della telefonia mondiale come Apple, Samsung e Huawei grazie a una serie di smartphone dalle prestazioni eccellenti e dal prezzo davvero interessante. Il primo passo verso i grandi è stato, verso la fine del 2019, il lancio di Xiaomi Mi Note 10 e ci auguriamo che il testimone venga passato al Mi 10 una volta messo in commercio.

Dalle notizie finora giunte in redazione ci aspettiamo il debutto in Cina di Xiaomi Mi 10 nei primi giorni di febbraio (idealmente appena prima di Samsung Galaxy S11), seguito da quello mondiale durante il Mobile World Congress 2020 verso la fine del mese, quindi non manca poi molto.

A oggi abbiamo sentito qualcosa riguardo alle caratteristiche del telefono ma ci siamo anche fatti un’ideale “lista della spesa” delle cose che vorremmo vedere integrate nel telefono a partire da quello che potete leggere di seguito.

Ultime notizie: Xiaomi ha mostrato una nuova tecnologia per lo schermo che userà una velocità di refresh pari a 144Hz, un dato che lo porterà a surclassare ogni altro telefono attuale. Questa tecnologia potrebbe venire integrata nel Mi 10, come mostrato in un dispositivo disponibile solo in alcune nazioni.

Facciamo il punto

  • Cos’è? Il nuovo portabandiera Xiaomi di fascia media
  • Data di uscita? Molto probabilmente aprile 2020
  • Quanto costerà? All’incirca 500 euro

Xiaomi Mi 10: data di uscita e prezzo

Il miglior indizio sull’effettiva data di uscita di Xiaomi Mi 10 si basa sulla data di uscita del suo predecessore, lo Xiaomi Mi 9, il che non è neanche troppo sicuro visto che l’azienda non ha mai programmato le uscite degli smartphone in modo annuale ma è sempre meglio di niente.

Xiaomi Mi 9 ha debuttato in Cina nei primi giorni del 2019, prima di essere presentato ufficialmente al mondo durante lo scorso MWC 2019.

Dal canto nostro abbiamo ricevuto notizie che Xiaomi stia preparando il lancio cinese di Mi 10 in modo da anticipare di qualche giorno quello di Samsung Galaxy S11. Questo parrebbe un deja-vu e potrebbe far risultare il Mi 10 uno dei migliori dispositivi al MWC2020.

In termini di prezzo non abbiamo avuto grosse indiscrezioni, ma ci aspettiamo che il Mi 10 non arrivi a discostarsi troppo da quello di Mi 9 e quindi ci aspettiamo un prezzo da circa 500 euro in su in base alla quantità di memoria disponibile.

Una notizia proveniente da Weibo parla di una versione “Pro” del telefono, e lascia intendere che avrà un prezzo, in Cina, di circa 3,799CNY (all’incirca  500 euro). Questo telefono disporrà di 12 GB di RAM e 128 GB di spazio di archiviazione mentre per la versione da 512 GB si dovrà aumentare la cifra di circa un centinaio di euro visto che in Cina sarà di 4.499CNY. I prezzi cinesi tuttavia non sono indicativi di quelli del resto del mondo, quindi prendete questi dati con le dovute cautele.

Detto questo, alcune delle caratteristiche previste vanno ben oltre quelle viste su Mi 9, quindi immaginiamo che il prezzo possa ottenere delle modifiche verso l’alto.

Xiaomi Mi 9

Xiaomi Mi 9 (Image credit: TechRadar)

Xiaomi Mi 10: indiscrezioni e fughe di notizie

Questo sembra replicare quanto successo con il processore Snapdragon 855, ovvero mentre nel 2019 Samsung Galaxy S10 è stato il primo a disporne in più aree, Xiaomi Mi 9 è stato tecnicamente il primo a montarlo essendo stato lanciato prima in Cina.

Potremmo non aver visto nascere molte news attorno a Xiaomi Mi 10 ma quello che non abbiamo visto in quantità lo abbiamo sicuramente visto in qualità visto che l’indiscrezione principale riguarda un enorme sguardo alle caratteristiche attribuite al Mi 10.

A dire il vero ci riferiamo alla “famiglia di smartphone” visto che sembra ne uscirà anche una versione Pro oltre a Xiaomi Mi 10. Per entrambe i telefoni si parla di uno schermo da 6,5 pollici a 90Hz, il che non farà posizionare il Pro nella zona dei modelli alternativi più grandi ”, e di una batteria da 4,500 mAh, quindi non saranno poi così lontani come specifiche. 

A dire il vero una differenza c’è, ed è grande: entrambe i telefoni saranno equipaggiati, si pensa, con la stessa fotocamera da 108 MP di Xiaomi Mi Note 10 ma, ed è davvero un gran bel ma, sembra che il Pro verrà affiancato un sistema composto da altre fotocamere da 48 MP, 12 MP e 8 MP. Al modello meno prestante si affiancheranno invece altre fotocamere da 20 MP, 12 MP e 5 MP, il che lo riporta nella media. Tuttavia non conosciamo ancora le specifiche di ciascun sensore.

Le velocità di caricamento potrebbero rappresentare un’altra grande differenza visto che Xiaomi Mi10 dovrebbe montare un sistema di ricarica veloce da 40 W e uno wireless da 30 W, mentre il Mi Pro 10 dovrebbe raggiungere valori da 66 e 40 W rispettivamente. Il Mi 10 standard avrà poi la possibilità di ricaricare altri dispositivi grazie al sistema “carica inversa” da 10 W e pensiamo che anche il Pro disporrà di questa funzione.

La grande novità però è data dal fatto che questo smartphone è destinato a montare un processore Snapdragon 865 e, se effettivamente vedrà la luce a febbraio, sarà il primo al mondo con questo chip top di gamma.

In termini di design la notizia principale riguarda alcune ipotesi viste sul web che ci mostrano lo Xiaomi Mi 10 Pro molto simile al Samsung Galaxy S10 Plus. Stiamo comunque parlando di voci e non esistono ancora foto ufficiali ma che ci danno complessivamente un’idea di come dovrebbe apparire il telefono. Parliamo di schermi arrotondati sui bordi e di fotocamere a doppia lente annegate nello schermo (pensiamo essere una fotocamera per i selfie e un sensore di profondità per un maggior effetto “bokeh” sullo sfondo).

Sul retro troveremo un sistema formato da quattro fotocamere, anche se quella più in basso sembra troppo piccola per essere una fotocamera da 8 MP; pensiamo sia più verosimilmente un sensore di profondità o una piccola fotocamera per i macro.

Abbiamo visto parecchie renderizzazioni anche di Xiaomi Mi 10 che mostrano un telefono meno raffinato dal punto di vista estetico, nel tweet si parla di “Pro” ma in seguito si è chiarito che si intendesse della versione standard.

Nonostante la maggior parte del design ricordi il Mi 10 Pro possiamo notare che non ha lo stesso design curvo sui fianchi, un fattore che, insieme alla fotocamera a minor risoluzione e alla velocità di ricarica meno prestante, è una caratteristica della versione base.

Troviamo anche qui la stessa doppia lente frontale e il sistema a quattro fotocamere nel retro, ma possiamo notare come la quarta lente sembri essere decisamente più grande che nel Pro. Date le voci di una differente risoluzione in megapixel ci aspettiamo anche una differenza nelle lenti, quindi come caratteristica ci sta.

Abbiamo alcune informazioni su Xiaomi Mi 10 che non rappresentano una fuga di notizie ma una tecnologia mostrata da Xiaomi che potrebbe venire integrata nello smartphone. Il Vice Presidente del colosso cinese ha mostrato uno schermo con tecnologia a 144 Hz su un telefono che non arriverà mai in Europa, ma che potrebbe equipaggiare lo Xiaomi Mi 10.

Xiaomi Mi 10: cosa ci piacerebbe vedere

Se fossimo incaricati di progettare Xiaomi Mi 10, ecco alcune delle caratteristiche che metteremmo all’interno.

1. La fotocamera per ritratti di Xiaomi Mi Note 10

per i ritratti 

per i ritratti  (Image credit: Future)

Uno degli aspetti che preferiamo della fotocamera di Xiaomi Mi Note 10 è la sua seconda lente tele che aiuta nel raggiungere lo zoom 2x e, usata in modalità Ritratto, ottiene ottimi risultati nel fotografare le persone.

Questo è uno dei migliori sistemi di “ritratto” montato in uno smartphone e il risultato è raggiunto grazie all’uso di una lente dedicata. Ci piacerebbe vedere lo stesso sistema installato nello Xiaomi Mi 10, con una lente dedicata solo a ritrarre persone ma, visto quanto trapelato finora, non sembra essere possibile.

2. Sistema operativo MIUI migliorato

Xiaomi Mi 9 Con la personalizzazione MIUI

Xiaomi Mi 9 Con la personalizzazione MIUI (Image credit: TechRadar)

Una delle perplessità che abbiamo avuto provando Xiaomi Mi 9 e qualche altro dispositivo Xiaomi, è che l’interfaccia MIUI sopra quella base di Android sembrerebbe avere ancora bisogno di qualche rifinitura.

MIUI tende ad avere troppo software inutile, secondo noi, e il suo aspetto estetico è qualcosa che o si ama o si odia nonostante i miglioramenti nel tempo.

Speriamo che con Xiaomi Mi 10 si possa vedere una nuova e migliorata versione di MIUI con meno applicazioni preinstallate.

3. Miglior autonomia

Xiaomi Mi 9T ha un’ottima autonomia

Xiaomi Mi 9T ha un’ottima autonomia (Image credit: TechRadar)

Xiaomi Mi 9 utilizza una batteria da 3,300 mAh leggermente sottodimensionata per un dispositivo con un display da 6.39 pollici e, in effetti, qualche volta siamo riusciti a fatica ad arrivare a fine giornata. 

Se Xiaomi Mi 10 otterrà anche solo la metà delle caratteristiche di cui si è sentito parlare, specialmente lo schermo con un alto refresh rate, avrà sicuramente bisogno di una batteria di maggiori dimensioni per raggiungere l’autonomia di Mi 9 se non per superarlo, cosa che ci aspettiamo vivamente.

Il Mi 10 ha davvero bisogno di una batteria da almeno 4,000 mAh, se non qualcosa di superiore, per farci felici.

4. Prezzo accessibile

Xiaomi Mi 9

Xiaomi Mi 9 (Image credit: Future)

Uno degli aspetti che abbiamo apprezzato di più di Xiaomi Mi 9 è che disponesse di alcune splendide caratteristiche nonostante si trattasse di un terminale di fascia media, e speriamo che la stessa cosa succeda con il Mi 10.

Vista la presenza di caratteristiche di fascia alta all’interno del Mi 10 non ci sorprenderebbe se il prezzo salisse di qualcosa (i sensori da 108 MP non sono certo economici, dopotutto) facendogli perdere uno dei punti di forza presenti in Mi 9.

Xiaomi è conosciuta per la produzione di sistemi economici, e ci piacerebbe che non cambiasse qualcosa con Mi 10 e trovasse un sistema per mantenere i prezzi il più bassi possibili.

5. Design unico

Il retro di Xiaomi Mi 8 Pro

Il retro di Xiaomi Mi 8 Pro (Image credit: Future)

Xiaomi Mi 9 ci è piaciuto, ha un aspetto molto standard per un telefono Android e non c’è nulla di male in questo, ma Xiaomi Mi 8 Pro era più affascinante (la parte posteriore semi-trasparente faceva intravedere l’interno) e vedendo la tendenza verso l’alto di Xiaomi Mi 10 ci aspettiamo che Mi 10 sia altrettanto affascinante.

Magari il terminale avrebbe potuto ricevere un insieme di bordi curvi come nel Mi Note 10, una fotocamera annegata nello schermo e non il notch, un insieme di fotocamere posteriori dal design più ricercato. Ci piacerebbe che la gente potesse esclamare “oh, quello è uno Xiaomi Mi 10” vedendolo nelle nostre mani invece di pensare ”chissà che telefono è”.