Skip to main content

Windows 10 introduce l'Auto HDR, una delle funzioni migliori di Xbox Series X

Gears 5
(Image credit: The Coaliton)

L'ultima anteprima di Windows 10 include un'interessante funzione pensata per i gamer e tratta dalla Xbox Series X, ovvero il supporto all'Auto HDR, insieme ad altre ottime novità.

Le nuove funzioni sono state introdotte nella build 21337, resa disponibile ai tester sul canale per sviluppatori (probabilmente verranno poi incorporate nell'aggiornamento 21H2 previsto più avanti nel corso dell'anno).

Come citato, il pezzo forte è l'arrivo dell'Auto HDR su PC, sebbene ancora in anteprima, dopo aver fatto il suo debutto su Xbox Series X e Series S.

In sostanza, la funzione introduce l'HDR (high dynamic range) in modo artificiale nei giochi in SDR (standard dynamic range), a condizione che abbiate un monitor compatibile. 

Come probabilmente saprete, l'HDR dona alle immagini colori più vivaci e brillanti, pertanto si tratta di un upgrade grafico per i giochi che avete già.

Come spiegato da Microsoft: "Auto HDR per PC agirà sui giochi solo in SDR con DirectX 11 o 12 e ne amplierà in modo intelligente la gamma cromatica e la luminosità in HDR. Si tratta di una funzione integrata nelle piattaforma che offrirà nuove esperienze di gioco accattivanti, sfruttando al massimo la funzionalità del vostro monitor HDR".

Attivare l'opzione è semplicissimo. Se siete tester di Windows 10 con build 21337, vi basta "Impostazioni di Windows HD Color" e troverete l'impostazioni sul pannello.

Lo screenshot qui sotto mostra Gears 5 con Auto HDR rispetto all'HDR nativo e sebbene quest'ultima sia l'opzione migliore, potete vedere l'estremo grado di approssimazione della nuova funzionalità.

Schema HDR di Gears 5

(Image credit: Microsoft / The Coalition)

Carico della GPU

Microsoft è impegnata ad aggiungere altri giochi che sfruttino la funzione Auto HDR agli oltre 1.000 titoli già supportati. L'azienda sottolinea che, sebbene la funzione richieda "un po' di potenza di calcolo della GPU per essere implementata, non si prevedono conseguenze significative sull'esperienza di gioco".

In ogni caso, la fase di test è ancora all'inizio e possiamo aspettarci qualche rallentamento o qualche bug su alcuni giochi.

La build 21337 offre gli utenti anche altre opzioni per l'esecuzione di desktop virtuali, fra cui la possibilità di applicare vari sfondi a ogni singolo desktop e di riordinarli nella vista attività.

Esplora file presenta inoltre una nuova "modalità compatta" che riduce lo spazio fra i vari elementi dell'interfaccia, mentre alcune app di base per Windows 10 sono state ritoccate, come il Blocco note che ora è aggiornabile tramite Microsoft Store, e non solo attraverso gli aggiornamenti del sistema operativo e ciò dovrebbe rendere possibili update più frequenti.

Come sempre, sono inclusi anche altri piccoli miglioramenti e fix, nonché problemi noti, che potrete consultare in dettaglio su questo post sul blog Microsoft che presenta la nuova build.